13
dicembre

LA7, MENTANA SHOW CON DI BATTISTA: “BEVA UNO SPRITZ CON CELATA”. POI LA BATOSTA AD ALFANO

Maratona Mentana, Di Battista

La maratona di Enrico Mentana è come il Natale: quando arriva, arriva. E in questi giorni di concitati aggiornamenti politici, è spesso capitato che il direttore del TgLa7 arrivasse in onda senza troppo preavviso. E’ accaduto anche ieri, quando il giornalista ha seguito in diretta l’avvio ufficiale del governo Gentiloni. Un rituale piuttosto formale, che tuttavia il maratoneta della notizia è riuscito a inframmezzare con battute e fuori programma.

La #maratonaMentana, del resto, è un format fatto anche di consuetudini. Una tra tutte: le battute con gli inviati. E così, ad una Alessandra Sardoni che annunciava la possibile nomina di Valeria Fedeli all’Istruzione, ieri il direttore ha replicato: “dal rosato al magenta come tinta di rosso“, ironizzando sul colore dei capelli della senatrice Pd.

Durante la diretta, che si è protratta fino al tg delle 20 da lui stesso condotto, il Mitraglietta ha pure raccolto lo sfogo di Alessandro Di Battista, infuriato per i neo-ministri di Gentiloni. Il pentastellato ha parlato di “truffatori della democrazia” e “squallidi malfattori“, battibeccando poi con l’inviato Paolo Celata. E Mentana: “non litigate davanti a noi, tanto fate come i ladri di Pisa: andate a bere insieme dopo il collegamento“. Al parlamentare, che gli chiedeva retoricamente che cosa potessero fare i Cinquestelle, il direttore ha risposto: “andarvi a bere, lei e Celata, un bello spritzino“.

Per restare in tema alcolico, vale la pena riportare il commento del giornalista alla notizia che il brindisi tra i neo-ministri si stesse protraendo. “Lasciamoli bere, così sono più allegri nelle dichiarazioni” ha scherzato. Alla fine le dichiarazioni sono arrivate, anche se non tutte hanno soddisfatto le attese. Durante il pronunciamento del Ministro degli Esteri, fatto di frasi di circostanza, il giornalista è intervenuto con spietata ironia sottolineando la “pregnanza epocale delle parole di Alfano“. Un colpo di grazia alle convenzionalità dell’esponente Ncd.

E via con un nuovo governo. Appuntamento alla prossima maratona.



Articoli che potrebbero interessarti


Enrico Mentana
La7, Mentana sorprende l’inviato distratto: «Celata sta rimorchiando, scena terribile» – Video


Enrico Mentana
La7, Leoluca Orlando si nega a Mentana. Lui lo striglia in diretta: «Bambinate»


Maratona Mentana, botte in diretta
Maratona Mentana: botte in diretta dietro all’inviato di La7 – Video


Enrico Mentana, maratona sindaci 2016
LA7, MARATONA DI MENTANA: BATTUTE CON GLI INVIATI, IRONIA SU CAIRO. LA DIRETTA DIVENTA UNO SHOW

5 Commenti dei lettori »

1. Luca ha scritto:

13 dicembre 2016 alle 11:14

Alfano è la vergogna dell’Italia
e ancora più vergognoso che un partito che dovrebbe essere di sinistra si sia alleato con persone di destra
Praticamente hanno ricreato ,Renzi e Alfano e tutti i loro complici,la nuova democrazia cristiana
Ora che ha fatto abbastanza danni come minsistro degli interni lo hanno messo,per premiarlo ,agli esteri
Quando finirà questo immondezzaio?
Ma un po’ di dignità ce l’hanno ?



2. Filippo ha scritto:

13 dicembre 2016 alle 11:18

“L’Italia ha bisogno di un nuovo Rinascimento. Non di politici che tengono in vita la legislatura per maturare la pensione.”
Vittorio Sgarbi



3. RoXy ha scritto:

13 dicembre 2016 alle 11:25

Questo inciuciare tra giornalisti e politici è squallido e compromette la l’attendibiltà dell notizie nochè la serietà ed il giusto distacco che un serio giornalisa dovrebbe avere.



4. Serena ha scritto:

13 dicembre 2016 alle 11:30

E comunque Alfano agli Esteri è come mettere Riina Ministro della Giustizia…..



5. Pietro Rattazzi ha scritto:

14 dicembre 2016 alle 18:29

tutto giusto su Alfano, ma con il Dibba e soci cadiamo dalla padella alla brace



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.