Italia’s Got Talent



28
agosto

XFACTOR E ITALIA’S GOT TALENT SU SKY FINO AL 2018. SIGLATO ACCORDO CON FREMANTLE

XFactor 2015 - giudici

XFactor 2015 - giudici

Sky Italia e FremantleMedia annunciano di avere siglato un accordo per l’estensione dei diritti dei format X Factor e Got Talent. I due show di punta dell’offerta di intrattenimento di Sky saranno in esclusiva sulla pay tv fino al 2018 per un totale di tre ulteriori edizioni di X Factor, oltre alla nuova stagione attesa al debutto il prossimo 10 settembre su Sky Uno HD e due nuove edizioni per Italia’s Got Talent in aggiunta alla prossima e già confermata stagione al via a marzo 2016. Grazie all’accordo, entrambi gli show saranno arricchiti nelle nuove edizioni da contenuti fortemente innovativi.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,




14
maggio

SIMONE AL ANI E’ IL VINCITORE DI ITALIA’S GOT TALENT 2015

Simone Al Ani

E’ Simone Al Ani il vincitore di Italia’s Got Talent 2015. La prima edizione satellitare del talent show condotto da Vanessa Incontrada ha incoronato sul gradino più alto del podio l’illusionista con i suoi numeri di manipolazione dinamica.

Italia’s Got Talent 2015: il vincitore Simone Al Ani si aggiudica 100mila euro e vola a Las Vegas

E’ riuscito a primeggiare nella finale, che l’ha visto in sfida in un’unica manche con altri undici talenti. Simone Al Ani ha sbaragliato la concorrenza di tutti, a cominciare dal favorito Cisky, il ballerino snodato che a sorpresa ha mancato il podio. L’illusionista ha superato al fotofinish gli Straduri Killa, secondi classificati, e i due rapper Shark and Groove, arrivati terzi. Si aggiudica, così, il montepremi in palio di 100mila euro, messo a disposizione da Sky, e la prestigiosa possibilità di esibirsi al “V Theatre” di Las Vegas.

Simone è un grande appassionato di magia e movimento. Negli ultimi otto anni ha girato il mondo, stando pochissimo in Italia. Ha preso una perla in ogni posto che ha visitato e nel tempo energia e calma lo hanno aiutato in quello che fa. A Italia’s Got Talent ha presentato un numero che, come precisa lui stesso, non ha bisogno di definizioni, si osserva.


6
maggio

ITALIA’S GOT TALENT 2015: LA FINALE IN DIRETTA ANCHE SU CIELO

Italia's Got Talent 2015

Come avvenuto in occasione delle ultime due edizioni di X Factor, anche la finale di Italia’s Got Talent 2015 verrà trasmessa in simulcast sia sulla pay tv che in chiaro. L’appuntamento è per giovedì 14 maggio, in diretta dalle 21.10 su SkyUno e Cielo.

Dunque, il talent condotto da Vanessa Incontrada, che vede Claudio Bisio, Nina Zilli, Frank Matano e Luciana Littizzetto in giuria, terminerà la sua cavalcata anche sul canale 26 del digitale, dove ogni venerdì sera sta ottenendo un notevole riscontro di pubblico, superando persino la prima tv di SkyUno. L’ultima puntata trasmessa lo scorso 1° maggio (la settima del programma, nonché l’ultima che riguarda la fase delle Audizioni), ha sfondato ancora una volta il  milione di spettatori, superando il 4% di share (precisamente 4.09%).

La finale in diretta tv anche su Cielo, quindi, è il giusto premio per quella parte importante di pubblico che segue il programma pur non essendo abbonato alla tv satellitare. La serata live sarà preceduta dalla messa in onda ravvicinata delle due semifinali: la prima venerdì 8 maggio e la seconda lunedì 11 maggio.





29
novembre

TU SI QUE VALES: QUALI ASCOLTI PER LA FINALE DI STASERA? IL CONFRONTO CON ITALIA’S GOT TALENT

Tú sí que vales

Capolinea per Tú sí que vales. Il “nuovo” talent di Maria De Filippi chiamato a sostituire quell’Italia’s Got Talent che, dopo cinque edizioni targate Mediaset, è volato su SkyUno, eleggerà stasera il suo vincitore.

