Prima Puntata



15
ottobre

LA GRANDE AVVENTURA (4^ PUNTATA) : STAGIONE 1985/1986 e LA SERATA SINGOLA PIU’ COSTOSA DELLA STORIA DELLA TV

Silvio Berlusconi (La Grande Avventura) @ Davide Maggio .it

Nella scorsa puntata de La Grande Avventura ci eravamo fermati alla stagione 85/86.

Una stagione ricca di cambiamenti.

Il primo è rappresentato dal quiz di Mike del giovedi sera che cambia radicalmente i propri “presupposti”.

Da quiz a gioco-spettacolo, il nuovo programma di Mike non vedeva più la presenza di concorrenti iper-preparati su uno specifico argomento (senza rinunciare all’ormai arcinota cabina finale) ma dava la possibilità a chiunque di poter partecipare e vincere e consentiva una più ampia partecipazione del pubblico a casa.

Fu così che si arrivò  Pentatlon, titolo che non solo ricordava il 5 di Canale5, ma identificava anche il numero delle prove presenti nel quiz.

La location fu quella dello studio 5 di Cologno Monzese che si presentava, per l’occasione, particolarmente avveniristico : decine di migliaia di led elettronici riuscivano a far cambiare colore allo studio per ognuna delle 5 prove dello show. 

La cosa singolare del nuovo quiz fu l’aver portato alla ribalta due nuovi giochi dai quali verranno tratti altrettanti spin-off negli anni seguenti. Vediamo, dunque, quali erano i 5 giochi in cui dovevano cimentarsi i 3 concorrenti :

  1. La prima prova era La Ruota della Fortuna che aveva lo stesso meccanismo del quiz che debutterà nel 1989 (troviamo un’anticipazione di quella che sarebbe poi diventata La Ruota della Fortuna anche in Ciao Gente, come ricorderete, ma in questo caso la ruota non c’era);
  2. L’inchiesta (gioco ripreso da SuperFlash) : i concorrenti, due alla volta in tutte le combinazioni possibili, dovevano sfidarsi per avvicinarsi il più possibile alle percentuali dei risultati dell’inchiesta. Al termine della seconda prova si formava una classifica tra i 3 concorrenti in gara. I primi due accedevano direttamente alla 4° prova mentre il terzo si scontrava col concorrente dello sponsor nella prova n. 3.
  3. Prontezza : a questa prova, realizzata con gli sponsor Bio Presto e Coccolino, prendevano parte come abbiamo detto il concorrente classificatosi 3° al termine della seconda prova e il concorrente dello sponsor. Andavano a creare l’accoppiata vincente proprio come i due sponsor. Da questa prova verrà successivamente tratto lo spin-off Tutti Per Uno a partire dal 7 ottobre 1993.
  4. Il Gioco dei Dadi : la prova era abbastanza semplice. Ogni concorrente che rispondeva correttamente alla domanda posta dopo il lancio dei dadi spegneva un numero di caselle pari al punteggio totalizzato con i dati nel tabellone alle spalle del conduttore. Vinceva chi spegneva più caselle;
  5. Il Raddoppio.

Un’altra novità di Pentatlon consisteva nella presenza, per la prima volta, di un cast all’interno di un quiz. Troviamo, infatti, il ventriloquo Josè Louis Moreno e il celeberrimo corvo Rockfeller scippati alla RAI.

Nel primo video di questo post, l’esibizione di Moreno nella prima puntata di Pentatlon.

Altra grande novità riguarda il venerdi sera. L’edizione del 1984 di Premiatissima fu sonoramente schiacciata dal primo Fantastico dell’era Baudo (Fantastico 5) che riusciva a totalizzare 18.000.000 di ascoltatori contro i 5 dello show Fininvest. La passione di Silvio Berlusconi per Premiatissima che rappresentava il Suo programma simbolo fa si che il programma continui ma sceglie di spostarlo dal sabato al venerdi.

