Lucio Presta



22
febbraio

SANREMO 2014: PAOLA PEREGO CONDURREBBE IL FESTIVAL SOLO CON PAOLO BONOLIS E … LUCIO PRESTA DIETRO LE QUINTE

Paola Perego

Settimana in riviera per Paola Perego, sbarcata con la squadra de La Vita in Diretta, per seguire direttamente dalla città dei fiori il Festival di Sanremo 2014. Non è certo la prima volta che la conduttrice ha a che fare con la kermesse canora. Correva l’anno 1995, quando venne scelta da Pippo Baudo per curare i collegamenti dalla sede Rai di Trento, dove si trovava una delle 20 giurie demoscopiche istituite per votare le canzoni in gara. In anni più recenti la Perego si è invece trasferita a Sanremo come conduttrice nel 2011 del programma Se… a Casa di Paola, ma soprattutto nelle vesti di accompagnatrice del marito Lucio Presta, negli anni in cui il noto agente di spettacolo curò l’organizzazione del Festival. A ricordarlo è la stessa conduttrice in un’intervista rilasciata all’Adnkronos.

“Di festival ne ho fatti sei da accompagnatrice di Lucio, quelli con Bonolis, Clerici, Morandi, uno con Baudo in cui curavo i collegamenti con la giuria e poi ci sono venuta anche con il mio programma ‘Se a casa di Paola’. Quindi l’ho vissuto sia davanti alle telecamere che dietro le quinte. E’ impegnativo ma io faccio una vita regolarissima anche qui e questo mi aiuta: sveglia alle 7 della mattina, camminata-corsetta sulla pista ciclabile in riva al mare, riunione di redazione, intervista, programma, cenetta e a nanna. Nei giorni del festival, la giornata però si chiuderà con il gruppo d’ascolto serale per prepararci la puntata del giorno dopo.”

All’elenco delle varie esperienze manca però la più importante ed ambita, ovvero la conduzione del Festival, che la Perego non nasconde di desiderare, ma solo ad una condizione.

“Certo che lo desiderei. E lo farei solo con Lucio dietro le quinte e con Bonolis a fianco. Quindi è probabile che non accadrà mai”

In attesa di un’eventuale accoppiata Perego – Bonolis, la conduttrice esprime un parere sulla coppia Fazio – Littizzetto, in forza al Festival da due anni,




5
febbraio

BOOM! SIMONA VENTURA NELLA SCUDERIA DI LUCIO PRESTA

Simona Ventura

Simona Ventura

La conduzione di Simona Ventura per la possibile rentrèe dell’Isola dei Famosi a Mediaset è difficile. Ma non impossibile. Per la conduttrice di Chivasso, tuttavia, il ritorno sulla generalista è decisamente d’obbligo: se l’approdo sul satellite ha avuto un sapore particolare, adesso quella nicchia calza stretta alla Mona Nazionale.

Deve esserne consapevole la stessa padrona di casa del reality show di Rai 2, che – stanto a quando apprendiamo – ha lasciato il suo agente Franchino Tuzio, passando a Lucio Presta e alla sua Arcobaleno Tre. Sulle motivazioni che hanno portato ad un passaggio del genere, è inutile consumare i polpastrelli sulla tastiera. Sono lapalissiani, anche e soprattutto alla luce di quanto vi abbiamo anticipato qui.

D’altro canto, il ‘messaggio’ lanciato con l’inaspettato passaggio dalla tv pubblica alla piattaforma di Murdoch ha già sortito – illo tempore – l’effetto desiderato: si ricorderà che la giurata di XFactor mise a segno un colpo d’immagine importante quando – forte di una (sofferta) conferma del suo ‘Quelli Che il Calcio’ su Rai2 – non ebbe problemi a dare un sonoro benservito alla tv pubblica per evidenti contrasti con una dirigenza che ostacolava i suoi progetti televisivi.

Ora è tempo di cambiare.


