Giuseppe Cruciani



6
maggio

TANGO: CRUCIANI E D’AMICO BALLANO DA SOLI. BUONI I CONTENUTI, MA NESSUNA NOVITA’

Tango, SkyTg24

La musica d’attualità c’era, i ballerini pure. Ma più che un Tango, quello trasmesso ieri da SkyTg24 (e in simulcast su Cielo) sembrava il solito valzerino della politica commentata. Anche se ben impostato, il nuovo approfondimento condotto da Giuseppe Cruciani ed Ilaria D’Amico ha affrontato i temi di rilievo senza introdurre quelle novità che ci saremmo aspettati da questo debutto. “La musica è cambiata” recita infatti il sottotitolo del format, lasciando pregustare chissà quali colpi di scena e ritmi sincopati. E invece…

Tango ha rispettato le più tradizionali grammatiche del talk show: i conduttori attorno ad una scrivania, gli ospiti in collegamento, i loro commenti, le grafiche di approfondimento. Il programma si è aperto con un’intervista a Diego Della Valle ed è proseguito con un dibattito cui hanno preso parte Tommaso Cerno e Vittorio Feltri. E’ stato quest’ultimo a regalare al confronto i rari momenti degni di nota, lanciandosi anche in un provocatorio endorsement: “alle elezioni prossime elezioni per puro leccaculismo voterò Forza Italia” ha detto. Poi, sul finale, ha commentato le gesta dell’ultras Genny a’ Carogna: “è un mito. E’ il simbolo che in Italia le carogne hanno sempre ragione“.

Tango: la coppia Giuseppe Cruciani e Ilaria D’Amico è ancora in fase di rodaggio

L’inedito sodalizio tra Giuseppe Cruciani e Ilaria D’Amico si è rivelato ancora in piena fase di rodaggio: tra i due, poca simbiosi e qualche sovrapposizione. Il conduttore, reduce della negativa esperienza di Radio Belva, ieri è apparso alquanto ammansito rispetto alle azzardate prodezze esibite su Rete4 lo scorso ottobre ed ogni giorno ai microfoni de La Zanzara. Le sue domande, sempre mirate ad estrapolare qualche dichiarazione forte, non sono state poi così irriverenti. Nessuna parolaccia, nessuna derapata fuori copione come nel suo stile. Un cambio di registro o un semplice imbarazzo che andrà scomparendo nelle prossime puntate?




15
aprile

TANGO: GIUSEPPE CRUCIANI E ILARIA D’AMICO INSIEME NEL NUOVO TALK SHOW DI SKYTG24

Giuseppe Cruciani, Ilaria D'amico Tango

Giuseppe Cruciani ed Ilaria D’Amico ballano sull’attualità. Per loro, un bel giro di Tango. E’ questo il titolo del nuovo programma d’approfondimento che i due – per la prima volta insieme sul piccolo schermo – condurranno su SkyTg24 HD ogni lunedì e giovedì, a partire dal prossimo 5 maggio. In seconda serata, alle 23.00, l’inedita coppia giornalistica commenterà i principali fatti di primo piano attraverso la voce dei loro protagonisti.

Nel Tango di SkyTg24 verranno coinvolti ospiti politici, imprenditori, ma anche personaggi del mondo dello showbiz. Tutti in pista. Stando a quanto si apprende, il nuovo format televisivo coniugherà gli ingredienti tipici del talk show politico con elementi più innovativi, che puntano a scardinare la tradizionale liturgia del dibattito. Un esperimento, questo, che lo stesso Cruciani aveva provato a realizzare su Mediaset, con Radio Belva, ricevendo però un riscontro negativo da parte del pubblico e critiche sulla volgarità dei toni: il programma venne chiuso dopo la prima puntata.

Ora l’ideatore de La Zanzara, noto al pubblico radiofonico per i suoi modi graffianti ed irriverenti, ci riprova su SkyTg24 affiancato da Ilaria D’Amico. L’alchimia tra i due – entrambi personalità dal carattere forte – potrebbe rivelarsi esplosiva e funzionale al format, se non altro per il confronto tra stili di conduzione e di approccio differenti all’intervista e all’approfondimento. Per Ilaria D’Amico si tratterà di un ritorno su SkyTG24 a pochi mesi da Lo Spoglio, il programma di avvicinamento alle Elezioni Politiche del 2013 da lei condotto.


