Premium Crime



1
settembre

LA NUOVA VITA DI J.LO IN TV, TRA SHADES OF BLUE (IN ARRIVO SU PREMIUM CRIME) E IL FILM PER HBO

Jennifer Lopez in Shades of Blue

Poco prima del debutto negli Usa di Shades of Blue, la Bibbia televisiva Tv Guide scrisse: “Jennifer Lopez si appresta a sfidare se stessa in una rischiosa scommessa dove si è gettata senza risparmiarsi tra tante altre attività. E’ senz’altro la più importante e incerta della sua carriera”. A distanza di tempo, e a circa tre settimane dalla partenza di Shades of Blue in Italia su Premium Crime – prevista per il 22 settembre -, la scommessa appare decisamente vinta. La serie – che vede la cantante ed attrice impegnata nei panni di una detective della polizia corrotta che, incastrata dell’FBI, è costretta a tradire i colleghi – è stata, infatti, premiata negli Stati Uniti da buoni ascolti, e confermata in palinsesto per una seconda stagione, nella quale Jennifer Lopez oltre che protagonista sarà coinvolta anche come produttrice.




6
luglio

PALINSESTI MEDIASET PREMIUM 2016/2017

Premium Mediaset

I canali pay Premium hanno in serbo per i propri abbonati molte novità per la stagione televisiva 2016/2017: tante serie televisive e film in prima tv che riempiranno i palinsesti di Premium Stories, Premium Action, Premium Crime, Premium Joi e Premium Cinema (1, 2, Comedy, Energy ed Emotion). Eccoli nel dettaglio.


13
marzo

LAW & ORDER – UNITA’ SPECIALE: NUOVI CASI PER OLIVIA BENSON

Law & Order: Special Victims Unit

Tra spin off, adattamenti stranieri, docu-reality, film per la tv, e opere correlate, la “famiglia” di Law & Order, storica serie televisiva statunitense trasmessa dal canale NBC, non solo si è negli anni allargata a dismisura, ma non sembra risentire affatto del passare del tempo. La serie madre (in Italia ribattezzata Law & Order – I due volti della giustizia) ha chiuso i battenti nel 2010, con all’attivo ben 20 stagioni, e Law & Order: Unità Speciale, primo spin off della serie, sembra essere destinato a bissarne il successo. Negli Stati Uniti si lavora ad una diciottesima stagione, mentre nel nostro paese tra poche ore potremo seguire, in prima visione e in prima serata su Premium Crime, il primo dei 23 episodi che compongono il diciassettesimo capitolo.





24
febbraio

BOSCH: DA QUESTA SERA SU PREMIUM CRIME LA SERIE TV ISPIRATA AI ROMANZI DI MICHAEL CONNELLY

Bosch

Novità in arrivo su Premium Crime. Quest’oggi in prima serata prenderà il via Bosch, serie crime ispirata a La bionda di cemento, La città delle ossa e Il cerchio del lupo, tre dei più celebri thriller di Michael Connelly, re della letteratura noir americana. Già presidente della Mystery Writers of America, Connelly firma in prima persona il progetto televisivo nelle doppie vesti di sceneggiatore e produttore esecutivo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


13
ottobre

100 CODE: SU PREMIUM CRIME ARRIVA IL THRILLER NORDICO CON DOMINIC MONAGHAN

100 Code

Due detective agli antipodi, Conley ed Eklund, sono i protagonisti di 100 Code, la nuova serie di Premium Crime in onda in prima tv da questa sera alle 21.15. Basata sul romanzo Merrick dell’Irlandese Ken Bruens, 100 Code si aggiunge al lungo filone di “gialli nordici”, particolarmente apprezzato dagli appassionati sia in libreria che in tv, ed è prodotta dal Premio Oscar Robert Moresco (miglior sceneggiatura per Crash nel 2006), il quale dirige anche 3 episodi.





11
ottobre

FOREVER: LA SERIE “IMMORTALE” CON IOAN GRUFFUDD

Forever

Anche se non sempre è facile da ammettere, tutti quanti abbiamo paura della morte, al punto da sognare in alcuni casi l’immortalità per noi stessi piuttosto che per i nostri cari. Ma siamo così sicuri che trasformarsi in veri e propri “highlander” sia poi la giusta soluzione? Ad essere immortali si potrebbe correre il rischio di annoiarsi. E’ il caso del dottor Henry Morgan, brillante medico legale di New York, protagonista di Forever, la nuova serie Abc in onda alle 21.15 su Premium Crime. In Forever, il personaggio interpretato da Ioan Gruffudd (già visto al cinema come Mr. Fantastic ne I Fantastici Quattro), infatti, tra un caso e l’altro, risolto con le sue straordinarie doti intuitive dettate dall’”esperienza” di 200 anni di vita, studia addirittura una “cura” che lo renda mortale.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


