Emilio Fede



5
aprile

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (28/03-3/04/2016). PROMOSSI CHE FUORI TEMPO CHE FA E RITA PAVONE, BOCCIATI SOLLECITO E LA SAGA DEI MUCCINO

Cortellesi, Mengoni, Pausini

Promossi

9 a Che Fuori Tempo Che Fa. In questa stagione Fabio Fazio ha provato a sparigliare le carte dell’appuntamento prefestivo proponendo un format diverso, improntato su una chiacchierata informale. Una scelta che poteva contenere dei rischi, ma si è rivelata vincente. E, a poco a poco, anche la solita “compagnia di giro”, handicap del programma, è stata affiancata da volti nuovi.




4
aprile

EMILIO FEDE: CECCHI PAONE AL TG4? SIAMO PASSATI DAL DAVANTI AL DI DIETRO. SONO PREOCCUPATO PER IL PUBBLICO DELLE FAMIGLIE

Emilio Fede

Emilio Fede è tornato a farsi sentire, stavolta dai microfoni di Radio24. E ne ha dette di tutti i colori. L’ottantaquattrenne giornalista, in particolare, ha commentato l’arrivo di Alessandro Cecchi Paone al Tg4 in qualità di conduttore fisso nell’edizione di punta. L’ex direttore non si è trattenuto ed ha riservato frecciate velenose al collega che – da oggi – lo sostituirà idealmente in quello che per anni fu il suo appuntamento quotidiano con il pubblico.


9
ottobre

RADIO BELVA: GIUSEPPE CRUCIANI E DAVID PARENZO SU RETE4. EMILIO FEDE INVIATO SPECIALE

Radio Belva - Cruciani e Parenzo

Radio Belva - Cruciani e Parenzo

Sarà il primo esperimento televisivo di anti-talk, il tentativo di demolire per quanto possibile l’artefazione mediatica dell’attualità. Giuseppe CrucianiDavid Parenzoi protagonisti dell’impresa – si sono già attrezzati per l’occasione (vedi foto) e stasera inizieranno a picchiare duro in prime time. L’irriverente coppia di giornalisti presenterà su Rete4 Radio Belva, un nuovo programma d’approfondimento politico (e non solo) che intende riproporre in tv lo stile beffardo e cinico della loro trasmissione radiofonica La Zanzara. Il format è ancora tutto da scoprire, ma una cosa è certa: non sarà il solito dibattito.

Radio Belva – Cruciani e Parenzo svelano il format

Sarà una specie di Fight club del talk show: un fight talk” ha spiegato Cruciani in un’intervista al Giornale, riferendosi al carattere battagliero ed originale che distinguerà la trasmissione. Gli ospiti al centro dello studio saranno, non a caso, protagonisti dell’attualità noti per le loro dichiarazioni ambigue o politicamente scorrette. A metterli sotto torchio ci saranno, oltre ai conduttori, alcuni opinionisti altrettanto effervescenti, quali Maria Giovanna Maglie, Alan Friedman e lo scrittore Mauro Corona. In trasmissione sarà presente anche tribuna di “nuovi mostri”, ossia cittadini comuni molto autentici sia nell’aspetto sia nei punti di vista.

Radio Belva – Emilio Fede inviato speciale

L’obiettivo dichiarato, ovviamente, è quello di far discutere e di aspettare che in studio scatti la “belva”. Cruciani e Parenzo, inoltre, avranno a disposizione un inviato d’eccezione, Emilio Fede, che tornerà su Rete4 dopo il burrascoso addio al notiziario del canale. L’ottuagenario giornalista indosserà i panni del cronista d’assalto, tornando così alle origini, e la sua prima missione sarà quella di infilarsi in una sede di Sinistra e Libertà, il movimento di Nichi Vendola, per intavolare una discussione con i militanti.

Radio Belva – la prima puntata





19
giugno

DMLIVE24: 19 GIUGNO 2013. LA TV PUBBLICA GRECA NON CHIUDE PIU’, EMILIO FEDE ALLA DIREZIONE DE LA DISCUSSIONE?, SISKA TORNA SU RETE4

Emilio Fede

Emilio Fede

>>> Dal Diario di ieri…

  • Ert, la tv pubblica greca, non chiude più

tinina ha scritto alle 10:50

ATENE – La giustizia greca ha annullato la chiusura della tv pubblica Ert, decisa nei giorni scorsi dal governo di Atene. Lo scrive l’agenzia France Presse. La notizia arriva mentre il primo ministro conservatore greco, Antonis Samaras, aveva rilanciato – a conclusione di una riunione con i partner di sinistra della sua coalizione – la proposta di una ripresa parziale delle attività della radio-tv pubblica Ert, la cui chiusura – decisa d’autortà nei giorni scorsi in vista di una radicale «ristrutturazione» – aveva provocato un’ondata di proteste. La proposta segue un’altra giornata di proteste in Grecia contro la chiusura della tv, criticata anche sul fronte internazionale. (Fonte Il Messaggero.it)

