Film



4
febbraio

IRIS ARCOBALENO: SUL DTT MEDIASET UNA RASSEGNA DI OPERE DEDICATE AL MONDO GAY e LESBICO

A Wong Foo - Grazie di tutto @ Davide Maggio .itIris, il canale del digitale free delle reti Mediaset, con Iris Arcobaleno programma – per la prima volta in chiaro, in prima e seconda serata da questa sera, 4 febbraio – un’ampia rassegna di opere cinematografiche dedicate al mondo gay e lesbico.

Molto tempo è passato dai moti di Stonewall, i violenti scontri fra omosessuali e polizia a New York, nel 1969, seguiti all’irruzione nel bar gay di Christopher Street, nel Greenwich Village. Lì nacque il movimento di liberazione gay moderno in tutto il mondo. Di certo il percorso compiuto da chi ha sostenuto e sostiene i diritti degli omosessuali è stato ed è irto di difficoltà e soprusi. Una grande spinta verso la liberazione dei costumi e il riconoscimento di gay e lesbiche è certamente ispirato dal mondo del cinema. Molto, in questo senso, hanno fatto pellicole come Querelle de Brest, Maurice, Priscilla o registi come Pedro Almòdovar e Gus Van Sant. Con I segreti di Brokeback Mountain, nel 2005, addirittura è arrivato l’Oscar e per l’appena uscito nelle sale Milk, pare avvicinarsi un altro trionfo.

Iris, propone così ben ventiquattro pellicole, alcune censurate, altre più frivole, sicuramente tutte significative per raccontare come si è evoluta la nostra società a proposito di questi temi. Una rassegna di opere crude e smaliziate, curiose o profondamente impegnate, per ripercorrere, con l’occhio della telecamera, lo sconfinato mondo dell’universo omosessuale nelle sue infinite sfaccettature.

Dopo il salto, la programmazione completa:

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , , , ,




2
febbraio

AMORE, HORROR E FANTASCIENZA NEL FEBBRAIO DI STEEL. ECCO IL PALINSESTO

Steel - Febbraio 2009 @ Davide Maggio .it

Saranno l’horror, l’amore e la fantascienza gli ingredienti che gli chef di Steel hanno scelto per questo secondo mese dell’anno. Horror come L’alba dei morti viventi, I Segni del Male, Arac Attack: mostri a otto zampe e Sospesi nel tempo che ogni lunedì spaventeranno il pubblico di Steel in prima serata. Amore come il ciclo di film dedicati alla festa di San Valentino (e anche un po’ a quella di S. Faustino) in programmazione nella seconda serata del martedì. Fantascienza come le vicende di Terminator: The Sarah Connor Chronicles II, ogni sabato alle 21.45.

La vera novità di febbraio sarà proprio quest’ultima: in anteprima per la tv italiana potrete seguire la seconda stagione delle avventure di Sarah Connor nello spazio dedicato al fantascientifico di Sci-fi. Nella prima stagione avevamo lasciato Sarah Connor (Lena Headey) combattere nel futuro nella Los Angeles dei giorni nostri, con la speranza di impedire l’apocalisse nucleare e cambiare il destino di suo figlio John (Thomas Dekker). Nella seconda stagione, invece, la vita dei Connor si complicherà e il futuro e il passato diventeranno una cosa sola. Questa seconda stagione del telefilm, riprende le vicende di Sarah Connor e suo figlio proprio dove si erano interrotte nel secondo film TERMINATOR 2: il giorno del giudizio, che Steel trasmetterà solo tre giorni prima della messa in onda della serie, giovedì in prima serata.

Per il ciclo dedicato all’amore, in occasione di San Valentino, Steel propone quattro divertenti film: Io vi dichiaro Marito e… Marito, American Pie 2, American Pie – il Matrimonio e per l’ultimo martedì 40 Giorni e 40 notti.

