Real Time



21
maggio

SKY: TANTI CANALI MA POCHI SPETTATORI ‘FEDELI’

Sky

Il bouquet intrattenimento di Sky

Una ricerca sui gusti degli italiani ha delineato qualche tempo fa i motivi che spingono i telespettatori italiani ad abbonarsi ad una pay tv. Il calcio è prevedibilmente in cima alla lista dei desideri dell’italico popolo, seguito poco dopo dal cinema e dalle serie tv. Non è un caso che la paytv di Cologno sta concentrando gran parte degli investimenti proprio sul calcio nazionale (Serie A e B) e internazionale (Europa League e Mondiale per Club) e su una library esclusiva di film e telefilm, che annovera tra le tante le pellicole di Warner e Universal.

Lo stesso dicasi per Sky che non si è fatta problemi (di soldi) ad accaparrarsi l’esclusiva della Champions League, arricchendo il proprio bouquet cinematografico con ben due nuovi canali. Una strategia che ripaga senza dubbio in termini di abbonamenti e che in linea teorica dovrebbe anche aiutare la restante offerta televisiva a crescere a livello di ascolti. Dati Auditel alla mano però, gran parte dei canali ospitati dalla piattaforma di Murdoch viene pressoché snobbata. Vuoi per l’assenza di una cultura prevalentemente americana sulla televisione a pagamento, vuoi per la particolarità del sistema televisivo italiano, il satellite sembra rappresentare ancora una “seconda scelta”, un’alternativa, per l’abbonato medio.

La televisione generalista rimane “centrale” nelle nostre abitudini televisive, come dimostrano d’altronde gli ascolti del bouquet Sky, che raggiungono picchi solo in seconda serata o in presenza di particolari eventi. Non aiutano in tal senso la notevole quantità di canali a disposizione e l’assenza di punti di riferimento dalla programmazione forte, studiata per un pubblico meno specifico.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,




16
maggio

PAOLA MARELLA A DM: REAL TIME HA SUCCESSO PERCHE’ SI AFFIDA A PERSONE REALI E NON E’ VOLGARE. MI PIACEREBBE FARE EXTREME MAKEOVER HOME EDITION.

Paola Marella

E’ la mediatrice immobiliare più famosa e stimata d’Italia. Merito di competenza ed eleganza che ha saputo imporre sul piccolo schermo in ben due dei programmi più riusciti dell’emittente rivelazione Real Time (digitale terrestre free canale 31, Sky canali 126 e 127, TivùSat canale 31). E’ Paola Marella, agente immobiliare indipendente specializzata in frazionamenti immobiliari in quel di Milano, protagonista di Cerco Casa Disperatamente e Vendo Casa Disperatamente (la nuova stagione in onda dal 16 giugno alle 22:10). DM l’ha intervistata per capire qualcosa in più sul suo exploit televisivo e su quello della rete che la ospita.

Allora Paola come si sente nelle vesti di personaggio del piccolo schermo?

Io resto comunque una mediatrice immobiliare, mi diverto a fare quello che faccio in tv ma devo dire che non mi sento un personaggio. Anzi, adesso che con il digitale sono molto più riconoscibile, mi sento un po’ spaesata.

Quale attività le rende di più dal punto di vista economico?

Quella di agente immobiliare. La visibilità ha portato sicuramente un incremento di richieste ma purtroppo poco localizzato nella città in cui vivo e lavoro che è Milano. Mi contattano da Rieti, Caserta, Napoli ma purtroppo io non ho una struttura che mi permette di poter seguire una transazione immobiliare in tutta Italia.

Potrebbe ingrandirsi…

In questo momento sono già molto occupata a Milano e l’impegno televisivo è maggioritario in termini di tempi.  Se dovessi dividere la settimana in cinque giornate, direi che tre sono per la tv e due per il mio lavoro.

Qual è il segreto del successo di un canale come Real Time?

Secondo me è dovuto al fatto che si affida a persone reali: ognuno di noi fa realmente il lavoro che si vede in televisione, siamo credibili perché siamo dei veri professionisti. E poi Real Time è riuscita a fare dei programmi non volgari. Abbiamo, ad esempio, il nostro vocabolario dove non ci sono parolacce o cose urlate. In definitiva Real Time è un successo perché propone immagini di vita reale.

