17
marzo

TV, SPAGNA: IL PRIME TIME DURA TROPPO. IL MINISTERO DELLA SANITA’ CHIEDE DI MODIFICARE I PALINSESTI

Rtve, Masterchef Junior

In Spagna la durata del prime time televisivo è diventata una questione di salute pubblica. La programmazione si protrae fino a notte fonda, con conseguenze negative sul benessere dei telespettatori: a lanciare l’allarme è stato il Ministero della Sanità iberico, che ha chiesto alle emittenti nazionali di modificare il palinsesto, anticipando l’inizio della prima serata. Il prime time, infatti, inizia abitualmente attorno alle 22.30, orario in cui gli spagnoli si accomodano davanti al piccolo schermo.

Lo stile di vita iberico, infatti, ha le lancette spostate in avanti rispetto alle nostre consuetudini. Basti pensare che in Spagna la maggior parte dei tg inizia alle 21 e che l’orario di massimo ascolto del prime time si attesti attorno alle 23.15. Così, i programmi in onda nella fascia oraria più prestigiosa si prolungano talvolta ben oltre le 2 della notte (ad esempio giovedì scorso il Grande Fratello Vip, iniziato alle 22:53 dopo un’ora di anteprima, si è concluso all’1:51 per poi dare la linea alla diretta dalla Casa). La Commissione nazionale per la razionalizzazione delle ore di lavoro ha però chiesto di invertire la rotta, denunciando come – per colpa della tv – gli spagnoli dormirebbero 53 minuti in meno rispetto agli altri cittadini europei, con conseguenze sulla salute, sulla produttività lavorativa e sulle percentuali di assenteismo.

La Commissione ha quindi chiesto alle emittenti di cambiare le abitudini televisive: finora, ad accogliere l’invito è stata solo l’emittente pubblica Rtve, che dal 2 marzo scorso si è impegnata ad iniziare le trasmissioni serali entro le 22.15 e a concluderle entro la mezzanotte. In tempi non sospetti, il gruppo televisivo aveva ricevuto critiche per la messa in onda di MasterChef Junior (seguito anche dai più piccoli) dalle 22.30 alle 00:30 in giorni feriali. Ora la situazione sembra destinata a cambiare.

Rtve è particolarmente sensibile alla sua responsabilità di promuovere azioni per sviluppare un uso sano del televisore. Questo sano utilizzo si basa sulla razionalizzazione degli orari per migliorare la conciliazione tra lavoro e vita familiare

ha dichiarato il Presidente di Rtve José Antonio Sánchez. Per il momento, le principali emittenti commerciali (quelle dei gruppi Mediaset España e Atresmedia) non hanno modificato la programmazione, che – all’insegna degli ascolti – prosegue fino a tarda ora.

E, mentre il pubblico spagnolo sembra dividersi tra abitudinari e ’salutisti’ catodici, la Federazione spagnola famiglie numerose si fa sostenitrice di un cambiamento nei palinsesti in nome del benessere, aggiungendo però che una razionalizzazione completa si raggiungerà solo se in Spagna si adegueranno non solo gli orari televisivi, ma anche quelli degli uffici e delle pubbliche attività.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Jesus Vazquez
JESUS VAZQUEZ A DM: LAURA PAUSINI SARA’ COACH DI THE VOICE SPAGNA. MI PIACEREBBE AVERE ANCHE RAFFAELLA


La voz, ascolti spagna 2012
ASCOLTI SPAGNA 2012: CON LA VOZ E GLI EUROPEI TELECINCO E’ LEADER (13.9%). ANTENA 3 VINCE TRA I GIOVANI


Supervivientes finale
ISOLA DEI FAMOSI: IN SPAGNA LA FINALE BATTE TUTTI I RECORD D’ASCOLTO (38.8%). UN MOTIVO PER LA RICONFERMA IN RAI?


supervivientes, isola dei famosi spagna
ISOLA DEI FAMOSI: IN ITALIA E’ IN BILICO MA IN SPAGNA E’ IL PROGRAMMA PIU’ VISTO DELLA STAGIONE.

6 Commenti dei lettori »

1. a ha scritto:

17 marzo 2015 alle 20:50

il problema degli spagnoli è il fuso orario errato, pensate poi con l’ora legale…



2. Francesco Amico ha scritto:

18 marzo 2015 alle 01:11

E in Italia invece?? Quand’è che il Ministero della Salute dirà che la prima serata non deve iniziare alle 21.30, come ormai è diventato di moda???



3. Lina ha scritto:

18 marzo 2015 alle 08:25

Basterebbe una certa dose di buon senso… Anche in Italia.



4. marcko ha scritto:

18 marzo 2015 alle 11:09

magari ci fosse pure in italia l’obbligo x le reti televisive di far iniziare i programmi di prima serata alle 20:45.. ma magari!



5. ciak ha scritto:

18 marzo 2015 alle 13:50

NOI, ANCHE SE DIVERSAMENTE, MA CI STIAMO AVVIANDO VERSO QUESTO STILE “MALEDUCATO” VERSO LO SPETTATORE…
BASTA INIZIARE ALLE 21:30 IN ITALIA…



6. VIVAPAOLAPEREGO ha scritto:

18 marzo 2015 alle 14:45

Intervenisse pure in Italia il Ministero della salute! La prima serata deve iniziare alle 21:10-21:15 max!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.