Ma Steel a febbraio non è solo questo. Scopri il palinsesto:


1
febbraio

JOI, FEBBRAIO 2009: ARRIVANO LA SECONDA STAGIONE DI PUSHING DAISIES E DUE FILM IN PRIMA TV

Joi - Febbraio 2009 @ Davide Maggio .it

Febbraio ricco per i telespettatori di Joi, soprattutto sul fronte cinema. Dopo l’infelice scelta dei mesi precedenti che ha portato a pochissime prime tv cinematografiche, febbraio è pronto a riscattare il torto con due fantastiche prime tv: “Io sono leggenda” e “American Gangster“.

A poco più di un anno di distanza dall’uscita nei cinema italiani, “Io sono leggenda“, il film fantascientifico di Francis Lawrence, ci catapulta nel 2012 dove troviamo l’ex principe di Bel Air, Will Smith,  a “combattere” contro un’epidemia di morbillo geneticamente modificato. Dopo tantissime peripezie tra gli infettati diventati zombie e i pochissimi immuni, Smith scoprirà il vaccino e diventerà leggenda.

Dal viaggio nel futuro programmato il 9 febbraio alle 21.00, si passa, l’ultimo lunedì del mese sempre alle 21.00, alle vicende della malavita newyorkese degli anni 70 con “American Gangster“. Tra giri malavitosi a base di corruzione, estorsione e reati vari, Ridley Scott ci presenta la storia di Frank Lucas, il più grande trafficante di droga di Harlem, interpretato sapientemente da Denzel Washington, e del suo antagonista, il Detective Richie Roberts, interpretato dal gladiatore Russel Crowe. Ma il colpo di scena è dietro l’angolo e Frank Lucas diventerà paladino della giustizia e si affiancherà a Roberts nella lotta contro la corruzione.





15
dicembre

CARNERA, UN PUGILE DIVENUTO LEGGENDA

Carnera @ Davide Maggio .it

Debutta questa sera, in prima serata, su Canale 5, “Carnera, il campione più grande”, “film evento” volto a ricostruire la straordinaria parabola esistenziale di un uomo che ha indelebilmente segnato la storia sportiva, e non solo, del nostro Paese. Un uomo esemplare, Primo Carnera, campione nello sport così come nella vita, un uomo che non si è mai arreso di fronte agli ostacoli, numerosi e insidiosi, che la vita ha seminato sul suo cammino. Chiunque, al suo posto, sarebbe uscito irrimediabilmente provato e privo di forze da un’infanzia segnata da stenti e privazioni, non lui, però, che, al contrario, seppe trasformare quella sofferenza in ostinata caparbietà e insopprimibile desiderio di ottenere, presto o tardi, l’agognato riscatto.

Il film, diretto dall’ottimo Renzo Martinelli, mette in luce oltre che le indubbie qualità atletiche di un colosso alto due metri (che meritò, proprio in virtù della sua monumentale fisicità, l’appellativo di “la montagna che cammina”), anche e soprattutto l’elevata statura morale di un combattente, profondamente legato ai suoi affetti, di un gigante che, animato da uno spirito di sacrificio fuori dal comune, si fece fiero sostenitore di antichi e nobili valori. Non a caso, infatti, la sua gloriosa figura fu, astutamente, sfruttata da Mussolini, che ne fece un vero e proprio modello antropologico, un potente strumento di propaganda, un motivo di vanto per il suo regime.

Un film intenso, questo, in cui Martinelli non nasconde di aver riposto importanti finalità etiche (così come nelle sue precedenti opere “Piazza delle cinque lune” e “Vajont”) che spera possano toccare soprattutto le corde dei cuori dei giovani di oggi affinché essi, dal racconto della vita di un uomo divenuto leggenda, comprendano la vacuità di una morale, quella moderna, sempre più, egoisticamente, improntata all’hic et nunc.


27
agosto

PREMIUM GALLERY: LE NOVITA’ DELL’AUTUNNO

Premium Gallery - Autunno 2008 @ Davide Maggio .it

L’estate è agli sgoccioli e le emittenti presentano le ultime novità per i prossimi palinsesti autunnali. Lo fa anche Mediaset Premium, la mini pay tv creata da Mediaset sul digitale terrestre italiano e lanciata lo scorso gennaio. I tre canali dell’offerta Premium Gallery, Joi, Mya e Steel stanno trasmettendo le ultime replichette estive per passare la palla alle prime tv che da settembre ci aspettano sulle frequenze del digitale terrestre.

