Pupo



5
maggio

MARKET – SFIDE AL MERCATO: PUPO AI FORNELLI ESTIVI DI RAI 1

Pupo

A dispetto delle nuvole che raffreddano gran parte dell’Italia, l’estate si avvicina. Almeno, si avvicina per la tv, che come sempre manderà in vacanza i programmi di punta tra poco più di un mese. Se Canale 5 ha dimostrato di voler proporre qualcosa di nuovo per non annoiare il pubblico con le solite repliche viste e straviste, Rai 1 sembrerebbe essere sulla stessa lunghezza d’onda, almeno per quel che riguarda la fascia del mezzogiorno.

Market – Sfide al Mercato: un nuovo cooking show con Pupo da giugno su Rai 1

Messe a riposo Antonella Clerici e La Prova del cuoco, a giugno arriverà all’ora di pranzo un nuovo programma, partito nel 2007 sul canale inglese Good Food. Andrà in onda, però, solo il sabato e si chiamerà Market – Sfide al Mercato: una sfida tra persone comuni che si cimenteranno ai fornelli per vincere una cena nel ristorante di un grande chef e si metteranno alla prova con varie ricette estive che, magari, potrebbero ispirare i telespettatori.

A sorpresa, ad animare lo show è stato chiamato un personaggio che con la cucina finora non ha mai avuto confidenza ma che si è invece dato molto da fare prima come cantante e poi come conduttore, presentando programmi di vario genere. Parliamo di Enzo Ghinazzi, in arte Pupo, che nella bella stagione ha evidentemente trovato la propria dimensione: escludendo la sua partecipazione a Ti lascio una canzone come giudice, negli ultimi anni ha spopolato nelle manifestazioni canore estive della Rai dove, nel 2007, aprì le danze del fortunatissimo preserale estivo Reazione a catena.

Market – Sfide al Mercato: Pupo in giro per i mercati




8
febbraio

PUPO VS SANREMO 2014: “FAZIO E PAGANI NON CREDO SIANO IN GRADO DI SCEGLIERE CANZONI DAL RESPIRO INTERNAZIONALE”

Pupo

Da Ti lascio una canzone all’imminente Festival di Sanremo, passando per il suo prossimo show in prima serata su Rai1, Enzo Ghinazzi in arte Pupo, in un’intervista a Il Tirreno, si rivela ancora una volta schietto e diretto. Il cantante dichiara di essere molto contento del buon debutto (circa 5 milioni di spettatori) ottenuto dallo show di Antonella Clerici, dove ricopre il ruolo di giurato, ma di preferire la vecchia formula con una giuria più cattiva (l’anno scorso fu accusato di aver fatto piangere una bambina):

Pupo: “mi piaceva di più la vecchia formula di Ti lascio una canzone”

“Mi aspettavo numeri molto più bassi, la concorrenza è agguerrita; la sfida ora è mantenere questi livelli. Sono tornato a Ti lascio una canzone per la stima che ho di Antonella Clerici e di Ballandi, anche se le repliche non mi piacciono, io vado sempre in cerca di cose nuove. E poi la formula più morbida di quest’anno, con una giuria meno “cattiva” non mi convince; mi piaceva di più la vecchia formula, in cui i concorrenti venivano giudicati normalmente, non per umiliarli, ma per abituarli a qualcosa di meno finto; d’altronde la Tv è molto spesso al limite della finzione.”

Presto su Rai1 con La mia banda suona il pop

Il ruolo di giurato per Pupo non è l’unico impegno di quest’anno con Rai1. Il cantante si prepara, infatti, ad una nuova avventura televisiva, un one man show, il cui titolo, come svelato da DM, è La mia banda suona il pop:

“La Rai ha già dato la disponibilità per fare due-quattro puntate test in primavera e poi, se va, replicheremo a settembre. Lo spettacolo è ispirato a un format straniero che ha avuto grande successo in Europa. Vuole essere una trasmissione musicale dedicata alle band emergenti, per farle suonare dal vivo, cosa che di solito non si fa nei talent.”

Pupo: “Mengoni e Emma cantano cose improponibili a livello interazionale”

E, a proposito di talent show, immancabile la stoccata sul genere tv più in voga degli ultimi anni:


19
gennaio

BOOM! LA MIA BANDA SUONA IL POP: ONE MAN SHOW DI PUPO AL VAGLIO DI RAI 1. PRODUCE BALLANDI

Pupo

Pupo

Tenetevi forte perchè, se non conosco male i gusti dei web-telemaniaci, questa non la digerirete con facilità.

