18
febbraio

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV: SPECIALE SANREMO 2015

Festival di Sanremo

Promossi

10 ad Al Bano e Romina (per video e maggiori info clicca qui). L’ex coppia d’oro della musica italiana finalmente riunitasi sul suolo tricolore non può che emozionare, nostalgici e non. E’ stato l’evento di un Festival che di evento ha avuto poco. Voto all’intensità del momento, non certo ad Al Bano che, forse per emozione o semplicemente carattere, ha sovrastato un’insolitamente vispa Romina.

9 a Carlo Conti. Scanzonato ma mai sopra le righe, è stato super protagonista della settimana festivaliera, molto più dei predecessori Fazio e Morandi. Carlo ha dato una risposta a chi, ritenendolo un “mediano” della tv, lo considerava inadatto.

8 a Nek. Il rischio di un’assenza dalle scene, più o meno lunga, era quello di una perdita d’appeal in favore delle nuove leve dei talent show. E, invece, Filippo Neviani, di ritorno all’Ariston, non perde occasione per dimostrare chi è e chi è stato.

8 a Il Volo. Avrebbero potuto cantare anche l’elenco telefonico e probabilmente avrebbero vinto lo stesso. L’attaccamento che il pubblico di Rai1, che lo segue dai tempi delle edizioni record di Ti lascio Una Canzone, è smisurato. La loro vittoria ha fatto storcere il naso a molti, eppure se rapportiamo brano ed esecuzione al loro genere quanto portato sul palco dell’Ariston non è poi così male. Peraltro è giorni che stazionano alla prima posizione su I Tunes.

7 al Festival di Sanremo 2015. Sarà per la conduzione familiare di Conti, sarà perchè ormai la gara canora in tv è di casa o per una serie di scelte autorali dalla latente originalità, ma questo Festival sembra aver preferito la normalità al fattore evento (eccezion fatta per Al Bano e Romina che comunque potevano esser sfruttati ancora di più). Se comunque nelle ultime edizioni la noia era in agguato, quest’anno quanto meno c’è stato un certo ritmo nella scaletta e un sacrosanto sapore nazionalpopolare.

7 ad Annalisa. In un Festival in cui i talent show per “adulti” non hanno brillato, lei è quella che si è piazzata meglio. E pensare che tra tutti gli ex amici ancora in auge è quella che più si è staccata dal programma che l’ha lanciata. Sarà (anche di questo) il merito del suo quarto posto?

7 ad Arisa. Rosalba Pippa ha sin da subito sfoderato gli artigli, mostrandosi più sicura rispetto ad una tesissima Emma. Ha fatto di testa sua, senza ben ponderare il contesto, ma alla fine ha lasciato il segno. Non potendo contare né su glamour e né tanto meno su capacità nel condurre, la cantante lucana ha scelto la via dell’imprevedibilità portando, nel bene e nel male, qualche sprazzo di “follia” all’Ariston.

7 alle Nuove Proposte posizionate in access prime time. E’ la cosa di cui Conti va più orgoglioso e in effetti ne ha tutti i motivi. Ha trovato un modo per valorizzare i giovani senza però intaccare gli ascolti del Festival.

6 al claim Tutti cantano Sanremo. Giusta la trovata del filo conduttore, peccato che nella maggior parte dei casi non si sia riuscito ad integrarlo con efficacia nella scaletta. La scelta degli ospiti, poi, non è stata sempre felice (perchè fare uno spottone a Joe Bastianich e Sky?).

Bocciati

5 ai troppi ospiti musicali italiani. Bravi anzi bravissimi ma forse anche per rispetto ai big in gara bisognerebbe porre freno ai “superbig” ospiti. Inoltre sarebbe auspicabile che omaggiassero Sanremo con le loro più belle canzoni senza promuovere i loro ultimi lavori. Nel caso di  Tiziano Ferro, saremmo all’antica, ma se sei italiano, hai una canzone da promuovere e il tuo sogno è Sanremo (e non  sei mai stato in gara) dovresti presentarti tra i big.

5 ai comici italiani. Questo non è stato l’anno dei comici a Sanremo: se a cavarsela meglio sono stati i più navigati Giorgio Panariello e Luca e Paolo, Angelo Pintus e Alessandro Siani pagano inesperienza e l’aver preferito il monologo – sempre ostico a meno che tu non sia Fiorello – ad una più semplice gag. Il comico napoletano – battuta sul bambino oversize a parte – aveva già fatto la stessa cosa tre anni fa.

