Marco Mengoni



18
marzo

MARCO MENGONI PORTA L’ESSENZIALE ALL’EUROVISION SONG CONTEST 2013

L'essenziale

Sessantun giorni all’alba della finale prevista il 18 maggio a Malmo e si è scoperto quale sarà il pezzo che Marco Mengoni, rappresentante dell’Italia, canterà all’Eurovision Song Contest 2013. Sarà L’essenziale (qui il testo) la canzone che ha già trionfato al Festival di Sanremo e che ha così prevalso sugli altri quattordici brani che compongono #Prontoacorrere, l’album dell’artista in uscita domani e presentato proprio quest’oggi.

Smentite dunque le indiscrezioni che volevano che l’Italia gareggiasse con un altro brano del vincitore di X Factor 3. La Sony, casa discografica del cantante, ha così scelto di andare sul sicuro proponendo al pubblico europeo il pezzo che ha fatto furore nel Belpaese che riporta all’Eurofestival la canzone vincitrice di Sanremo dopo ben 16 anni dall’ultima volta. Era dall’edizione dublinese del 1997 infatti che l’Italia non proponeva la canzone incoronata nella città dei fiori: in quell’occasione i Jalisse si classificarono al quarto posto con l’indimenticabile Fiumi di parole.

Sembra sia stato deciso anche che il testo della ballata resterà in lingua italiana, evitandosi così l’errore dello scorso anno quando L’amore è femmina di Nina Zilli diventò Out of love e perse così parte della sua musicalità. Ricordiamo inoltre che la durata di L’essenziale dovrà essere ridotta per regolamento ai canonici 3 minuti previsti per la competizione.




12
marzo

PREMIO TV 2013: SANREMO SI CANDIDA AD OSPITARE L’EUROVISION SONG CONTEST 2014

Marco Mengoni

E se l’Eurovision Song Contest tornasse in Italia? La possibilità non è nemmeno tanto remota se si pensa che quest’anno il Belpaese schiera il vincitore del Festival di Sanremo 2013 Marco Mengoni, un cantante che potrebbe attrarre le preferenze di tanti votanti e migliorare così il secondo posto datato 2011 di Raphael Gualazzi, altro vincitore (anche se della categoria Giovani) della kermesse canora più importante d’Italia.

E che la città di Sanremo possa essere nel destino e nella carriera del Re Matto è confermato dalle parole del Sindaco della città dei fiori che in apertura della conferenza stampa di presentazione del Premio Tv ha dichiarato di essere pronto a candidarsi per ospitare l’edizione 2014 dell’EuroFestival qualora Mengoni vincesse l’edizione 2013. Come tutti voi saprete, infatti, la Nazione del cantante vincitore è costretta a organizzare l’evento l’anno successivo.

Aldilà dei buoni propositi del Primo Cittadino Maurizio Zoccarato, è difficile che una città piccola come Sanremo abbia le strutture e la capacità logistica di ospitare un flusso potenzialmente elevatissimo di turisti di tutta Europa pronti ad assistere dal vivo alla manifestazione.


21
febbraio

SANREMO 2013, ELEONORA ABBAGNATO CONTRO LA GIURIA DI QUALITA’: SPINGEVANO TUTTI PER ELIO E LE STORIE TESE

Eleonora Abbagnato

Una ballerina fuori dal comune; una voce (e un voto) fuori dal coro. L’etoile Eleonora Abbagnato, reduce dall’esperienza sanremese in giuria di qualità, si allinea al volere del popolo televotante ed “attacca” i suoi colleghi al Festival di Sanremo, rei di aver ostacolato fino all’ultimo la vittoria di Marco Mengoni (leggi qui le dichiarazioni a DM del cantante). La querelle sui talent, dunque, ha creato più di un malcontento anche, e soprattutto, dietro le quinte della kermesse:

Sono felice per Marco, se lo merita. La sua canzone è la più bella e poi l’interpretazione che ha fatto venerdì sera del brano di Luigi Tenco ‘Ciao amore ciao’ mi ha fatto venire i brividi”. Dichiara la ballerina a Novella 2000, confessando di essere stata la sola a votare per Mengoni: Spingevano tutti per Elio e le Storie Tese. Per carità, bravissimi, ma io ho votato con il cuore. E poi largo ai giovani”.

