Web Series



15
giugno

140 SECONDI: SU RAI2 LA WEB SERIE IN ‘PILLOLE’ DI POCO PIU’ DI DUE MINUTI

140 Secondi

Da due stagioni a questa parte si sono affacciate nell’access di Rai2 alcune web serie prestate alla tv. Un appuntamento destinato a ripetersi anche nella seconda metà di giugno. Dopo Una mamma imperfetta, Ombrelloni e il più recente Zio Gianni, questa sera alle 21.00 è, infatti, arrivato il turno di 140 secondi, web serie scritta, diretta e interpretata da Valerio Bergesio. Già on line da tempo sul portale Ray, la serie, ispirata alla francese Bref, è composta da 15 episodi, e deve il suo titolo alla durata di appena 140 secondi.

140 Secondi è formata da tanti piccoli racconti, raccolti in pillole e narrati dalla voce fuori campo del protagonista. 140 secondi come 140 caratteri. Non c’è, infatti, molta differenza tra la maniera in cui il protagonista racconta la sua vita e il linguaggio condensato, veloce, sintetico di Twitter o dei social network in generale. Tutto deve dunque avvenire in 140 secondi.

140 Secondi – Trama

Il protagonista è Jacopo Alighieri, un ragazzo di quasi 30 anni che nella vita spera di trovare un lavoro, andare a vivere da solo e incontrare l’amore della sua vita. Piccoli obiettivi, in realtà molto difficili da raggiungere, che scatenano una serie d’avventure, imprevisti, fraintendimenti, lotte e precarie conquiste quotidiane nell’Italia dei nostri giorni. Gli episodi di 140 secondi sono autoconclusivi e possono essere visti indipendentemente l’uno dall’altro. Tuttavia, la visione complessiva e sequenziale degli episodi forma una trama precisa. Una struttura complessa che offre allo spettatore diversi livelli di lettura.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,




7
maggio

THE PILLS: LA SKETCH COMMEDY DOPO IL WEB ARRIVA IN TV. E PENSA AL CINEMA

The Pills

The Pills arriva in tv. La sketch comedy, nata sul web, debutterà con la sua seconda stagione in due speciali appuntamenti in onda su Italia1, questa sera al termine de Le Iene e venerdì prossimo al termine di Colorado, per poi approdare con una programmazione settimanale su Italia2, da domenica 11 maggio alle 21.50.

Nata nell’estate del 2011 da un’idea di Luca Vecchi, a cui si uniscono Matteo Corradini e Luigi Di Capua, The Pills è una sketch comedy in bianco e nero e a colori, spesso spiazzante, in continuo bilico tra il surreale e il grottesco. La serie racconta le vicende di tre amici che si ritrovano a dibattere, con toni irriverenti e ironici, su tematiche e luoghi comuni legati al mondo dei giovani.

La prima stagione, visibile sul web dal novembre 2011 al luglio 2012, è diventata in breve un piccolo fenomeno del web. Grandi consensi ha ottenuto in particolare la puntata finale, intitolata La Banda de Roma Sud, che vedeva la partecipazione di alcuni attori della serie originale Romanzo Criminale. Il successo di pubblico ha portato i 3 creatori della serie a condurre il programma Late Night with The Pills, andato in onda nel settembre 2012 su Deejay Tv. Dopo questa esperienza, è iniziata la scrittura e la produzione della seconda stagione, con l’intenzione di creare un prodotto capace di trovare spazio non solo sul web ma anche in televisione.

Gli episodi della seconda stagione, composta da 16 puntate di circa 10 minuti ciascuna, sono prodotte in collaborazione con Taodue. La casa di produzione, che negli ultimi anni ha contribuito a lanciare personaggi come Checco Zalone e I Soliti Idioti, cerca giovani talenti come conferma lo stesso Pietro Valsecchi nelle note di produzione.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


22
novembre

IMMAGINARIO WEB FEST 2013: PERUGIA APRE ANCORA ALLE WEB SERIES

IMMaginario Web Fest 2013

Dal 22 al 24 novembre Perugia si modernizza, si cybernizza e decide di aprire, ancora una volta, la sua storia e le sue porte al mondo del Web. I’IMMaginario Web Fest 2013, la più ampia e importante rassegna italiana dedicata alle web series, ai webdoc e ai web movies, si prepara, ancora una volta, a promuovere le proposte più interessanti partorite sul web, ad accendere i dibattiti sulla coesistenza pacifica o battagliera dei prodotti made in internet con quelli degli altri media e a capire quale direzione sarà imboccata dal futuro, per immaginare l’Italia che verrà.