5 ad Emma Marrone. Emozionata al punto da apparire impacciata in più di un’occasione, la cantante salentina non ha superato lo scoglio del Festival di Sanremo. Non l’ha aiutata nemmeno un look che non l’ha saputa valorizzare. Lei voleva cantare e ne avrebbe avuto ogni ragione: perchè non sfruttare le doti canore delle vallette, visti altresì i tanti ospiti musicali italiani (ma anche i comici canterini) ?

4 ad Anna Tatangelo, grande sconfitta del Festival. Altro che pregiudizi (che sicuramente erano più forti anni fa quando si piazzò nelle prime posizioni), la verità è che le canzone non era un granché.

4 a Rocío Muñoz Morales.Il Festival è finito ma un interrogativo continua ad attanagliarci: perché Carlo Conti ha deciso di servirsi di una terza valletta e chiamare all’Ariston la ballerina e modella spagnola? E’ vero ha portato quel tocco d’eleganza che al Festival non può mancare ma la fidanzata di Raoul Bova non è riuscita ad andare oltre il gobbo. Paradossalmente è stata molto più apprezzabile in conferenza stampa dove abbiamo capito che è dotata di cervello. Va detto comunque che quest’anno lo spazio concesso alle presenze femminili è stato limitato quasi esclusivamente alla presentazione dei cantanti. Lontani, insomma, i tempi in cui le “ingombranti vallette” Belen Rodriguez ed Elisabetta Canalis tenevano banco, oltre che per le mise audaci, per le interazioni con gli ospiti e il resto del cantante.

1 al Sottovoce di Marzullo registrato al posto del Dopofestival che, in contemporanea, faceva furore sul web. Vogliamo il Dopofestival in tv.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


x factor pagelle
LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (8-14/2014): PROMOSSI X FACTOR E IL CAST DI SANREMO 2015. BOCCIATI SAVINO E LE POLEMICHE PER BELEN DESNUDA


Stasera CasaMika ep1_MIKA_LITTIZZETTO
Pagelle TV della Settimana (6-12/11/2017). Promossi Massimo Giletti e Marco Carta, bocciato Stasera CasaMika


Francesco Monte e Cecilia
Pagelle TV della settimana (30-10/5-11/2017). Promossi Le Iene e Michelle Hunziker. Bocciati Top Chef e Cecilia Rodriguez


Mara Maionchi
Pagelle TV della Settimana (23-29/10/2017). Promossa Mara Maionchi, bocciate le scelte Rai

17 Commenti dei lettori »

1. Groove ha scritto:

18 febbraio 2015 alle 11:15

Sono d’accordo su quasi tutto, il 7 al Festival era il voto che anche io pensavo, in effetti tutti abbiamo notato quanto fosse un normale varietá senza il sapore di evento, giusto il 7 ad Arisa ma a Emma almeno 6 glielo avrei dato, non sará stata la valletta migliore ma almeno ci ha provato e sopratutto con grande umiltá, Rociò invece non è servita a niente e non ha lasciato il segno, più che giusto il 4. La canzone di Anna Tatangelo non è cosí male invece, ora la sento alla radio ed è anche orecchiabile. Tiziano Ferro non ha bisogno di fare il Big a Sanremo, lui è un Big tutti i giorni e penso lo abbia ampiamente dimostrato nella sua ospitata, Sanremo ormai è una vetrina che serve a rilanciare cantanti un pò appannati, non è più il Festival di una volta, i tempi sono cambiati.



2. Marco89 ha scritto:

18 febbraio 2015 alle 11:16

Pagelle interessanti. Arisa promossa a pieni voti, Emma un po’ meno ma l’avrei promossa. Le vallette andavano sfruttate di piu’, cantare almeno nella serata delle cover e in quella finale, ma forse il rischio era oscurare gli altri. In ogni caso qualche siparietto in piu’ era ben accetto. Concordo su Rocio, dissento su Tatangelo, pezzo buono e svantaggiata non dal televoto. Promossa Annalisa che avrebbe dovuto trionfare, un’eleganza perfetta. Avrei bocciato il supporto della giuria alla solita Malika,solita storia.



