Diritti TV



18
marzo

DIRITTI TV GONFIATI: PIERSILVIO BERLUSCONI E FEDELE CONFALONIERI CONDANNATI IN APPELLO PER FRODE FISCALE. “SENTENZA INCOMPRENSIBILE”

Piersilvio Berlusconi, Fedele Confalonieri

Sentenza ribaltata per Piersilvio Berlusconi e Fedele Confalonieri. Nell’ambito del processo Mediatrade, la Corte d’appello di Milano ha condannato il Vicepresidente e il Presidente di Mediaset a un anno e due mesi di carcere per frode fiscale. Il verdetto, emesso ieri, ha smentito il pronunciamento di primo grado ed ha sancito l’assoluzione degli altri sei imputati coinvolti, tra cui il produttore statunitense Frank Agrama. Secondo l’accusa, i diritti tv oggetto di compravendita sarebbero stati “gonfiati” per ragioni fiscali.




14
ottobre

INCHIESTA DIRITTI TV SERIE A: INFRONT HA TRUCCATO L’ASTA PER FAVORIRE MEDIASET?

Inchiesta diritti tv Serie A

Un altro scandalo colpisce il mondo del calcio. Nel mirino dei pm Roberto Pellicano, Giovanni Polizzi e Paolo Filippini l’esito dell’assegnazione dei diritti tv per la Serie A 2015/2018. La pesante accusa è rivolta ad Infront (società leader in Italia nella gestione dei diritti televisivi e degli sponsor) e a Mediaset: l’advisor della Lega Calcio, secondo l’inchiesta di Milano, avrebbe truccato l’asta (che in un primo momento assegnava il campionato in esclusiva a Sky) per favorire la tv del Biscione.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , , ,


18
settembre

CALCIO… ALLE TV: LA SERIE A IN DIRETTA SULLA WEB TV DELLA LEGA. TRA I VOLTI PIERLUIGI PARDO E LAURA BARRIALES

Serie A

Scacco matto della Lega Calcio al duopolio Sky-Mediaset sulla spartizione dei diritti tv della Serie A. L’invenduto pacchetto E – ovvero 114 partite in totale, da trasmettere sui canali che non siano quelli della tv classica, quindi in modalità OTT tramite Piattaforma Internet, Piattaforma IPTV e/o Piattaforma di Telefonia Mobile – se lo è aggiudicato proprio la Lega, che inaugura a partire già da domani alle 18.00 con la partita Udinese-Empoli la sua tv via Internet.





4
settembre

DIRITTI TV: SKY TRASMETTERA’ IN ESCLUSIVA TUTTE LE PARTITE DEL PARMA IN SERIE D

Parma Calcio 1913

Le telecamere di Sky scendono (in campo) anche nel campionato di calcio di Serie D, il più importante a livello dilettantistico e quarto in assoluto nella gerarchia calcistica italiana dopo Serie A, Serie B e Lega Pro. Il motivo? La rinascita della squadra del Parma, che dallo scorso 27 luglio – dopo i gravi guai finanziari che l’hanno costretta ad un nuovo fallimento societario – si chiama Società Sportiva Dilettantistica Parma Calcio 1913.

Su Sky tutte le partite del Parma Calcio 1913 in Serie D

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


17
luglio

DIRITTI TV: SKY SI AGGIUDICA IN ESCLUSIVA ANCHE LA LIGA SPAGNOLA. BATTUTA L’OFFERTA DI MEDIASET

Ronaldo e Messi

Manca soltanto l’annuncio ufficiale ma il dado, come si usa dire, è tratto: la Liga spagnola nella prossima stagione sarà trasmessa in esclusiva su Sky. Stando a quanto comunicato dall’agenzia Radiocor, infatti, l’emittente sportiva Fox Sports – che per i prossimi tre anni sarà visibile soltanto agli abbonati alla pay tv di Rupert Murdoch – si è aggiudicata i diritti tv per la trasmissione in Italia del massimo campionato di calcio iberico.

Sempre secondo l’agenzia, l’asta – gestita da Mediapro, advisor per l’estero della Liga spagnola – avrebbe visto prevalere l’offerta del tandem Sky-Fox Sports attorno ai 15 milioni di euro, superando la cifra proposta da Mediaset Premium, che puntava alla “chicca” delle partite di campionato di Messi e Ronaldo da accostare all’esclusiva della Champions League. L’offerta supera nettamente quella degli anni passati (6-7 milioni di euro), quando il canale sportivo “estero” era però visibile sia sul satellite (Sky) che sul digitale (Premium).

Con questo colpo Sky, paradossalmente, si ritrova ad offrire ai propri abbonati – nella stagione orfana della Champions – l’annata più esclusiva di sempre, garantendo per la prima volta tutta la Serie A e le esclusive della Serie B, della Premier League inglese (compresa la FA Cup), della Liga spagnola, della Bundesliga tedesca e della Eredivisie olandese. In esclusiva, lo ricordiamo, c’è anche l’Europa League, mentre resta ancora da assegnare la Ligue 1 francese (qui in lizza c’è anche Eurosport).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,





30
giugno

OLIMPIADI 2018-2024: DISCOVERY SI AGGIUDICA I DIRITTI IN EUROPA PER 1,3 MLD

David Zaslav and President Bach 2. Credit_IOC Christophe Moratal

David Zaslav and President Bach 2. Credit_IOC Christophe Moratal

Il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) ieri ha annunciato che tutti i diritti di trasmissione televisiva e multipiattaforma per i quattro Giochi Olimpici che si svolgeranno nel periodo 2018-2024 sono stati assegnati a Discovery Communications, la casa madre di Eurosport.