Il programma si presenta con un cast tutto nuovo. Al timone ancora una volta Jhonny Dorelli che, però, in quest’edizione presenta da solo e viene affiancato da una showgirl diversa ogni settimana. Miss Fortuna è Sabrina Salerno che debutta in tv sedicenne. Nel cast figurano ancora l’imitatore Alfredo Papa come ospite fisso del programma (successivamente verrà assoldato al Raffaella Carrà Show), il gruppo comico La Tresca e i 4 gruppi in gara che interpretano le canzoni più popolari del passato nazionale ed internazionale.

I gruppi in gara sono :

  • I Robot : acronimo di Rossana Fratello, Bobby Solo e Little Tony che cantano insieme per la prima volta. In seguito condurranno insieme a Gino Rivieccio il quiz musicale mattutino di Canale5 “Cantando Cantando” nella stagione 87/88 e “Casa Mia” con l’aggiunta di Lino Toffolo;
  • I Passengers;
  • I Ricchi e Poveri : avevano partecipato alle precedenti edizioni di Premiatissima con l’eccezione di quella del 1984 ed erano considerati il portafortuna di Canale5;
  • Gruppo Italiano : per intenderci coloro che cantavano Tropicana.

Il programma vide anche la partecipazione straordinaria di Nino Manfredi che curava la rubrica Viva gli Sposi.

L’aver “giocato d’anticipo” si rivela una scelta azzeccata che riporta Premiatissima ai 10.000.000 di ascoltatori.

La vera novità arriva il sabato sera che era rimasto orfano di Premiatissima e doveva contrastare Fantastico 6.

Leggi tutte le altre novità della stagione 85/86 e scopri qual è stata la più costosa produzione mai realizzata per una singola serata :




27
settembre

ANTEPRIMA DM : WALTER VELTRONI E STEFANO RICUCCI DOMANI ALLA PRIMA DELLA INVASIONI

Walter Veltroni, Stefano Ricucci, Daria Bignardi (Invasioni Barbariche) @ Davide Maggio .it

Nei giorni scorsi si è fatto un gran parlare dell’abbaglio preso dal Venerdi di Repubblica sui 3 ospiti della prima puntata della nuova edizione delle Invasioni Barbariche che andrà in onda domani alle 21.30 su La7.

Trovate qui una spiegazione di Daria Bignardi su come sono andati i fatti.

Siccome, però, DM al Venerdi gli fa un baffo (si scherza eh) … sappiate che domani alla scrivania delle Invasioni dovrebbero essere piacevolmente accomodati :

  1. Walter Veltroni
  2. Stefano Ricucci
  3. ???

Visto che la conduttrice, in relazione ai primi 3 ospiti, parlava di “Buono, Brutto e Cattivo“, chi sarà il terzo?


8
maggio

1 CONTRO 100 : IMPRESSIONI A CALDO

Amadeus @ Davide Maggio .itQuelle scritte in questo post ed in quest’altro erano mie impressioni e mie valutazioni.

Adesso, invece, dopo la messa in onda della prima puntata e dati auditel alla mano possiamo fare un primo, piccolo bilancio.

Iniziamo col dire che gli obiettivi di rete, nella prima puntata, sono stati raggiunti. 1 contro 100 ha superato, anche se di poco, il 25% di share.

3.830.000 ascoltatori con il 25,36% di share.

Ma non è stato quel successo che il programma avrebbe meritato. Sapete già qual è secondo me il punto debole del programma. Inutile che torni sull’argomento. 

Unica pecca della puntata di ieri è stato l’audio. Il rumore che il pubblico è stato “costretto” a fare nel corso del programma non ha giovato. Già durante la registrazione, molto spesso capitava di non riuscire a sentire le parole di Amadeus e del Concorrente ma quel che è più grave è che hanno dovuto abbassare necessariamente l’audio e, a meno che le mie orecchie non mi abbiano tradito, l’audio della prima puntata era decisamente falsato e palesemente abbassato.