3. Marco89 ha scritto:

18 febbraio 2015 alle 11:20

Concordo pure su Albano e Romina e sul Festival di Conti, senza guizzi e fasti ma godibile anche per il ritmo. Ferro in gara non avrebbe senso, vincerebbe a mani basse. Avrei bocciato la Nannini e Fragola non all’altezza di quel palco (bisogna andare a piccoli passi se non si e` fuoriclasse).
Il Volo invece lo boccio in pieno, vedremo cosa accadra’. Sicuramente Nek e Annalisa meritavano di piu’.



4. liberopensiero ha scritto:

18 febbraio 2015 alle 11:45

Concordo con tutti i giudizi. E’stato un festival molto tradizionale, infatti anche per quanto riguarda le valette si e’ritornati al modello anni 60.Nel corso degli anni il contributo femminile era diventato piu’importante infatti non si usava da anni il termine valletta ma coconduttrice. Quest’anno si limitavano ad annunciare i cantanti, restando ai margini forse anche per incapacita’di gestire la scena.Effettivamente va detto che Arisa si e’salvata per la sua surreale simpatia,bocciate Emma e Rocio.Per Emma la conduzione e’un miraggio puo’stare nella bambagia alla corte di Maria e farsi apprezzare come cantante.Annalisa e’molto brava e bella,ma non emoziona e sicuramente i test banali che canta non l’aiutano,difficile emozionarsi con certe banalita’ soprattutto se non si ha ancora e forse non si avra’mai una personalita’forte.Penso a Malika che prende una canzoncina anni 60,come cosa hai messo nel caffe’e la ricanta con tale maestria tanto da farle assumere significati inattesi.La giuria in questo caso ha fatto il suo lavoro.



5. Giuseppe ha scritto:

18 febbraio 2015 alle 12:00

Ragazzi, non dimenticatevi della bravissima Virginia Raffaele. Lei si che ha intrattenuto come si deve, per non parlare dei comici non annunciati, come i Boiler o Rocco Tanica che ho trovato perfetti e ben integrati all’interno del festival. Pintus ha clamorosamente sbagliato pezzo e Siani si diverte ancora a fare il “terrone” che viene al Nord (lo dico da originario calabrese anch’io trasferitomi al nord).



6. Vince! ha scritto:

18 febbraio 2015 alle 12:33

Mi sa che abbiamo visto due festival diversi… Gli alti ascolti, drogati dalla mancanza di contro-programmazione, hanno nascosto le molte pecche di un’edizione mediocre e con poche buone idee (i giovani anticipati, il ritmo delle prime serate e i momenti “alla Fazio” con ospiti decontestualizzati).

Una cosa è chiara: basta un cast di cantanti in gara già visti nei talent per assicurarsi tanto pubblico.

La cosa migliore è stato un dopo-festival esplosivo e fuori dalle regole, che si è potuto permettere certe libertà proprio perché in onda solo sul web.ima

Ottima Arisa: peccato che Conti, che ormai ha tutti i difetti del peggior Baudo, abbia fatto di tutto per contenerla dopo la scoppiettante serata del giovedì

Male Emma, chiaramente a disagio, e malissimo Rocio, che ricorderemo solo per i suoi pianti.



7. lele ha scritto:

18 febbraio 2015 alle 12:56

Condivido l’opinine di Vince tranne sugli ospiti che, essendo appunto decontestualizzati, risultavano inutili.

Per quanto riguarda il dopofestival credo sia meglio che rimanga sul web, medium ormai maturo e con pari dignità rispetto alla cugina (di grado indefinito) televisione. Con il trasferimento in tv si perderebbe certamente originalità e libertà.



8. Vince! ha scritto:

18 febbraio 2015 alle 13:11

@lele Grazie! Sono d’accordo con te sul Dopofestival.

Gli interventi degli ospiti fuori contesto non mi sono dispiaciuti, proprio perché sono durati sempre pochissimo. Forse in passato erano stati inseriti meglio nel programma, con una funzione precisa (come presentatori o come proclamatori della canzone vincitrice)



9. Vince! ha scritto:

18 febbraio 2015 alle 13:11

@lele Grazie! Sono d’accordo con te sul Dopofestival.