300 autori e produttori, 100 web series italiane, 10 web series internazionali, 20 web doc, 9 web movies sono i numeri che animeranno l’edizione 2013 che, quest’anno, vanterà tra i partner Rai Cinema, Rai Fiction e Magnolia. Il programma, curato da Alessandro Riccini Ricci, Simone Laudiero, Annalisa Vacca con la collaborazione di Simone Arcagni, punterà, innanzitutto, sulle Web Series. Saranno, infatti, presenti tutte le principali esperienze italiane del genere: dai The Pills a Stuck di Ivan Silvestrini, dalla Buoncostume a the Jackal, da Una mamma imperfetta di Ivan Cotroneo a Le cose brutto di Ludovico Bessegato. Spazio anche ai Web Doc che proporranno una nuova forma di racconto legato al cinema e al giornalismo. In primo piano le produzioni sostenute da Il Fatto Quotidiano: A casa non si torna di Lara Rondoni e Giangiacomo de Stefano  e Tutto parla di voi di Ornella Costanzo e Fabrizio Giardina.

Concludono la rassegna i Web Movies presentati da Rai Cinema e Rai Fiction e, naturalmente, i Comix. Il mondo del fumetto vive la sua rivoluzione digitale e l’IMMaginario non può lasciarsi sfuggire l’occasione di indagare e approfondire il fenomeno. Marco Dambrosio Makkox, il più noto disegnatore digitale e antesignano della rivoluzione, racconta la sua esperienza partita dal web, arrivata alla carta stampata e, per finire, al Gazebo di Rai3.





14
ottobre

UNA MAMMA IMPERFETTA 2: RAI 2 CONTINUA A PUNTARE SULLA WEB SERIE DI COTRONEO

Una mamma imperfetta - Il cast con Ivan Cotroneo

La creazione di una web serie sulla difficile vita delle madri (e dei padri), alle prese con un mondo frenetico e pieno di impegni, è piaciuta ai vip (Fiorello ne ha twittato entusiasta), agli internauti e soprattutto ad Eleonora Andreatta, numero uno di Rai Fiction desiderosa di svecchiare la serialità di Viale Mazzini.

Una mamma imperfetta 2 su Rai 2

Così, malgrado ascolti sottotono (picchi negativi nell’access prime time di Rai 2 che hanno toccato il 3% di share), l’azienda pubblica ha deciso di continuare a puntare su Una mamma imperfetta proponendo da oggi – 14 ottobre 2013 – gli episodi della seconda stagione, girati quest’estate dal giovane regista Stefano Chiarini e in onda anche sul sito del Corriere alle 12:00.

Il progetto, sempre affidato al creatore Ivan Cotroneo, che per la prima serie ha curato anche la regia, sarà il naturale seguito di ciò che abbiamo già visto: altri venticinque giorni (dunque venticinque puntate) della vita di Chiara, a cui presta il volto Lucia Mascino. Ma non mancheranno le novità, come la presenza di almeno tre guest star. Come annuncia lo stesso autore dalle pagine del Corriere:

“Una delle quattro amiche forse resterà incinta, una perderà il lavoro. Ho anche potuto raccogliere le sollecitazioni del pubblico, come i messaggi del blog La 27esima ora di spettatori e spettatrici single”.

