8
aprile

NON AVERE PAURA – UN’AMICIZIA CON PAPA WOJTYLA: DOMENICA 27 APRILE SU RAI1 IL FILM TV SU GIOVANNI PAOLO II

Non Avere Paura - Un'Amicizia con Papa Wojtyla

Il 27 aprile prossimo è prevista la doppia canonizzazione dei papi Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. Un appuntamento atteso dai tantissimi fedeli, molti dei quali, pronti a raggiungere Roma per assistere in prima persona alla cerimonia officiata da Papa Francesco. La Rai, che seguirà l’evento con dirette e speciali, cavalcando l’onda lunga dell’evento, proporrà proprio il 27 aprile in prima serata su Rai1, Non avere paura – Un’amicizia con Papa Wojtyla, film diretto da Andrea Porporati e realizzato dalla Dap dei Fratelli De Angelis in collaborazione con Rai Fiction, Trentino Film Commission e Trentino Turismo e Promozione.

Il tv movie, che racconta la grande passione per la montagna di Papa Giovanni Paolo II, è tratto dal libro Era Santo Era Uomo di Lino Zani, guida alpina di origini bresciane che nel 1984 gestiva il rifugio Ai caduti dell’Adamello, e che ebbe l’onore e il piacere in quell’anno di accompagnare il Papa in lunghe escursioni sulle montagne. A vestire i panni dell’amato Pontefice sarà l’attore russo Aleksei Guskov, mentre Lino Zani avrà il volto di Giorgio Pasotti.

Fra gli interpreti del film tv anche Claudia Pandolfi, di ritorno in una fiction Rai, Katia Ricciarelli, Fabio Fulco e Giuseppe Cederna. Quest’ultimo vestirà i panni dell’allora presidente della Repubblica Sandro Pertini che, nel 1984, accompagnò Papa Wojtyla in Adamello. Non avere paura è stato girato in Trentino durante la scorsa estate, sul ghiacciaio della Presena e a Madonna di Campiglio.

Non avere paura – Un’amicizia con Papa Wojtyla – Foto

Tutte le fiction su Papa Giovanni Paolo II e Papa Giovanni XXIII

Il film tv non è la prima produzione televisiva dedicata alla figura di Wojtyla. Nel 2004 la Taodue realizzò la miniserie Karol – Un uomo diventato Papa che, trasmessa da Canale5 nel mese di aprile del 2005, a pochi giorni dalla morte del Pontefice, ottenne una media di 12.832.000 spettatori e del 44% di share. Il seguito, intitolato Karol – Un Papa rimasto uomo, sempre a firma della casa di produzione di Pietro Valsecchi, trasmesso da Canale5 nel maggio del 2006, ottenne una media di appena 6.320.000 spettatori e il 26% di share. Sul fronte Rai nel novembre 2005 venne invece trasmessa la miniserie Giovanni Paolo II, seguita su Rai1 da una media di 11.328.000 spettatori e il 40,64% di share. Anche Papa Roncalli ha avuto la sua doppia fiction. Il 21 e 22 aprile del 2002 Rai1 ha proposto la miniserie Papa Giovanni, diretta da Giorgio Capitani, e seguita da una media di 13.180.000 spettatori, pari al 47,49% di share. Il 28 e 29 gennaio del 2003, in prima serata su Canale5, è stata invece trasmessa la miniserie Il Papa Buono, diretta da Ricky Tognazzi, e seguita da una media di 9.984.000 spettatori e il 35% di share.



Articoli che potrebbero interessarti


E' arrivata la felicità - 6
E’ ARRIVATA LA FELICITA’: TUTTI I PERSONAGGI


Non avere paura 10
NON AVERE PAURA – UN’AMICIZIA CON PAPA WOJTYLA: QUESTA SERA SU RAI1 IL FILM TV SU SAN GIOVANNI PAOLO II


 Roberto Cenci Baila
CANALE 5, PALINSESTI AUTUNNO 2011


Veronica - GF Vip 2017
Grande Fratello Vip 2017, giorno 37. Corinne parla ancora di Serena Grandi: «Mi correva dietro e mi voleva menare. Ma che corri che non ce la fai?!» – Foto

3 Commenti dei lettori »

1. MisterGrr ha scritto:

8 aprile 2014 alle 17:54

la QUARTA produzione su Giovanni Paolo II.

Bah



2. mugnezz ha scritto:

8 aprile 2014 alle 20:13

ma che idea originale , non ci aveva pensato nessuno . brava rai



3. Michele87 ha scritto:

9 aprile 2014 alle 12:35

UAU che novita assoluta!!!!!!! ehi Andreatta hai mai pensato di fare una storia su un santo, un prete od una suora?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.