L’annuncio dà il via a una partnership a lungo termine tra il più grande evento sportivo globale, i Giochi olimpici, e la media company leader a livello globale, Discovery Communications. Con una media di 10 canali in ciascun mercato e l’offerta sportiva online e  OTT numero 1 in Europa, Discovery ed Eurosport offriranno una maggiore copertura a una platea ancora superiore, composta da più di 700 milioni di persone in tutta Europa. La copertura di Discovery ed Eurosport sarà aumentata da un maggior accesso al  free-to-air e da una partnership innovativa con le emittenti e i distributori, così da dare vita ai Giochi mai visti prima. In un mondo in cui i contenuti vengono sempre più visualizzati “ovunque e in qualsiasi momento”, i Giochi olimpici sono un evento dal vivo senza pari che unisce un pubblico enorme e raccoglie l’attenzione del mondo in un modo sempre più interessante per il mercato, i distributori e gli sportivi.

Il presidente del CIO Thomas Bach afferma: “È un accordo importante per Discovery e per il CIO e siamo lieti che Eurosport, la casa paneuropea degli sporti olimpici, sia nostro partner. L’accordo garantisce un’ampia copertura dei Giochi olimpici in tutta Europa, ivi compresa la garanzia di offrire un’ampia copertura televisiva free-to-air in tutti i territori. Discovery ed Eurosport hanno dimostrato un grande impegno nei confronti dei Giochi olimpici, degli sport olimpici e del futuro del movimento olimpico. Gli introiti generati da questa partnership a lungo termine saranno ridistribuiti dal CIO in tutto il movimento olimpico, a supporto dello sport in tutto il mondo. Discovery ed Eurosport hanno inoltre espresso la volontà ad unirsi con il CIO nello sviluppo di un nuovo canale olimpico in tutta Europa. Inoltre, questo accordo consentirà agli sportivi di tutta Europa di avere un’ottima copertura dei Giochi e degli sport olimpici sia durante che nelle altre fasi dei Giochi sulla piattaforma che preferiscono“.

Il presidente e amministratore delegato di Discovery Communications David Zaslav aggiunge: “Oggi è un giorno storico, perché con orgoglio aggiungiamo i cerchi olimpici all’offerta di Discovery Communications. L’impegno a lungo termine in termini di programmazione assunto con il presidente Bach e il CIO è una conferma della posizione di Eurosport come leader europeo nel campo sportivo e incrementerà sensibilmente la presenza di Eurosport su tutte le piattaforme. Alla luce della lunga e onorata tradizione di Eurosport nella trasmissione di numerosi sport invernali ed estivi presentata durante le Olimpiadi, l’aggiunta dei Giochi olimpici, il più grande evento dal vivo al mondo, è un tassello editoriale e strategico perfetto. Ma, soprattutto, questa nuova collaborazione è una vittoria entusiasmante per gli sportivi di tutta Europa, perché offriremo loro una quantità di contenuti mai vista prima su tutte le piattaforme, in modo da assicurare che la fiamma olimpica risplenda viva tutto l’anno“.


9
maggio

SKY: IN ESCLUSIVA LA SERIE B E I CANALI FOX SPORTS (PREMIER LEAGUE) FINO AL 2018

Premier League

Il calcio in Italia continua a tingersi di esclusive. Dopo che Mediaset Premium si è assicurata per i prossimi tre anni la Uefa Champions League, ora anche le stagioni 2015/2016, 2016/2017 e 2017/2018 del campionato di calcio di Serie B finiscono nelle mani di un’unica tv. Questa volta è Sky ad aver presentato l’offerta migliore.

Il termine per la presentazione delle offerte scadeva ieri – venerdì 8 maggio 2015 – alle 12.00. Due, sostanzialmente, le offerte pervenute alla Lega Nazionale Professionisti Serie B relative al pacchetto per le dirette esclusive delle partite: quella (vincente) di Sky e quella di Mediaset Premium. La tv di Rupert Murdoch ha proposto 14 milioni di euro e si è assicurata tutto il torneo cadetto, garantendo ai propri abbonati fino a 470 partite a stagione (playoff e playout compresi). L’offerta della pay tv (che trasmette in esclusiva anche 132 partite di Serie A) per quanto concerne i due principali campionati di calcio diventa, a questo punto, completa.

La guerra tra Sky e Mediaset Premium, però, si sposta anche in campo internazionale. E ancora una volta è la pay tv a fare la parte del leone. Fox Sports, che trasmette grandi leghe internazionali  e che fino alla stagione in corso “vendeva” il proprio palinsesto ad entrambe le piattaforme, sempre per il triennio 2015/2018, sarà in esclusiva su Sky (come già accade con Fox Sports 2).


17
aprile

COPPA ITALIA 2015/2018: LA RAI SI AGGIUDICA I DIRITTI PER 66 MLN DI EURO

Coppa Italia

La Rai “vince” la Coppa Italia. L’assemblea della Lega di Serie A ha assegnato i diritti televisivi di Coppa Italia e Supercoppa italiana del triennio 2015/ 2018 alla tv pubblica per un totale circa 66 milioni di euro al termine della trattativa privata. La Rai ha battuto la concorrenza di Mediaset e Discovery, inizialmente interessate all’acquisto.

Negli ultimi anni, grazie ad un rinnovamento nella formula, è cresciuto l’appeal della manifestazione che ha raggiunto ascolti da capogiro in concomitanza delle fasi finali.La Lega incasserà, poi, un altro milione di euro per i diritti radiofonici, venduti sempre alla Rai, e per il pacchetto internet e mobile acquistato da Telecom.

La cifra complessiva è inferiore agli 84 milioni richiesti nel bando iniziale, ma superiore ai 60 milioni incassati dalla Lega nell’ultimo triennio.