Una mamma imperfetta: ABC – Disney ha acquistato i diritti


3
maggio

UNA MAMMA IMPERFETTA – LA SERIE CHE PARTE DAL WEB E APPRODA IN TV

Una Mamma Imperfetta - il cast

Una Mamma Imperfetta - il cast

Da lunedì 6 maggio il pubblico del web potrà assistere al diario giornaliero di Chiara, multitasking in quanto mamma, moglie, professionista e soprattutto donna. L’appuntamento con la web serie Una mamma imperfetta è dal lunedì al venerdì alle ore 13:00 su Corriere.it per un totale di cinque episodi a settimana per cinque settimane, episodi che a settembre approderanno su Rai 2 per raggiungere così l’intero pubblico televisivo.

In un momento in cui le web serie stanno spopolando e rischiano di affollare il seppur infinito spazio del web, puntare su un tema così vicino alla quotidianità femminile è una mossa da professionisti. E infatti regista ed autore del progetto è Ivan Cotroneo, che avendo scritto per Rai 1 successi quali Tutti pazzi per amore e Una grande famiglia sa bene come arrivare dritto al pubblico. Il fatto poi che Chiara sia attorniata da Marta (Alessia Barela), Irene (Anna Ferzetti) e Claudia (Vanessa Compagnucci) per un totale di 4 amiche che parlano, sparlano e si confrontano cercando di non affogare nel caos delle proprie vite riporta alla mente Sex & The City. Il che è ancora più tattico.

Ad interpretare la protagonista è Lucia Mascino, attrice di cinema e teatro che solo gli appassionati del genere seriale ricorderanno nel ruolo di Loredana in Incantesimo 9. Per uno strano caso della vita per lei il ruolo di mamma imperfetta ritorna: adesso, però, è motivato dalle migliori intenzioni mentre all’epoca interpretava una madre un tempo drogata che usava il figlio, ormai cresciuto, per ricattare la nonna paterna e spillarle un po’ di soldi.





7
febbraio

UNA MAMMA IMPERFETTA: LA WEB SERIE A FIRMA DI RAI FICTION E IVAN COTRONEO IN AUTUNNO SU RAI2

Anna Ferzetti, Alessia Barela, Vanessa Compagnucci e Lucia Mascino (Foto by Massimo Insabato)

Dopo aver creato serie tv di successo come Tutti pazzi per amore e Una Grande Famiglia (la seconda stagione sarà sul set a fine marzo), ed aver diretto il suo primo film per il cinema La kryptonite nella borsa,  Ivan Cotroneo è pronto a cimentarsi in una nuova avventura professionale. Lo scrittore e sceneggiatore napoletano sarà, infatti, dal prossimo 8 febbraio dietro la macchina da presa di Una mamma imperfetta, una web series in 28 episodi della durata di 8 minuti ciascuno, trasmessa da aprile da lunedì al venerdì su Corriere.it.

Il progetto prodotto dalla Indigo Film di Nicola Giuliano e Francesca Cima arriverà in autunno su Rai2 in una collocazione oraria ancora da definire. Ambientata a Roma, tra un bar di via Flaminia, una scuola e due veri appartamenti all’Esquilino, la web serie avrà per protagonista Lucia Mascino nei panni di Chiara, una mamma come tante alle prese con i piccoli e grandi problemi quotidiani.

In ogni episodio Chiara racconterà in maniera ironica la sua giornata, segnata dalle richieste dei figli, le uscite con le amiche, i problemi di coppia, la gestione della casa, il lavoro, le attività sportive e le tante questioni che la vita porta ad affrontare ogni giorno. Un personaggio dunque nel quale tante donne costrette a conciliare la vita familiare e quella lavorativa sapranno facilmente identificarsi.


27
settembre

KUBRICK-UNA STORIA PORNO. DAL ROMA FICTION FEST AL DEBUTTO SU YOUTUBE DAL 2 OTTOBRE

Kubrick - Una storia Porno

Kubrick – Una storia porno: una possibile carriera nella prolifica industria dei film per adulti del maestro Stanley Kubrick, pronto a “darsi da fare” fra una ripresa e l’altra di alcuni dei più grandi capolavori della storia del cinema? Niente di tutto ciò. La nuova web serie prodotta da Magnolia e che verrà proiettata in anteprima il primo ottobre al Roma Fiction Fest 2012 e disponibile su Youtube dal giorno dopo, vede come protagonisti tre talentuosi registi in erba: Sergio, Nico e Dante, pronti a dar libero sfogo ai propri impulsi creativi realizzando una serie di cortometraggi nel garage di Dante.