Qual è il collega preferito?

Ho un rapporto meraviglioso con tutti e non riuscirei a fare un nome. Ci siamo trovati molto bene quando abbiamo lavorato insieme e devo dire che mi sono tutti molto simpatici.

Qual è, secondo lei, un programma volgare?

Purtroppo devo dirle che programmi come il Grande Fratello o La Pupa e il secchione, dove viene fuori di tutto e di più, a me non piacciono. È vero che la televisione deve essere realistica in tutto e per tutto, ma io, sarà per l’età, per la mia educazione o per altri motivi, non proporrei quelle cose. Intendiamoci, è un mio gusto personale perchè di televisione non ne capisco nulla. Quello che posso dire è che trovo che chiunque sia in tv debba cercare di avere un modo di essere non volgare perché c’è il rischio che qualcuno da casa lo ripeta come succede con i bambini.

Questo è uno dei motivi per cui la vediamo poco sulla tv generalista?

Non credo che la mediazione immobiliare, a differenza della moda o dei matrimoni, sia facilmente trasportabile sulla televisione generalista. Sono stata chiamata qualche volta e ho partecipato con grande gioia ma sempre in trasmissioni incentrate sulle case.

Che ne pensa di Extreme Makeover Home Edition?


15
maggio

REAL TIME: DA STASERA LA NUOVA STAGIONE DI “PAINT YOUR LIFE”

Paint your life, Barbara Gulienetti

Gli amanti di bricolage e fai-da-te, e gli spettatori cresciuti a pane e Art Attack, hanno imparato negli ultimi anni ad amare un prodotto divenuto fondamentale per una rete giovane e dinamica come Real Time: Paint Your Life. Il programma, giunto alla sua settima stagione e guidato, come sempre, da Barbara Gulienetti, ci propone anche quest’anno idee nuove per decorare abitazioni e interni.

Ancora una volta una miriade di originali trovate per rendere colorate ambientazioni di ogni tipo, contando sul riutilizzo di oggetti da buttare, come vecchie riviste, dischi non più ascoltati o impolverati scatoloni. La simpatica decoratrice e interior designer, ormai volto di punta del network (insieme ad Enzo Miccio, Paola Marella ed Alessandro Borghese), ci condurrà attraverso tutte le possibili strade che portino alla cosiddetta cultura del riciclo: ridare smalto a potenziali rifiuti, fino a renderli perfettamente adatti ad una patinata rivista di arredamento.

Lampade, piantane, piastrelle: nel corso delle prime edizioni del programma abbiamo visto realizzare veri e propri miracoli artigianali, spesso fondati sulla potenziale utilità del prodotto finale, più che sulla mera bellezza della trasformazione. La rete prova  a centrare ancora una volta l’obiettivo, considerando soprattutto la folta schiera di appassionati del settore. Sono infatti milioni gli italiani che si dedicano a questo hobby con totale dedizione e creatività, popolando negozi specializzati e siti web dedicati, con un interesse che diviene di mese in mese crescente.





28
aprile

WEDDING NIGHT, LA SERA PRIMA: ENZO MICCIO RIPERCORRE SU REAL TIME I MATRIMONI REALI DELLA STORIA, IN ATTESA DI WILLIAM E KATE.

Enzo Miccio

E’ stato definito da tutti il matrimonio del secolo, un vero e proprio evento che domani catalizzerà l’attenzione di mezzo mondo, trent’anni dopo le nozze reali tra Carlo e Diana. L’Inghilterra è pronta a vivere la favola di William e Kate, che questa sera Enzo Miccio, noto wedding planner del piccolo schermo e conduttore del programma tv ‘Come ti vesti?’ in onda su Real Time, ripercorrerà in una puntata speciale dal titolo ‘Wedding night: la sera prima’.

Un appuntamento che ci racconterà non soltanto di William e Kate, ma anche degli altri indimenticabili ‘royal weddings’ che li hanno preceduti: matrimoni reali che hanno fatto sognare intere generazioni e incollato alla tv milioni di persone, dalle nozze della Regina Elisabetta a quelle tra il Principe Carlo e Lady D. Amori, segreti, storie passionali e tragedie al potere che hanno segnato la vita degli stessi protagonisti e la storia di un intero paese.

