4
febbraio

STORIE MALEDETTE SALUTA CON LA DISCUSSA INTERVISTA A LUCA VARANI

Storie Maledette

Storie Maledette

L’edizione numero quindici di Storie Maledette (qui maggiori info) arriva al capolinea e questa sera saluta il pubblico di Rai3 con l’intervista a Luca Varani. La trasmissione di Franca Leosini è sbarcata quest’anno nella prima serata del giovedì, ottenendo poco più del 5,30% di share ed una media di 1.458 mila telespettatori nel corso delle prime due puntate. Lontano dall’essere un fine stagione defilato, in queste ore, mentre i #leosiners si apprestano a salutare la giornalista napoletana, sta prendendo piede una polemica riguardante l’intervista in programma.

L’appuntamento previsto per questa sera porta il titolo Quando l’acido cancella il volto e sfregia l’anima” ed affronta un caso di cronaca mediaticamente molto discusso. La Leosini, infatti, intervisterà dal carcere di Teramo Luca Varani, condannato in Appello a 20 anni di reclusione con l’accusa di essere il mandante dell’aggressione con l’acido di Lucia Annibali.

Varani non ha mai collaborato alle indagini ed è ora in attesa della condanna definitiva da parte della Corte di Cassazione in programma il 10 maggio 2016. La Annibali, in seguito all’aggressione datata 2013, ha intrapreso una campagna sociale e mediatica di lotta contro la violenza alle donne, portando la propria storia anche in diverse trasmissioni televisive. La puntata in questione, inizialmente prevista per la seconda settimana ma in seguito rimandata a fine stagione, sta destando opinioni contrastanti, con opposizioni nette in procura ed in politica.

Tra coloro che si stanno spendendo in queste ore per opporsi alla messa in onda dell’intervista fra Franca Leosini e Luca Varani c’è Manfredi Palumbo, procuratore capo di Teramo. L’uomo ha dichiarato al Resto del Carlino l’intenzione di condurre degli accertamenti con l’intento di capire chi abbia concesso il via libera all’intervista, colpevole a suo dire di non aver chiesto conferma quantomeno alla procura competente, se non alla procura generale o alla stessa Corte di Cassazione. Scende in campo anche la politica, Lara Ricciatti di Sinistra Italiana ha proceduto per via ufficiale rincarando la dose. La Ricciatti ha presentato un’interrogazione al ministero della Giustizia ed ha anche avanzato la richiesta di sospensione della messa in onda della puntata.

Non rimane in silenzio nemmeno il direttore del carcere in cui è recluso Varani, Stefano Liberatore, il quale però mostra la propria vicinanza alla trasmissione di Rai3, dice infatti: “È una polemica priva di fondamento [...]“.

Storie Maledette, dal canto suo, procede incurante delle polemiche verso la puntata di questa sera, con post sui social network che rimandano all’appuntamento delle 21.10 e rivelano piccoli dettagli a riguardo. A onor di cronaca, inoltre, è bene ricordare che nel corso degli anni la giornalista campana ha intervistato persone condannate anche dopo un solo grado di giudizio con tutte le delibere del caso. La Leosini, difatti, non mostra il minimo cedimento, firmando su Facebook le parole “Luca Varani è stato condannato a vent’anni. Lucia Annibali all’ergastolo: perché nessuno le potrà restituire il volto che aveva prima.“; la messa in onda è per ora confermata e probabilmente l’intera faccenda corrisponderà solo a molto rumore per nulla.



Articoli che potrebbero interessarti


Franca Leosini
Franca Leosini a DM: «Io le parole non le ricerco, le possiedo. Espressioni come ‘dito birichino’ sono diventate virali» – Video


FRANCA-LEOSINI
STORIE MALEDETTE DEBUTTA IN PRIMA SERATA: RUDY GUEDE IL PROTAGONISTA DI STASERA


Franca Leosini
STORIE MALEDETTE: DA GENNAIO LA NUOVA STAGIONE PROMOSSA IN PRIMA SERATA SU RAI3


Franca Leosini
STORIE MALEDETTE: FRANCA LEOSINI SALUTA CON PASOLINI

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.