Joi, il canale dedicato a tutta la famiglia, proporrà a partire dal 25 settembre la serie tv The Nine, ogni giovedì in prima serata. Nove persone sono ostaggi per 52 interminabili ore a seguito di una rapina non andata a buon fine: sono un detective, un impiegato della stessa banca, un chirurgo, un’operatrice sociale, un quasi suicida, una madre single ed innamorata, sua sorella e la piccola figlia dell’impiegato. Ciascuno di loro dopo la liberazione si rincontra e rimane legato l’un l’altro per sempre. Il telefilm non è in prima tv in quanto è già stato trasmesso la scorsa stagione su Rai2. Proseguono inoltre Law & Order, E.R. e House con i consueti episodi in replica. Passando al cinema, Joi propone ogni lunedì un film in prima visione nel ciclo “I Magnifici”. A settembre vedremo The life of David Gale, Le Regole del gioco, Harry potter e l’ordine della fenice, Zodiac e Il dolce e l’amaro (questi ultimi tre in prima visione assoluta). E da ottobre approdano sul canale le serie tv Pushing Daisies e Studio 60.

Mya, il canale dedicato alle donne e a chi le ama, vi offre in prima tv la serie tv The Starter Wife e One Tree Hill 4 tutti i giovedì a partire dal 4 settembre alle 21. The Starter Wife racconta la vita di Molly Kagan dopo il devastante divorzio dal marito dal quale riesce tuttavia a riprendersi grazie ad una amica che le fa ritrovare la fiducia negli uomini. La quarta stagione di One Tree Hill, invece, continua a raccontare la vita dei fratelli Lucas e Nathan sempre animata dai numerosi intrecci con la tranquilla città di Tree Hill a fare da cornice. Per quanto riguarda i film il canale propone in prima tv a settembre La Ragazza del Lago e numerosi altri film già trasmessi negli scorsi mesi. Ottobre, invece, sarà il mese del lancio della seconda stagione de The Tudors, in onda dal 4 ottobre alle 21.00.





6
novembre

NUOVI CANALI DTT MEDIASET : LE PRIME CONFERME ALLE ANTICIPAZIONI DI DM

Digitale Terrestre Mediaset @ Davide Maggio .it

Sempre per la serie “mica pizza e fichi”, sono arrivate soltanto ieri le prime conferme a quanto questo blog aveva anticipato, con notevole anticipo rispetto agli altri media, qui e qui ormai un mese fa.

I nuovi canali del Digitale Terrestre Mediaset si apprestano, dunque, a diventare realtà proprio nei tempi che avevo indicato.

Il debutto dovrebbe essere graduale. Per il momento è fissata per il 21 novembre la presentazione a Roma dei primi due nuovi canali free.

Ecco cosa scrive Maurizio Caverzan per il Giornale [via dagospia] :

L’appuntamento è per il 21 novembre nella sede della Stampa estera a Roma, roba grossa. Quel giorno il vertice di Mediaset scenderà nella capitale per presentare i due nuovi canali free diretti da Miriam Pisani visibili gratuitamente con il decoder digitale. Il primo, dedicato al grande cinema (cicli d’autore, film vincitori di Festival…) e serie tv, il secondo al varietà e ai programmi comici che hanno fatto la storia della tv commerciale.

I canali free, dunque, avranno ad oggetto serie tv e film il primo e varietà e programmi comici il secondo, un trend che riporta, nel secondo caso, al caro vecchio Happy Channel che, a mio avviso, potrebbe essere emulato, seppur non completamente.

Ciò che, però, non viene ancora detto ma che abbiamo anticipato nei post segnalati in apertura è che il numero totale dei canali dovrebbe essere 5 anche se si dice che l’offerta si stia gradualmente ampliando e si potrebbe addirittura arrivare ad otto canali nuovi di zecca.

Per conoscere qualcosa in più (di ufficioso, ovviamente) sui canali a pagamento potete rileggere questo post.

Per info generali sui nuovi canali, invece, leggete il primo post in assoluto dedicato all’argomento QUI.


