26
maggio

Fuori onda di Striscia: arriva la replica di Insinna. «Chiedo scusa a tutti. Contro di me pornografia tv con vendetta»

Flavio Insinna

Flavio Insinna rompe il silenzio. Dopo l’attacco sferratogli a più riprese da Striscia La Notizia con la pubblicazione di alcuni imbarazzanti fuori onda, il conduttore di Affari Tuoi ha finalmente deciso di replicare. E lo ha fatto con un lungo post pubblicato su Facebook: uno scritto dai toni franchi e ben soppesati, in cui l’attore ammette i propri errori, ma allo stesso tempo non esita a definire il caos di questi giorni come “pornografia televisiva con filmatini e vendetta incorporata“. Il riferimento al tg satirico di Antonio Ricci è implicito ma chiarissimo.

Le parole del conduttore non lasciano nulla al caso. Eccole:

“Mi spiace e chiedo scusa a tutti, senza se e senza inutili ma. Proprio a tutti, dalla prima all’ultima, dal primo all’ultimo. Le mie scuse sono rivolte anche a chi ha fornito immagini dal Teatro delle Vittorie e registrazioni audio prese dalle scale, fra i camerini e le nostre stanze. Sì, voglio davvero scusarmi anche con chi ha tradito la mia fiducia perché, purtroppo senza volerlo, li ho costretti a dare il peggio di loro stessi. Quasi quanto me. Mi spiace davvero. Sono sempre io, nel bene e nel male. Sul lavoro sono pignolo, ossessivo, incessante. E so distruggere in un istante tutto il bello che ho costruito fino a un attimo prima. Sono bravissimo a passare subito dalla parte del torto. Uno nessuno centomila. Grido, litigo, urlo, dico cose che non penso perché vorrei che tutto fosse sempre perfetto. Poi faccio battute in dialetto mischiate ai titoli dei film che amo. Odio i toni beceri ma poi sono un fenomeno a usarli. È successo tante volte (mi sono sempre scusato), potrebbe accadere ancora. Ma ci metto sempre la faccia. Sempre in prima fila. In primissima se c’è da prendere i fischi. Gli applausi e i premi (chi mi conosce lo sa) amo condividerli con i compagni di viaggio. Ho sempre difeso un programma che amo, ingiustamente infangato da anni, sempre e comunque. Sì, sono questo e sono quello. Se adesso vi aspettate una lista di mie buone azioni, mi spiace, resterete delusi. Se avrete voglia o curiosità, le troverete da voi“.

Inizia così lo sfogo che Flavio Insinna ha fatto seguire alla divulgazione dei fuori onda che lo coglievano durante alcune sfuriate con i suoi collaboratori. Il conduttore si infervorava con loro in merito alla riuscita del suo programma (“sul lavoro sono pignolo, ossessivo“, si giustifica lui ora) e il fatto che delle conversazioni lavorative siano state spiattellate a distanza di anni è certamente stata una vigliaccata. Un colpo scorretto che ha discreditato sia chi l’ha compiuto, sia chi lo ha ricevuto.

Insinna infatti, da parte sua, non ne è comunque uscito bene, e le sue scuse fanno credere che ne abbia avuto la consapevolezza. Nella seconda parte del suo messaggio, egli inasprisce i toni: non cita mai direttamente il tg satirico di Antonio Ricci ma i riferimenti ad esso sono piuttosto evidenti. E severi.

Un’altra cosa che mi fa infinitamente tristezza, quanto le mie scenate, è che tutta questa pornografia televisiva con filmatini e vendetta incorporata sia fatta per cercare qualche straccio di punto di ascolto in più. Adesso però siamo saliti, anzi scesi di livello. Gli insulti, l’odio, i filmati rubati dal buco della serratura sono soltanto contro di me. Odio allo stato puro. Chi crede di distruggermi, mi ha in realtà fatto un grande regalo: la libertà. La libertà di essere ai vostri e ai miei occhi semplicemente una persona.

Ah, una cosa che non potete sapere, i miei amici sì, è che un minuto dopo la sfuriata sono il primo ad essere mortificato, il primo a tornare indietro per chiedere scusa :”Daje! Domani faremo tutti meglio. Io per primo. Grazie a tutti. Buonanotte“.

Conoscendo la pervicacia dei contendenti, la polemica sembra destinata a non concludersi così: prepariamoci di conseguenza. Intanto, per questa sera Striscia la Notizia ha già annunciato nuove rivelazioni. Ormai la vicenda – che nelle sue prime battute aveva destato ampia attenzione – sta scivolando nel grottesco.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Nino Frassica replica a Striscia la Notizia
Striscia la Notizia: «Dopo Fiction seguito solo dai parenti di Insinna». Nino Frassica replica: «I parenti sono quasi il doppio dei telespettatori di Canale 5»


Insinna
Ricci vs Insinna, lotta continua: «Striscia ha sempre avuto dei competitor, da Biagi a Ventura, da Clerici a Frizzi… ma erano brave persone»


Flavio Insinna, Carta Bianca
Flavio Insinna torna ospite a Carta Bianca dopo la polemica con Striscia


Ezio Greggio
Ezio Greggio replica a Flavio Insinna: «Mai evaso le imposte, frasi diffamatorie». E Striscia rincara la dose

18 Commenti dei lettori »

1. Travis ha scritto:

26 maggio 2017 alle 09:20

Ma mi sono perso il momento in cui il perfezionismo e l’attaccamento al lavoro si è trasformato nel marcare di rispetto a tutti?
Insinna fa bene a scusarsi, anche ad attaccare Ricci, ma non può girare la frittata dicendo che ci tiene al suo lavoro e si comporta così. Orribile. E comunque ieri il servizio di Ricci ha trasformato Insinna in un mostro con quelle immagini e con FEMMINICIDIO sovraimpressione, ho quasi fatto fatica ad addormentarmi ieri ahahaha



2. pappy ha scritto:

26 maggio 2017 alle 09:37

Comunque sia non una gran bella persona. Molto, troppo diversa da quella ‘pubblica’. Peccato.