Il cinema è la loro vita e così, quando inaspettatamente ricevono la telefonata di un produttore, i tre pensano finalmente di avercela fatta. L’esaltazione per la possibile realizzazione del proprio sogno si tramuta in stupore e riluttanza quando scoprono di essere stati reclutati da tycoon di film hard, pronto a puntare su giovani talenti in grado di realizzare piccoli corti pornografici per combattere i prodotti amatoriali, da sempre rivali del genere porno. Per loro, un compenso di 7.000 euro per ogni cinque minuti di filmato a luci rosse. Questo è l’interessante plot della serie ideata da Ludovico Bessegato che decide di puntare su un cast giovane ma con dimestichezza nel mondo dello spettacolo: in Kubrick-Una storia porno troviamo, infatti, Dario Aita già visto ne Il segreto dell’acqua, Lorenzo Richelmy de I Liceali, Elena Radonicicch a fianco di Francesco Pannofino in Nero Wolfe e Margherita Vicario dei Cesaroni.

L’idea è stuzzicante e promette di aprire una nuova finestra sul difficile destino di molti giovani alle prese con il proprio futuro, diviso fra sogni da realizzare e guadagni da intascare per poter sopravvivere. Lo spunto di unire giovani menti brillanti del magico mondo del cinema è poi stimolante per quanti vogliono perseguire la nobile aspirazione di debuttare come nuova promessa della cinematografia italiana, a patto che non si approdi sul mercato dei film per adulti.


29
settembre

FICTION SUL WEB. SE NON ORA, QUANDO?

Il Dinosauro di Terra Nova - Roma Fiction Fest

Domani sarà l’ultimo giorno del Roma Fiction Fest e qualcuno nemmeno si sarà accorto della sua esistenza. Questo succede perché la fiction non ha e non può avere la stessa tradizione del cinema e quindi anche un festival che riguarda un prodotto televisivo, nell’immaginario di molti, non può essere paragonato ad un festival cinematografico.

Eppure tanto sta cambiando e si capisce guardando i molti ragazzi che affollano l’Auditorium Parco della Musica già da qualche giorno. Saranno studenti di cinema, di Sociologia o di Scienze della comunicazione oppure semplicemente degli appassionati del linguaggio televisivo in generale e delle serie tv in particolare. Certamente le serie quelle con la “s” maiuscola sono quelle americane e su questo, credo, nessuno vorrà contraddirmi. Brothers and sisters, Damages, Dexter, Lost, 24 Hours, Nurse Jackie, Dirty sexy money (mi fermo altrimenti non vado più avanti a scrivere) non sono solo televisione ma si avvicinano moltissimo al linguaggio cinematografico. Anzi, se mi permettete, spesso vanno pure oltre il cinema stesso. E questo l’hanno capito, molto prima di me, registi Usa del calibro di Steven Spielberg che, infatti, è ormai un produttore di serie tv.

Il suo Terra Nova, è una serie andata in anteprima al Fiction Fest e che andrà in onda su Fox canale 111 di Sky a partire dal 4 ottobre, ogni martedì alle 21. Quasi in contemporanea con gli Stati Uniti dove l’anteprima ha avuto un discreto (ma non esaltante) successo, ed è stata seguita da 9 milioni di telespettatori. Aspettiamo anche di vedere il suo Falling skies, una serie sull’arrivo degli alieni sulla terra. Per questo immagino che il modello per tutti questi ragazzi che affollano il Fiction Fest non siano le fiction nostrane e che il loro desiderio, se un giorno vorranno fare il mestiere di registi o sceneggiatori, sia quello di realizzare prodotti come quelli statunitensi. Mi dispiace deluderli ma questo, in Italia, è praticamente impossibile.