31
ottobre

CAMILA RAZNOVICH A DM: A KILIMANGIARO TUTTI AVEVANO VOGLIA DI CAMBIARE ARIA. ALCUNE CONDUTTRICI SONO TROPPO ATTACCATE ALLA POLTRONA

Camila Raznovich

E’ entusiasta, Camila Raznovich. E si appassiona quando ci parla dell’avventura televisiva appena intrapresa. Da tre settimane è alla guida della nuova edizione di Kilimangiaro, il programma di divulgazione dedicato viaggi e in onda su Rai3 la domenica pomeriggio. Una bella sfida per la conduttrice milanese, che è stata scelta da Andrea Vianello per sostituire – dopo quattordici anni – la storica presentatrice Licia Colò. L’avvicendamento ha fatto discutere ed ha portato con sé un restyling: il format è rimasto fedele ai reportage e ai filmati da tutto il mondo, ma con l’arrivo di Camila è stata potenziata la componente dell’intrattenimento. Domenica prossima, 2 novembre, verranno mostrati viaggi nei Caraibi, in Inghilterra, in Tunisia, nelle Filippine e in Australia. Tra gli ospiti, anche l’atleta Andrew Howe e l’alpinista Simone Moro.

Rispetto alle novità che avete introdotto, qualcuno potrebbe rimproverarvi di aver tradito lo spirito originario del programma…

No, quel qualcuno non ha evidentemente in mano il copione. Una cosa che noi abbiamo deciso, anche in maniera abbastanza studiata, è stata quella di non tradire le aspettative. Quindi a livello di filmati il programma è alla stessa quota degli anni precedenti. La matematica non è un’opinione: su quattro ore ci sono gli stessi identici filmati con gli identici stessi minuti. E’ cambiato semplicemente il nostro linguaggio.

Per ora gli ascolti sono stati altalenanti…

La scorsa domenica abbiamo fatto un ottimo risultato mentre quella prima un po’ meno, ma c’era Renzi ospite dalla D’Urso che ha sballato un po’ gli ascolti. La prima puntata è andata bene, la seconda così e così, poi è arrivato il 6.27% di share ed è stata una grandissima soddisfazione perché era al di sopra di quello che la rete mi aveva chiesto. Ciò non vuol dire che ora non caleremo più, però intanto ci siamo già presi quel bacino e siamo andati oltre il milione, che è un bel traguardo. Il nostro è un programma gestito per quattordici anni da un’altra persona, ed è possibile ci sia una lecita resistenza da parte di chi era abituato ad un prodotto condotto in maniera molto diversa. Io sono molto contenta, perché questo risultato è anche un premio alla professionalità e al rispetto che c’è stato per il passato.

Alla luce degli ascolti finora registrati, cosa ti aspetti per il futuro?Voglio continuare a stare coi piedi per terra. Non è che abbiamo fatto il botto, abbiamo solo fatto un ottimo ascolto per essere alla terza puntata. E’ ovvio che nel mio cuore io penso e spero che ci sia ancora possibilità di crescita, ma prima voglio che ci sia la qualità del prodotto perché è stata questa la base su cui io e Andrea Vianello ci siamo stretti la mano. Ero certa che gli ascolti sarebbero arrivati, ma onestamente nessuno poteva pensare a quando. Mi piacerebbe mantenere questo risultato, adesso non voglio pensare a cifre. Penso piuttosto a posizionarmi bene, ad avere un prodotto con una sua identità e piano piano credo che ci stiamo riuscendo.

Entrando nella squadra di Kilimangiaro hai incontrato qualche resistenza?

No. Sono stata molto sorpresa perché mi aspettavo un inserimento magari un po’ ostico, invece ho ricevuto un’accoglienza davvero molto genuina da parte di tutti. E’ come se anche loro avessero avuto un po’ voglia di novità. Alcuni sono collaboratori arrivati negli ultimi anni, mentre altri appartengono proprio alla vecchia gestione e dopo quattordici anni credo che chiunque abbia un po’ voglia di cambiare aria. Perché in tal modo ci sono la novità, la possibilità di rimettersi in gioco e di cambiare anche dei ruoli all’interno della squadra. Credo che l’abbiano vista tutti come un’opportunità e secondo me questo è ottimo.

Rispetto alla gestione di Licia Colò ti consideri più una rottamatrice o un’innovatrice?