Relativamente alle impressioni sul programma, io ho già avuto modo di esprimerle. Mi piacerebbe sentire le vostre, a caldo. Per questo lascio a Voi la parola nei commenti. Quelli più interessanti saranno riportati nel post.

Quasi dimenticavo… La mia casella email è letteralmente invasa da aspiranti concorrenti o da personaggi già chiamati a fare il muro o il concorrente singolo. Mi piacerebbe contarli. Siete invitati, pertanto, qualora abbiate già partecipato e siate stati convocati per la registrazione delle puntate a commentare e a manifestarVi.

Prima di chiudere, a grande richiesta, i titoli di coda di 1 Contro 100 :

Autori :

  • Alberto Consarino

  • Filippo Cipriano

  • Nadine D’Archemont

  • Antonio Vicarenti

  • Daniel Visintin

  • Manolo Bernardo

  • Barbara Rempi

  • Mauro Sucato

Regia : Giuliano Forni

Produttore Esecutivo Mediaset : Carlo Gorla

Produttore Esecutivo Endemol : Edmondo Conti

Direttore di Produzione Mediaset : Paola Moro

Direttore di Produzione Endemol : Adriana Lettini

Adattamento Scenografico : Claudio Brigatti

Direttore della Fotografia : Riccardo Barbaglio

Costumi : Francesca Schiavon

Organizzatore di Produzione : Fabrizio Tadini

Assistenti di Produzione : Ludovica Azzerboni e Lucilla Scicchitano

Assistenti alla Regia : Gianroberto Marelli e Raffaella Pederzoli

Arredamento : Francesca Catalano

Advertising Producer : Sissy Carullo e Alberto Fonti

Amadeus veste : Tonello

Giovanna Civitillo veste : Pinko, Lori Blu, Salvini e inoltre Paoloni, Extè, Anna Rachele, Kor a Kor, Met, Franceschetti, Lea Foscati, Paciotti

Make Up : Prestige Cosmetics

Sigla 1 contro 100 : (M. Longhi / G. Vanni) ed. RTI

Studio : 11 Cologno Monzese

Realizzazione Esecutiva : VideoTime s.p.a.

Format creato da : Endemol Nederland B.V.

Licenziato da : Endemol International B.V.

Copyright : Endemol Italia


Dai Commenti…

Elia scrive :

Davvero TROPPA confusione.. Ho visto su youtube qualche episodio dell’edizione americana, e l’atmosfera in studio (molto meno “da stadio”) è tutta un’altra cosa.. La “caciara” fa perdere quella sensazione di tensione che credo sia fondamentale in un gioco di questo tipo.. Spero vivamente che decidano di moderare un po’ gli animi, credo che il risultato finale (anche in termini di qualità audio) non potrebbe che guadagnarne..

Pox (concorrente seconda puntata) scrive :

Comunque al di là di Amadeus, non vorrei ripetermi, il format è coinvolgente. E a partecipare ci si diverte un sacco…

Il muro è decisamente troppo chiassoso, ma, secondo me, l’effetto è dovuto allo studio che non è così grande come sembra e rimbomba.

Vieri scrive :

Il format è fortissimo.
E penso che il punto forte sia proprio il pubblico urlante e caciarone che sovrasta le parole e i pensieri del concorrente mettendolo in difficoltà, irritandolo e spronandolo a sbagliare (a tum tum tum, b tum tum tum, c tum tum tum). Divertentissimo. Non toglie per niente la suspense.
Naturalmente se presentasse topo gigio sarebbe più coinvolgente.
E la civitillo… mah…





3
maggio

1 CONTRO 100 : BUONA LA PRIMA! (2^ parte)

1 Contro 100 @ Davide Maggio .it

Riprendiamo il discorso interrotto qui.