Dispiaciuta anche per l’esclusione de Il Cile nella finale tra i giovani (“visto che nessuno come lui rappresenta meglio in Italia il futuro dei cantautori” dice), Eleonora Abbagnato solleva più di un dubbio sull’operato della giuria di qualità; senza, però, andare a fondo. La sua la considera un’esperienza unica… in quanto non si ripeterà mai più:





21
febbraio

MARCO MENGONI A DM: LA GIURIA DI QUALITA’ PER EQUILIBRARE FENOMENI LEGATI AL MOMENTO E ALLA POPOLARITA’

Marco Mengoni

Marco Mengoni

Non un’intervista ma un veloce scambio di battute con Marco Mengoni che abbiamo rintracciato durante le registrazioni in studio, dove fervono i preparativi per il nuovo album in uscita a marzo. Ecco cosa ci racconta il vincitore del 63esimo Festival di Sanremo…

Come hai festeggiato sabato?

Facendo un sacco di interviste. Poi mi sono rilassato un momento, perchè sapevo che da lunedi sarei tornato in studio.

Dopo la vittoria hai detto: “In fondo le canzoni di musica leggera devono essere giudicate dal popolo, l’unico che può farlo”. Qual è stato secondo te il senso della giuria di qualità?

Forse quello di equilibrare i fenomeni legati solo al momento e alla popolarità.

A volte dei fanclub particolarmente attivi possono falsare la percezione reale del popolo?

Falsare la percezione reale della gente quando il fanclub è fatto dalla gente mi sembra un po’ un controsenso. Devo però ringraziare tutte le persone che mi hanno sostenuto e che mi sostengono. Quello che hanno fatto per me è meraviglioso, sono il mio premio da 4 anni.

A Domenica In parlavi di un tuo nuovo modo di scrivere nato da esperienze di vita. Quali?

Ho un nuovo team di lavoro, un nuovo produttore Michele Canova, con cui mi trovo benissimo e con cui stiamo ultimando il nuovo disco che uscirà a marzo.  Non rimpiango nulla del passato perchè mi ha fatto diventare la persona che sono, ma sono molto felice delle scelte che ho fatto oggi.

Descrivi la tua giornata tipo…

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


20
febbraio

MARCO MENGONI HA VINTO. TUTTO IL RESTO E’ MODA(‘)

Luciana Littizzetto, Marco Mengoni e Bianca Balti

L’attenzione è tutta catalizzata su di lui, in quel modo morboso e “popolano” rappresentato dai tristissimi  ”collegamenti con la città natale”. Marco però non è un personaggio da circo mediatico. Dosa le dichiarazioni e le presenze in tv. Così chi vorrà sapere come sta il vincitore di Sanremo a una settimana dalla vittoria dovrà sintonizzarsi sabato su Rai3, dove Marco Mengoni sarà ospite di Fabio Fazio a Che tempo che fa.

Dopo l’esperienza di due anni fa in cui era salito sul palco dell’Ariston da pischello vincitore di XFactor 3, interpretando Credimi Ancora, Marco Mengoni è tornato in Riviera con una personalità artistica più definita. L’aria sofisticata, il look elegante ma non scontato, l’emozione durante l’interpretazione di Ciao Amore Ciao di Luigi Tenco e una vena interpretativa intensa spostano la discussione su di lui dal “però mi arriva” al “però canta”.

Paradossalmente, pur essendo Marco uno dei figli di talent di quest’anno, bersaglio di quelli che “siamo tutti musicisti con tanto di diploma del Conservatorio” sono i Modà, che stanno alla sessantatreesima edizione di Sanremo, come Valerio Scanu era stato alla sessantesima, Marco Carta alla cinquantanovesima e la Marrone alla sessantaduesima. Tutti insieme nella categoria “hanno fan invasati su internet“, che, nel prossimo festival, si potrebbe aggiungere a quelle dei Big e dei Giovani.





20
febbraio

DM LIVE24: 20 FEBBRAIO 2013. MENGONI A CHE TEMPO CHE FA, RUFFINI A LOVE BUGS?, INDAGINI AD ALTA QUOTA SU DMAX

Indagini ad Alta Quota - DMax

Indagini ad Alta Quota - DMax

>>> Dal Diario di ieri…

  • Mengoni a Che tempo che Fa

WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto alle 21:54

Fazio ha twittato che sabato verrà ospitato a che tempo che fa Mengoni.