16
gennaio

DM LIVE24: 16 GENNAIO 2014. ACCUSE DI MOLESTIE SU MINORI PER IL FONDATORE DEI MODA’ – L’INCUBO DI PRESTA

Modà - Arrestato Paolo Bovi

Modà - Arrestato Paolo Bovi

Il DM Live 24 è un post pubblicato ogni giorno (a mezzanotte circa) nel quale, tramite i commenti, vengono raccolte in tempo reale le segnalazioni degli utenti su qualunque programma in onda e, più in generale, in relazione a qualsivoglia notizia televisivamente rilevante. I più interessanti verranno pubblicati nel DM Live 24 del giorno successivo.

Accuse di molestie su minori per il fondatore dei Modà

tinina ha scritto alle 15:11

Con l’accusa di molestie sessuali su minori è finito nei guai, a Milano, un membro della band dei Modà, una delle più amate nel panorama pop-rock. L’uomo, residente nell’Hinterland Milanese, è stato arrestato dalla polizia, e posto ai domiciliari dall’autorità giudiziaria, che ha applicato, per la prima volta, il braccialetto elettronico tra le misure. Si tratta, secondo quanto riporta stamani il Corriere, di «Paolo Bovi, fondatore ed ex tastierista dei Modà, che dal 2005 è passato dietro il palco come fonico della band seconda nel 2011 e terza nel 2013 al festival di Sanremo. Bovi, che con il leader, Kekko, fondò la band in un oratorio, come animatore di una parrocchia è indiziato di avere molestato nel 2011 quattro ragazzini fra i 13 e i 16 anni». (Fonte Il Messaggero.it)

La Replica dei Modà

“Siamo agghiacciati alla sola idea che sia potuto succedere quello di cui non abbiamo mai avuto alcun sentore. Speriamo che la magistratura concluda presto le indagini e che il loro esito non sia terrificante come lo è il loro avvio.”

L’incubo di Presta

Alessandro ha scritto alle 17:00





4
dicembre

RITA DALLA CHIESA: SE LA7 CASSA SETTIMA ONDA SARA’ SCONTRO. LI PORTO IN TRIBUNALE

Rita Dalla Chiesa

Rita Dalla Chiesa

Se La7 dovesse cassare Settima Onda sarà scontro“. Esordisce così Rita Dalla Chiesa, commentando le notizie apparse circa la cancellazione da parte della rete della nuova trasmissione di La7, delle quali conferma di aver ricevuto indicazioni in tal senso a livello informale e verbale.

Se dovessi ricevere una conferma scritta e l’ipotesi di cancellazione dovesse risultare ufficialmente, allora sarò costretta a portare Cairo e e la sua rete avanti i giudici” ma – prosegue la Dalla Chiesa – “Voglio augurarmi che tutto questo non abbia seguito e che non debba essere costretta a tutelare il mio buon diritto in Tribunale“.

Il commento di Lucio Presta

“Dopo aver rinunciato alle reiterate proposte di Mediaset non si può credere che all’ultimo momento, pare per motivi di budget, l’attività artistica e l’immagine di Rita possano subire un danno tanto grave quanto ingiustificato, commenta Lucio Presta, agente della conduttrice. “Si tratta” – conclude – “di una trasmissione del pomeriggio alla quale Rita ha lavorato con grande impegno e passione e che, dopo alcuni rinvii, era pronta per il decollo, a presidio del pomeriggio della rete”.

La replica di La7


26
novembre

LUCIO PRESTA: GF13 IN PRESERALE SU ITALIA1? STOP AD AVANTI UN ALTRO

Grande Fratello 13 e Avanti Un altro

Alessia Marcuzzi e Paolo Bonolis

Nemmeno il tempo di annunciarvi la notizia dell’approdo del daytime del GF13 su Italia1 che già fioccano in rete le prime e tempestive reazioni. Già, perchè la striscia di Grande Fratello 13 collocata nel preserale di Italia 1 non va giù a Lucio Presta, manager di Paolo Bonolis che con Avanti Un Altro sarebbe chiamato a scontrarsi con il papà di tutti i reality. Su Twitter l’agente fa sapere che tale sfida non avrà mai luogo perchè, “avverte”, il game show si interromperebbe subito prima dell’inizio del daytime di Grande Fratello. Il game di Bonolis, infatti, è al momento previsto sino alla fine di febbraio.

