23
febbraio

La Porta Rossa: una mescolanza di stili che spiazza ma funziona

La Porta Rossa

La Porta Rossa

Onore al merito: La Porta Rossa ha conquistato il 13% di share con la sua prima puntata consegnando a Rai 2 la leadership del prime time di ieri, mercoledì 22 febbraio 2017. Segno che la sperimentazione messa in atto di recente dall’azienda pubblica incuriosisce il pubblico e che i nuovi linguaggi della fiction funzionano, permettendo alla stessa di uscire dalla sua comfort zone di commedia investigativa/resoconto storico ed andare oltre per offrire qualcosa di nuovo e ben confezionato. Ma, attenzione: da qui a parlare di capolavoro ce ne passa.

La Porta Rossa: toni cupi e troppi salti temporali destabilizzano

La fiction firmata da Carlo Lucarelli è cupa e fredda, a dispetto dei tanti sentimenti e delle tante lacrime messe in scena. E’ un prodotto difficile perchè spietato fin dalle prime battute: nella migliore delle ipotesi, quando e se Cagliostro avrà salvato sua moglie, i due dovranno nuovamente separarsi e questa volta per sempre.

Una storia che inizia togliendo ogni speranza di un lieto fine destabilizza. E non aiutano i vari salti temporali, che generano confusione, con l’ormai abusato flashback (che qui si poteva anche evitare) seguito da un flashforward che preannuncia nuovi pericoli. E al centro del vortice personaggi talvolta troppo scritti, troppo delineati, quasi amplificati, in una sorta di iperrealismo che fa a pugni con la linea sovrannaturale inserita.

Tuttavia, nonostante l’angoscia crescente e la trama stile Ghost, il pubblico è rimasto sintonizzato e si è lasciato conquistare. Merito probabilmente degli attori credibili (qui la nostra intervista a Gabriella Pession), delle musiche giuste, di una Trieste che ha fatto da cornice silenziosa ed affascinante e del coraggio che si è avuto nel proporre una storia sulla carta strappalacrime ma in video molto strong, dura. In una sola parola “spiazzante”.

Come spiazzante è stata l’attesa scena del mancato trapasso, con la simbolica porta rossa – così importante da dare il titolo a tutto il progetto – che tutto sembrava fuorché rossa. Che dire? Misteri d’autore.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


piccoli giganti
Piccoli Giganti: il format si fa più agile, ma perde di leggerezza e imprevedibilità


Matrimonio a Prima Vista 2 - Francesca e Stefano
Matrimonio a Prima Vista 2: manca l’effetto sorpresa, ma è un bene


Di Padre in Figlia - Stefania Rocca
Di Padre in Figlia: un dramma così marcato da offuscare la speranza


Primo Appuntamento - Real Time
Primo Appuntamento: su Real Time un dating show romantico e vecchia maniera che non riesce a sfondare

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.