22
marzo

La Porta Rossa 2 ci sarà

La Porta Rossa

La Porta Rossa

Quello de La Porta Rossa è stato un successo netto e inatteso. La fiction tra la vita e la morte del commissario Leonardo Cagliostro (Lino Guanciale) non era un prodotto facile, così cupo e forte emotivamente da risultare in molti passaggi “troppo”. Ma il pubblico di Rai 2 ne è stato conquistato regalandogli una media di share superiore al 13% nei primi cinque appuntamenti ed attendendo con grande ansia il finale di oggi, mercoledì 22 marzo 2017.

La Porta Rossa: la seconda stagione ci sarà

Un successo in cui Rai Fiction e Velafilm hanno creduto talmente tanto da lasciare quella porta aperta per un eventuale seguito, ancor prima di conoscerne il riscontro. Se, infatti, la trama di questa prima stagione si conclude e il mistero sulla morte di Cagliostro viene risolto, era stato preventivato un colpo di scena finale su cui costruire una storia per un eventuale Porta Rossa 2.

Ora, a fronte dei risultati ottenuti, l’escamotage si è rivelato quanto mai opportuno: gli autori sono infatti già all’opera per la stesura della seconda stagione, che riporterà i telespettatori nelle ambientazioni fredde e nelle indagini noir che hanno saputo rendere il paranormale qualcosa di concreto e per nulla onirico, anzi, decisamente crudo.

Il viaggio di Cagliostro non si è ancora concluso, dunque, e non poteva che essere così, dal momento che le gesta televisive del commissario hanno spopolato in Italia come all’estero: distribuita nel mondo da Studiocanal e presentata a gennaio a Parigi, La Porta Rossa è stata indicata come una delle serie più interessanti e innovative a livello europeo ai Promax di Amsterdam, ovvero gli Oscar europei per la promozione televisiva.

Ancora nessuna certezze sulle riconferme nel cast, i cui membri si sono comunque mostrati tutti molto presi dal progetto ed orgogliosi di averne fatto parte (qui le dichiarazioni di Gabriella Pession, ovvero Anna).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Non Uccidere - Miriam Leone
Non Uccidere: la fiction che visse due, tre, quattro volte


dallatana-rai2
Ilaria Dallatana: «A me piace il trash e siamo riusciti a portarne un po’ su Rai2»


meglio_tardi_che mai
Meglio tardi che mai: su Rai 2 arriva il «Pechino Express in versione Over». Ecco il cast


Michele Santoro
Rai 2, palinsesti estate 2017: insieme ai Mondiali di Atletica e Nuoto arrivano le unioni civili con Adesso Sì e due serate con Michele Santoro

3 Commenti dei lettori »

1. Angela ha scritto:

23 marzo 2017 alle 12:00

Una fiction poliziesca diversa dal solito ma che mi ha immediatamente conquistata .Bravissimi gli attori ,il regista e ovviamente gli autori che mi hanno fatto rimanere davanti alla TV come con Montalbano ,Rocco Schiavone I bastardi di pizzo falcone e l’allieva .Questa serie mi manca già e spero che ci saranno altre stagioni !!!!



2. Pia Fontana ha scritto:

23 marzo 2017 alle 13:00

bellissima serie !!!!!!!bravissimi gli interpreti in particolare Lino Guanciale e Gabriella Pession, oltre la ragazza, non conosco il nome, che ha interpretato la ” veggente “. Mi sento di dire che se fosse passata sul Rai 1 avrebbe avuto ancora più successo. Invece di mandare le repliche di Montalbano che, almeno io le ricordo bene tutte. Attendo con ansia la seconda serie , l’argomento è originalissimo e merita visibilità.



3. Michele87 ha scritto:

23 marzo 2017 alle 16:13

Bellissima serie, bella storia, ottime riprese, attori bravissimi, scene emozionanti, dialoghi credibili e mai scontati, così si fa una fiction. una seconda stagione non è opzionabile, è obbligatoria!!!!!

Evviva il nuovo corso della serialità RAI, brava Eleonora Andreatta!!!!!.

Cari responsabili delle fiction Mediaset prendete esempio, invece di continuare a sfornare cagate micidiali tipo il sequel de ”Il bello delle donne”.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.