24
marzo

Parliamone Sabato, Campo Dall’Orto smentisce Paola Perego: “Il direttore di Rai 1 non sapeva”

Antonio Campo Dall'Orto

Antonio Campo Dall'Orto

Non accenna a spegnersi la polemica intorno alla chiusura repentina di Parliamone Sabato, soprattutto dopo le dure dichiarazioni rilasciate da Paola Perego a Le Iene: la conduttrice ha accusato la Rai (nello specifico, il Capostruttura del programma e il Direttore di rete) di aver prima approvato l’argomento “donne dell’est” e di essersi poi dissociata. Il direttore generale della Rai Antonio Campo Dall’Orto, però, non ci sta e rigetta ora quelle accuse, assolvendo Andrea Fabiano.

Parliamone Sabato: Campo Dall’Orto assolve il direttore di Rai 1 Andrea Fabiano

“Non faccio polemiche - ha detto Dall’Orto – quello che vi posso assicurare dal punto di vista delle analisi interne, come è giusto che sia, con tutti i profili di responsabilità, è che la cosa non era arrivata al direttore di Rai1.

Un’affermazione che suona strana, soprattutto perchè pochi giorni fa il direttore generale aveva affermato che la catena di controllo aveva funzionato: dove andrebbe dunque ricercata la responsabilità per quella scelta di discettare in video sui pregi delle donne dell’est, preferibili come mogli a quelle italiane?

Parliamone Sabato: la Rai porta avanti un’inchiesta interna

La Rai i responsabili li sta cercando nel gruppo di lavoro di Parliamone Sabato e secondo il Corriere della Sera sarebbero già state inviate due lettere di contestazione: una a Raffaella Santilli, capostruttura del daytime di Rai1 (che da tempo sarebbe invisa ai vertici, bramosi di assegnare ad altri il suo incarico) e l’altra a Antonella Stefanucci, produttrice esecutiva di Parliamone Sabato.

“Comunque sia – ha aggiunto Campo Dall’Orto – credo che tutto questo vada visto nell’ottica di cosa è servizio pubblico: quello che è andato in onda non era coerente e da tempo noi stiamo lavorando con Fabiano sui temi di Rai1 per renderli più coerenti. Credo sia più importante raccontarci dove andiamo”.

E la storia continua.



Articoli che potrebbero interessarti


Faccia a Faccia, Giovanni Minoli
Parliamone Sabato, Minoli graffia Campo Dall’Orto sulle responsabilità: dopo l’intervista di Vespa al figlio di Riina non successe nulla


Lucio Presta, Paola Perego
Parliamone Sabato, Lucio Presta vs Gregorio Paolini: «Nessun chiarimento con me fino a quando non sarai leale con Paola Perego»


PAOLA PEREGO
#IostoconPaolaPerego: Ventura e Bonolis tra i pro, Parisi e Bellavia nei contro, tanti gli astenuti


Donne dell'Est - intervista a Paola Perego
Paola Perego a Le Iene: “In Rai si sono dissociati da una cosa che avevano approvato” – video integrale

6 Commenti dei lettori »

1. RoXy ha scritto:

24 marzo 2017 alle 14:39

Rivogliamo Lorella Landi e il suo Le Amiche del Sabato, ingiustamente sospeso dai vertici Rai pre-Campo Dall’Orto per favorire la concorrenza di Canale 5, o meglio leggasi, per lanciare la carriera di PierScema Toffanin non più assistita dal “badante” Alfa Signorini.



2. RoXy ha scritto:

24 marzo 2017 alle 14:46

Chissà se riusciranno a riportare su Rai1 il programma Le Amiche Del Sabato così com’era, con la stessa squadra di autori e tutto ciò lo aveva reso il mio programma preferito del sabato pomeriggio. Lo adoravo, era perfetto per me, specialmente il momento con i cantanti del passato, e il talk su argomenti sempre molto interessanti. Mi manca tantissimo questo programma, era il mio pasticcino alla crema e caffè post-prandiale. Spero davvero di poterlo rivedere, ma così com’era senza cambiamenti o aggiunte dell’ultimo momento.



3. Fra X ha scritto:

24 marzo 2017 alle 15:47

Ecco, il solito gioco all’ italiana mò che nessuno sapeva niente! Si, perché in RAI vige l’ anarchia! Ma per favore!
Io mi indigno comunque più per il Tg1 che fa Telequirinale e quasi spara a zero sul M5S quando non l’ ha mai fatto con gli altri partiti!
Dov’ erano i giornalisti del servizio pubblico quando su Roma imperversava mafia capitale?!? E facevano le pulci a Marino per qualche cena! Ma per favore!
Comunque basta fare offese cretine nei commenti!



4. Fra X ha scritto:

24 marzo 2017 alle 15:52

E fosse l’ unica cosa! Dov’ erano ai tempi dei crac Parmalat e Cirio, dov’ erano ai tempi della discarica di Malagrotta (Report a parte)?
Di Berlusconi che va a p…ane si parla il meno possibile mentre di un politico statunitense si va ad intervistare addirittura una delle tizie! Senza parlare di quando si raccontano i maxi rimborsi dei politici britannici e ora delle magagne del candidato in Francia. Robe che da noi invece passano come la normalità e i giornalisti del Tg1 non mettono in risalto! Mah! Marino forse avrà sbagliato, ma rispetto a chi ha fatto affari con la mafia ed ha condanne è stato veramente mal trattato! Solo perché il partito gli era contro! Mah!



5. vicky ha scritto:

24 marzo 2017 alle 16:42

Ma piantatela!!!!!!! Questo argomento era già stato trattato dalla Venier alla Vita in diretta. Servizio pubblico volete sapere cosa mi adira? Le repliche già a marzo,gli stipendioni ai conduttori ma soprattutto quei manager che spesso non servono a nulla,mi adira vedere una smundata su rai 2.E’ scandaloso il canone che con fatica paghiamo ,ma voi che fate’



6. Loremzo ha scritto:

24 marzo 2017 alle 18:19

Io propongo una cosa bizzarra ma che potrebbe “spaccare”: La Perego nuovo volto di Rete4 dalla prossima stagione , rete che ha bisogno di una figura forte per la sua identità..

A lei Lo sportello di forum dalle 14-16 dal Lun. al Ven
E un programma in prime time 8pumtate in autunno e 8 in primavera … Un talk sulle storie della gente, del popolo, testimonianze di vita,su persone che hanno affrontato un problema e lo hanno superato sia in campo affettivo che lavorativo…

L’altra opzione sarebbe su Canale5 con la Talpa e una nuova edizione di Buona Domenica



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.