24
febbraio

BALLANDO SUL GHIACCIO CI SI SCHIANTA

Notti sul Ghiaccio

Che Notti sul Ghiaccio non fosse destinato ad infiammare gli ascolti era scontato. Rispolverato da Giancarlo Leone – che sembra aver una passione smisurata e ingiustificata per i celebrity talent – ad otto anni da una seconda edizione che aveva già avuto qualche problemino, il programma si è trovato a debuttare contro un avversario fortissimo: C’è Posta per Te, reso ancor più vigoroso da ospiti eccezionali e dal fatto di essere in onda già da diverse settimane.

Notti sul Ghiaccio 2015 e lo spettro di Ballando con le stelle

Tuttavia il 15.09% di share, cavalcando prima e seconda serata, è un risultato difficilmente giustificabile. Se, però, il direttore di Rai1 desiderava – come dichiarato in conferenza stampa – uno spettacolo che facesse gli ascolti che merita ha centrato l’obiettivo: 3 milioni di spettatori sono quelli che Notti sul Ghiaccio merita. O meglio, il programma in sè potrebbe essere anche valido, ma i risultati insufficienti sembrano la giusta punizione al diabolico perseverare di Rai1.

Milly Carlucci e il suo team autorale hanno riproposto lo stesso (o quasi) schema di Ballando con le stelle. Ma se otto anni fa, quando il talent danzante era in forma smagliante, tale scelta poteva avere un senso, oggi – dopo la perdita di smalto del format targato BBC – è puro autolesionismo.

Notti sul Ghiaccio 2015: si salva solo la giuria

Notti sul Ghiaccio, vista l’assenza di sfida con il competitor, poteva essere un banco di prove per sperimentare variazioni e novità che avrebbero conferito distintività al format e che in un’ottica di lungo periodo potevano essere poi sviluppate sullo stesso Ballando innescando un circolo virtuoso dell’innovazione.

La giuria - unico punto di forza del programma – poteva assumere un ruolo ancora più incisivo e le eliminazioni, ad esempio, potevano essere accantonate – sul modello Tale e Quale Show – o rimandate. Volendo spingerci oltre (forse troppo!) la stessa Milly Carlucci poteva osare sedendo in una giuria stellare e limitando il peso della conduzione, affidata ad un altro volto.

Le novità di Notti sul Ghiaccio non provengono nemmeno dal cast, che riprende gli “archetipi umani” di Ballando con le stelle, e soprattutto è formato da poche star, tutte viste, riviste o mai viste.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Domenica In - Cristina e Benedetta Parodi
Domenica In: le Parodi convincono, Panatta e Lippi meno. La cronaca nera grande intrusa di un pomeriggio all’insegna della leggerezza


Filippo Bisciglia - Franco Califano
Tale e Quale Show: nella terza puntata trionfa Filippo Bisciglia nei panni di Califano


Bake Off Italia 2017- L'ospite Mauro Colagreco
Bake Off Italia 2017: ora i dolci si fanno con la spigola


Pechino Express 2017
Pechino Express 2017: l’uovo della verità

13 Commenti dei lettori »

1. Oscar ha scritto:

24 febbraio 2015 alle 16:52

A confronto FORTE FORTE FORTE è un grande show. A Notti sul ghiaccio ti addormenti alla seconda esibizione. Ma poi perché dobbiamo continuare a pagare Emanuele filiberto di Savoia? E’ la nostra tassa a vita per aver scelto la Repubblica. Il pegno da pagare? E ancora la Marini che oramai sembra la caricatura di se stessa. Soldi buttati e noi non riusciamo ad arrivare alla fine del mese!!! La prossima puntata farà il 12/13 di share ma nessuno si prenderà il disturbo di chiuderlo. Questa è l’Italia che ci meritiamo.



2. Fabrizio ha scritto:

24 febbraio 2015 alle 16:55

Per me questo programma era da mandare in onda in alternanza con BALLANDO, non subito dopo.
Io l’avrei proposto la prossima stagione al posto della versione italiana di DANCING WITH THE STARS, per non usurare entrambi i format.
A maggior ragione dopo una stagione fiacca di Ballando.
Sarebbe come se Mediaset, il prossimo anno ci propinasse il GF e l’ISOLA, uno via l’altro, entrambi condotti dalla Marcuzzi.
Che dio ce ne scampi!