  • Ruffini a Love Bugs?
Principessa_Vespa ha scritto alle 22:20

Colpaccio di Paolo Ruffini. Il comico e conduttore di Colorado, oltre a preparare la regia del suo prossimo film, è stato scelto come protagonista della nuova serie di Love Bugs, in onda su Comedy Central. Ancora da decidere il nome della partner femminile che lo affiancherà. (Chi)

  • Indagini ad alta quota con DMax

Dal 20 febbraio, ogni mercoledì alle ore 22:55, su DMAX (Canale 52 digitale terrestre e Canale 28 di TivùSat) approfondiamo i più importanti incidenti nella storia dell’aviazione civile con una nuova stagione di “INDAGINI AD ALTA QUOTA”.


18
febbraio

SANREMO 2013: MARCO MENGONI STABILE AL PRIMO POSTO NELLA CLASSIFICA I TUNES

Marco Mengoni con Lorella Cuccarini a Domenica In

Passata la “sbornia” sanremese è il momento di fare i primi bilanci. Il gusto del pubblico fruitore di musica sembra rispecchiare la classifica finale del Festival. La classifica dei singoli più scaricati da I tunes vede infatti stabile al primo posto Marco Mengoni con “L’essenziale”. Invertiti il secondo e il terzo gradino del podio: al n.2 troviamo infatti i Modà con “Se si potesse non morire”e al n.3 Elio e le Storie Tese con “La canzone mononota”. Buon piazzamento in top 10 per il vincitore dei giovani Antonio Maggio come si può notare nelle varie posizioni della chart:

1. Marco Mengoni – “L’essenziale”
2. Modà – “Se si potesse non morire”
3. Elio e le Storie Tese – “La canzone mononota”
4. Max Gazzè – “Sotto casa”
5. Malika Ayane – “E se poi”
6. Antonio Maggio – “Mi servirebbe sapere”
8. Annalisa -  “Scintille”
9. Simona Molinari & Peter Cincotti – “La felicità”

La coppia Molinari-Cincotti, finita in fondo alla classifica per televoto e Giuria di qualità, nelle vendite riesce a superare Chiara che con la sua “Il futuro che sarà” è “solo” undicesima. Seguono Raphael Gualazzi con “Sai (ci basta un sogno) al numero 15, Daniele Silvestri con “A bocca chiusa” al n.16 e Simone Cristicchi con “La prima volta (che sono morto)” al n.17. Alla posizione n.18 c’è ancora Mengoni con “Bellissimo”.


17
febbraio

SANREMO 2013 NEL SEGNO DI X FACTOR (TARGATO RAI)

Marco Mengoni e Antonio Maggio

Le polemiche attorno al mondo dei talent show sono destinate a continuare. Anche quest’anno a vincere il Festival di Sanremo è stato un cantante proveniente da un talent. Non un Amico di Maria De Filippi, dopo il trio Marco Carta, Valerio Scanu ed Emma, ma un concorrente di X Factor. A conquistare la vittoria è stato, infatti, Marco Mengoni direttamente dalla terza edizione del talent un tempo di mamma Rai.

A non vincere, invece, è stata l’ultima stella sfornata da X Factor, ora di Sky, Chiara. La Galiazzo ha confermato una voce interessante ma la canzone “Il futuro che sarà” non è riuscita neppure a portarla sul podio. Con l’altro pezzzo “L’esperienza dell’amore” avrebbe probabilmente avuto qualche chanche in più ma per molti Chiara era poco più di una sconosciuta. Come dire un talent non basta, serve di più. Quel di più che abbiamo potuto notare nelle performance di Mengoni: intensità, emozione, una voce unica, un ritornello che rimane in testa. Perchè, a proposito di ritornelli, tra tutti i brani in gara di un Sanremo che ha puntato sulla musica di qualità stentiamo a ricordare e canticchiare un inciso.

Annalisa, dal canto suo, con “Scintille” non ha sfondato e in radio stenta a decollare. Anche lei viene da un talent, Amici, dove il televoto la fa da padrone ma il podio non è arrivato. E non date la colpa alla Giuria di qualità che nella serata di venerdì ha fatto vincere Antonio Maggio, altrimenti solo terzo per il pubblico a casa. Un Sanremo nel segno di X Factor, insomma, ma quello Rai delle prime edizioni. Antonio, infatti, ha vinto la prima edizione di X Factor con il gruppo degli Aram Quartet.