1
dicembre

L’Aria che tira, Mauro Corona vs Alessandra Mussolini. Lei lascia lo studio: «Sono stanca, ho già subito un attacco grave in Rai»

L'Aria che Tira, Myrta Merlino e Alessandra Mussolini

Colpo di scena a L’aria che tira: Alessandra Mussolini, stremata, ha abbandonato il ring. Stamane, durante il dibattito in diretta su La7, la deputata di Forza Italia ha mollato il colpo dopo un acceso battibecco sui migranti con lo scrittore Mauro Corona. L’esponente azzurra, dichiarandosi piuttosto stanca, ha lasciato lo studio televisivo tra lo stupore della conduttrice Myrta Merlino, amareggiata per l’accaduto. Un epilogo inatteso e diverso dal solito, per una volta senza urla.

Nel corso di una discussione sui migranti senzatetto, Corona aveva zittito bruscamente la deputata forzista (“Non mi deve dire niente lei. Io parlo con la conduttrice“), la quale si è risentita.

Avete capito in che mondo stiamo vivendo? Avete capito che se uno non parla con 100 sfumature di rosso non può più parlare?

ha replicato dapprima Alessandra Mussolini, per poi reagire in maniera inaspettata:

Io francamente sono molto stanca. Me ne vado perché non ce la faccio più. Io qui (a L’Aria che Tira, ndDM) sono contenta, però ieri ho avuto un attacco grave in una Rai pubblica dove si paga il canone – sette contro uno – e adesso stavo qui tranquilla ma lui mi dice di non parlare. Ritornerò“.

L’esponente di Forza Italia ha così abbandonato lo studio, gettando il microfono sulla scrivania della conduttrice. Il suo riferimento all’episodio accaduto in Rai era al dibattito sugli skinhead di Como avvenuto il giorno precedente ad Agorà, dove la deputata aveva assunto posizioni minoritarie rispetto a tutti gli altri ospiti.

Su La7, la conduttrice Myrta Merlino ha poi chiesto a Mauro Corona di scusarsi con la parlamentare forzista. E lo scrittore ha replicato così:

Ho reagito così perché ieri, in una trasmissione Rai, la signora Mussolini – verso la quale non ho nulla e anzi le chiedo scusa – non ha lasciato parlare un secondo gli altri interlocutori. Non volevo accadesse lo stesso“.



Articoli che potrebbero interessarti


Myrta Merlino, auto danneggiata
Myrta Merlino: «Siamo stati minacciati ad Ostia». Danneggiata l’auto della troupe de L’Aria Che Tira


Antonio Di Pietro, L'aria che tira.
L’Aria che tira: malore per Di Pietro, furibondo per le affermazioni di Fusaro («Mani Pulite un colpo di Stato») – Video


Myrta Merlino, L'Aria che tira
L’Aria che tira, Myrta Merlino si ferma: «Ho un problema familiare». David Parenzo la sostituisce


Myrta Merlino
L’ARIA CHE TIRA, SPECIALE MADRI: MYRTA MERLINO TORNA IN PRIME TIME SU LA7. BERLUSCONI E VENDOLA OSPITI

2 Commenti dei lettori »

1. vicky ha scritto:

1 dicembre 2017 alle 19:59

Con in un’Italia allo sbando i “rossi” si sentono sempre superiori. Dove ci sono loro ci sono danni ma la loro presunzione è tale che le pulci si sentono aquile



2. RoXy ha scritto:

1 dicembre 2017 alle 20:31

Un applauso alla Mussolini e alla classe con cui ha letteralmente asfaltato ieri mattina nella trasmissione Agorà tutti gli altri ospiti intervenuti in studio (lei ovviamente relegata in collegamento, con il microfono aperto a discrezione di conduttrice e regia) appartenenti alla sinistra, inclusa la sfacciata Miss Piggy.
E’ consuetudine ad Agorà mettere in collegamento il malcapitato politico di area centrodestra, ed abbassargli o chiudergli del tutto il microfono quando fa comodo al salotto in studio, sempre composto al 100% da esponenti della sinistra che se la cantano e se la suonano utilizzando il malcapitato politico del centrodestra per scaricargli ogni reponsabilità su ogni male del mondo. Praticamente ogni puntata di questa orrida e faziosa trsmissione Tv si svogle secondo questo collaudato schema tutte le mattine.
Mi domando solo perché gli esponenti del centrodestra continuino a frequentarla.

Credo che TG1 o meglio PD1 ed Agorà siano le cose più schifosamente faziose in Rai in questo periodo.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.