3. YOU ha scritto:

24 febbraio 2015 alle 17:09

No Mattia, non sono d’accordo..Il programma di per se’ è godibile e con ritrmo, è la giornata di programmazione sbagliata. Qualunque altro show scontrandosi con C’è posta avrebbe fallito…e poi non dimenticare che la De Filippi ha calato proprio sabato scorso l’asso nella manica con D’Urso e Littizzetto. Io sono convinto che se Notti sul ghiaccio fosse andato in onda al venerdi share e spettatori sarebbero stati di gran lunga superiori.



4. Marco89 ha scritto:

24 febbraio 2015 alle 17:20

Concordo. Ho visto di peggio ma a tratti sembrava di stare in una tv locale. La giuria e` l’unica cosa da salvare, andrebbe impiegata meglio e per il programma e` uno spreco. Cast debole ed esibizioni scadenti. Mi domando perche` riproporlo visto che mai ha entusiasmato il pubblico e perche` la Carlucci ha riproposto lo stesso schema di Ballando che gia` e` affaticato…non esistono altre idee? Cosi’ facendo e srnza cambiare nulla il flop era inevitabile. Uno sforzo creativo in piu` mica e` faticoso, mi vien da ridere.



5. chetv ha scritto:

24 febbraio 2015 alle 17:41

In generale non si capisce il motivo di mandare in onda un programma che già non fece ottimi ascolti.
Sperimentare nuovi format sarebbe molto meglio, visto che notti sul ghiaccio non è affatto economico.



6. federico ha scritto:

24 febbraio 2015 alle 18:53

quando su sky partirà la nuova edizione di italia gos talent voglio vedere che impatto avrà sugli ascolti di rai1 e canale5.
:-)



7. Giuseppe ha scritto:

24 febbraio 2015 alle 19:07

Il fatto che la giuria sia l’unica cosa da salvare è lo specchio di quanto sia caduta in basso l la tv italiana, a parte la Pession che è una ex pattinatrice e quindi competente e adatta a giudicare i concorrenti, gli altri col pattinaggio non c’entrano niente, in pratica come tutti i talent(vip e non) i talenti, o pseudo tali, sono diventati una cornice per la giuria, tutto è concentrato su di essa sperando che si azzuffino tra di loro, il talent in se è uno specchietto per le allodole, se metti insieme Lucarelli, Miccio e Ventura è perchè vuoi vedere il sangue, tanto vale fare un talk show con ospiti discutibili e metterli in condizioni di litigare, se la gente vuole la rissa diamogli la rissa senza ipocrisie, a questo punto preferisco il ring della Perego ai tempi di Buona Domenica oppure sempre dallo stesso programma ,ai tempi di Costanzo, il “tavolo dei commensali”(credo lo ricordiate) in cui i commensali, tutta gente di dubbia classe, se le dicevano di tutti i colori in maniera del tutto gratuita, alla gente piace il cinismo, la cattiveria e le botte, piace il trash, diamogli tutto senza fare gli ipocriti.



8. straniera ha scritto:

24 febbraio 2015 alle 20:29

Il programma nn è abbastanza forte e si sapeva dall’inizio, neanche le scorse edizioni ha fatto sfaceli negli ascolti(il pattinaggio sul ghiaccio nn è uno sport x tutti)…Io la giuria la salvo, è stata molto simpatica,avevo qualche dubbio all’inizio invece erano divertenti, facevano battute ed il clima era positivo…in realtà il cast è debole (a parte la Marini ed il pricipe),totalmente sbagliato il giorno della messa in onda.Anche l’isola dei famosi quando ha avuto 2 sett fa contro la fiction delle suore (Che Dio ci aiuti) nn è andata così bene, e il lunedì Rai1 ha fatto ascolti super,nn capisco xchè nn hanno continuato a mandarla in onda il lunedì,quelli di rai1 sono autolesionisti mentre a mediaset danno le mazzate e i vari programmi fanno squadra tra di loro!!RAI SVEGLIAAAAAAAAAAAA;)