  • Emilio Fede alla direzione de La Discussione

tinina ha scritto alle 11:14

ROMA – Un ritorno in grande stile per Emilio Fede, l’ex direttore del Tg4 caduto nel dimenticatoio da quando è rimasto orfano del Cavaliere. Fede, come annuncia Libero, potrebbe tornare presto ad esercitare la professione di giornalista diventando direttore editoriale de La Discussione, il quotidiano politico fondato da Alcide De Gasperi nel 1952. “Per me sarebbe come arrivare in pace alla fine di un percorso”, ha detto il diretto interessato che ha ricevuto la proposta dall’ex parlamentare Giampiero Catone. Il suo compenso sarebbe di tremila euro al mese e segnerebbe un ritorno alla scrittura dopo gli anni in Rai e Mediaset. Per quanto riguarda Silvio Berlusconi, Fede, tutt’ora indagato nel processo Ruby insieme a Lele Mora e Nicole Minetti, sostiene che tratterà il suo ex datore di lavoro alla stregua di tutti gli altri politici. (Fonte Leggo.it)

  • Siska torna su Rete 4


15
dicembre

VERO TV NON RINNOVA LO SPAZIO DI EMILIO FEDE

Emilio Fede, Vero tv

L’attualità spiegata e commentata da Emilio Fede è tutta un programma (televisivo). Forse, però, ancora per poco. Ogni martedì pomeriggio, l’ex direttore del Tg4 appare sul canale Vero (numero 55 del digitale terrestre) e dice la sua in merito alla politica e alla cronaca del Paese. Un’esperienza, questa, che prosegue a scadenza settimanale da circa un mese, ma che ora sembra già destinata a subire una battuta d’arresto.

Pare infatti che non si rinnoverà il contratto di collaborazione tra l’ottuagenario giornalista e l’emittente di Guido Veneziani Editore. Dunque, a rigor di logica, quella in onda martedì prossimo 18 dicembre alle 14.15, dovrebbe essere l’ultima puntata di “Attualità con Fede“, titolo attribuito allo spazio che vede(va) Emilio come protagonista per un’ora.

Dopo il sofferto addio al Tg4, il giornalista aveva intrapreso la nuova avventura su Vero tv con un certo slancio, come egli stesso aveva raccontato in un‘intervista concessa a DM. A partire dallo scorso 6 novembre, Fede era così tornato in onda, affiancato di volta in volta da un conduttore e da ospiti di un certo calibro, tra i quali anche Vittorio Sgarbi, Alessandro Sallusti e Vittorio Feltri.





7
dicembre

EMILIO FEDE INFURIATO: INSULTI CONTRO L’ESPRESSO SULLA PRESUNTA BUONUSCITA D’ORO

Emilio Fede

Alla faccia dell’incazzatura: stavolta Emilio Fede se l’è presa per davvero. Bersagliato da alcune indiscrezioni de L’Espresso in merito alla ricca “liquidazione” che avrebbe ricevuto da Mediaset, il giornalista ha perso la pazienza ed ha inveito contro tutto e tutti. In collegamento con il programma La Zanzara di Radio24, l’ex direttore del Tg4 ha smentito le notizie riportate dal settimanale di Carlo De Benedetti e si è letteralmente infuriato. “Mi avete rotto, siete delle merde! Andate a cercare nel mio privato” ha strillato con la voce alterata.

Ad innescare tale reazione, un retroscena pubblicato da L’Espresso secondo il quale Fede avrebbe chiuso il rapporto a tempo indeterminato con Mediaset firmando una liberatoria compensata con 820 mila euro. Inoltre, a luglio del 2012, il giornalista avrebbe ottenuto un contratto triennale da 700 mila euro l’anno, più la casa gratis, le bollette pagate, un autista, l’ufficio con segretaria a Cologno Monzese e l’uso di due cellulari. Come riporta il settimanale, il contratto sarebbe revocabile con un preavviso di sei mesi e comporterebbe la rinuncia alla presenza in video di Emilio sui canali Mediaset.

La verità è che io sono uscito senza un euro di bonus. Io non ho avuto una lira, e oggi stesso ho scritto al Presidente dell’Inpgi per avere i miei soldi. Mi avete rotto i coglioni! Siete una banda di figli di buona donna, avete organizzato il tutto per tentare di distruggermi anche fisicamente” ha replicato il giornalista, perdendo completamente le staffe su Radio24.