Ascolti Finale Tú sí que vales: il confronto con Italia’s Got Talent

Il programma, nelle otto puntate sinora trasmesse, si è attestato ad una media di circa 4.885.000 spettatori, portando Canale 5 ad uno share del 23,14%. In quanti seguiranno questa sera la finale?

Andiamo a ricordare tutti gli ascolti delle cinque finali di Italia’s Got Talent, lo show che Tú sí que vales doveva far dimenticare o, quanto meno, non far rimpiangere: l’ultima edizione, terminata il 9 novembre 2013, è stata seguita da 5.532.000 spettatori, pari al 24,92% di share. Un dato, se vogliamo, alla portata di Tú sí que vales, che già in due occasioni ha sfondato il muro del 25%.

Altri numeri, invece, hanno salutato le altre quattro edizioni di Italia’s Got Talent. La finale di IGT 4, andata in onda il 16 marzo 2013, ha sfiorato in valori assoluti i 7 milioni (6.926.000) e toccato in quelli percentuali il 30%, confermando i numeri della finale dell’anno precedente (10 marzo 2012), che fu seguita da 6.950.000 spettatori con il 30,53% di share.


28
maggio

BOOM! FREMANTLE: AZIONI LEGALI CONTRO LA VERSIONE ITALIANA DI TU SI QUE VALES?

Tu si que vales

Tu si que vales

Avevamo paventato poche settimane fa lo scenario del quale vi scriviamo adesso. A poche ore dal lancio su Canale5 dei casting del “sostituto” di Italia’s Got Talent (migrato da Canale 5 a Skyuno), Tu Si Que Vales, ai piani alti di Fremantlemedia si starebbero valutando eventuali azioni legali. Gli elementi di contatto tra i due format sono infatti molteplici, e il precedente italiano favorevole (“Ballando vs Baila”) avrebbe spinto i legali internazionali di Fremantle a riaprendere in mano le carte preparate in occasione del lancio spagnolo di Tu Si Que Vales.

In Spagna, unico paese dove i due format si sono scontrati, la allora Grundy (oggi Fremantlemedia Espana) decise di non procedere contro Endemol e Telecinco – pare – in larga parte per ragioni di carattere “diplomatico”. All’epoca Grundy aveva infatti in produzione per Telecinco due serie di fiction (Yo Soy Betty la Fea e Sin Tetas No Hay Paraiso) e la società di produzione spagnola era guidata dallo stesso amministratore delegato di Grundy Italia, Roberto Sessa, che aveva rapporti consolidati anche con Mediaset in Italia. La questione fu definitivamente archiviata in seguito all’acquisizione di Cuatro – che aveva trasmesso la prima stagione di Got Talent – da parte di Telecinco.

La strategia per il mercato italiano potrebbe essere differente. A premere per una azione aggressiva sarebbe in particolare Syco, la società di Simon Cowell, detentrice originale del format Got Talent. Resta da capire l’atteggiamento di Sky.





3
aprile

BOOM! TU SI QUE VALES AL VAGLIO PER LA SOSTITUZIONE DI ITALIA’S GOT TALENT

Tu si que vales

Tu si que vales

A sapere del passaggio di Italia’s Got Talent a Sky, voi lettori di davidemaggio.it siete stati i primi. E sarete i primi a sapere uno dei format al vaglio per la sostituzione del talent che fu di Canale 5.

Dal momento del ‘trapasso’ a miglior vita, è caccia all’erede dello show di Canale 5 con il quale Maria De Filippi riporterà bizzarri talenti sugli schermi della prima rete commerciale del Belpaese.

I format passati (o passandi) al setaccio sono più d’uno, ma possiamo annunciarvi che tra questi c’è sicuramente il discusso Tu si que Vales, prodotto in Spagna da Gestmusic-Endemol (in Italia i diritti sono di Endemol Italia) e in onda dal 2008 su Telecinco.