12
ottobre

MARIO GIORDANO: “RADIO BELVA TORNERA’ SENZA GLI ERRORI DELLA PRIMA PUNTATA”. E SU SALVO SOTTILE…

Mario Giordano

I programmi d’infotainment targati Mediaset portano tutti il suo marchio. Mario Giordano, infatti, ne segue personalmente la realizzazione, con l’occhio attento di conosce la tv ed i suoi linguaggi. Il direttore di Videonews ha ricevuto l’incarico di rilanciare l’informazione del Biscione, ed il palinsesto dell’emittente è una chiara espressione di questo progetto. L’ultima novità in tal senso in arriverà domani sera, Lucignolo 2.0: “è un ritorno. Questa volta, però, racconteremo ancora di più il mondo dei giovani” ha spiegato il giornalista a Libero.

Mario Giordano presenta Lucignolo 2.0

Il rotocalco di Italia1, che ripartirà in versione aggiornata e social, racconterà in diretta le giornate dei giovani e le loro abitudini. “Ogni settimana metteremo le telecamere in una grande piazza per vedere cosa succede” ha detto Giordano, spiegando la genesi del nuovo format: “ci siamo accorti che su Internet e sui social network è diffusissimo il ‘modello Lucignolo’ nonostante l’ultima edizione sia andata in onda nel 2007 (…) Poi perché fanno tante trasmissioni ma il mondo dei ragazzi è sempre un po’ tralasciato” ha argomentato il direttore.

Mario Giordano commenta le novità di Videonews

Ma, in ordine di tempo, Lucignolo 2.0 è solo l’ultima sfida intrapresa da Giordano. A inizio stagione, infatti, il giornalista ha sperimentato delle novità significative in alcuni programmi strategici di Videonews: l’arrivo di Federico Novella a Mattino Cinque e quello di Gianluigi Nuzzi a Quarto Grado, in sostituzione di Salvo Sottile. Al riguardo, il giornalista non ha fatto mancare il proprio giudizio.





11
ottobre

RADIO BELVA SOSPESO. PER MAURO CRIPPA TORNERA’ IN ONDA…. SU ITALIA1?

Giuseppe Cruciani, David Parenzo

Hanno spento Radio Belva, ma forse non per sempre. Sono passate poche ore della sospensione coatta del programma condotto da Giuseppe Cruciani e David Parenzo su Rete4, e già si parla di un suo possibile ritorno in onda. Forse su Italia1. Secondo Dagospia, il canale diretto da Luca Tiraboschi sarebbe stato individuato come il luogo adatto ad accogliere l’anti-talk pecoreccio ideato dai due giornalisti, anche in virtù del suo target più giovanile. Il programma in questione, del resto, non possedeva “le caratteristiche di tono e contenuto adatte al prime time di Rete4“, come sottolineato ieri dal direttore Giuseppe Feyles.

Radio Belva è piaciuto a Silvio Berlusconi?

Sempre stando alle indiscrezioni di D’Agostino, a scongiurare la chiusura definitiva di Radio Belva sarebbe stato nientepopodimeno che Silvio Berlusconi, il quale avrebbe seguito la prima puntata e ne sarebbe rimasto entusiasta. Il Cavaliere avrebbe quindi chiesto di non cancellare la trasmissione. La sospensione stabilita, insomma, sarebbe soltanto un provvedimento momentaneo e a sostegno di tale interpretazione si aggiungono le dichiarazioni rilasciate da Mauro Crippa, Direttore Generale dell’Informazione Mediaset.

Radio Belva sospeso – Le dichiarazioni di Mauro Crippa

Radio Belva torna ai box. La nuova trasmissione di Cruciani e Parenzo ha provato a fare un giro di pista, ma è finita fuori alla seconda curva: ieri sera ho visto cose che non si possono vedere in onda, e che non possiamo e non dobbiamo permetterci di trasmettere (…) La strada della sperimentazione è piena di insidie e inevitabilmente anche di errori che devono essere corretti. Il prototipo di Radio Belva, dunque, rientra in officina per la messa punto. E per tornare prossimamente” ha affermato il vertice del Biscione.

