Luca e Paolo



15
ottobre

COLORADO, AL VIA L’ERA LUCA E PAOLO: UN LUNGO MIX SCOMPOSTO

Luca e Paolo con Valeria Graci (nei panni di Federica Panicucci)

Al termine della prima (lunga) puntata di Colorado targata Luca e Paolo, la sensazione dominante è quella di aver assistito ad un programma costituito da due ingredienti gustosi, che però non creano una reale amalgama tra loro conservando un forte sapore proprio. Come nella pasta col pesce il rischio maggiore è che la pasta sappia di pasta ed il pesce di pesce, così Luca e Paolo e Colorado sono rimasti ottimi ingredienti di un piatto ma ancora separati nel gusto finale.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,




2
ottobre

COLORADO: LUCA E PAOLO AL DEBUTTO IL 14 OTTOBRE. ECCO IL CAST DI COMICI

Luca e Paolo

E’ fissato per mercoledì 14 ottobre, in prima serata, il debutto a Colorado di Luca e Paolo. Il duo comico ritrova in maniera continuativa il palcoscenico di Italia1 dopo anni di magra mediatica in seguito all’addio a Le Iene. La diciassettesima edizione del cabaret televisivo prevede anche una nuova scena: una metropoli d’oltreoceano prende il posto del lontano west; mentre la musica live diventa ideale cornice per i momenti comici sul palco, con il musicista Pippo Lamberti e una band di quattro elementi.


26
maggio

RADIO ITALIA LIVE 2015: LIGABUE APRE IL CONCERTO. ECCO GLI ARTISTI SUL PALCO IN ORDINE DI ESIBIZIONE

Radio Italia Live - Luca Bizzarri, Mario Volanti, Paolo Kessisoglu

Certe notti, la musica italiana è davvero protagonista. Ci sarà anche Luciano Ligabue al RadioItaliaLive 2015, l’evento musicale che andrà in scena giovedì 28 maggio in Piazza Duomo a Milano. A sorpresa, il rocker di Correggio aprirà la quarta edizione del concertone organizzato da Radio Italia: sarà un modo per festeggiare i suoi venticinque anni carriera. La sua speciale presenza è stata annunciata stamane nel corso di una conferenza stampa cui hanno partecipato anche Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu, per il terzo anno consecutivo alla conduzione dell’evento.

Radio Italia Live 2015: i cantanti (in ordine di esibizione)

Ai due spetterà il compito di introdurre i grandi nomi della musica italiana al centro della serata. In particolare, a partire alle ore 19.30, sul palco del RadioItaliaLive si esibiranno (in ordine di scaletta): il super ospite Luciano Ligabue, Max Pezzali, Alessandra Amoroso, Giovanni Caccamo, Bob Sinclar (che suonerà un brano in italiano e uno in lingua straniera), Nesli, Marco Mengoni, Fedez ft Noemi e Francesca Michielin, Lorenzo Fragola, Nek, Cesare Cremonini e Gianna Nannini. Gli artisti saranno accompagnati dall’ Orchestra Filarmonica Italiana diretta dal M° Bruno Santori.

Radio Italia Live: Luca e Paolo

Al centro della serata ci sarà la musica italiana, come sempre, ma ad aumentare il ritmo ci saranno anche le freddure di Luca e Paolo. “Faremo una satira politica feroce: parleremo male di Berlusconi e bene di Renzi, perché ormai questo è il trend” hanno scherzato i due, annunciando gag con i cantanti (“in genere il 90% accetta, il restante 10% viene punito dal destino“) e duetti musicali ironici. Accanto a Bizzarri e Kessisoglu ci sarà anche Daniele Bossari, che nel retropalco intervisterà gli artisti prima e dopo le esibizioni.





13
febbraio

SANREMO 2015: LA COMICITA’ “NATURALE” DI ARISA DIVERTE PIU’ DEI TESTI SCRITTI DAI COMICI. L’IMPROVVISAZIONE E’ L’UNICA “MEDICINA” CONTRO LA NOIA.

