Paolo Sorrentino



8
aprile

THE YOUNG POPE: PAOLO SORRENTINO SBARCA SU SKY CON UNA SERIE TV

Paolo Sorrentino

Habemus fiction. La fumata bianca arriva da Sky e Wildside, che hanno annunciato la firma di un accordo con Paolo Sorrentino per la sceneggiatura e la regia della prima serie tv realizzata del vincitore premio Oscar. The young Pope è il titolo provvisorio del progetto con cui il blasonato regista debutterà sul piccolo schermo, reduce dal trionfo a Los Angeles del suo ultimo film, La Grande Bellezza.

The Young Pope: Paolo Sorrentino racconterà la storia di un Papa italo-americano

Dalla Roma decadente di Jep Gambardella al Vaticano il passo è breve: così, stavolta, Sorrentino presenterà la storia di un Papa italo-americano immaginario. In otto puntate da 50 minuti, scritte in collaborazione con Stefano Rulli e Umberto Contarello, il regista premio Oscar racconterà al pubblico di Sky il Vaticano visto dall’interno, provando a guardare oltre la cornice degli scandali e dei misteri. La serie, interamente diretta da Sorrentino, si avvarrà di un cast internazionale ma al momento non è ancora stato reso noto il nome dell’attore che interpreterà il “giovane Papa”. La trama affronterà la storia “di un Papa immaginario, Lenny Belardo, il primo pontefice italo-americano della storia. E la vicenda si svolgerà fra la Città del Vaticano, l’Italia, gli Sati Uniti e l’Africa” ha spiegato al Corriere Lorenzo Mieli, che assieme a Mario Gianani è a capo della società di produzione Wildside.

Sempre secondo Mieli, Paolo Sorrentino “ha inventato questo personaggio per uscire dal minimalismo, perché in tv bisogna raccontare grandi storie“. Un entusiasmo, quello presente nelle sue parole, condiviso anche da Andrea Scrosati, Vice Presidente Sky per Cinema, Intrattenimento, News e i canali partner. Queste, le sue dichiarazioni sul lancio del progetto:




5
marzo

LA GRANDE BELLEZZA: SORRENTINO E SERVILLO FESTEGGIANO L’OSCAR DA FAZIO SU RAI 3. NESSUN PASSAGGIO A MEDIASET CHE LO HA PRODOTTO?

La Grande Bellezza: Sorrentino e Servillo festeggiano l'Oscar a Che Tempo che Fa

La Grande Bellezza: Sorrentino e Servillo festeggiano l'Oscar a Che Tempo che Fa

Una festicciola tra amici, nel salotto (televisivo) più in vista. Roba da Jep Gambardella, per dire. Domenica prossima, 9 marzo, Paolo Sorrentino e Toni Servillo saranno ospiti di Che tempo che fa, reduci dal prestigioso trionfo de La Grande Bellezza agli Oscar 2014. Lo ha annunciato ieri Fabio Fazio, che in prima serata su Rai3 ospiterà il regista napoletano ed il popolare attore per festeggiare la vittoria del loro film a Los Angeles nella categoria riservata alla miglior pellicola straniera.

ha twittato Fazio. Così, il conduttore potrà tornare a parlare di “grande bellezza” anche dopo l’ultimo Festival di Sanremo, dedicato con insistenza al tema. Sorrentino e Servillo, al contempo, riceveranno il meritato plauso in prime time su Rai3: sarà la loro prima apparizione in uno studio televisivo dopo la vittoria ottenuta agli Oscar, e qui va riconosciuto il colpaccio messo a segno da Che tempo che fa e dal servizio pubblico.


4
marzo

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (24/02-2/03/2014). PROMOSSI SORRENTINO E IL CAST DI BRACCIALETTI ROSSI, BOCCIATI FAZIO E LA CANCELLAZIONE DI MAI DIRE GF

L'Oscar alla Grande Bellezza

Promossi

10 a Paolo Sorrentino. Il regista partenopeo, dopo 15 anni, riporta un Oscar nel Belpaese. Un motivo di soddisfazione anche perchè La Grande Bellezza – può piacere o meno – è una pellicola diversa e insolita rispetto a quelle cui il cinema italiano (ma anche quello a stelle e strisce) negli ultimi anni ci ha abituato.