9. Federica ha scritto:

24 febbraio 2015 alle 23:06

Il commento nr 1 l’ha scritto un emulo di Diaco?? Detto questo,il programma da che ricordi è sempre stato abbastanza noioso,il pattinaggio del resto o lo sai fare bene o viene fuori quella roba lì alla “Notti sul ghiaccio” !!!! Diciamo anche che chi non se ne intende di figure tecniche vuole vedere la caduta o lo scivolone dei concorrenti sennò che gusto c’è???? Sulla giuria direi che siamo lontani anni luce dallo Sgarbi che urlava “capra,capra!!” a Milo Infante…..



10. IlTeledipendente ha scritto:

25 febbraio 2015 alle 00:35

Trovo il paragone “Notti sul ghiaccio -Tale e Quale” alquanto sbagliato. Sì, sono entrambi celebrity-talent ma un buon critico tv dovrebbe carpirne le differenze senza fare di tutta l’erba un fascio. Ogni puntata di “Tale e quale” vive dell’eterogeneità delle sue esibizioni, tutte canore ma ognuna profondamente diversa dall’altra proprio per il carattere imitativo che ha in sé. E al pubblico sembra di assistere ogni volta a qualcosa di differente. Eliminare un concorrente a puntata toglierebbe valore a questa eterogeneità e quindi sarebbe un punto a sfavore del programma (non a caso Carlo Conti aggiunge alle già numerose imitazioni quella ulteriore di Cirilli). In sintesi più imitazioni ci sono, meglio è.
Discorso diverso per “Notti sul ghiaccio”: per quanto potrebbero fare gli autori, le esibizioni, trattandosi di una disciplina specifica, finiscono per assomigliarsi tutte. Troppe, soprattutto se ingabbiate in un meccanismo lento, rischiano di annoiare il pubblico. L’eliminazione di un concorrente a settimana sfoltisce il cast e permette quindi di diversificare in parte ogni puntata (ad esempio sostituendo il metodo “carrellata di esibizioni una dietro l’altra” molto più lento con il meccanismo delle sfide a due o altri comunque più veloci, come accade a “Ballando”).



11. Lina ha scritto:

25 febbraio 2015 alle 08:03

La versione russa di questo format è meravigliosa!



12. Kikka ha scritto:

25 febbraio 2015 alle 19:19

Oddio Lina che voglia di vedermi la versione russa ora, ah ah! ;-P)

Comunque concordo con quanto già detto e soprattutto con l’articolo di Mattia: è un vero peccato che la Rai si accanisca con ste cose…SOPRATTUTTO quando Milly aveva steccato di brutto già con Ballando: mi madre è un esempio del target tipico del genere Carlucci, e non ne può più neanche lei, il ritmo è LENTO!! non ce ne frega niente dei troppo lunghi dietro le quinte e salamelecchi, vorremmo un po’ più di talento sui pattini o in pista.

Eppoi dai, se si voleva solo la rissa in platea con la giuria bastava un qualunque talk show, no??
Davvero mi meraviglio con i capi Rai che non ci capiscono niente di tv e su come svecchiare qualcosa (…e noi paghiamo senza poterci esprimere ovvio!! :-/)

PS-Ironicamente a me piace la materia e mi sono pure comprata i dvd dei vari spettacoli sul ghiaccio o show di ballo, ma non sopporto la melensità e lentezza di questo genere di programmi.

Se non spevano far di meglio, per lo meno TAGLIATE di brutto 1 ora di programma allora, scommetto che il ritmo ringrazierebbe, amen!!



13. Lina ha scritto:

26 febbraio 2015 alle 06:57

@Kikka

Si chiama “Ледниковый период” ovvero “Era ghiacciale”: trovi tutto su Youtube.
Canale 1 TV Russia
Ad es. https://www.youtube.com/watch?v=IxZ3dsg5wIs



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.