5
luglio

Vigilanza Rai, Fico: «Superare i conflitti di interesse degli agenti delle star»

Roberto Fico

Occorre arginare lo strapotere degli agenti delle star a Viale Mazzini. Ne è convinta la Commissione di Vigilanza Rai, che è al lavoro su un atto di indirizzo che spinga il servizio pubblico a regolamentarsi contro gli eventuali conflitti di interesse dei manager delle star. A comunicare l’impegno della bicamerale in tal senso è stato il presidente Roberto Fico, il quale ha denunciato la necessità di disciplinare “un fenomeno che va avanti da tempo”

La Commissione di Vigilanza è al lavoro su un atto di indirizzo affinché la Rai adotti un regolamento per superare i conflitti di interesse degli agenti delle star. Si tratta di una importantissima questione che riguarda la gestione e la trasparenza dell’azienda radiotelevisiva pubblica. La Commissione affronta il tema da anni ed era già intervenuta, come ricorderete, con il parere sul contratto di servizio, contratto mai firmato da Rai e Ministero dello Sviluppo Economico. Andiamo dunque avanti con lo strumento dell’atto di indirizzo perché si regoli finalmente un fenomeno che va avanti da tempo e si evitino i conflitti di interesse in capo agli agenti dello spettacolo, in modo che si possa innovare maggiormente sul piano dei palinsesti e si pongano le condizioni per l’emersione di nuovi talenti. Il servizio pubblico ha una grande responsabilità su questo punto“.

Con queste parole, comunicate tramite il suo profilo Facebook, il presidente della Vigilanza ha ribadito l’intenzione di spingere l’azienda di Viale Mazzini a mettere dei paletti allo ’spadroneggiare’ dei più influenti manager delle star. Un proponimento, questo, che appare condivisibile. E forse non è un caso che la nota dell’onorevole pentastellato sia arrivata nei giorni in cui il servizio pubblico ha presentato i propri palinsesti per la prossima stagione autunnale, non senza le polemiche per il rinnovo di contratto milionario a Fabio Fazio (criticato dallo stesso Fico, che lo ha definito “comunista col portafoglio a destra“).

Da una parte, nessuno intende negare agli agenti dello spettacolo di fare il loro lavoro, dall’altra non è però accettabile che sempre più spesso i palinsesti vengano “decisi” non dai direttori di rete ma dalle mosse di manager che gestiscono i loro assistiti con veri e propri pacchetti ‘prendere o lasciare’.

La speranza che possa cambiare qualcosa si unisce ad un altro auspicio da tempo formulato in Rai e mai concretizzato: quello di dare più spazio alle case di produzione indipendenti. Noi avremmo qualcosa da dire. E da dare.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Fabio Fazio
Vigilanza Rai: documento contro il conflitto d’interessi di agenti delle star e artisti-produttori. Fazio avvisato


Roberto-Fico
VIGILANZA RAI, ROBERTO FICO: TETTO AGLI STIPENDI ANCHE PER LE STAR


Robero Fico
DM LIVE24: 24 GIUGNO 2014. ROBERTO FICO CHIUDEREBBE PORTA A PORTA E COMMISSIONE DI VIGILANZA RAI


Le due leggi
LE DUE LEGGI SU RAI 1 IL 25 E 26 MARZO. MA IL RITARDO DELLA MESSA IN ONDA VALE UN’INTERROGAZIONE PARLAMENTARE

2 Commenti dei lettori »

1. Nina ha scritto:

5 luglio 2017 alle 18:52

Sono d’accordo con Fico, anche visto il contratto che Fazio-Caschetto hanno firmato con la Rai, che non comprende solo il maxi compenso. Ma vengono prodotti da Fazio, quindi la Rai pagherà a Fazio anche questo e i diritti per l’uso del format.



2. controcorrente ha scritto:

5 luglio 2017 alle 19:08

onore a persone come Fico o Campo Dall’Orto.. che provano a fare qualcosa.. finche’ non li eliminano.. purtroppo noi italiani non abbiamo capito che per 2 persone che fan rumore cercando di ripristinare giustizia e legalita’.. ce ne son 10.000 che si svegliano ogni giorno e avendo interessi opposti lavorano siulenziosamente per demolirli o farli fuori…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.