18
dicembre

MEDIASET: “CON VIVENDI NON ESISTE ALCUNA TRATTATIVA”. I FRANCESI A MUSO DURO SU PREMIUM

Mediaset

Che partita sta giocando,  Vivendi? In una recente intervista rilasciata al Corriere, l’Amministratore Delegato della società francese, Arnaud De Puyfontaine, ha affermato che l’obiettivo finale della scalata a Mediaset (arrivata a quota 20% del capitale) è arrivare ad una “alleanza per creare una media company europea di dimensioni mondiali“. “Vogliamo essere partner industriali” ha assicurato il top manager. Ma dal Biscione è arrivata una netta replica, destinata a rafforzare le tensioni in corso tra i due gruppi, nonostante gli sforzi distensivi delle ultime ore.

Le gravi affermazioni di Arnaud De Puyfontaine contenute in un’intervista sulla stampa italiana troveranno adeguata replica nelle sedi più appropriate. Mediaset comunque tiene a ribadire fin da subito che non esiste alcuna trattativa: nell’incontro di ieri, richiesto da Vivendi, la società ha ribadito le proprie posizioni, tenendo conto che è suo dovere tutelare gli interessi della società e di tutti i suoi azionisti, non solo di chi detiene il 20% delle azioni” si legge in una nota in cui si fa riferimento ad un incontro tra De Puyfontaine e Pier Silvio Berlusconi avvenuto a Cologno.

E se Fedele Confalonieri parla di “scalata ostile“, il braccio destro di Bolloré non usa giri di parole per ricostruire – dal suo punto di vista – l’affaire Premium.

Fininvest e Mediaset ci hanno fatto causa per aver rotto il contratto su Premium. Ma noi ci siamo tirati indietro perché abbiamo scoperto di aver firmato un’intesa diversa da quanto ci era stato detto. Abbiamo provato a trovare un accordo alternativo. Invece ci hanno offeso e maltrattato pubblicamente (…) E’ come se ci avessero invitato a cena in un ristorante a tre stelle e poi ci siamo ritrovati in un McDonald’s” ha affermato De Puyfontaine.

Dichiarazioni, queste ultime, che secondo quanto riportato dall’Ansa potrebbero avere conseguenze legali da parte degli avvocati del Biscione. Intanto, sul caso è intervenuta l’Agcom con riferimento ad operazioni che “potrebbero essere vietate” dalla normativa vigente.

Ogni Paese ha le sue regole, e noi le rispettiamo. Come manteniamo la nostra parola e rispettiamo i contratti” ha detto al riguardo il top manager di Vivendi.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Mediaset.
Mediaset vs Vivendi, parte il processo civile su Premium. I francesi chiedono i danni, il Biscione contrattacca


Mediaset
VIVENDI: LA SCALATA A MEDIASET È COSTATA 1,2 MLD. IL BISCIONE ENTRA IN STUDIO71 COI RIVALI DI BOLLORE’


Consob
MEDIASET, VIVENDI VOLA AL 28,80%. IL CASO FINISCE ALLA CONSOB


Piersilvio Berlusconi
MEDIASET, VIVENDI HA IL 25,75%. PIERSILVIO BERLUSCONI: NON ARRETRIAMO DI UN PASSO

1 Commento dei lettori »

1. Luca ha scritto:

19 dicembre 2016 alle 01:47

L’arrivo di Vivendi potrebbe essere positiva per la televisione italiana
Da anni vedo le tv francesi e dobbiamo solo imparare da loro,dal loro garbo di fare televisione
Difficilmente si trovano programmi urlati ,dove ci si insulta e si dicono parolacce
E finalmente potrebbe essere depotenziato lo strapotere di una come la De Filippi e della finta popolanità della D’Urso

Permettetemi una battuta : chissa se Vivendi tollererà la volgarità della vaiassa Cipollara



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.