30
maggio

Paola Perego colpita e affondata. La Rai stoppa la sua ospitata a Made in Sud

Paola Perego

Paola Perego

La Rai dice ancora no a Paola Perego. Dopo la cacciata dal sabato pomeriggio di Rai 1 insieme al suo programma Parliamone Sabato, alla conduttrice monzese, stando a quanto confermato da Lucio Presta su Twitter, viene vietata la partecipazione a Made in Sud.

Gigi D’Alessio, padrone di casa dello show comico di Rai 2 insieme a Elisabetta Gregoraci e Fatima Trotta, aveva invitato la Perego alla prossima puntata, in onda questa sera. I vertici della rete, però, hanno stoppato la sua ospitata. Per la conduttrice continua così l’allontanamento dagli schermi della Rai, iniziato a marzo scorso con la chiusura repentina della sua trasmissione pomeridiana Parliamone Sabato, dopo la bufera scatenata dal dibattito sui motivi per scegliere una donna dell’Est.

A nulla, dunque, è servito il richiamo di questi giorni alla Rai da parte del Codacons? L’associazione ha ‘minacciato’ di denunciare la tv di Stato per discriminazione sul luogo di lavoro qualora non fossero arrivati provvedimenti seri e immediati nei confronti di Flavio Insinna, dopo il fattaccio dei fuori onda mostrati da Striscia la Notizia, accusando Rai 1 per aver usato due pesi e due misure nelle diverse vicende che hanno visto coinvolti i due conduttori.

Se è vero che Paola Perego non prenderà parte a Made in Sud, è altrettanto vero che questa sera Flavio Insinna sarà ospite di Bianca Berlinguer a #CartaBianca su Rai 3. I due pesi e le due misure, dunque, continuerebbero. Usiamo il condizionale perché, qualora in ballo tra la conduttrice e la Rai ci fossero questioni legali, sarebbe vietata ogni partecipazione nei programmi dell’azienda stessa.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Paola Perego
Paola Perego: al via i casting per Superbrain


Claudio Lippi
Claudio Lippi critica Bonolis e la Perego. Lucio Presta: «Coglione ingrato»


Paola Perego
Pace fatta tra Paola Perego e Rai 1: «Torno in video nel 2018 ma sono terrorizzata»


Paola Perego, Lucio Presta
Paola Perego, Arcobaleno Tre cita in giudizio Rai1 per Parliamone Sabato. «Danni d’immagine, economici e biologici»

3 Commenti dei lettori »

1. sboy ha scritto:

30 maggio 2017 alle 18:58

Vabbè a questo punto penso che la Perego sia proprio fuori dalla Rai, che sta aspettando la fine del contratto (che tra l’altro scade fra pochi giorni) per mandarla ufficialmente via (e non c’è nessun Presta che tenga). Io penso che lei in Rai non sia mai stata benvoluta. E’ sempre stata vista come un “estranea”, la moglie dell’agente, un volto troppo commerciale che per molti anni è stata identificata con Canale 5 e il genere reality. Il problema ora sarà dove ricollocarla, perchè un posticino per lei lo si deve per forza trovare. Io due idee c’è le avrei. Affidarle quel “sabato 5″ mai partito con Gaia Padovan e il ritorno al genere a lei più congeniale, quello dei reality. Se proprio non è possibile La Talpa, visti i rapporti ormai incrinati tra Mediaset e Triangle, le darei il GF Nip (rivoluzionato totalmente)



2. Billy B ha scritto:

30 maggio 2017 alle 19:23

Ma no…, è troppo presto per poter parlare di un ritorno in tv di Paola Perego…



3. Antonio ha scritto:

1 giugno 2017 alle 19:58

Ma che c’entrava Paola Perego come ospite di un programma “comico” (ormai il programma non piace più agli Italiani e non è tutta colpa di D’Alessio).
Insinna, invece, è tornato a parlare a Cartabianca in quanto conduceva un programma che faceva vincere dei soldi pubblici per cui doveva chiarire che tutto il gioco è stato regolare, e che è lui ad avere questo carattere “particolarmente irrascibile”.
Insomma, la Perego a Made in Sud a che serviva? Forse per parlare male della RAI come ha fatto Gigi D’Alessio quando è arrivato ultimo al Festival di Sanremo?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.