4
febbraio

SE TORNANO I PUFFI … C’E’ UN PERCHE’!!!

I puffi @ Davide Maggio .it

La notizia, ormai, è nota ai più.

Dal prossimo lunedi, alle 7 su Italia1, tornano “I Puffi”, straordinario cartone animato a cui hanno avuto modo di affezionarsi milioni di persone, bambini e non!

Non Vi nascondo che mi è venuta una certa voglia di celebrare questo ritorno.

Un ritorno al passato, ad una televisione che, quanto meno secondo me, non è minimamente paragonabile a quella attuale… anche nei cartoni animati!

Questa volta non ho voglia di mettere a confronto la TV “vecchio stile” con quella attuale. Sono eventi come questo (nel loro piccolo) a far tornare alla mente la buona televisione di un tempo.

Ho voglia, invece, di condividere con Voi alcune notizie che sono riuscito a reperire in rete.

Mi sono chiesto, tra le altre cose, il perchè di questo ritorno e, forse, una spiegazione sono riuscito a trovarla.

Ma andiamo per gradi.

E’ curioso sapere che “I Puffi” sono nati, in realtà, come personaggi secondari di Johan & Peewit (in Italia, John e Solfamì -nella foto che segue), un fumetto nato nel 1948 ad opera del disegnatore Peyo sul giornale belga Le Soir. La pubblicazione fu spostata dal 1952 sul giornale “Spirou”.

Puffi e John & Solfamì @ Davide Maggio .it

L’idea, rivelatasi geniale, di inserire nel fumetto appena citato i piccoli ometti blu avvenne il 23 ottobre 1958, giorno di nascita dei Puffi!

Il successo fu strepitoso e presto (nel 1959) I Puffi da personaggi secondari diventarono i protagonisti di un autonomo fumetto.

Il Flauto a 6 Puffi @ Davide Maggio .itA decretare il definitivo successo ci fu, nel 1976, un lungometraggio intitolato “La Flûte à six schtroumpfs” conosciuto in Italia come “Il Flauto a 6 Puffi” o “I Puffi e il Flauto Magico” (forma tradotta della versione americana del film arrivata negli USA nel 1983) con cui si portava sugli schermi il famoso episodio di John e Solfamì in cui esordirono i Puffi.

Fu nel 1981, però, che Hanna e Barbera iniziarono a lavorare alla celeberrima serie animata realizzata per la NBC che, per prima, dunque, ebbe l’onore di trasmettere il fortunato cartone animato.

Furono prodotti 256 episodi che, tutt’oggi, sono trasmessi (seppur saltuariamente) in 30 paesi!

Nello stesso anno Hanna & Barbera realizzarono anche una serie che aveva per protagonisti i personaggi grazie ai quali I Puffi furono creati, “John e Solfamì”. Questo cartone animato ebbe un successo e una durata decisamente minori!

In Italia l’arrivo dei Puffi (a parte qualche episodio dei Puffi versione fumetto pubblicata sul Corriere dei Piccoli tra gli anni 60/70) risale al 1982 e precedette di ben 3 anni il cartone animato “John e Solfamì” che trovò spazio anche nel nostro paese per luce riflessa!

Non Vi ho ancora svelato, però, il perchè di questo ritorno.

Curiosando in rete, ho scoperto che la Paramount Pictures e la Nickelodeon Movies hanno acquisito i diritti del cartone animato per la Kerner Entertainment che ha intenzione di produrre almeno 3 nuovi film sui Puffi. L’uscita del primo della saga è prevista per il 2008, anno in cui si celebrerà il 50° anniversario degli strani ometti blu alti due mele o poco più!

Qualora conosciate già curiosità e dettagli sul cartone del quale parliamo, la lettura di questo post può terminare qui. In caso contrario proseguite pure.

Rispolverando un vecchio archivio, ho ritrovato un disco di vinile con “La Canzone dei Pufficantata da Cristina D’Avena nel 1983 che, tra l’altro, ha vinto il disco d’oro.