Avete presente i one man show? Bene.

Siete anche consapevoli che il direttore di Rai 1 Leone abbia una (interessante) predilezione per spettacoli nei quali ci sia al centro della scena un unico mattatore? Benissimo.

Sapete anche che dopo Sogno e Son Desto di Massimo Ranieri questa voglia di varietà ‘agita’ ancor più il numero 1 dell’ammiraglia Rai? Perfetto.

Sapete, però, qual è il prossimo ‘prescelto’ per uno show con siffatte caratteristiche sulla prima rete pubblica? Pupo!

Proprio così, la tv di Stato sta lavorando ad un progetto che vede il testimone del ricongiungimento moscovita di Al Bano e Romina appropriarsi del sabato sera di Rai 1 per più puntate a primavera inoltrata. Di certezze ce ne sono poche, ma c’è persino un titolo: La mia banda suona il pop.





5
ottobre

AFFARI TUOI FESTEGGIA 10 ANNI CON BONOLIS, PUPO, CLERICI E GIUSTI

Paolo Bonolis Affari tuoi

Paolo Bonolis

Paolo Bonolis torna ad Affari Tuoi! Non si tratta di uno di quei boom ai quali vi abbiamo abituato e nemmeno di un colpo di scena firmato Rai1. Il conduttore di Avanti un Altro torna ad Affari Tuoi insieme ai conduttori che hanno fatto la storia della trasmissione per un Galà che sarà trasmesso dall’Ammiraglia della tv pubblica domenica 13 e lunedì 14 ottobre e che, quindi, si scontrerà con l’esordio di Piero Chiambretti dietro il bancone di Striscia la Notizia. Lo speciale andrà a celebrare i 10 anni del più fortunato access prime time della storia di Rai1, nato proprio il 13 ottobre 2003.

Affari Tuoi – Il ritorno degli ex

Padrone di casa resterà Flavio Insinna ma, oltre a Bonolis, il doppio appuntamento prevede anche la presenza di Pupo (al timone del gioco da settembre 2005 a marzo 2006), Antonella Clerici (da marzo a giugno 2006) e Max Giusti (da settembre 2008 allo scorso giugno). Ovviamente si tratterà di un doppio appuntamento all’insegna della beneficenza e chissà che gli ex mattatori dello show non si trasferiscano per una volta dall’altra parte del tavolo e tentino così di scovare i pacchi più ricchi.

Basterà il cambio di conduzione a Striscia la Notizia per arginare la puntata speciale di Affari Tuoi?


19
luglio

FESTIVAL DI CASTROCARO 2013: STASERA LA FINALE CON PATTY PRAVO. IN COLLEGAMENTO TELEFONICO FIORELLO, JOVANOTTI E PEZZALI

Festival di Castrocaro

La serata finale della 56° edizione del Festival di Castrocaro - Voci nuove volti nuovi, in onda questa sera su Rai 1 alle 21:10 in diretta da Piazza d’Armi a Terra del Sole, si preannuncia un po’ diversa dalle altre. Non tanto per la conduzione di Pupo, chiamato per la prima volta a prendere parte all’evento, ma per le intenzioni del direttore artistico Massimo Cotto che, come dichiarato a Il Messaggero pochi giorni fa, vuole portare la manifestazione ai fasti del passato e darle nuovo vigore.

“Vogliamo offrire un’altra vetrina ai giovani, oltre ai noti talent show e al Festival di Sanremo. Castrocaro è un moltiplicatore di spazi, un palco in più dove farsi notare, e per come lo concepiamo oggi non si esaurisce in una serata, ma inizia quando finisce, ovvero accompagniamo i giovani nel corso di un intero anno.”

Per raggiungere lo scopo la serata finale del concorso è stata strutturata in modo da tenere alto il ritmo e la gara tra i dodici finalisti, tutti di età compresa tra i 15 e i 29 anni. Ci saranno tre fasi: la prima, durante la quale i concorrenti si sfideranno esibendosi con una cover, la seconda durante la quale chi è passato si esibirà in un brano inedito e poi l’ultima tranche, in cui in due si contenderanno l’ambito titolo. La giuria sarà composta da Claudio Cecchetto, Marco Masini e Iva Zanicchi che partecipò a Castrocaro nel 1962.