Il tutto sarà ovviamente letto e ripercorso in una chiave decisamente ironica, quasi divertente, come è nello stile di Enzo Miccio: critiche agli abiti indossati, ai colori mal disposti, agli addobbi troppo eccentrici e alle location scelte, con un occhio alla sfilata delle star invitate. E ovviamente consigli ai novelli sposi per domani


18
aprile

CUCINA CON ALE: ALESSANDRO BORGHESE TORNA AI FORNELLI PER REAL TIME

Alessandro Borghese

Su Real Time bolle sempre qualche novità in pentola. Si appresta a debuttare infatti per la gioia di tutti gli affezionati della rete della quotidianità un nuovo angolo cucina destinato ad appassionare aspiranti cuochi ed esperte mamme. Cucina con Ale, questo il titolo del programma, dove l’Ale del titolo è il famosissimo Alessandro Borghese, conosciuto nell’ambiente dei fornelli come cuoco e gentiluomo.

Per il figlio di Barbara Bouchet, Magnolia ha pensato ad un nuovo programma che andrà in onda dal lunedì al venerdì alle 18, 40 e in replica la mattina alle 11,00. Il nuovo tinello catodico arricchisce il lungo curriculum televisivo e culinario dello chef, già protagonista di trasmissioni come Fuori Menu’, Cortesie per gli ospiti, Chef a domicilio, Cuochi e Fiamme, L’Ost, Cuoco Gentiluomo. Ogni giorno tre ricette e un consiglio musicale finale. Inoltre una lezione settimanale sulle ricette tradizionali delle varie regioni italiane.

Per chi si volesse portare avanti il sito anticipa già il menu della prima settimana di messa in onda. Tra le leccornie che usciranno dalle manine d’oro di Borghese ci saranno polpette al lime, caramelle di pesce spada con melanzane e cavolo viola, girelle di coniglio alla mela, spuma di yogurt ai frutti di bosco. Sul sito del canale ci sono già gli ingredienti, per i consigli di preparazione invece bisognerà aspettare la mano del maestro.





9
aprile

AUDITEL SAT E DTT DI MARZO 2011: OTTIMI ASCOLTI PER BOING E GLI ALTRI CANALI PER BAMBINI, SU SKY DOMINA IL CALCIO. CSI PIU’ VISTO DI CRIMINAL MINDS.

Garfield - Il programma più visto di Boing

Sono mesi che parliamo di frammentazione degli ascolti, che rivalutiamo alcuni risultati – sulla carta insufficienti – alla luce della moltiplicazione delle proposte di satellite e digitale terrestre. Ma qual è l’effettiva incidenza dei ‘nuovi canali’ nella guerra dell’auditel? E quali sono i programmi più visti? Cerchiamo di dare delle risposte esaustive analizzando i dati relativi al mese di marzo 2011 così come resi noti da Starcom. Innanzitutto occorre sottolineare l’incremento che le tv digitali fanno registrare nelle 24 ore rispetto al mese di marzo 2010: in dodici mesi, il pubblico è aumentato del 36% con Rai4 e La5 che si confermano tra i canali più visti.

I numeri più importanti sono comunque quelli di Boing che, con ‘Ben 10′ e ‘The Garfield Show’, ha raggiunto i 501.000 spettatori tra le 20 e le 21 di venerdì 25 marzo. Quello del tardo pomeriggio si conferma uno slot particolarmente adatto per i cartoni animati: proprio tra le 19 e le 20 di giovedì 10 marzo Rai Yoyo registra il suo miglior risultato con 297.000 giovanissimi che hanno seguito ‘Pinky Pinky Doo’ e ‘I cartoni dello Zecchino’. Notevoli anche i risultati di K2 che lunedì 28 ha totalizzato ben 303.000 spettatori tra le 18 e le 19 mandando in onda il cult ‘Pokemon’.