20
novembre

VERO TV: EMILIO FEDE OSPITA VITTORIO FELTRI E ALESSANDRO SALLUSTI

Emilio Fede

Parterre de roi, oggi, sul canale Vero. Nello spazio Attualità con Fede, in onda sul canale 55 del digitale terrestre alle 14.15, saranno protagonisti i giornalisti Alessandro Sallusti e Vittorio Feltri del Giornale, Massimo Fini del Fatto Quotidiano e, in collegamento telefonico, il direttore di Pubblico Luca Telese. In una posizione privilegiata, accanto alla conduttrice Laura Freddi, ci sarà Emilio Fede, l’ex direttore del Tg4 che ha iniziato una collaborazione con il canale tv dell’editore Guido Veneziani.

Com’era prevedibile si parlerà di temi di strettissima attualità, dalla legge che per evitare il carcere allo stesso Sallusti rischia, però, di mettere il bavaglio a tutti i giornalisti, fino alla discesa in campo di Luca di Montezemolo e alle ipotesi di un governo Monti bis. Inoltre, si discuterà anche sulla crescita di consensi di Beppe Grillo e sulle polemiche che da tempo accompagnano l’ex comico sulla strada verso le elezioni politiche della prossima primavera.

L’argomento clou, però, sarà con molta probabilità proprio uno degli ospiti in persona, il direttore Alessandro Sallusti, ormai prossimo al carcere. Stanno per scadere, infatti, i 30 giorni da quando Sallusti è stato condannato a 14 mesi di reclusione , e il giudice dovrà disporre a giorni l’arresto del direttore del Giornale. Il Parlamento non è riuscito, finora, a promulgare la legge che avrebbe dovuto salvare Sallusti dal carcere, il quale ha già detto di essere pronto ad affrontare l’eventualità.


16
novembre

EMILIO FEDE A DM: IL TG4 E’ STATO LA MIA VITA, MA ORA NON LO GUARDO PIU’. BERLUSCONI? TUTTI GLI DEVONO RICONOSCENZA, RIFACCIA FORZA ITALIA

Emilio Fede

Il suo spirito polemico è vivacissimo, come sempre. A ottantuno anni compiuti, Emilio Fede sembra non aver ancora deciso cosa fare da grande. Da quando ha dovuto dire addio al Tg4, lo scorso 29 marzo, l’ex direttore non si è rassegnato all’idea di doversi fare da parte e anzi, ha cominciato a progettare il suo futuro. Dopo aver proposto cinque nuovi format ai dirigenti Mediaset, il giornalista ha iniziato una collaborazione con il canale Vero (numero 55 del digitale terrestre) dove co-conduce la puntata del martedi di ‘Vero Attualità’. Come se non bastasse, ora Emilio si appresta pure a scendere il campo in vista delle prossime elezioni e a lanciare un nuovo movimento: Vogliamo Vivere…

Direttore, cosa si è inventato?

E’ un movimento d’opinione, per intercettare il dissenso, la delusione, l’indecisione di milioni di italiani che non sanno come e se votare. Il 19 novembre inizierà l’affissione dei manifesti, il 25 ci sarà la presentazione alla stampa a Milano, e il tutto avverrà senza un euro di sostegno esterno. Questo movimento è nato una sera, quando davanti alla Caritas ho visto una coda di cento persone in attesa di un piatto caldo. C’erano anche dei bambini. Mi sono detto che occorreva fare qualcosa: a chi ha un reddito consentito, proporrò di ‘adottare’ alcune famiglie in difficoltà per 500euro ciascuna. Farò delle cose concrete, senza usare un linguaggio scurrile né andando in Sicilia a nuoto.

Il suo contributo arriva in un momento politico particolare, in cui si parla di rottamatori e rottamati…

Io sono contrario ai rottamatori. Credo che questa parola debba essere cancellata dalla bocca di tutti, perché indica l’intenzione di buttare tra gli inservibili delle persone che hanno dedicato la loro vita a questo Paese. Di recente ne ho parlato anche sul canale Vero, dove vado in onda ogni martedì pomeriggio.

A proposito: che tipo di esperienza è quella che ha intrapreso sul canale 55?

Io partecipo come ospite, mi confronto con due giornalisti e con le domande del pubblico. A guidare il dibattito c’è un conduttore, io sono un’opinionista che cerca di capire ed aiutare a capire l’attualità.

Ma questo non era un format che le sarebbe piaciuto trasmettere su Mediaset?

Io ho un contratto con Mediaset e ringrazio il direttore dell’Informazione Mauro Crippa che mi ha concesso la liberatoria per essere presente su una tv privata che si sta impegnando molto, ottenendo credibilità. Ma all’attenzione del Biscione rimangono sempre le mie cinque proposte per altrettanti programmi; se ne venisse approvata una, la realizzerei contestualmente all’esperienza su Vero.

Dica la verità: quanto le manca il Tg4?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,