Se fossi stata rottamatrice avrei cambiato il titolo e tutto il format, mentre noi abbiamo voluto mantenere identico il cuore del programma. E’ invece cambiato il lessico. Non mi sento una rottamatrice e nemmeno una innovatrice, perché io porto il mio mondo in un programma che già esisteva e andava molto bene anche senza di me. Io non mi sono inventata nulla, forse la trasmissione aveva solo bisogno di un nuovo linguaggio.

Ti sentiresti di ospitare Licia nel tuo programma?

Assolutamente. Io sarei felicissima se lei venisse a trovarci. Per come ha risposto lei finora non credo ne abbia nessuna intenzione e se lei dovesse dire che non viene rispetterei molto questa scelta e la capirei. A me piacerebbe moltissimo averla, ma non mi sembrano ci siano le premesse tra lei e l’azienda perché questo avvenga.

Credi che Licia se la sia presa un po’ anche con te?

Io sono convinta di non c’entrare niente, credo di essere entrata mio malgrado in una polemica tra lei e l’azienda. E’ normale che lei fosse arrabbiata e che poi i media interpellassero me. Ma l’azienda mi ha offerto un lavoro e di certo non dicevo di no. In generale, l’unica cosa che posso dire riguardo agli avvicendamenti televisivi – e non parlo solo del mio – è che trovo bizzarro che queste signore che devono cedere le poltrone a una nuova generazione si dimentichino che loro stesse abbiano sostituito conduzioni precedenti. E non mi sembra che nessuno abbia urlato allo scandalo quando questo è successo. Mi sembra ci sia un po’ questo atteggiamento: la poltrona è mia e me la tengo io fino a che crepo. Il caso di Licia è diverso, perché il programma era nato con lei, io la capisco ma detto questo la mia vuole essere una riflessione più allargata sull’avvicendamento, che credo sia normale e sano.

Consideri Barbara D’Urso come una tua competitor nel palinsesto della domenica pomeriggio?

No, giochiamo in due campionati diversi, è evidente. Lei ha un potere economico, aziendale, sociale… E’ la signora della tv pomeridiana, non posso essere considerata una sua competitor perché non siamo ad armi pari, quindi sarebbe una cosa totalmente sbilanciata e iniqua.

Facciamo un passo indietro e torniamo a Mamma mia che domenica, il programma che hai condotto su La7.  Su DM spiegasti che la rete ti avrebbe dato il tempo per farlo apprezzare, ma non è stato così. Dopo poche puntate ti spostarono su La7d…

Ci siamo resi tutti conto che era un programma sbagliato messo alla domenica pomeriggio. Oggettivamente era perfetto per La7d, dove poi siamo anche andati bene. Quelli sono più prodotti per televisioni settoriali, quindi è stato fatto un ragionamento molto sano. Sono una persona adulta, conosco il mio mestiere e capisco quando un prodotto può andare o meno senza fare drammi o personalizzare. Se in tv ci fossero meno personalizzazioni, renderemmo tutto più efficiente.

Ad oggi La7 non ha ancora trovato una soluzione per la domenica. E’ un problema di rete o di format?

Non saprei. Effettivamente alla domenica pomeriggio ci aveva provato anche Piroso, che in altre fasce andava bene. Forse è proprio un problema che La7 ha, ma devono solo investire di più e tener duro all’inizio. Molti dimenticano che anche Ballarò o Le Iene agli inizi non facevano gli ascolti di oggi. Giorgio Gori mi ha raccontato che agli inizi ha dovuto litigare perché Le Iene facevano il 3 o il 4%… E’ ovvio che la ripetizione e l’abitudine aiutino a consolidare uno share. Con la quantità di offerta televisiva di oggi, a volte le persone ci mettono tre mesi prima di accorgersi che sei in onda.

Se tornassi indietro, lasceresti di nuovo Amore Criminale?

Sì, perché il direttore di rete di allora mi tolse Tatami senza una vera ragione e mi propose solo Amore Criminale. Non sentendomi io supportata dalla rete, trovavo che non avesse senso fare un programma se non mi facevano fare l’altro. E poi, soprattutto, avevo già fatto otto edizioni e mi sembrava potesse bastare.



