29
dicembre

2017: ci hanno lasciato Boncompagni, Villaggio, Limiti, Piombi e Biscardi

Personaggi morti nel 2017

Personaggi morti nel 2017

Il 2017 volge al termine e tra i tanti bilanci, che puntualmente vengono stilati in questi giorni, non può mancare quello legato ai personaggi che in questo anno sono venuti a mancare. Per quanto riguarda il mondo della televisione, l’anno in corso ha visto la perdita di numerosi protagonisti storici del piccolo schermo. Volti e nomi familiari che per anni hanno tenuto compagnia al pubblico, come Cino Tortorella, morto lo scorso 23 marzo a 89 anni. Lo storico ideatore de Lo Zecchino d’Oro, manifestazione dalla quale fu allontanato per divergenze con i frati dell’Antoniano di Bologna, non ha potuto assistere ai festeggiamenti per i 60 anni della sua “creatura”, celebrati questo autunno, ma è stato ricordato da Carlo Conti, direttore artistico della kermesse, nel corso dello speciale 60 Zecchini, e dalla conduttrice Francesca Fialdini nella prima puntata della 60^ edizione.

Se lo “Zecchino d’oro” rimarrà per sempre legato a Tortorella, il Premio Regia Televisiva porterà con se il nome del suo ideatore Daniele Piombi. Il conduttore, volto storico della Rai per oltre trent’anni, dopo essere stato a lungo messo ai margini della tv pubblica, aveva dovuto rinunciare anche al suo Oscar Tv, dato il rifiuto da parte della Rai nel 2016 di realizzare l’appuntamento televisivo che sin dagli anni’ 60 premiava i migliori programmi e i personaggi più amati del piccolo schermo. Ci ha lasciati a 83 anni lo scorso 18 maggio.

Destino simile quello di Paolo Limiti, paroliere, autore e conduttore tv, venuto a mancare a 77 anni il 27 giugno. L’ideatore di programmi di successo come Ci Vediamo in Tv e Dove sono i Pirenei? non aveva negli ultimi anni trovato spazio in tv se non in maniera saltuaria. Un comportamento inspiegabile da parte della Rai, così come inspiegabile è stata la grande assenza di volti e dirigenti della tv di Stato ai suoi funerali. Proprio nel giorno delle esequie, celebrate a Milano nella chiesa di Santa Maria Goretti, infatti, venivano presentati sempre nel capoluogo lombardo i palinsesti della nuova stagione. Nessuno dei tanti vip presenti, fatta eccezione per Fabrizio Frizzi, ha però voluto lasciare il buffet post presentazione per salutare il collega.

Altro grande protagonista della tv ad averci lasciato in questo anno è stato Gianni Boncompagni, autore e regista dissacrante che, con programmi come Discoring, Pronto Raffaella, Non è la Rai e Macao, ha rivoluzionato il modo di fare televisione e lanciato decine di personaggi. Boncompagni è morto all’età di 84 anni il 16 aprile. Nell’anno in cui la tanto evocata moviola in campo (la Var – Video Assistant Referee) è finalmente approdata sui campi di calcio, ci ha lasciato anche Aldo Biscardi. Il giornalista, ideatore e conduttore storico de Il Processo del Lunedì prima e de Il Processo di Biscardi poi, è morto a 86 anni lo scorso 8 ottobre.

Tra i personaggi venuti a mancare nel 2017 figurano inoltre giornalisti di lungo corso come Oliviero Beha, Sandro Provvisionato ed Everardo Dalla Noce. Nell’anno in corso abbiamo salutato gli attori Paolo Villaggio, colonna del cinema comico italiano per anni prestato con successo alla tv, Gastone Moschin, Ray Lovelock e il comico Niki Giustini. Addio anche al maestro Bruno Canfora, direttore d’orchestra di celebri varietà come Studio Uno e Canzonissima, e compositore e arrangiatore di sigle di successo come Da-da-un-pa e La notte è piccola, alla “signorina buonasera” Anna Maria Gambineri, e all’”anima” del Gabibbo, ovvero il mimo Gero Caldarelli.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Pippo Caruso e Pippo Baudo
E’ morto Pippo Caruso. Addio al direttore d’orchestra, autore di Isotta, Johnny bassotto, e Perchè Sanremo è Sanremo


Paolo Ferrari
E’ morto Paolo Ferrari


Marco Garofalo
E’ morto Marco Garofalo


Fabrizio Frizzi
Fabrizio Frizzi, «verso l’infinito e oltre». Il ricordo dei colleghi

1 Commento dei lettori »

1. pierlu ha scritto:

29 dicembre 2017 alle 16:01

E Leone di Lernia? Non potete dimenticarlo!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.