Lucio Presta: Avanti un Altro non andrà mai contro Grande Fratello 13

La palla ora passa ai vertici di Cologno Monzese che hanno ogni interesse a far continuare il gioco di Paolo Bonolis (e a sfruttare il potenziale del GF). Del resto all’inizio della tredicesima edizione del reality mancano quasi due mesi e la collocazione, al momento designata, potrebbe non essere definitiva. E’ vero che per Italia1 proporre il Grande Fratello in preserale sarebbe azzeccato ma è altrettanto vero che l’avvento di un competitor, forte sul target commerciale, rischierebbe di far allungare in maniera significativa la distanza tra Avanti Un Altro e L’Eredità.

Grande Fratello 13, il daytime su Italia1: qual è l’orario migliore?





24
giugno

MISSION: ELISABETTA CANALIS PRONTA PER IL REALITY UMANITARIO DI RAI1?

Elisabetta Canalis (Getty Images/Venturelli)

Update del 18 luglio 2013: Elisabetta Canalis non parteciperà a Mission. Per maggiori info clicca qui.

Il direttore di Rai 1 Giancarlo Leone ne ha parlato varie volte, segno che il programma gli sta a cuore. E adesso finalmente il nuovo reality show dell’ammiraglia Rai, Mission, sta cominciando davvero a prendere forma: sappiamo già che sarà un programma a sfondo umanitario, che andrà in onda nella prossima stagione televisiva  e che per la conduzione è in ballo Marco Liorni. Adesso però, cominciano a circolare nuovi nomi per il cast.

Dopo Michele Cucuzza e Barbara De Rossi, che hanno registrato le puntate pilota, anche la showgirl Elisabetta Canalis con ogni probabilità andrà ad unirsi al gruppo di vip che raggiungerà l’Africa per portare avanti una missione umanitaria. Almeno, questo si evince dallo scambio di tweet che l’ex fiamma di George Clooney ed il suo manager Lucio Presta si sono scambiati appena ieri pomeriggio sul social network preferito dai famosi, universalmente di poche parole ma dalle mille sorprese.

Ed effettivamente suona singolare l’idea di vedere la Canalis, storica velina di Striscia la Notizia nonché attrice e conduttrice, in un programma del genere. Non che ci si voglia limitare all’immagine da calendario sexy che conservano in molti, né alla sua spasmodica presenza sulle pagine del gossip nostrano ed internazionale, né al fatto che si parli di lei più per le sue love story con famosi che per il suo lavoro, ma, certo, fa strano. E siamo curiosi di vederla all’opera in un contesto serio ed impegnato come quello che immaginiamo attorno alla tanto attesa mission di Rai 1.


7
aprile

FERMI TUTTI! GIA’ SLITTATO IL DEBUTTO DI DEL DEBBIO SU RETE4?

Brachino - Panicucci

Brachino - Panicucci

Avevamo paventato fulmini e saette tra il direttore di Videonews, Claudio Brachino, e il manager Lucio Presta. Il motivo? Presto detto: il debutto di Paolo Del Debbio nell’access prime time di Rete 4 avrebbe contestualmente comportato il ritorno di Brachino al timone di Mattino Cinque, accanto all’attuale padrona di casa, assistita da Presta. E tra i due, si sa, non corre buon sangue. Non a caso, dopo la pubblicazione della nostra nostra anteprima, Presta si era affrettato – su Twitter – a commentare il ‘fattaccio’:

Ecco, non sarà certamente a causa dei lampi e dei tuoni annunciati, ma qualcuno già parla di uno slittamento di 7 giorni per la premiere del programma di Del Debbio su Rete4 e relativo cambio alla conduzione di Mattino Cinque. Per il momento!


3
gennaio

LUCIO PRESTA, IL CURIOSO SILENZIO SUGLI ALTRI AGENTI E L’IGNORANZA DEI “MASSIMI ESPERTI”