Gli interventi degli ospiti fuori contesto non mi sono dispiaciuti, proprio perché sono durati sempre pochissimo. Forse in passato erano stati inseriti meglio nel programma, con una funzione precisa (come presentatori o come proclamatori della canzone vincitrice)



10. Mattia Buonocore ha scritto:

18 febbraio 2015 alle 13:11

@Vince! mercoledì il Festival è stato controprogrammato ed è calato però mantenendosi su buoni livelli. La concorrenza di Fazio è stata ancora più blanda



11. Mattia Buonocore ha scritto:

18 febbraio 2015 alle 13:23



12. Viola ha scritto:

18 febbraio 2015 alle 14:59

D’accordo su tutto, un festival nella norma che non ha brillato in niente ma non ha neache floppato… L’unica cosa, secondo me é un pó ingenuo pensare che Tiziano Ferro possa solo progettare di andare a Sanremo in gara… a Sanremo vanno quegli artisti che hanno bisogno di visibilitá non certo quelli che riempiono gli stadi di tutto il mondo come lui e tutti gli altri SUPERbig :D



13. trucidatus ha scritto:

18 febbraio 2015 alle 15:35

Sono d’accordo più o meno su tutti i giudizi,però io avrei dato addirittura un voto tra l’8 ed il 9 all’idea di mettere le nuove proposte in prime time,perchè spesso, nelle passate edizioni,nonostante fossero dei concorrenti regolarmente in gara,il fatto di essere relegati dopo la mezzanotte li ha spesso penalizzati,mettendoli troppo in secondo piano,cosa che,con questa nuova procedura,quest’anno è avvenuta in misura di gran lunga minore ed anch’io,come griser,avrei dato ad Emma un 6,perchè,seppure con un po’ di insicurezza, almeno ci ha provato ed è andata sempre meglio della Morales,a cui solo dalla terza o quarta serata in poi sono state affidate un numero soddisfacente di presentazioni che,in qualche modo,ha portato a termine,ma,nelle prime due serate il suo ruolo è stato del tutto superfluo,in quanto solo a fine serata ha introdotto un cantante,ma per il resto della puntata, è entrata in scena solo quando si è trattato di mandare la pubblicità(stile “vallette di Aldo Biscardi”,che fanno,o sono costrette a fare, solo quello!!!!),facendo due o tre battutine in spagnolo di scarsissima efficacia (con tanti complimenti anche a chi gliele ha scritte……),pertanto,essendo d’accordo sul 4 attribuito a quest’ultima,anche secondo me la figura di una terza valletta si è rivelata a tratti un po’ ingombrante,tanto da non riuscire spesso ad attribuirle un ruolo adeguato.



14. Vince! ha scritto:

18 febbraio 2015 alle 16:28

@MattiaBuonocore: l’anno scorso il mercoledì ci fu (su Canale5, non su Rai3 o Sky) una bella partita di Champions col Milan che ebbe tanti spettatori e fece calare paurosamente gli ascolti del Festival, mentre il giovedì ci furono le gare di Europa League.



15. Bradz ha scritto:

18 febbraio 2015 alle 16:47

Non sarà stata la canzone più bella della Tatangelo…ma sicuramente tra quelle proposte era una delle migliori. Invece di dare voti a caso sarebbe meglio non darli



16. carlo ha scritto:

18 febbraio 2015 alle 21:30

d accordo con tutti i voti..tranne 2..
10 ad albano e romina per me è troppo..ok lo share e tutto ma non mi sono piaciuti
ovviamente non sono d accordo sul voto della tatangelo…la canzone è carina e meritava non solo la finale ma anche il podio per me..e come me la pensano in molti visto le proteste che ci sono state e la reazione dei colleghi (tipo pausini emma arisa ecc…) come al solito i pregiudizi hanno avuto la meglio perchè se avete visto i voti la tatangelo non ha mai rischiato l eliminazione al televoto anzi venerdi era tra i primi 10 ma la giuria e i giornalisti l hanno massacrata sempre e solo per i soliti pregiudizi!



17. giuseppe sanna ha scritto:

19 febbraio 2015 alle 11:32

Abbastanza d’accordo su alcune cose. Però forse il dopofestival su Rai 1 potrebbe far perdere ascolti alla stessa kermesse canora. Considerando i giudizi in diretta ai cantanti, come accadeva in passato, potrebbero stroncare la carriera di qualcuno. Credo anche che i superospiti italiani vanno bene, secondo me.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.