Articoli che potrebbero interessarti


Kilimangiaro
KILIMANGIARO – CI DIVERTIREMO UN MONDO: AL VIA LA NUOVA STAGIONE CON CAMILA RAZNOVICH


Camila Raznovich
CAMILA RAZNOVICH A DM: A RAI3 HANNO CERCATO IN TUTTI I MODI DI TRATTENERMI. CON MAMMA MIA CHE DOMENICA SO CHE NON FARO’ IL BOTTO


Nadia Toffa, Le Iene
Le Iene, Nadia Toffa in tv dopo il malore: «Mi sentivo strana, poi sono caduta di faccia. L’eliambulanza? Una figata pazzesca»


Jessica Melena
Le Capitane, Jessica Melena a DM: «Ciro Immobile è l’anti-calciatore. Non mi sento diversa dalle altre Wags perchè non metto in mostra tette e sedere»

11 Commenti dei lettori »

1. nicola ha scritto:

31 ottobre 2014 alle 16:52

Lei mi è anche simpatica, ma oggettivamente la Colò faceva ascolti ben più alti. E inoltre che significa che hanno apportato un nuovo linguaggio al programma? Non vuol dire niente.



2. kalinda ha scritto:

1 novembre 2014 alle 11:35

a me piace molto Camila ma non è adatta al programma, meglio una seconda serata stile Tatami o comunque un talk al femminile, lei potrebbe fare bene un Harem 2.0.



3. nicola dett ananda ha scritto:

1 novembre 2014 alle 16:07

Rivoglio Licia!era uno dei miei programmi preferiti!avete mandato via Licia!io non lo guardo piu!ciao ciao



4. silvio ha scritto:

2 novembre 2014 alle 00:24

fate tacere questa che non ha ne arte ne parte e si permette anche di parlare delle colleghe la colì ha anni e anni di carriera e si è vista togliere il posto da questa vorrei ben vedere che non gli girino



5. silvio ha scritto:

2 novembre 2014 alle 00:25

fate tacere questa che non ha ne arte ne parte e si permette anche di parlare delle colleghe la colò ha anni e anni di carriera e si è vista togliere il posto da questa vorrei ben vedere che non gli girino



6. giannileo ha scritto:

3 novembre 2014 alle 11:08

La Colò, che nn mi piace, faceva ascolti decisamente migliori. Poi io tutta questa aria nuova non la respiro mica… Mah…



7. giovanni ha scritto:

23 novembre 2014 alle 09:23

Non ho più seguito Alle falde del Kilimangiaro. La signora Colò ha ben altra professionalità e stile. Il programma per anni mi ha indotto a viaggiare in tutto il mondo ed a sognare nuove mete. Ora è una banale trasmissione di intrattenimento con linguaggio sommario e senza alcuna identità. Meglio leggersi un buon libro alla domenica pomeriggio. Oltretutto la conduttrice, ben osservandola, ha un’aria distratta ed ansiosa che disturba.



8. abate silvia ha scritto:

14 dicembre 2014 alle 18:56

Questa nuova presentatrice NON la sopporto !!!! Ha una voce a me sgradevole (tipo S. Ventura), urlante e poi fa troppi riferimenti alla sua vita…ma chi è costei ? Piùadatta a fare la pubblicità dei materassi !! Preferivo la Colò, più dolce e sottovoce, rilassava proprio i pomeriggi domenicali trascorsi in casa…. Anche Vergassola mi mette ansia…troppa velocità, troppo correre !! Ultimamente preferisco un buon film anche se mi dispiace perdermi i servizi – peraltro ben fatti – dei viaggi che si illustrano. Peccato !



9. Letisse ha scritto:

21 dicembre 2014 alle 18:50

Sono completamente d’accordo con Silvia, nemmeno a me piace Camila, non almeno per questa trasmissione.
Parla velocemente come se leggesse e non trasmette nessuna emozione. Trovo difficile anche seguire quello che dice, tutto incolore.
Quando c’era la Colo’ la guardavo sempre e dico sempre ma adesso non la guardo più’ perché non mi piace come viene condotta.
Peccato per i filmati di viaggio veramente belli, ogni tanto ancora mi capita di guardarli ma come finiscono giro canale.



10. scoccolaura ha scritto:

22 gennaio 2015 alle 16:48

Questa nuova conduttrice non mi piace. Non mi rilassa neanche un po.



11. scoccolaura ha scritto:

22 gennaio 2015 alle 16:51

Questa nuova conduttrice non mi piace. Non mi rilassa neanche un pò.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.