Arisa

I motori si sono scaldati, i freni inibitori sono saltati, e “la rotula non è partita”; o almeno non quella di Emma. E’ stata invece Arisa la sventurata vittima di un infortunio alla gamba, incidente che le ha risparmiato sì una rotula, ma non è stato così clemente con qualche rotella di quella testolina già provata dalla sindrome pre-mestruale.

Per un Sanremo 2015 arrivato al giro di boa, il primo bilancio sui momenti comici vede come “trionfatrice” involontaria la cantante lucana, che in un Festival particolarmente istituzionale, rompe la sacralità del rito con un’ironia “naturale” seppur viziata dagli antidolorifici del Dott. Ferlito. Ed è proprio tale Stefano Ferlito il burattinaio inconsapevole del siparietto comico più apprezzato di questo Festival targato Carlo Conti, il deus ex machina del momento (finora) più esilarante consumato su palco dell’Ariston (qui i dettagli).

Là dove hanno clamorosamente toppato i blasonati Siani e Pintus con i loro testi studiati a tavolino, ci pensa la pasticchina somministrata ad Arisa a scaldare il pubblico in sala e da casa; tutti, compreso lo stesso Conti, che per un attimo si spoglia dalle vesti di conduttore “baudiano” e cavalca il momento comico come una delle migliori spalle da cabaret. L’improvvisazione diventa quindi l’unica medicina contro la noia dei testi pre confezionati; del resto cosa fa ridere più di una reazione spontanea, o di un commento impulsivo senza filtro?

Luca e Paolo: “i social network aumentano la pressione [...] arriviamo dopo, risulta tutto più vecchio”


13
febbraio

LUCA E PAOLO SALVANO LA COMICITA’ A SANREMO E SMITIZZANO I MATRIMONI GAY

Luca e Paolo

Alla terza serata, finalmente, un raggio di sole. Luca e Paolo salvano la comicità a Sanremo, che poco ha entusiasmato gli animi con le due precedenti performance di Alessandro Siani ed Angelo Pintus.

Co-conduttori nel 2011 e ospiti all’esordio l’anno successivo, Luca e Paolo mostrano sicurezza e soprattutto una profonda conoscenza dell’atmosfera sanremese. La loro terza volta all’Ariston viene pertanto celebrata con un duetto canoro dedicato alle morti eccellenti. Una scelta spiazzante e crudele, che però centra in pieno la critica nei confronti dei media e sulla retorica del lutto innescata da certi programmi televisivi.

“Quando un grande artista passa a miglior vita sei distrutto perché non te l’aspetti, ma in televisione cominciano gli omaggi: tg, Vita in diretta e poi Giletti. E pure qui a Sanremo si canta Il carrozzone, si riesuma la salma ogni due ore, commemora anche Fazio, officia Gramellini, però solo se il morto è un cantautore. E per il funerale è pronta la diretta, con il commento del telecronista e la moglie che fa l’intervista: c’è sempre una grande donna dietro un grande artista”.

Nella gag con Carlo Conti la satira politica rimane ai margini. Solo un piccolo accenno a Renzi, nemmeno citato direttamente: “Prendi uno di Firenze (il riferimento è sia a Conti che al Premier, ndDM), lo metti in tv a dire cazzate e se le bevono tutti”.





31
dicembre

PAGELLE TV DEL 2014: I PERSONAGGI (BOCCIATI)

Fabio Fazio - pagelle 2014

Fabio Fazio - pagelle 2014

0 a Luca e Paolo, Geppi Cucciari e Virginia Raffaele. Tra flop e speranze mal riposte, i “caschetti “della comicità non hanno vissuto un bel 2014 catodico. Desaparecidos.

1 a Fabio Fazio. Un Festival di Sanremo così noioso e pretenzioso ce lo ricorderemo per anni. Reduce dal successo dell’anno precedente, il conduttore ha “mal pensato” di adagiarsi sugli allori e ripetere gli stessi schemi, puntando ancor di più su scelte di nicchia e dal sapore radical chic. Sul fronte Che Tempo Che Fa, il programma procede su livelli discreti; ben lontani però dai risultati record di un tempo. Recidivo.

2 a Max Giusti. Il suo hobby sta pericolosamente diventando quello di collezionare flop. Croce Rossa.