23
aprile

MURDER IN THE FIRST: UN’INDAGINE LUNGA 10 EPISODI DA STASERA SU PREMIUM CRIME

Murder in The First

Il maestro della serialità crime americana, Steven Bochco, già ideatore di titoli cult di genere quali NYPDHill Street Blues e vincitore di ben 10 Emmy Awards, è tornato con una nuova “creatura”: Murder in the first. In Italia la serie verrà trasmessa in prima assoluta da Premium Crime ogni giovedì in prima serata, da stasera 23 aprile 2015.

L’idea è avvincente: durante tutta la stagione si ripercorrono vicissitudini legate ad un solo caso, dalle indagini al processo, passando per l’arresto. La serie si compone di 10 episodi e la storia è ambientata a San Francisco. La coppia di detective protagonisti, Terry English (Taye Diggs) e Hildy Mulligan (Kathleen Robertson), indaga su due casi di omicidio che si rivelano legati tra loro e conducono ad un giovane prodigio della Silicon Valley, Erich Blunt (Tom Felton).

Nel corso dell’indagine la moglie di English muore e la divorziata Mulligan ha problemi col figlio. Le piste da seguire si frappongono con i problemi personali dei due. Nella struttura la serie ricorda molto Murder One, altra serie cult di Bochco del 1995. Murder in the first, co-ideata da Bochco con Eric Lodal ed andata in onda in America su TNT, è già stata rinnovata per la seconda stagione: la messa in onda americana dei nuovi 10 episodi è prevista per l’estate 2015. Originariamente la trama era concepita come un unico caso lungo 22 puntate, progetto poi convertito in due casi da 10 episodi l’uno.


29
gennaio

FALCO: “L’ULTIMO SBIRRO” D’OLTRALPE ARRIVA DA STASERA SU PREMIUM CRIME

Falco

Da stasera i fan del commissario Mick Brisgau potranno compensare l’astinenza da “The Last Cop” con le avventure del suo alter ego francese Alexander Falco. Alle 21:15 su Premium Crime parte la prima stagione di “Falco”, la serie campione d’ascolti oltralpe nonché adattamento francese dell’ormai famosissimo “Der letzte Bulle”.

Falco: la trama

La serie, ideata da Clothilde Jamin e trasmessa con successo su TF1 dal 20 giugno 2013, è un poliziesco che in patria ha ottenuto ottimi ascolti pari ad oltre il 27 per cento di share. Nei primi sei episodi che compongono la prima stagione, conosceremo l’agente di polizia Alexander Falco (Sagamore Stévenin) che, durante un conflitto a fuoco avvenuto nel 1991, rimane ferito da un proiettile che lo costringe allo stato di coma. Dopo 22 anni si risveglia trovando un mondo totalmente diverso da quello che aveva lasciato: la moglie Carole (Mathilde Lebrequier) si è risposata, mentre sua figlia Pauline (Marie Béraud) stenta a riconoscerlo come figura paterna e ad instaurare un rapporto con lui. Oltre alla difficoltà di riallacciare i rapporti con i suoi affetti, Falco dovrà misurarsi con i grandi cambiamenti avvenuti nella società, oltre che con le nuove tecniche d’indagine scientifica che nel corso degli anni si sono affinate. Difatti, invece di accettare il prepensionamento, l’agente decide di riprendere servizio presso la centrale di polizia dove lavorava due decadi prima, dovendo confrontarsi con il serioso tenente Romain Chevalier (Clément Manuel), con Jean-Paul Ménard (Arno Chevrier) – suo ex compagno di volante divenuto nel frattempo Commissario – e la brigadiera Eva Blum (Alexia Barlier).

La serie è già stata rinnovata per una terza stagione e si è aggiudicata il premio di “miglior nuova serie del 2013” al Festival di La Rochelle. Apprezzatissima sia dal pubblico che dalla critica, “Le Figaro” ha così commentato il successo di Falco: “Segnatevi il nome di Sagamore Stévenin, è perfetto nel ruolo del cane sciolto, la sua cifra non sono gli anni ’90 in cui è caduto in coma, quanto i polizieschi anni ’70 dei bracci violenti della legge, senza regole e dritti all’obiettivo, barba incolta perché non c’è tempo e ci si è dimenticati cos’è il rasoio come l’amore (rischi di tagliarti con entrambi). Anche se sa che il secondo sarà il colpevole più arcigno da inchiodare al muro, prima o poi”.