16
marzo

MONICA LEOFREDDI A DM: LA MACCHINA DELLA VERITA’, UN MODO ORIGINALE PER RACCONTARE DELLE STORIE. NELLE PRIME PUNTATE: CONFRONTO DI CECCHI PAONE CON LA MOGLIE, BALDINI, CASELLA

Indimenticata padrona di casa – insieme a Milo Infante – di un’ottima Italia sul 2, contenitore pomeridiano della seconda rete della tv pubblica, Monica Leofreddi è stata ingiustamente tenuta a ‘riposo’ per 4 lunghi anni dalla televisione che conta. Nel 2014 un ritorno importante sulla rete ammiraglia del servizio pubblico con Torto o Ragione – Il Verdetto Finale. Adesso, una nuova avventura che si affianca al tribunale televisivo di Rai 1: da lunedì prossimo, alle 14.05, Monica terrà a battesimo La Macchina della Verità, programma di circa trenta minuti a ridosso dello show di cui è padrona di casa dallo scorso settembre.

Nella nostra video intervista un primo bilancio e qualche novità sulla trasmissione ai nastri di partenza.



Articoli che potrebbero interessarti


Verdiana Bixio Publispei
Verdiana Bixio (Publispei) a DM: «Una serie da ripescare? Amo Tutti Pazzi per Amore ma sono per le cose nuove»


Gianni Morandi, L'Isola di Pietro
Gianni Morandi a DM: «L’Isola di Pietro è una storia che mi sento addosso. Baglioni a Sanremo? Una grande scelta» – Video


Mtv Super Shore, Ferre, Victor, Potro, Isaac, Igor
I ragazzi di Mtv Super Shore 3 a DM: «Che bordello questo reality! La donna più adulta con cui sono stato? L’hanno seppellita ieri» – Video


Mtv Super Shore, Elettra, Karime, Danik, Adela
Le ragazze di Super Shore 3 a DM: «Togliere le mutandine? Uno stile di vita!» – Video

9 Commenti dei lettori »

1. Markos ha scritto:

16 marzo 2015 alle 13:38

Intervista molto simpatica e senza peli sulla lingua, complimenti Davide Maggio.
Monica non sorprende: ciò che è in tv, lo è anche in una semplice intervista. E’ una conduttrice trasparente e una grande lavoratrice.

L’ho sempre apprezzata, partendo da “Italia sul due”, dove lì l’ho conosciuta. L’allontanamento dalla tv è stato ingiusto e ogni volta che si profilava una nuova conduzione per un programma Rai leggevo sempre qualcuno che faceva il suo nome, segno che ha lasciato un’ impronta nella televisione leggera.

Devo concordare con Davide. “Torto o ragione”, ex “Verdetto finale”, non mi appassiona per nulla, lo trovo “pesante” per il pomeriggio. D’altronde sono giovane e penso che il programma sia studiato per mirare ad un pubblico adulto ed i target lo dimostrano, un po’ per opporsi a ciò che in onda su Canale5.

“La macchina della verità” desta un po’ di curiosità e spero che riesca a far vedere la Monica divertente di un tempo (“Verdetto finale” non lo permette e ti “ingabbia”, ovviamente), che invece ritrovo a “Fiction magazine”, ahimè, una volta sola la settimana e su Rai Premium, quando potrebbe andare benissimo in onda su Rai1 nel sabato pomeriggio.

Saluti a Monica, che sicuramente ci leggerà!

PS
Riguardo i commenti nei blog televisivi.
Ormai, si deve prima leggere il nome dell’utente e poi il relativo commento. Purtroppo, c’è chi è fazioso, chi tifa Rai e chi tifa Mediaset. Frequentando i blog si capisce subito chi scrive una critica obiettiva e giusta e chi, invece, vive in un mondo tutto suo.



2. Gen...io ha scritto:

16 marzo 2015 alle 14:33

Che bella intervista! :-)
Monica quando ho saputo del suo ritorno in TV sono stato molto contento, lei è una delle pochissime conduttrici che stimo e seguo volenti perché la trovo garbata, mai banale e sincera verso il suo pubblico. Anche in questa chiacchierata con Davide Maggio ha riconosciuto i limiti del programma che attualmente conduce e pur parlando di ascolti in crescita sa che la strada è ancora lunga, ma io spero che le venga data la possibilità di farla magari con qualcosa che è più nelle sue corde. Sono inoltre curioso di vederla all’opera con la “macchina della verità” che magari più si avvicina al suo stile di conduzione. Un grosso in bocca al lupo!



3. simone ha scritto:

16 marzo 2015 alle 14:53

Monica e una donna simpatica e meravigliosa si merita più spazio in tv con la sua pacatezza e simpatia comunque e una donna che merita non come altre che risultano antipatiche, un in bocca al lupo x la macchina della verità io l ho iniziata a seguirla nel lontano 2002 con l italia sul 2 fino al 2008 con piazza grande con magalli e ora con torto o ragione un saluto a tutti voi e un bacione-abbraccio alla mitica monica



4. rien ha scritto:

16 marzo 2015 alle 15:30

A proposito di quello che dice Monica sugli ascolti che sono cresciuti, io l’ho riportato più volte, in questo blog, che gli ascolti e lo share di Torto o Ragione sono saliti fino al 14% avvicinandosi nella curva al competitor. Ma sono stato l’unico, effettivamente sia questo blog che l’altro non ha mai evidenziato che il programma è cresciuto di 4 punti.



5. Max26 ha scritto:

16 marzo 2015 alle 15:51

Dopo il flop della sua trasmissione (non è mai stata costante al 14% e perde contro un programma in onda da circa 19 anni) ancora parla la Leofreddi?



6. rien ha scritto:

16 marzo 2015 alle 15:57

A onor del vero Torto o ragione parte dal 9% e ultimamente termina al 17/18%,
uomini e donne parte dal 18% e termina al 21/22%.
Il dato mi pare piuttosto evidente.



7. kalinda ha scritto:

16 marzo 2015 alle 17:44

Bella intervista che dimostra come Monica sia adattissima a tornare ad un talk stile Italia sul due che sarebbe perfetto prima della Vita in diretta sopratutto se si mantenesse su argomenti leggeri e impegnati senza toccare la cronaca.



8. maggy ha scritto:

16 marzo 2015 alle 17:45

stupisce come Monica
prenda in considerazione x il suo programma il dato share massimo e x maria de filippi il 19% quando è ormai quasi sempre fissa oltre il 20% con i giovani ma al 22-23% con gli over

mah….



9. Viola ha scritto:

16 marzo 2015 alle 20:39

A me Monica Leofreddi piace tanto nella trasmissione Fiction magazine, si vede che quello é il suo habitat. É più sciolta e mi piace il suo modo garbato di scherzare e intrattenere. Peró sinceramente Torto e ragione non se pò vedé, é un programma che manco negli anni 60 forse avrebbe funzionato, é vecchio, troppo ingabbiato in copioni giá scritti e, come dice lei stessa, troppo costruito. Spero che l’anno prossimo al posto di questa ciofeca metteranno la Leofreddi alla guida di un programma più consono, magari a Uno mattina o perché no anche alla Vita in diretta.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.