9 al cast di Braccialetti Rossi. Parte del successo della fiction di Rai1 va anche alla nutrita schiera di interpreti. Tutti giovanissimi, tutti sconosciuti o alle prime armi, eppure capaci di dare voce ad una storia così delicata.

8 al varo di Sky Atlantic. Per un giudizio a tutti gli effetti bisognerà aspettare l’effettiva partenza, tuttavia non possiamo che accogliere con estremo favore l’introduzione di un canale che si promette finalmente di fare quello per cui una pay tv è geneticamente predisposta. Sky Atlantic, infatti, accontenterà le nicchie acchiappando altresì pubblico pregiato.

7 a Giorgia, cantante dal grande talento che ospite in tv (venerdì ha tenuto a battesimo Il Meglio d’Italia) non delude mai. Peccato che gli organizzatori del Festival di Sanremo 2014 abbiano preferito privarsi del suo duetto con Alicia Keys.

6 ad American Horror Story Coven. La terza stagione della saga nata dalla mente di Ryan Murphy non appare all’altezza delle precedenti. Il genio interpretativo di Jessica Lange non riesce a colmare le lacune nella sceneggiatura.





3
marzo

PAOLO SORRENTINO CONTRO RAI FICTION: “FAREI UNA SERIE TV, SKY E’ L’UNICO INTERLOCUTORE. TV GENERALISTA LEGATA A SCHEMI OBSOLETI”

Paolo Sorrentino - Oscar 2014

Paolo Sorrentino - Oscar 2014

Paolo Sorrentino ha vinto l’Oscar per il Miglior film straniero con La Grande Bellezza, ed è inevitabile che ora tutti salgano sul carro del vincitore. E c’è chi, alla vigilia dell’Oscar, ha anche rivendicato le origini del regista, come Tinny Andreatta, Direttore di Rai Fiction, che a Tv Talk non ha mancato di precisare che sì, anche nel Belpaese esiste una contiguità tra cinema e televisione, come dimostrato proprio dal regista napoletano, che è nato nelle fila Rai con La Squadra. Per l’azienda pubblica, nonostante il film Premio Oscar sia prodotto dal diretto concorrente, non può che essere motivo d’orgoglio.

Lo stesso però non si può dire per Paolo Sorrentino che invece, in una recente intervista a Wired, ha preso decisamente le distanze da viale Mazzini e da Rai Fiction, criticando senza se e senza ma il modello produttivo italiano. Al regista non dispiacerebbe affatto occuparsi di una serie tv perché “ci sono temi complessi che sarebbe semplificatorio contenere in un film” e le serie invece “permettono una narrazione complessa”. Peccato che tutto ciò non sia fattibile perché solo Sky è ad oggi “l’unico interlocutore possibile per la produzione”. Non proprio un bel biglietto da visita per la direzione guidata dalla Andreatta.

Il regista peraltro ha pressoché rinnegato il suo passato, quella Squadra in cui è nato ma che era solo frustrante. C’erano condizionamenti sui contenuti, condizionamenti economici, e c’erano tanti paletti che tutto ti spingeva a un appiattimento, a un prodotto senza vere ambizioni”. Quindi sì alle serie tv, ma no se queste sono le condizioni di Rai ma anche di Mediaset, che peraltro è produttore proprio de La Grande Bellezza, perché sono “ancora legati a una televisione melodramma, con schemi obsoleti” mentre “gli americani sono più avanzati per quanto riguarda la libertà di chi fa, libertà nella scelta delle cose da raccontare e nel modo di raccontarle”.


3
marzo

OSCAR 2014: LA GRANDE BELLEZZA MIGLIOR FILM STRANIERO. ECCO TUTTI I VINCITORI

Oscar 2014, Paolo Sorrentino Toni Servillo

Notte magica al Dolby Theatre di Los Angeles. L’Italia è tornata a brillare tra le stelle del cinema: La Grande Bellezza, il film diretto da Paolo Sorrentino, ha infatti vinto l’Oscar come miglior film straniero. Un trionfo atteso e sperato, che arriva dopo 15 anni dall’ultima statuetta assegnata ad un italiano, Roberto Benigni, nel 1999. La cerimonia di premiazione è stata trasmessa in diretta su Sky Cinema Oscar HD.