Nella penisola iberica il format ha fatto parlare di sè per un motivo molto semplice: sono piovute da più parti accuse di plagio secondo le quali il format avrebbe tratto troppa ‘ispirazione’ da – manco a dirlo - Got Talent. Per saperne di più abbiamo chiesto lumi al nostro collaboratore spagnolo, Josep Ballester, che ci illumina sulla questione:


8
febbraio

BELEN RODRIGUEZ: ITALIA’S GOT TALENT SU SKY? “UN GRANDISSIMO DISPIACERE”. MA LASCIA LA PORTA APERTA PER UN PASSAGGIO SUL SATELLITE

Belen Rodriguez, Le invasioni barbariche

Il passaggio Italia’s Got Talent a Sky? “Un grandissimo dispiacere. Io ho fatto quel programma per tre edizioni, c’era gente che ha creduto tantissimo in quel progetto…“. Belen Rodriguez non nasconde il proprio dispiacere per la notizia televisiva degli ultimi giorni anticipata da DavideMaggio.it. Ospite a Le Invasioni Barbariche, ieri sera la showgirl ha commentato l’addio “forzato” di Canale5 al talent show, non escludendo del tutto l’intenzione di approdare a sua volta sul satellite. “Non lo so, a me piace stare bene nella rete in cui sto” ha detto. Incalzata da Daria Bignardi, Belen si è espressa anche sulle indiscrezioni di un possibile trasloco de L’Isola dei Famosi su Canale5, con Vladimir Luxuria inviata e conduttore ancora incerto.

Belen Rodriguez e Stefano de Martino a X Love?

Sull’argomento, la showgirl argentina non si è però sbilanciata, mentre ha confermato di aver avuto contatti con Davide Parenti per una sua partecipazione – assieme a Stefano De Martino – ad un suo programma (con ogni probabilità si tratta di XLove, programma di Italia1 ormai prossimo al debutto sotto la guida di Nina Palmieri).

Ho parlato con Davide Parenti, mi ha fatto una proposta ma stiamo valutando. Con Stefano mi ci vedo per forza di cose” ha dichiarato Belen, alludendo al suo legame coniugale con l’ex ballerino di Amici. Poi, ha aggiunto: “Io mi blocco davanti a poche cose. Tutti i progetti mi divertono, se però mi entusiasmano“. Di seguito, la showgirl ha parlato della sua maternità e del rapporto con Stefano De Martino, ma anche della sua costante esposizione mediatica.


5
febbraio

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (30/01-5/02/2014). PROMOSSI MASTERCHEF E IL 6 NAZIONI SU DMAX, BOCCIATI I PROMO DI SANREMO E DOMENICA IN

Imitazione Il Segreto

Promossi

10 a Masterchef. L’abbuffata televisiva di chef e ricette non ha impoverito il menù offerto dal programma della pay tv satellitare, capace di soddisfare la platea come solo pochi show sanno fare. E’ il grande vero successo di Sky che unisce ascolti e qualità produttiva.

9 ai 10 anni delle Winx. Se ne parla poco ma le fatine animate rappresentano uno dei più felici (se non il più felice) esempi di esportazione di serialità tricolore. Un modello virtuoso che riguarda la sempre bistrattata – spesso a torto, altre volte a ragione – Rai.

8 al lancio del 6 Nazioni da parte di Dmax. L’investimento (ingente, supponiamo) di Discovery sul rugby è andato al di là della mera acquisizione di diritti. Dmax ha creato un mondo capace di rafforzare e contestualizzare l’evento – percepito come tale anche da chi ignora la forma ovale della palla – senza perdere di vista l’identità di rete.

7 a Sky che si assicura Italia’s Got Talent. Acquisire il programma di intrattenimento seriale più visto degli ultimi anni è un colpaccio senza se e senza ma. Tuttavia rimaniamo convinti che la pay tv satellitare dovrebbe occuparsi delle nicchie più che del grande pubblico. Il format poi non si sposa pienamente con le logiche di una pay tv e trovare degli eredi di De Filippi e Scotti – veri driver del successo di IGT – sarà un’impresa non facile.

6 all’imitazione de Il Segreto a Quelli che il Calcio. L’idea è super azzeccata, il soggetto si presta, e Nuzzo e Di Biase riescono, in qualche modo, pur a ricordare fisicamente i protagonisti della saga iberica. Malgrado ciò I Segreti non fanno ridere (o quasi). Confidiamo nelle prossime puntate.

Bocciati