Radio Belva su Italia1?


10
ottobre

RADIO BELVA SOSPESO. GIUSEPPE FEYLES: HA PRESO UNA DERIVA NON CONDIVISIBILE

Radio Belva, Giuseppe Cruciani

Giuseppe Cruciani e David Parenzo sospesi. “Retequattro sospende la messa in onda di Radio Belva. Il programma non ha le caratteristiche di tono e contenuto adatti al prime time della rete“. Lo ha dichiarato il direttore di Rete4 Giuseppe Feyles in un comunicato divulgato da poco. Termina così, dopo una prima puntata dai toni decisamente sopra le righe, l’esperienza di anti-talk condotta dai due mattatori de La Zanzara, che ieri hanno debuttato con il deludente risultato del 2,79% di share.

Radio Belva sospeso – Giuseppe Fayles (Rete4) si scusa

Ieri, in alcuni momenti, la concitazione della diretta ha preso una deriva non condivisibile, della quale ci scusiamo con il pubblico e gli ospiti in studio e in collegamento” ha proseguito il direttore di rete, probabilmente riferendosi alle volgarità e al turpiloquio utilizzato dal conduttore ma anche dai suoi ospiti. Ad un tratto, ad esempio, Vittorio Sgarbi ha minacciato di “pisciare in testa” a Cruciani, rivolgendo pesanti insulti ad Alba Parietti. Tali episodi ci avevano indotti a criticare i toni e la mancanza di contenuti del programma stesso.

Scusandosi con il pubblico, Giuseppe Fayles ha poi ringraziato i protagonisti di Radio Belva: “ringrazio comunque Cruciani e Parenzo, le cui capacità professionali non sono in discussione, e Videonews che ha realizzato il programma e che continuerà in futuro a fornire alla rete prodotti di qualità e successo” ha detto il direttore di Rete4.





10
ottobre

RADIO BELVA, CHE BORDELLO! CRUCIANI, PARENZO E L’INTRATTENIMENTO ALLA CRONACHE MARZIANE

Radio Belva

Video killed the radio star. Il celebre ritornello ci sembra una chiosa perfetta alla prima puntata di Radio Belva, il nuovo programma d’approfondimento condotto da Giuseppe CrucianiDavid Parenzo in prime time su Rete4. Annunciata come il primo anti-talk del piccolo schermo, la trasmissione si è invece rivelata una tragicomica trasposizione televisiva de La Zanzara, lo show radiofonico condotto dai due giornalisti. Ma la tv è una cosa seria, con dinamiche e linguaggi tutti suoi, e l’ambizioso esperimento ha sin da subito mostrato tutti i suoi punti deboli.

Dal principio, Radio Belva si è caratterizzata per la totale mancanza di una scaletta solida, e la diretta conseguenza è stato un esordio confusionario, anche sotto il profilo della regia. Classifiche, imitazioni, interviste, video, sondaggi, botta e risposta serrati, vignette: il format ha cercato di coniugare più elementi all’interno della sua narrazione, ma l’effetto è stato uno show improvvisato e per certi aspetti dilettantistico. Cruciani, da parte sua, è apparso una parodia di se stesso, inadeguato per la prima serata. In tv il suo stile non ha avuto la medesima resa radiofonica. Anche il tandem con Parenzo non ha funzionato e i due sono stati scoordinati, incapaci di imporre un ordine al caos del dibattito.

Nel confronto, più che i contenuti (in verità assenti) Radio Belva ha privilegiato la spettacolarizzazione dei suoi ospiti. In studio c’erano, tra gli altri, anche Mario Borghezio, Ilona Staller, Paolo Villaggio, Vittorio Sgarbi – con sfuriata trash d’ordinanza – e la signora Annarella, nota per le sue invettive sotto Montecitorio: un parterre da vero circo mediatico. Anzi, da circo e basta, vista l’imbarazzante evoluzione del programma. Come prevedibile, infatti, il dibattito è finito in caciara (con Sgarbi che voleva “pisciare in testa” al conduttore) e i momenti più curiosi della serata sono stati i collegamenti con l’inviato speciale Emilio Fede.


