15
settembre

X Factor 2017: è subito Mara Maionchi show. Ecco i concorrenti ammessi

Mara Maionchi

Mara Maionchi

E’ ripartito X Factor con la prima delle tre puntate di Audizioni in programma ed è subito effetto Mara Maionchi. L’ex produttrice discografica, tornata in giuria a distanza di sette anni dall’ultima volta, è la ventata d’aria nuova che ci voleva nel talent di SkyUno. Irriverente, ’sfacciata’, sa il fatto suo e, questa sì che non è una novità, non le manda a dire, non solo ai concorrenti, cavalcando anche con grande intelligenza il personaggio che ormai tutti conoscono.

L’X Factor targato Sky ha ‘osato’ cambiare nel momento più opportuno. Il fascino della star straniera aveva esaurito la sua forza e, in un meccanismo già di per sé monotono (soprattutto nella fase di selezioni), una sorta di ritorno alle origini ci voleva. Così, finita l’era dei Mika, Skin e Alvaro Soler, ecco che la presenza di Mara Maionchi diventa fondamentale e lo sarà soprattutto nel live show, dove da almeno tre edizioni la noia prendeva troppo spesso il sopravvento, sia sullo spettacolo che sul talento.

E con la Mara Nazionale è tornata anche la ‘battaglia’ a favore della musica italiana, che non si sentiva dai tempi di Simona Ventura. Questa cosa dell’inglese inizia a rompermi i coglioni, ha tuonato la giurata contro un gruppo di napoletani, i The Noiserz, rei di aver scelto un nome non italiano: “Siamo in Italia. Noi dobbiamo prima sopravvivere qui e poi tentare di fare qualcosa all’estero. Gli inglesi ci massacrano, la globalizzazione ci ha mandato a casa con la musica. Dobbiamo combattere“, ha chiosato. Poi, preso atto del loro indiscusso talento, la giurata ha fatto sì un passo indietro ma a modo suo: “Siete bravi, che palle!”. Ecco, questo mancava al programma, che negli ultimi anni si era talmente preso troppo sul serio dall’essersi ‘imborghesito’.

Più sognatrice, con gli occhi a ‘cuoricino’, Levante. Emozionata, la 30enne cantautrice di Caltagirone ha subìto il vulcano Maionchi, lasciandosi offuscare nonostante fosse lei la novità assoluta di X Factor 2017. Si è mostrata comunque competente, sicura di sé e a suo agio, un segnale da non sottovalutare in vista del live show.

Su Manuel Agnelli e Fedez nulla di nuovo. Il leader degli Afterhours è tornato con la consapevolezza di essere un po’ il Morgan della situazione, talmente fuori contesto da preferirlo a tanti altri. Il rapper, invece, ha in qualche modo confermato che il suo vocabolario non avvia aggiornamenti dal 2015. “E’ Clark Kent che diventa Superman”, oppure “I tuoi vocalizzi sembravano uno spot per il colluttorio”, sono due delle sue prime ‘perle’. C’è tempo per migliorare.

X Factor 2017: i concorrenti promossi nella prima puntata di Audizioni

Ecco chi sono i concorrenti che hanno ottenuto almeno tre Sì dalla giuria nella prima puntata di Audizioni, staccando il pass per il Bootcamp:

Einar Ortiz – Under Uomo – 4 Sì

Maneskin – Gruppo – 4 Sì

Camille Cabaltera – Under Donna – 4 Sì

The Noiserz – Gruppo – 4 Sì

Noemi Cannizzaro – Over – 3 Sì (No di Fedez)

Andrea Uboldi – Under Uomo – 4 Sì

The Heron Temple – Gruppo – 4 Sì

Samuel Storm – Under Uomo – 4 Sì

Alessandra Vedovato – Under Donna – 4 Sì

Sophia Rita Eugenia Bellanza – Under Donna – 4 Sì



Articoli che potrebbero interessarti


Giudici X Factor 2017
X Factor 11: le prime dichiarazioni dei giudici


Giudici XF11
BOOM! Ecco i giudici di X Factor 11 in anteprima


Francesco Bertoli - X Factor 2017
X Factor 2017: l’ex leader dei Jarvis torna da solista sul «luogo del delitto» – Video


Gabriele Esposito - X Factor 2017
X Factor 2017: la rivincita di Gabriele Esposito nella seconda puntata di Audizioni – Video

2 Commenti dei lettori »

1. Patrizia ha scritto:

15 settembre 2017 alle 10:50

Se X-Factor Italia si trasforma in X-Factor Nigeria & Co. con me hanno chiuso. Ho seguito il programma dalla prima puntata della prima edizione sulla Rai. Ma se credono di rompere le palle con il “politically correct” e di mandare a casa gli italiani a discapito degli immigrati -
molti dei quali nemmeno dovrebbero starci in Italia – hanno sbagliato di grosso. Per quanto mi riguarda, seguirò le fasi preliminare, ma se il programma prende una certa strada, lo saluterò.



2. Nina ha scritto:

15 settembre 2017 alle 11:27

Ciao Patrizia, ottima riflessione. Forse era per questo che veniva pubblicizzata come “l’edizione più internazionale”? Mah, speriamo di no.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.