E’ proprio riascoltando questa canzone che si può avere un quadro completo delle peripezie dei puffi che vivono “vicino al fiume blu” dove sorge una diga presso la quale lavora la maggior parte di loro. –br[Continua a leggere la storia de I PUFFI]–

Altri puffi invece si dedicano alla raccolta del cibo nella foresta (le famose puff-bacche) mentre i protagonisti principali della serie li ritroviamo nel villaggio o addirittura fuori poichè “in città amici hanno già e senza esitar, li vanno a trovar”.

Ebbene si, i puffi, contrariamente a quanto si possa pensare, hanno degli amici umani che ben conoscono la collocazione del loro villaggio (a differenza del malefico Gargamella e della sua Gatta Birba che vorrebbero catturare i puffi per trasformarli in oro e per mangiarli).

Per spostarsi dal villaggio il Grande Puffo si serviva di un airone e così facendo poteva raggiungere il mago Omnibus (col quale giocava a scacchi o scambiava formule magiche) e Madre Natura.

Continuando a riascoltare la canzone ( “il grande puffo però trasformare sa già, un puffo assai cattivo in un puffo che puffa bontà”) sveliamo, per chi non lo sapesse, il perché nell’intero villaggio ci sia una sola puffetta.

In realtà è stato il mago Gargamella a crearla (con la chioma nera) affinché fosse accolta nel villaggio per poi rivelarne l’esatta collocazione al mago. Tuttavia sarà l’anziano “Grande Puffo” (da non confondere con “Nonno Puffo”, vestito di giallo, che farà la sua comparsa negli anni ’90) a trasformare la “puffetta streghetta” nell’adorabile puffetta bionda.

Puffetta però non è la sola estranea del villaggio! Anche “Baby Puffo” è stato adottato dalla comunità blu (portando a 101 il numero iniziale dei puffi) senza che nessuno conoscesse la “provenienza” del piccolo Puffo dotato persino di poteri magici di cui solo il saggio Grande Puffo ne è a conoscenza.

Per dirla tutta, i “veri” Puffi sono quelli degli anni ’80; nel corso degli anni ‘90, infatti, sono state trasmesse varie serie in cui sono stati introdotti nuovi personaggi come i puffolini (Naturone, Sciccoso, Sciattone), Bontina (che è stata creata anche lei dai puffolini riutilizzando la stessa formula per creare Puffetta), il cane Puppy (donato dal mago Homnibus), l’aiutante di Gargamella Lenticchia , Buegrasso…

Per questa volta, ci fermiamo agli anni ‘80 e ci lasciamo con una delle tante sigle che hanno accompagnato negli anni uno dei più bei cartoni animati mai prodotti.

Si tratta della prima sigla, La Canzone dei Puffi, che ho usato come fonte per la stesura della seconda parte di questo post.

 


2
marzo

DA “REGINA” delle NOTTI BRAVE TORINESI a PORNOSTAR

L’apoteosi!!!

Donato Broco (Patrizia) @ Davide Maggio .it

Vi ricordate Patrizia B. (al secolo Donato Broco) transessuale barese trapiantato a Torino e protagonista nello scorso ottobre di un party abbastanza esclusivo (sia per gli invitati che per il menu della serata) balzato agli onori della cronaca?

A quanto pare il Carabiniere (altro nome d’arte di Patrizia B.) ci riserva una grossa sorpresa (e non e’ quella che vi è subito venuta in mente).

Circolano voci, infatti, sull’imminente uscita di un film che la vede protagonista…un film hard ovviamente e per giunta girato in quel di Torino nella “meravigliosa” cornice delle salette del Club Cleò, celebre privé di Torino, meta ambita dal popolo degli scambisti.

Chissà di cosa parlera’ questo film…

E se vi dicessi che uno degli attori che accompagnerà la protagonista ha i capelli rossicci e un viso da ragazzino!?!

Il film è pronto…manca solo un titolo ad effetto ed il gioco è fatto! Per il momento quelli più accreditati sono due: «L’apoteosi» e «I love lap dance».

Staremo a vedere!!! Certo che … VATTI A FIDARE DEGLI “AMICI”!!!

[Segnalato nella Home Page di Libero www.libero.it . Davide Ringrazia!]