Dovevamo parlare dei “però”.

Non me ne voglia Amadeus, ma il primo però è sicuramente lui.

E’ un conduttore poco poliedrico, non eclettico ma sempre uguale a se stesso che non riesce a far proprio il programma che conduce e non coinvolge l’unico e il solo destinatario del suo show, il pubblico, che determina il successo o meno di un programma.

La fortuna, in questo caso, è l’aver avuto la fortuna di condurre un programma nei confronti del quale le critiche da muovere sono ben poche, se non inesistenti.

Sembra riproporsi la stessa e identica situazione dell’Eredità in cui il successo era decretato dal format in sè e non dal conduttore. L’accresciuto successo del preserale di RaiUno, con il passaggio del testimone da Amadeus e Conti, ne è la testimonianza.

Al tempo stesso, però, la possibilità che il programma non possa riscuotere il meritato successo a causa di una conduzione poco avvicente non può essere eslcusa a priori.

Amadeus e Giovanna Civitillo @ Davide Maggio .itIl secondo “però” è arrivato con la terza domanda. Amadeus annuncia che “sarà introdotta con un oggetto che verrà portato in studio da… Giovanna Civitillo“.

[A prescindere dal fatto che la Civitillo, in un primo momento, non è arrivata e Amadeus s'è irritato perchè nessuno l'aveva avvisata], è stato questo il momento in cui sono rimasto allibito, senza parole.

Capisco che l’amore sia una cosa meravigliosa (che retorica spicciola, ah ah ah) ma da qui a dover a tutti i costi inserire la propria fidanzata per questioni personali che poco interessano al telespettatore, ce ne passa parecchio.

Se, peraltro, la ”performance” della Civitillo si fosse rivelata una ”variazione sul tema” interessante, il problema diciamo che non si sarebbe posto.

Ma la cosa triste è che l’ex scossa dell’Eredità non fa altro che entrare in studio, rimanere accanto ad Amadeus e al concorrente per il tempo necessario alla formulazione della domanda per poi sparire e non tornare mai più!

Una presenza decisamente inutile che non credo porti un valore aggiunto al programma ma soltanto eventuali critiche (probabilmente giuste) di chi vedrà nella presenza della ballerina un favore fatto in famiglia!

Con i “però” è tutto! Non ci resta che attendere la prima puntata per farvi sbizzarrire con i commenti.

Sono certo che, nonostante i “però”, il programma non possa non piacere!

CURIOSITA’

  • Si dice che Amadeus abbia una sua personale scaramanzia. Dice che il verde gli porta sfiga e, a quanto pare, durante la convocazione dei concorrenti oltre a far presente di non indossare abiti viola, si suggerisce di non portare abiti verdi.


3
maggio

1 CONTRO 100 : BUONA LA PRIMA! (1^ parte)

1 contro 100 @ Davide Maggio .it 

E così sono iniziate le registrazioni del tanto atteso 1 contro 100.

Si aprono le porte dello studio 11 di Cologno Monzese e finalmente viene “data in pasto ai presenti” la scenografia a mio giudizio favolosa del nuovo preserale di Canale5.

I lettori del blog col sottoscritto hanno inizialmente occupato la prima fila della parte centrale dello studio insieme al detentore del guinness dei primati in fatto di ospitate tv (Alessandro Cocco).

Su suggerimento della regia, però, veniamo succcessivamente spostati in un’altra parte dello studio in cui l’età media del pubblico si aggirava intorno ai 60 anni e c’era bisogno di gente “carina da vedere e attiva”.

Arrivati alla “nuova destinazione”, iniziano le domande del pubblico già gradevolemente accomodato. “Scusate, ma voi siete pubblico normale?”.

Mi sarebbe piaciuto rispondere che, in effetti, di normale avevamo ben poco ma, almeno come pubblico, eravamo normalissimi!

In studio regnava la confuzione e un evidentissimo nervosismo.

