30
settembre

Propaganda Live: Zoro «retwitta» Gazebo su La7. Contenuti militanti e senza sorprese

Propaganda Live

Copia e incolla. Anzi, Retweet. Al suo debutto su La7, Zoro ha peccato di presunzione: si è convinto cioè che il format da lui inventato e proposto su Rai3 non necessitasse di particolari aggiustamenti in vista del trasloco in casa Cairo. Nessuna novità, nessuna sorpresa. Così, Propaganda Live – il suo nuovo programma – si è presentato ieri al pubblico della rete terzopolista come una mera riproposizione di Gazebo in versione estesa. Come un prevedibile Retweet televisivo, per usare il gergo social gradito allo stesso Diego Bianchi.

Su La7, Zoro ha riportato pari pari la formula utilizzata in Rai: le classifiche dei tweet, gli ’spiegoni’ di Marco Damilano, le vignette di Makkox, gli intermezzi musicali della band ed i filmati commentati in studio. Stavolta, però, il videomaker romano ci ha aggiunto un po’ di Propaganda (coerentemente al titolo, del resto). Nella prima puntata, infatti, si è potuta percepire una certa sensibilità ideologica «de sinistra», applicata soprattutto alla scelta dei contenuti video e alla chiave interpretativa ad essi attribuita.

Per parlare di migranti – uno tra i principali temi del primo appuntamento – è apparso pure Roberto Saviano. Con la sicumera di chi pretende di spiegarti come stanno davvero le cose, lo scrittore campano ha detto la sua in messaggio registrato (il solito monologo soporifero). Nel corso della serata, Zoro ha trasmesso anche due pregevoli contributi video: un servizio da lui stesso realizzato sulla nave di una Ong ed un reportage di Francesca Mannocchi sulle condizioni in un centro di detenzione libico.

Anche in questo caso, però, sebbene si trattasse di contenuti validi, Propaganda Live è arrivata buon’ultima. Niente di nuovo sotto il sole: nella loro drammaticità, immagini simili erano già state proposte da altri programmi come Piazzapulita (per rimanere a La7), Le Iene, il Tg1 o SkyTg24, che proprio nei giorni scorsi ha trasmesso un servizio dalla Libia firmato dalla stessa Mannocchi. Per non parlare dei video dalla convention forzista di Fiuggi, già mostrati (magari con una qualità audio migliore) anche altrove.

Unica novità della nuova trasmissione è stata la sit-com “Scuola Bianchi”, tutta giocata su alcuni stereotipi e interpretata da Zoro assieme al direttore di La7 Andrea Salerno. Un innesto curioso sì, ma tutto sommato non così dirompente né politicamente scorretto (anzi, forse il contrario). Ulteriore nota dolente, l’eccessiva durata del programma, che si è protratto oltre la mezzanotte e mezza!

Essendo Propaganda Live uno spazio tarato sull’attualità, non sappiamo se Zoro – il cui estro è certamente decisivo – troverà linguaggi ed intuizioni più valide nel prosieguo della stagione. Né lo escludiamo. Certo è che non bastano una riproposizione di Gazebo ed i complimenti via Twitter di Jovanotti a rendere soddisfacente un debutto senza sorprese.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Propaganda Live, Zoro
Propaganda Live: Zoro debutta su La7 tra migranti e Ong. Saviano ospite della prima puntata


Propaganda Live
Propaganda Live, Gasparri contro Zoro e Makkox: «Falliti, provocatori senza ascolti»


zoro
Zoro a La7: «Probabilmente andrò in prime time. La striscia quotidiana in Rai mi andava stretta»


Diego Bianchi - Zoro
Diego Bianchi (Zoro) passa a La7

6 Commenti dei lettori »

1. a ha scritto:

30 settembre 2017 alle 16:16

visti gli ascolti dispiace constatare che continui a piacere solo a quelli (tipo me) a cui già piaceva, ma a differenza di rai3, penso che la7 possa permettersi di avere solo una nicchia



2. Rox ha scritto:

30 settembre 2017 alle 17:07

Han fatto piangere il fazioso Leardi, che da buon mediasettaro e megafono di Forza Italia voleva quel turbinio di novità che caratterizza soprattutto le reti del biscione. See, vabbè.



3. Giuseppe ha scritto:

30 settembre 2017 alle 22:21

Scelta comprensibile: la continuità serve, inizialmente, per traghettare gli aficionados da una rete all’altra.



4. Luca ha scritto:

1 ottobre 2017 alle 15:33

Articolo pieno di livore e sinceramente da questo sito non me lo sarei aspettato. Il programma è ovviamente uguale a gazebo perché la7 voleva avere quel tipo di programma, perché avrebbe dovuto cambiarlo? Saviano è stato molto breve e conciso, non certo un monologo soporifero. Il programma in generale ben fatto. Quindi le critiche dell’autore mi sembrano legate solo a un gusto personale e prive di oggettività!



5. Bruno ha scritto:

4 novembre 2017 alle 08:36

L’autore di questo articolo o non ha visto la puntata o ha scritto l’articolo prima di vederla. Concordo con Luca



6. Bruno ha scritto:

4 novembre 2017 alle 08:36

L’autore di questo articolo o non ha visto la puntata o ha scritto l’articolo prima di vederla. Concordo con Luca



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.