9
ottobre

RADIO BELVA: GIUSEPPE CRUCIANI E DAVID PARENZO SU RETE4. EMILIO FEDE INVIATO SPECIALE

Radio Belva - Cruciani e Parenzo

Radio Belva - Cruciani e Parenzo

Sarà il primo esperimento televisivo di anti-talk, il tentativo di demolire per quanto possibile l’artefazione mediatica dell’attualità. Giuseppe CrucianiDavid Parenzoi protagonisti dell’impresa – si sono già attrezzati per l’occasione (vedi foto) e stasera inizieranno a picchiare duro in prime time. L’irriverente coppia di giornalisti presenterà su Rete4 Radio Belva, un nuovo programma d’approfondimento politico (e non solo) che intende riproporre in tv lo stile beffardo e cinico della loro trasmissione radiofonica La Zanzara. Il format è ancora tutto da scoprire, ma una cosa è certa: non sarà il solito dibattito.

Radio Belva – Cruciani e Parenzo svelano il format

Sarà una specie di Fight club del talk show: un fight talk” ha spiegato Cruciani in un’intervista al Giornale, riferendosi al carattere battagliero ed originale che distinguerà la trasmissione. Gli ospiti al centro dello studio saranno, non a caso, protagonisti dell’attualità noti per le loro dichiarazioni ambigue o politicamente scorrette. A metterli sotto torchio ci saranno, oltre ai conduttori, alcuni opinionisti altrettanto effervescenti, quali Maria Giovanna Maglie, Alan Friedman e lo scrittore Mauro Corona. In trasmissione sarà presente anche tribuna di “nuovi mostri”, ossia cittadini comuni molto autentici sia nell’aspetto sia nei punti di vista.

Radio Belva – Emilio Fede inviato speciale

L’obiettivo dichiarato, ovviamente, è quello di far discutere e di aspettare che in studio scatti la “belva”. Cruciani e Parenzo, inoltre, avranno a disposizione un inviato d’eccezione, Emilio Fede, che tornerà su Rete4 dopo il burrascoso addio al notiziario del canale. L’ottuagenario giornalista indosserà i panni del cronista d’assalto, tornando così alle origini, e la sua prima missione sarà quella di infilarsi in una sede di Sinistra e Libertà, il movimento di Nichi Vendola, per intavolare una discussione con i militanti.

Radio Belva – la prima puntata


1
ottobre

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (23-29/09/2013). PROMOSSI MIKA E CRUCIANI E PARENZO, BOCCIATA STRISCIA

Striscia la notizia

Michelle Hunziker e Virginia Raffaele

Promossi

9 a Mika. Divertente, ironico e tagliente al punto giusto. Il primo giudice internazionale di X Factor è una straordinaria scoperta e, dopo la prima puntata, è già la star di questa edizione. Con buona pace di Simona Ventura.

8 a Giuseppe Cruciani e David Parenzo. L’irriverente duo – pronto per sbarcare in tv, su Rete 4 con Radio Belva, – mette a segno un colpaccio con La Zanzara raccogliendo le dichiarazioni shock (?) di Guido Barilla sugli omosessuali che hanno fatto il giro del mondo.

7 a Bates Motel. Complice l’impervia collocazione, al pubblico di Rai2 il prequel di Psyco non è piaciuto. Tuttavia la serie si fa apprezzare per la bravura degli interpreti (Vera Farmiga su tutti) e l’introspezione psicologica dei personaggi.

6 a Il segreto al sabato. Comprensibile la scelta di sfruttare la telenovela spagnola campione d’ascolti per trainare Verissimo. Però, come spesso accade in quel di Cologno, tutto è avvenuto in una maniera estremamente confusa. La variazione è stata comunicata con poco preavviso e l’orario di inizio, inizialmente fissato per le 15, è poi slittato alle 15:30. Non solo, la puntata di sabato è stata replicata ieri (cosa che non dovrebbe avvenire la prossima settimana).