L’aquila di Ligonchio non sarà però l’unica ex concorrente sul palco, dal momento che in veste di presenters ci saranno Paolo Vallesi, Lighea, Fiordaliso, Michele Pecora, Paolo Mengoli e Donatella Milani. L’ospite d’onore della serata sarà invece Patty Pravo, che ha appena pubblicato il suo nuovo disco. In collegamento telefonico invece Fiorello, Jovanotti e Max Pezzali.





13
giugno

PUPO CONDUCE IL FESTIVAL DI CASTROCARO 2013

Pupo

L’ultima apparizione televisiva degna di nota di Enzo Ghinazzi, in arte Pupo, risale all’autunno 2012, periodo in cui ha fatto parte della giuria di Ti lascio una canzone. Ma a sentire il suo nome a noi continua a venire in mente l’exploit sanremese dello stesso anno, quando mise in scena una finta e alquanto imbarazzante contestazione all’ospite d’onore Adriano Celentano, con la benedizione del conduttore Gianni Morandi.

Tornerà in tv nuovamente per un Festival italiano e stavolta per fortuna non come disturbatore ma nelle vesti di conduttore, professione che ormai dal 2005 porta avanti contemporaneamente a quella di cantante e che l’ha visto al timone di trasmissioni di successo quali Affari Tuoi, i Raccomandati e Reazione a catena. Sarà infatti lui a presentare la finalissima della 56esima edizione del Festival di Castrocaro, che andrà in onda su Rai 1 venerdì 19 luglio.

Il cantante, che ha dalla sua la capacità di mettersi in gioco e affrontare sempre con entusiasmo le nuove esperienze, anche quelle dalle quali sarebbe meglio astenersi tipo la partecipazione al Festival di Sanremo 2010 in gara con Emanuele Filiberto, è ben lieto anche di questa nuova avventura, come leggiamo in una nota Ansa.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


9
aprile

PUPO SUL FLOP DI TUTTO DANTE: BENIGNI, FIORELLO E CELENTANO HANNO BISOGNO DEGLI EVENTI CHE SUCCHIANO I BUDGET A DISPOSIZIONE

Pupo

La Divina Commedia ha portato Rai 2 all’inferno oppure è Rai 2 ad aver trascinato all’inferno la Divina Commedia? Parliamo dello spettacolo Tutto Dante di Roberto Benigni, in onda ogni mercoledì in prima serata sul secondo canale della tv di Stato. Appena 1 milione e mezzo gli spettatori che hanno seguito in media le prime sei puntate trasmesse, che valgono alla rete un fiacco 5% di share. Un flop decisamente inaspettato… ma non per Pupo:

“[...] è la chiara dimostrazione che non esiste nessun personaggio televisivo, compresi i vari Fiorello e Celentano, che possa prescindere dal contesto in cui viene rappresentato. Questi grandi talenti, più di altri, per funzionare bene, hanno bisogno che intorno a loro si crei l’evento. Senza un’accurata e programmata strategia, che in genere richiede molto tempo per la preparazione, notevoli investimenti economici e il supporto di una rete generalista importante come Rai 1 o Canale 5, il rischio di incappare in clamorosi e pericolosi flop è altissimo. Una cosa è la partecipazione straordinaria al Festival di Sanremo, un’altra è cercare di trasformare un successo live in un’affermazione televisiva diluita in più serate”.

Non solo. Il cantante punta il dito soprattutto contro gli eventi tv (e chi li organizza), come quello di Fiorello nel 2011 e l’ultimo di Benigni nel dicembre scorso, rei di portare in alto l’auditel tanto quanto la voce costi:

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


1
gennaio

HORROR TV 2012, IL BOTTA E RISPOSTA (CONCORDATO) TRA CELENTANO E PUPO AL FESTIVAL DI SANREMO 2012

L’ospitata di Adriano Celentano al Festival di Sanremo 2012 rimarrà probabilmente nella storia della tv, tra i vari attacchi alla Chiesa e ai giornali ad essa direttamente collegati, l’Avvenire e Famiglia Cristiana in primis. Tra i due lunghi monologhi ad opera del Molleggiato, per la Horror Tv 2012 abbiamo scelto in particolare quello in cui Celentano attacca la Consulta e a cui è poi seguito il pessimo intervento (provato) di Pupo, chiamato a fare il bastian contrario.