3. Giuseppe ha scritto:

26 maggio 2017 alle 10:42

Ricci ieri ha toccato il fondo, Insinna ha sbagliato, ma se lui ha umiliato in privato la signora della Val d’Aosta, Striscia l’ha umiliata pubblicamente mostrando cose che comunque erano private e lo sarebbero rimaste, tutto questo per vendicarsi di una persona(che ha sbagliato) distruggendola sotto l’aspetto lavorativo e umano accanendosi in modo eccessivo, stanno infierendo su un morto.



4. Vince! ha scritto:

26 maggio 2017 alle 10:56

Questa vicenda almeno un lato positivo ce l’ha: a differenza di altre campagne mediatiche lanciate da Ricci in passato, questa volta la gente si è tenuta alla larga da Striscia…



5. luca_parma ha scritto:

26 maggio 2017 alle 11:19

Una considerazione molto ma molto semplice.
Insinna ha sbagliato in qualità di personaggio pubblico, chiede scusa, e se ci sarà qualche conseguenza la subirà. D’accordo.
Vorrei però sapere quanti di noi, a porte chiuse, nei corridoi o appena possibile, non si mettono a parlare male di colleghi, parenti od amici. Chi è senza peccato scagli la prima pietra.

Credo che comunque il fatto di aver mostrato l’accaduto abbia totalmente “sputt@n@to” la signora valdostana e la colpa, in questo caso non è imputabile ad Insinna ma a chi ha deciso di rendere pubblico il tutto. O no??



6. ellis ha scritto:

26 maggio 2017 alle 11:38

Io penso che ogni tanto striscia smaschera casi che fanno rabbrividire (mi chiedo sempre come mai loro ci arrivano e chi indaga x mestiere no) ma questa volta e senza voler difendere Insinna, hanno mostrato cose che personalmente non sentivo la necessita’ di sapere.

E’ evidente che e’ stato fatto x danneggiare e che tutto questo avra’ conseguenze…se la potevano risparmiare!

Sono sfoghi privati che si fanno in tutti i posti di lavoro, scuola, ecc…a meno che non si lavori da soli.
Loro hanno spiato dal buco e questo e’ superare il limite dei cazzi propri.



7. Nina ha scritto:

26 maggio 2017 alle 11:56

Non capisco l’indulgenza nei confronti di Insinna, altre volte Ricci ha esagerato ma nessuno se la prendeva più di tanto.



8. Oscar ha scritto:

26 maggio 2017 alle 12:20

Ma a ‘Striscia’, per par condicio, perché non mandano i fuori onda e le sfuriate di Maria Carmela? Il modo in cui tratta pubblico e ospiti nip? Dopo quello alla botte, un colpo al cerchio non sarebbe per nulla male, considerando anche la crociata già partita da ‘Chi’.



9. Nina ha scritto:

26 maggio 2017 alle 12:28

Giusto tiriamo in ballo anche la D’Urso. Anzi peccato che non l’hanno tirata fuori per prima, così avremmo visto quando vi dispiaceva per lei.



10. Giuseppe ha scritto:

26 maggio 2017 alle 13:17

Insinna è stato sputtanato non per dovere di cronaca ma per vendetta, questa è la cosa schifosa e senza precedenti, forse solo con Bonolis si accanirono quasi in questo modo.



11. Nina ha scritto:

26 maggio 2017 alle 13:32

Giuseppe: ma questi son problemi personali di Ricci, del quale conosciamo la parzialità da anni. Ora state facendo un martire di Insinna. No, non va bene.



12. Giuseppe ha scritto:

26 maggio 2017 alle 13:50

Ma Ricci stavolta è andato decisamente oltre i confini del buon gusto molto più di Insinna, sta esagerando infierendo su uno che ormai è finito, è morto.



13. Nina ha scritto:

26 maggio 2017 alle 14:05

Giuseppe, ripeto lo ha SEMPRE fatto. Per me ha sempre esagerato, anche con quel direttore di rete che usò le mani (ingiustificabile). Neanche a me piace questa lunghezza delle polemiche, c’è un limite a tutto. Mi sorprende che tanti si siano svegliati solo ora. Forse perchè Insinna è un volto importante di Rai 1?



14. Giuseppe ha scritto:

26 maggio 2017 alle 15:27

In questo caso quello che per me è brutto è la vendetta quando invece Striscia si vanta di fare giustizia.



15. Giuseppe ha scritto:

26 maggio 2017 alle 15:33

Forse ci si sta svegliando adesso perchè Striscia ha perso l’aura di santità, per fortuna.



16. vicky ha scritto:

26 maggio 2017 alle 15:55

Ma vatti a mettere a pelle d’orso con la concorrente!!!!!!!!!!!!



17. RoXy ha scritto:

26 maggio 2017 alle 17:42

Insinna ha sbagliato a chiedere scusa. Sono le bestie di C5 che devono scusarsi con lui.



18. Luca ha scritto:

26 maggio 2017 alle 20:13

Primo risultato : Intanto ce lo leviamo dalle pelotas per un paio di annetti
Secondo risultato :Eliminata quella pubblicità fastidiosa come una zanzara dell’acqua minerale che non voglio nemmeno nominare tanto la detesto



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.