3
febbraio

Sanremo 2018, cantanti: Ermal Meta e Fabrizio Moro al Festival con un brano sul terrorismo

Ermal Meta, Fabrizio Moro

Si sono conosciuti lo scorso anno al Festival di Sanremo, dove stavolta torneranno assieme. Uniti in un duetto tutto da scoprire. Ermal Meta e Fabrizio Moro sono la ’strana coppia’ che in questa 67esima edizione della kermesse canora si esibirà nella categoria big con il brano Non mi avete fatto niente, ispirato all’attualità.

Chi è Ermal Meta

Ermal Meta nasce a Fier, in Albania, nel 1981. All’età di 13 anni si trasferisce con la madre, il fratello e la sorella a Bari, troncando ogni rapporto con il padre. Inizia la carriera musicale in Italia a metà degli anni 2000, come chitarrista della band degli Ameba 4, che partecipò al Festival di Sanremo 2006 nella sezione Giovani con il brano Rido… forse mi sbaglio. Nel 2007 fonda il gruppo La Fame di Camilla, con il quale realizza gli album La Fame di Camilla (2009), Buio e luce (2010) e L’attesa (2012). La band partecipa tra i giovani al Festival di Sanremo 2010 proprio con il brano Buio e luce.

Dopo lo scioglimento della band, Ermal Meta intraprende l’attività di autore firmando brani portati al successo da artisti noti quali Annalisa, Francesco Renga, Emma, Marco Mengoni, Chiara e Patty Pravo. L’artista parteciperà al Festival di Sanremo 2016 tra le “nuove proposte” con il brano Odio le favole; l’anno successivo tornerà a Sanremo tra i big con Vietato morire (che farà da lancio all’omonimo album), brano classificatosi terzo nella serata finale. Nel 2017 Ermal diventa giudice nella trasmissione Amici di Maria De Filippi.

Chi è Fabrizio Moro

Fabrizio Moro, nome d’arte di Fabrizio Mobrici, nasce a Roma il 9 aprile 1975. A 15 anni scrive la sua prima canzone. Il suo primo album, intitolato proprio Fabrizio Moro, viene pubblicato nel 2000, anno in cui l’artista partecipa per la prima volta al Festival di Sanremo nella sezione Giovani. Nel 2007, Moro partecipa nuovamente al Festival di Sanremo con il brano Pensa, dedicato alle vittime della mafia, riuscendo a vincere la competizione nella categoria Giovani ed aggiudicandosi anche il Premio Mia Martini della Critica. Nello stesso anno gli viene assegnato il Premio Lunezia.

Nel 2008 torna al Festival – stavolta tra i big - con la canzone Eppure mi hai cambiato la vita, classificandosi terzo. Nel 2009 al Festival di Sanremo si esibisce nella serata dei duetti, come ospite insieme a Fausto Leali. All’Ariston tornerà poi nel 2010 con il brano Non è una canzone, che verrà però eliminato dalla competizione alla quarta serata. Suo è il testo della canzone Sono solo parole, presentato da Noemi a Sanremo nel 2012. Nel 2015 e nel 2016 Fabrizio Moro partecipa come professore alla trasmissione televisiva Amici di Maria De Filippi. Nel febbraio 2017 ha partecipato al Festival di Sanremo con il brano Portami via, classificatosi settimo.

La canzone di Ermal Meta e Fabrizio Moro a Sanremo 2018

Ermal Meta e Fabrizio Moro parteciperanno in coppia al Festival di Sanremo 2018 con il brano Non mi avete fatto niente, una “canzone contro la paura che si è generata nel mondo” scritta in risposta ai predicatori di odio e in seguito agli attentati che negli ultimi anni hanno scosso il mondo. Sono tra i favoriti della vigilia per gli scommettitori.

[TUTTO SUI BIG DI SANREMO 2018]

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Festival di Sanremo 2018
Festival di Sanremo 2018: i 20 big in gara


Costantino della Gherardesca
Pagelle TV della Settimana (7-13/05/2018). Promossa Milly Carlucci. Bocciati Romina Power e il GF


Fabrizio Moro e Ermal Meta - ESC 2018
Eurovision Song Contest 2018: tutto sulla finale in diretta su Rai 1. Meta e Moro si esibiscono per ultimi


Meta e Moro, urina sul cartonato
Collaboratore di Diodato urina sul cartonato di Ermal Meta e Fabrizio Moro

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.