25
maggio

CHE TEMPO CHE FA: SILVIO BERLUSCONI DEBUTTA DA FAZIO. MA ARRIVA IN RITARDO

Silvio Berlusconi, Che tempo che fa

Silvio Berlusconi era atteso a Che tempo che fa con impazienza, ma un piccolo disguido ne ha rimandato l’arrivo. Così, il Cavaliere è apparso nel programma di Rai3 con un ritardo di dodici anni rispetto al primo invito inoltratogli. Ieri sera il leader di Forza Italia ha debuttato come ospite nella trasmissione di Fabio Fazio, il quale ha subito chiesto al suo interlocutore perché avesse sempre disertato l’appuntamento. “Non mi hanno mai consegnato i suoi inviti” ha scherzato Berlusconi, sottraendosi alla provocazione.

Silvio Berlusconi ospite a Che tempo che fa

E’ iniziato con un scambio di battute il confronto tra l’ex premier e il conduttore della terza rete, al quale Berlusconi ha pure fatto un appunto estetico: “le posso dare un consiglio da vecchio editore? Deve tagliarsi quella barba grigia” ha detto. Poi la politica. Il Cavaliere ha confermato l’intenzione di dare vita ad un soggetto unico di centrodestra non guidato direttamente da lui, ma sul nome dell’erede non si è sbilanciato. L’ex premier ha poi riservato critiche a Renzi (“ha fatto tante cose che non hanno influito sull’economia“), a Grillo e pure alla Lega. “Non si può resistere a un partito che va oltre 6 ore a settimana in tv” ha chiosato.

Su Rai3 Berlusconi si è trovato davanti un Fabio Fazio non particolarmente aggressivo, ma comunque capace di rifilare punzecchiature mirate. In altri tempi, il confronto tra i due sarebbe stato ben più acceso. Nel panorama attuale, del resto, anche l’attesa ospitata del Cavaliere a Che tempo che fa è apparsa un po’ meno evento mediatico del solito. Sebbene fosse qualcosa di inedito, il debutto di Silvio alla corte di Fazio è sembrato solo un eterno ritorno. Un frame già visto con rari sprazzi d’interesse.

Sentire Berlusconi parlare di “rivoluzione liberale” e di pericolo comunista avrà solleticato la memoria di molti telespettatori, evocando antiche battaglie politiche e mediatiche condotte dal Cav anche in ambiti televisivi considerati ostili. All’appello, mancava giusto l’apparizione di Silvio a Che tempo che fa, nel salotto tv ritenuto appannaggio della sinistra.

Stavolta, Berlusconi non ha disertato l’appuntamento. Ma i dodici anni di ritardo si sono fatti inesorabilmente sentire.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Berlusconi
SILVIO BERLUSCONI OSPITE A CHE TEMPO CHE FA


Tweet di Che tempo Che Fa
CHE TEMPO CHE FA E LA CADUTA DI STILE CONTRO LA DOMENICA (LIVE) DI “ASSASSINI, PORNOSTAR E ADESCATORI DI MINORENNI”


Michele Santoro
SANTORO A LA7? E’ GIA’ L’INCUBO DI BERLUSCONI


fazio saviano
CHE TEMPO CHE FA, STASERA ROBERTO SAVIANO FA FUOCO SUL CASO RUBY: EMERGE LA SOLITUDINE DI UN NONNO

8 Commenti dei lettori »

1. ellen ha scritto:

25 maggio 2015 alle 12:14

Questa storia dei ripetuti inviti è una falsità clamorosa: ricordo benissimo infatti che una volta Fazio, interpellato in merito al fatto che Berlusconi non fosse mai stato ospite nel suo programma, rispose che lui era solito invitare solo coloro che interessavano a lui e che Berlusconi a lui non interessava e non avrebbe saputo neanche cosa chiedergli. Spero che Striscia rispolveri il filmato in questione e sbugiardi Fazio, che ieri ha avuto il coraggio di ripetere più volte questa menzogna dei ripetuti inviti.

Altra nota molto interessante è notare come i critici e i bloggers cui Travaglio detta la linea (mentale soprattutto) hanno dato del “servo” a Fazio per come si è comportato in questa intervista.
Eppure io non ricordo di aver mai visto Fazio controbattere quando intervistava i leader della sinistra, in questo caso era del tutto azzerbinato e ossequioso. Come dimenticare poi la standing ovation tributata a Bersani quando si riaffacciò al suo show dopo l’ictus? Come mai i critici e i bloggers che hanno in Travaglio il loro mentore non sono altrettanto esigenti nel chiedere le cosidette “domande ficcanti” o il “fact checking” anche quando ad essere intervistati sono i loro “cari leaders”?



2. Vince! ha scritto:

25 maggio 2015 alle 12:31

Intervista malinconica e crepuscolare che ha fatto impazzire i social media, ma poi non ha avuto quell’ascolto stellare che ci si aspettava, segno che Berlusconi ormai non interessa più come un tempo.

Fazio ha condotto professionalmente l’incontro, dando pochi appigli ai criticoni che da una parte e dall’altra erano già pronti a sparare le loro sentenze.



3. Stefano ha scritto:

25 maggio 2015 alle 12:37

Penso che Berlusconi non sia finito affatto, anzi…

Un po di dieta non li farebbe male :P



4. Marco89 ha scritto:

25 maggio 2015 alle 12:57

Penso che crepuscolare sia il termine adatto, anche se penso Berlusconi politicamente non sia ancora del tutto tramontato. Il suo partito è il suo volto, il suo carisma, i suoi elettori vogliono la sua persona, poche altre spiegazioni…se non lo si vede molto in giro i voti calano ma sicuramente a mio avviso non tornerà come protagonista principale nello scenario politico.
Il 13% è comunque un ottimo numero, considerando che il pubblico di Fazio non penso aspettasse Berlusconi con tanta attesa. Promuovo Fazio.



5. Nina ha scritto:

25 maggio 2015 alle 15:12

Delirio sull’Espresso. Addirittura rinfacciano a Fazio di “avergli concesso praterie di applausi”.



6. elsa ha scritto:

25 maggio 2015 alle 15:44

I morti non risciuscitano con un lifting !!!



7. Vince! ha scritto:

25 maggio 2015 alle 16:07

Vabbè, a parte le critiche del solito Riccardo Bocca sull’Espresso e il divertente pezzo della Lucarelli sul Fatto direi che Fazio questa incredibilmente l’ha passata liscia…



8. Giuseppe ha scritto:

25 maggio 2015 alle 16:21

Il tempo passa, inesorabilmente, per tutti.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.