Michele Riondino



20
gennaio

Michele Riondino è il protagonista di «Fedeltà» su Netflix

Lucrezia Guidone e Michele Riondino

Lucrezia Guidone e Michele Riondino

Nuova produzione italiana per Netflix. Sono partite oggi, 20 gennaio, le riprese di Fedeltà, una nuova serie tv in cantiere da parecchio tempo. Era marzo 2019 quando la piattaforma streaming annunciò l’acquisizione dei diritti audiovisivi del romanzo di Marco Missiroli, da cui sarà trattata la serie. Con uno scatto che immortala i due protagonisti, è Netflix sui social ad annunciare l‘apertura del set.




30
aprile

Uno Maggio Taranto, nessun concertone ma un docufilm su La7. Intervengono anche Elisa, i Negramaro e Chef Rubio

Uno Maggio Taranto

Uno Maggio Taranto Libero e Pensante

Come accaduto per il Concerto del Primo Maggio, anche l‘Uno Maggio tarantino, la manifestazione che da sette anni vuole sensibilizzare sulle difficoltà della città pugliese, non si ferma ma cambia necessariamente forma. Il concerto – organizzato da Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti – non ci sarà. La scelta, infatti, è stata quella di sostituire la classica manifestazione di piazza con una serie di interventi sui social e con un docufilm, che andrà in onda domani, in seconda serata su La7, subito dopo Propaganda Live di Zoro.


13
gennaio

La Guerra è Finita: tutti i personaggi

La Guerra è Finita - Carmine Buschini

La Guerra è Finita - Carmine Buschini

Un racconto corale, del quale sono protagonisti il dolore e la voglia di ricominciare di un gruppo di persone sopravvissute alle seconda guerra mondiale. Uomini, donne e soprattutto bambini, di età, provenienza ed esperienze di vite diverse, faranno fronte comune per andare avanti e ritrovare la voglia di sorridere. Sono loro i protagonisti della nuova fiction di Rai 1 La Guerra è Finita, e andiamo a presentarveli.





13
gennaio

La Guerra è Finita: Rai 1 racconta i dolori del dopoguerra e la voglia di ricominciare

La Guerra è Finita - Michele Riondino e Isabella Ragonese

La Guerra è Finita - Michele Riondino e Isabella Ragonese

Rai 1 torna a raccontare la guerra e l’Olocausto, ma lo fa da un punto di vista diverso, quello di chi è sopravvissuto. Non si parte, tuttavia, da un happy end, perchè dagli orrori del conflitto e dalla perdita delle persone care si guarisce a fatica, ed è proprio questo lungo percorso di rinascita che sarà raccontato nelle quattro puntate de La Guerra è Finita, fiction realizzata da Palomar e Rai Fiction in onda a partire dalle 21.25 di oggi.


26
febbraio

La Mossa del Cavallo – C’era una volta Vigata: Rai 1 punta ancora su Andrea Camilleri

La Mossa del Cavallo - C'era una volta Vigata

La Mossa del Cavallo - C'era una volta Vigata

Il battito del mio cuore è un po’ accelerato. Ho deciso di mostrarvi l’altro aspetto della mia narrativa. La Mossa del Cavallo l’ho trasportato dalle parti di Vigata e Montelusa, narra di autentici fatti ri-raccontati a modo mio. Siccome è il primo dei miei romanzi storici che viene fatto in televisione, confesso di essere emozionato. Mi auguro di tutto cuore che vi piacerà“. Questo è quello che Andrea Camilleri sta ripetendo da settimane al pubblico televisivo negli spot de La Mossa del Cavallo – C’era una volta Vigata, film tv prodotto da Palomar e Rai Fiction che andrà in onda questa sera su Rai 1.





28
settembre

IL GIOVANE MONTALBANO 2: UN PREQUEL DAVVERO BEN RIUSCITO

Il Giovane Montalbano

Torna questa sera con il terzo appuntamento della seconda stagione Il Giovane Montalbano, la fiction di Rai 1 tratta dai romanzi di Andrea Camilleri che rievoca i primi anni a Vigata di Salvo Montalbano, il commissario più amato dal pubblico televisivo. Gli ascolti, seppur ottimi (23.52% la prima puntata e 21.98% la seconda) non hanno raggiunto quelli della prima stagione, cosa che invece ha fatto il risultato finale in video.


22
marzo

IL GIOVANE MONTALBANO: NUOVI CASI PER IL COMMISSARIO INTERPRETATO DA MICHELE RIONDINO

Il Giovane Montalbano (Foto di Fabrizio Di Giulio)

In attesa di seguire le avventure di Bentornato Nero Wolfe, in onda dal prossimo 5 aprile, il giovedì sera di Rai1, già baciato in questa stagione dal successo di Don Matteo 8 e Che Dio ci aiuti, prosegue saldamente nelle mani de Il Giovane Montalbano. Nel quinto episodio dal titolo Terzo segreto, tratto dai racconti di Andrea Camilleri Il quarto segreto (contenuto nella raccolta La paura di Montalbano) e La traduzione manzoniana (contenuto nella raccolta Gli arancini di Montalbano), ritroveremo il commissario interpretato da Michele Riondino, alle prese con nuovi misteriosi casi da dipanare, e con gli inevitabili problemi di gelosia, suscitati dalla bella fidanzata Livia, interpretata da Sarah Felberbaum.

Abbandonato ormai da tempo Mascalippa, sperduto paese di montagna della Sicilia, il commissario vive e lavora stabilmente a Vigata, dove ha ormai stabilito le sue abitudini: nuotata in mare davanti alla casa di Marinella, pranzo e cena da Calogero, oppure a casa con le prelibatezze che gli cucina la “cammarera” Adelina. Piccoli momenti di relax che Montalbano si ritaglia tra i tanti casi che puntualmente sconvolgono la tranquilla località siciliana.

Casi spesso di una ferocia inaudita come l’omicidio di un giovane muratore albanese, avvenuto per convincere l’imprenditore edile ad accettare la protezione di una famiglia mafiosa. Altri invece di un’umanità tormentata come il furto della bacheca matrimoniale del comune per evitare un matrimonio. Montalbano si muove tra questi due estremi con il suo inimitabile istinto, facendosi coinvolgere sempre al 100 % tanto da trascurare Livia, la ragazza che ha ormai occupato stabilmente il posto di Mary nel cuore del commissario.


2
marzo

IL GIOVANE MONTALBANO FA SCANDALO AL CINEMA

Michele Riondino e Carolina Crescentini - Clicca sull'immagine per la versione non censurata

Sarà pure Il giovane Montalbano ma le cose dei grandi sembra farle davvero bene. Michele Riondino, in questi giorni sulla cresta della notorietà per avere ereditato la missione di portare le pagine dei romanzi di Andrea Camilleri al grande pubblico della televisione, compito grato che prima era toccato a Luca Zingaretti, interessa le cronache anche su un altro versante.

A breve nelle sale cinematografiche con l’ultima fatica di Alessandro Piva, Henry, Riondino è protagonista di una scena, di quelle belle forti, che rimangono a lungo come pietra miliare di riferimento per calibrare le tendenze espressive di alcune ondate stilistiche cinematografiche.

Una scena molto molto intima in cui assapora al meglio la bellezza di Carolina Crescentini, diciamo così, in un lungometraggio di ambientazione noir tra la Roma più trasgressiva della droga e della violenza. Film low budget e autoprodotto ma che può dare grosse soddisfazioni al regista, già noto per una pellicola, molto amata dai pugliesi, come La Capagira.


  • Pagina 1 di 2
  • 1
  • 2
  • »