La pellicola, che racconta la ‘dolce vita’ romana del giornalista Jep Gambardella (interpretato da Toni Servillo) ha battuto – tra gli altri – i rivali di nomination Alabama Monroe e Il sospetto di Thomas Vintenberg. Emozionato e emozionante il ringraziamento formulato dal regista Paolo Sorrentino, salito sul palco a ritirare la statuetta assieme a Servillo e al produttore Nicola Giuliano:

“Grazie a Toni e Nicola, grazie agli attori e ai produttori. Grazie alle mie fonti di ispirazione, i Talking Heads, Federico Fellini, Martin Scorsese, Diego Armando Maradona. Mi hanno insegnato tutti come fare un grande spettacolo. Che è la base per il cinema. Grazie a Napoli e a Roma, e alla mia personale grande bellezza, Daniela e i nostri due figli.  Sono molto emozionato, questa vittora era tutt’altro che scontata. Gli altri film erano forti, mi sento felice e sollevato” ha detto il regista.

Oscar 2014: i vincitori

Selfie dagli Oscar





2
marzo

OSCAR 2014: LA CERIMONIA DI PREMIAZIONE QUESTA NOTTE SU SKY CINEMA OSCAR

Oscar 2014

Mancano poche ore alla Notte degli Oscar 2014. Tutto è pronto sul palco del Dolby Theater di Los Angeles per la cerimonia di premiazione degli Academy Awards. Quella di quest’anno sarà per noi italiani un’edizione molto speciale della kermesse. Dopo 8 anni il nostro Paese è, infatti, di nuovo in gara per la categoria Miglior film straniero con Paolo Sorrentino e La Grande Bellezza.

L’ultima volta dell’Italia nella cinquina dei candidati al Miglior film straniero risale al 2006 con La bestia nel cuore di Cristina Comencini, ma in quel caso la statuetta era poi andata a Le vite degli altri. L’ultimo trionfo è invece nel 1999, quando grazie a La vita è bella di Roberto Benigni l’Italia vinse, oltre al premio come Migliore Film Straniero, anche l’Oscar per il Miglior Attore (Benigni) e quello per la Miglior Colonna Sonora (Nicola Piovani). E’ da 15 anni dunque che l’Italia aspetta di riavere tra le mani l’ambitissima statuetta.

Tutti coloro che vorranno sostenere la corsa all’Oscar de La Grande Bellezza, in onda il prossimo 4 marzo in prima serata su Canale5, potranno seguire in diretta la cerimonia di premiazione su Sky Cinema Oscar HD. Anche quest’anno Sky ha infatti riservato all’evento un intero canale (presente alla posizione 304 fino al 3 marzo). La Notte degli Oscar andrà in onda in diretta questa notte, 2 marzo 2014, a partire dalle 22.50, quando prenderà il via il collegamento in diretta dagli studi Sky dove Gianni Canova, Francesco Castelnuovo e Denise Negri introdurranno la notte più lunga del cinema. Dopo il glamour del Red Carpet, arricchito dai commenti in studio, a partire dalle 2.30, verrà trasmessa la cerimonia di premiazione degli Academy Awards 2014.


20
aprile

SORRENTINO E LA BELLEZZA DELLA CAPITALE SBARCANO A CANNES

Festival di Cannes 2013

Festival di Cannes 2013

I riflettori del cinema sono pronti a essere puntati sulla cittadina francese dal prossimo 15 Maggio, e Cannes tra i suoi tappeti rossi e le sue bianche barche darà spazio anche al cinema italiano. Poche chicche ma di notevole spessore.

A rappresentare la nostra nazione nella corsa all’ambita Palma d’oro ci penserà Paolo Sorrentino. Il regista napoletano presenterà la sua ultima creatura, una pellicola dedicata a Roma, ai suoi vizi e alle sue bellezze, con protagonisti Toni Servillo, Carlo Verdone e Sabrina Ferilli.

Dopo “Il Divo” del 2008, opera dedicata alla figura di Giulio Andreotti, si ricompone l’accoppiata Sorrentino-Servillo per un film a metà strada tra il Satyricon e La dolce vita. “La Grande Bellezza” infatti racconta il volto nobile della nostra Capitale ma anche quello volgare, raccontando la storia di Jep Gambardella, un giornalista approdato a Roma all’età di 26 anni.