3 a Simona Ventura. Se qualche anno fa qualcuno ci avesse detto che la “regina di Rai2″ sarebbe finita su un piccolo canale che ha sede in Albania ci saremmo fatti una sonora risata. E, invece, stanca di essere fuori dai giochi, forse delusa da Sky e scottata dal secco “no” di Mediaset, ha accettato di finire a condurre un reality senza né capo né coda. Se, invece, Miss Italia, nelle sue mani, non è definitivamente morta, non può dirsi nemmeno rinata. Qualche anno fa voleva “brillare per la sua assenza” e in effetti con X Factor c’è riuscita e probabilmente anche all’Isola sarà rimpianta; peccato che a lungo andare il pubblico inizierà a dimenticare le sue gloriose gesta catodiche. Maria Antonietta alla Bastiglia.

3 a Paola Perego. Diciamoci la verità: un po’ è sfortunata, un po’ se le cerca. Se La Vita in Diretta era una corazzata poi calata con lei a picco (per ragioni essenzialmente legate al cambio editoriale e alla concorrenza), il contenitore domenicale era, invece, già da prima del suo arrivo in “condizioni critiche”. Una missione impossibile, quella di risollevare il programma, che, malgrado gli sforzi, al momento è fallita. Avrebbe fatto bene a concentrarsi solo sulle prime serate. Autolesionista.


21
maggio

LUCA E PAOLO A DM: GIASS POTREBBE TORNARE A GENNAIO. SPERIAMO CHE EMMA CANTI IN ITALIANO AL RADIO ITALIA LIVE!

Paolo e Luca

Per il secondo anno consecutivo toccherà a Luca e Paolo “tenere a bada” una Piazza Duomo (a Milano) che si prospetta nuovamente gremita per il concerto Radio Italia Live in programma il primo giugno (l’8 dello stesso mese la differita su Italia1 a partire dalle 19). Un’occasione per i due comici di tornare nuovamente su Italia1, rete che li ha mediaticamente lanciati, anche se ironicamente  rivelanoLuca Tiraboschi (qui la nostra intervista) non ci voleva ma ci becca lo stesso. Voleva Mammucari, a lui piace e non si capisce perchè…”.

E l’ironia sarà ancora il fil rouge della loro conduzione che prevederà anche quest’anno una serie di siparietti con gli artisti che calcheranno il palcoscenico meneghino:

“In una serata come quella l’importante è capire i ruoli. Noi non potremmo presentare una serata come quella del primo giugno prendendo in giro i cantanti. E’ la loro festa, dovremmo adeguarci e ridere con loro e non di loro.”

Se la loro attesa è legata al momento in cui presenteranno Edoardo Bennato, artista al quale per ragioni anagrafiche sono più affezionati, la speranza riguarda Emma Marrone: Luca Bizzarri, a proposito, si augura che la rappresentante italiana all’Eurovision Song Contest 2014 possa cantare in italiano e non inglese mentre Paolo ‘rincara la dose’: “canta in pugliese, canta la pizzica direttamente“.

Battute a parte, nella nostra intervista – che potete vedere qui sotto -, Luca e Paolo parlano anche della seconda edizione di Giass.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


8
maggio

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (28-04/4-05/2014). PROMOSSI BROADCHURCH E DON MATTEO, BOCCIATI ZANICCHI E SIFFREDI

Rocco Siffredi

9 a Broadchurch. L’acclamata serie inglese riesce a conquistare anche il pubblico di Giallo, abituato a prodotti decisamente diversi. Merito di una storia che, pur non brillando per originalità, è finemente raccontata.

8 a Don Matteo. La serie di Rai1, oltre a mietere ascolti straordinari in patria, si è fatta apprezzare in terra straniera. Curioso il remake russo con un pope ortodosso.

7 a Purche finisca bene. Il ciclo di tv movie ha avuto il merito di portare la commedia in tv riuscendo a convincere il pubblico di Rai1, non sempre sensibile alle novità.

6 a Alessandro di Pietro che, dopo il burrascoso addio alla Rai, si ricicla su Alice.