Lucio Presta con Paola Perego

Lucio Presta con Paola Perego

In questi giorni ne abbiamo lette di ogni. Sia chiaro, ognuno è libero di esprimere l’opinione che meglio crede, a patto che tale opinione sia obiettiva e sensata, altrimenti diventa un abile esercizio di ignoranza e, per citare Socrate, nella nostra società “esiste un solo un male”. L’ignoranza, appunto. Perché siamo onesti, di opinioni sensate noi non ne abbiamo lette, fino ad oggi. Ma tutti questi massimi esperti di televisione si sono permessi, senza troppi problemi e nonostante i rispettivi scheletri nell’armadio, di attaccare a destra e manca. O meglio, di prendere di mira i soliti bersagli, perché fa comodo e, soprattutto, perché fanno sempre notizia. Aldo Grasso ad esempio, sommo critico del Corriere della Sera, aldilà delle opinioni su Super Brain che non ci interessano affatto, ha paventato una sorta di “pacchetto Benigni” per Paola Perego che, purtroppo per lei, dovrà lottare a vita con questa zavorra del marito-manager finchè governerà l’ignoranza.

Tal pacchetto, a suo dire, prevederebbe La più bella del mondo, la Divina Commedia su Rai2 e un programma per Paola Perego sulla prima rete pubblica. Bravo, se non fosse che abbia casualmente dimenticato, nel dare questa fantomatica notizia per cui si è beccato del “coglione anche nel 2013″ dal potente agente Lucio Presta (e ripetute offese su Twitter che vi evitiamo volentieri), un piccolissimo dettaglio: Paola Perego – a prescindere da qualsivoglia considerazione professionale, ma l’esperienza comunque parla chiaro – ha un contratto che la lega a viale Mazzini per due anni, in esclusiva, in scadenza il prossimo giugno. In sostanza, se alla conduttrice di Monza viene affidato o meno un programma, la Rai è comunque chiamata ad accreditarle lo stipendio. Il fatto curioso quindi non è che alla Perego sia stato affidato un nuovo ‘test’, più che legittimo in un’ottica di investimento sul personale dello spettacolo, ma che in due anni di esclusiva ben pagata la Rai – nella duplice veste di Giancarlo Leone e Mauro Mazza – le abbia commissionato un programma, un pilota e una ospitata, nonostante i risultati discreti fin qui collezionati. Un po’ troppo poco, per un’esclusiva. Altro che pacchetto.

Aldilà di tutto, il fatto ancora più nauseante, comunque, sono i ripetuti attacchi nei confronti di Presta. Non che l’agente di Cosenza non sia criticabile, ci mancherebbe altro, ma se questo fantomatico sistema di potere è sbagliato e malato, lo è anche per via dei suoi, evidentemente, molto più competenti (e silenziosissimi) colleghi. Chissà perché tutti questi bravi giornalisti ed esperti di televisione si dimentichino puntualmente di citare personaggi come Beppe Caschetto e Fernando Capecchi. Tranquillo Grasso che non sei mica l’unico, anche Freccero casualmente, nella recente intervista a Il Fatto Quotidiano, ha ignorato l’invasione capillare dell’agente emiliano all’interno di mamma Rai (parlando solo di generiche consulenze per La7 e Mediaset), ben più imponente degli artisti degli agenti amici. Ma non vi preoccupate, perché ci pensiamo noi a colmare questo curioso vuoto. Grazie alla sua “talent agency” – la ITC 2000 -, Caschetto detiene ampie “quote di palinsesto” su Rai3 con Fabio Fazio (stipendio più alto in Rai, ma erano tutti impegnati stranamente a scandalizzarsi per quello di Antonella Clerici), Luciana Littizzetto, Enrico Bertolino, Fabio Volo, Neri Marcorè, Giovanni Floris, Lucia Annunziata e Roberto Saviano. Non vi basta? Sempre in Rai figurano anche Natasha Stefanenko (promossa subito a Rai1 in Per tutta la vita), Gene Gnocchi, Victoria Cabello, Ubaldo Pantani e Miriam Leone. Non vi basta ancora? Pensate che tramite le sue società è anche produttore, per i suoi artisti (ma per Carlo Degli Esposti solo Presta deve limitarsi a fare l’agente). Wikitaly e Volo in Diretta sono produzioni ITV, così come lo sarà il nuovo programma di Bertolino (ripiazzato a Rai3 dopo il flop sulla seconda rete) e la fiction i Fuoriclasse 2 prossimamente su Rai1. Tante le produzioni per i suoi molteplici artisti, di cui nessuno fino ad oggi ha avuto curiosamente qualcosa da dire, non paventando mai alcun pacchetto.