Aldilà dei cartoni animati e dei canali interamente pensati per i più piccoli, sono i film e le fiction ad ottenere i maggiori risultati sulla piattaforma dtt. La5 ha raggiunto il picco tra le 22 e le 23 di giovedì 24 con 454.000 telespettatori che si sono sintonizzati sul canale in rosa per seguire la commedia ‘Come tu mi vuoi’ con Cristiana Capotondi che distanzia di poco la pellicola cinese proposta da Rai4 mercoledì 23 ‘La foresta dei pugnali volanti’ che con 445.000 ascoltatori tra le 22 e le 23 si rivela il programma più visto del canale diretto da Carlo Freccero. Anche Iris naturalmente deve a una produzione cinematografica il record d’ascolto: si tratta di ‘Il Sesto Senso’ con Bruce Willis che tra le 22 e 23 di venerdì 18 ha fatto registrare ben 453.000 spettatori.


2
febbraio

REAL TIME: WEDDING PLANNER, IL GARBO CHE PIACE E FA SOGNARE

Enzo Miccio e Angelo Garini

Quale donna italiana non è attraversata spesso dal pensiero che valga la pena sposarsi solo per tutta quella serie di preparativi infiniti che rendono il giorno delle nozze indimenticabile? La magia del vestito bianco con balza e coda, come le principesse dei cartoni e le dame dei film, le bomboniere, la torta, la marcia. Enzo Miccio e Angelo Garini, i grandi esperti di stile che Real Time ha scelto come consulenti per l’amatissima trasmissione Wedding Planners portano dunque nelle case dei telespettatori il sogno del matrimonio, dando lezioni di chic con garbo e professionalità, senza mai scadere nel macchiettismo e nella grossolanità.

Nella puntata di oggi i due maestri sbarcano a Milano per organizzare una festa provenzale per le nozze di una pallavolista e di un allenatore che vivono all’ombra della Madonnina. Un’idea molto particolare che richiede uno sforzo immane per l’organizzazione ma che è presto risolta dai due poeti degli sposalizi, che per ogni evenienza sanno dove cercare e dove trovare gli ingredienti giusti. Quello che più colpisce della loro ricerca è innanzitutto l’emancipazione dell’estetica da intrattenimento per pettegole ad arte vera e propria. E per l’appunto come arte vuole il risultato finale richiede sacrificio, ma soprattutto studio storico, tecnico e artistico.

Nel caso specifico la ricreazione dell’atmosfera campestre provenzale richiede una documentazione e tutta una serie di oggetti, colori, tessuti e forme. Ecco allora le porcellane francesi al mercato dell’antiquariato per il bouffet, le enormi distese di lavanda per gli addobbi dei tavoli, le ceste di vimini con particolare scala di volumi, 150 chili di confetti, di colore bianco, avorio e beige. Una fucina di idee che ha il merito di diffondere la nozione di bello e di armonia e una curiosità proficua nello spettatore.


17
dicembre

IL BOSS DELLE TORTE: BUDDY CON LE SUE STRABILIANTI CREAZIONI TORNA DA STASERA SU REAL TIME

Buddy Valastro

Buone notizie per gli amanti delle torte e del buonumore su Real Time torna alle 23.10 Il Boss delle Torte. Il reality con protagonista il maestro delle torte più famoso d’America, Buddy Valastro, è giunto alla terza stagione. Ritroveremo così il simpatico pasticcere che, aiutato dalla sua famiglia, si dimostra un boss nel suo mestiere.

Non c’è nessun limite alla sua fantasia e alla sua bravura, puntata dopo puntata strabilianti torte dalle forme più impensabili, dalla Torre di Pisa ad un granchio in una pentola, vengono create per accontentare la sua esigente clientela. In questa terza stagione il nostro pasticcere farà anche un viaggio in Italia, patria d’origine alla quale sembra essere molto legato. Buddy, infatta, incarna tutti i clichè degli italo-americani: è simpatico, tarchiatello, porta avanti la bottega del papà e con lui lavorano le sorelle e i cognati, sotto la supervisione ovviamente di mammà, e, come se non bastasse, è originario del del New Jersey.

Alla visione dello show astenersi, dunque, da ogni riflessione sugli stereotipi che gli americani conservano sugli abitanti del Belpaese. Ma non è l’elemento reality quello per cui valga la pena guardare Il Boss delle Torte, piuttosto per la bravura di Buddy (più che un pasticcere è “un artista”) che sbalordisce  e, manco a dirlo, fa venire l’acquolina in bocca.