Un numero spropositato di addetti ai lavori, a mio avviso superfluo, non contribuiva a rendere la situazione più tranquilla e rilassata.

D’altronde, essendo una coproduzione Mediaset-Endemol, doveva essere tutto (o quasi) moltiplicato per due.

Iniziano le prime prove di animazione gestite dai due animatori di studio (per Mediaset c’era l’inossidabile Damiano Gagliani che negli ultimi tempi è stato messo in secondo piano dalla new entry Jack).

Come tutti gli animatori di studio, i due si sono esibiti nei soliti, fastidiosi siparietti da mancati presentatori con l’obiettivo di riscaldare il pubblico ma risultando, in realtà, così forzatamente simpatici da risultare poco credibili e soprattutto poco divertenti! Ma questa non è una particolarità del programma in questione. E’ caratteristica instrinseca in ogni animatore di studio.

A questa fase di riscaldamento è stata data parecchia importanza. Ha, infatti, in 1 contro 100 un ruolo fondamentale la partecipazione attiva (da leggersi più correttamente “casino”) sia del muro che del pubblico stesso.

Il muro (i 100 personaggi che sfidano il concorrente principale) viene adeguatamente istruito affinchè durante tutto lo svolgimento della puntata rumoreggi e canticchi per prendere praticamente per il cxxx  in giro il concorrente, per così dire, principale.

Il pubblico, dal canto suo, ha il compito di sostenere  l’ “1″ che si trova solo…  contro 100!

Il risultato è, senz’altro, un’atmosfera da stadio, a tratti eccessiva, ma in fin dei conti decisamente simpatica e gradevole.

Finalmente si sgombera lo studio da questa quantità industriale di figure professionali che hanno suscitato in me, in alcuni casi, profonda ammirazione ma in altri profonda rabbia e, come da classica tradizione televisiva, al grido collettivo e ben augurante di “MERXAAAAAAA“ inizia la prima puntata di 1 contro 100.

Fa il suo ingresso Amadeus.

E’ teso e si vede da un miglio.

Saluta a malapena il pubblico ed è poco padrone del palco come da… tradizione. “Indossa” l’ormai inseparabile auricolare alla Ambra Angiolini, fa delle prove di diffusione audio e dà il via.

Sigla!

Dopo pochi minuti di cerimoniale, si procede con la prima domanda e col primo… guasto tecnico.

Viene sospesa la registrazione e si riprende dopo una mezz’oretta.

Con la ripresa della registrazione, riprendono anche i guasti tecnici che si susseguono uno dopo l’altro con frequenza imbarazzante.

Amadeus perde la pazienza ma mantiene sempre un certo self control. Dopo una “minaccia” di abbandonare lo studio al prossimo inconveniente tecnico e un velato rimprovero per il filare non proprio liscio della prima registrazione si entra nel vivo del programma.

E c’è poco da fare. 1 contro 100 è, come prevedevo, un gran bel programma.

Fresco, veloce, immediato, allegro e… non impossibile!

Concorrente e Muro “combattono” l’uno contro l’altro per cercare, il primo, di batterli tutti e portare a casa i 200.000 Euro in palio e gli altri di riuscire a “sottrarre” al giocatore il montepremi accumulato grazie alle loro risposte sbagliate.

La suspance è garantita e sottolineata da una giusta musica che accompagna i momenti salienti della trasmissione.

L’accessibilità delle risposte rende sicuramente il telespettatore partecipe e curioso di conoscere l’esito del gioco.

Una scelta, quella di 1 contro 100, che può far sperare a Canale5 di tornare leader nella bistrattata fascia del preserale che quest’anno ne ha viste di cotte e di crude.

E’ chiaro che si sono dei “però” che “macchiano” quello che, a mio parere, è un successo garantito!

Per questi “però” vi do appuntamento alla seconda parte del post che pubblicherò nel corso della giornata.