25
novembre

BEPPE GRILLO CONTRO PIPPO BAUDO: IO FUI CACCIATO DALLA RAI, LUI SLINGUO’ CRAXI

Pippo Baudo, Beppe Grillo

Beppe Grillo? L’ha inventato lui. Trentasei anni fa lo scoprì in uno spettacolo di cabaret, poi lo lanciò in tv accanto a sé, regalandogli visibilità. E’ Pippo Baudo il padre mediatico del comico genovese, oggi diventato leader a cinque stelle. A distanza di tempo, il conduttore Rai è tornato a parlare dello showman e del politico Beppe, riservandogli critiche. “Sono andato via dalla Rai a causa di Grillo, per una sua battuta pepata che riguardava i socialisti al tempo di Craxi” ha accusato Baudo, riferendosi ad una freddura pronunciata a Fantastico 7, nel 1986.

Pippo Baudo su La7: critiche a Beppe Grillo

E sabato sera, ospite di Lilli Gruber su La7, Pippo ha rincarato la dose. Commentando quell’episodio, in cui Grillo definì i socialisti ladri, il conduttore ha ricordato:

Lì per lì non successe niente, ma al primo intervallo vidi i dirigenti Rai muoversi perché chiamati dalla direzione generale. L’indomani scoppiò lo scandalo. Allora c’era un Craxi potente, c’era Manca che comandava, socialista. La battuta era forte. Dopo questa battuta ebbi rapporti difficili con la Rai e alla fine di questo periodo difficile lasciai la Rai

Beppe Grillo contro Pippo Baudo: la pippite è una malattia dell’animo

La replica di Grillo non si è fatta attendere. Dalle pagine del suo blog, il leader del Movimento Cinque Stelle ha ribattuto: “il cacciato fui io e lui slinguò Bottino Craxi“, bastonando il suo ‘padrino televisivo’. Questa la replica del comico, seguita alla puntata di Otto e mezzo con Baudo ospite:

Pippo Baudo è tornato. Un ritornante, un presentatore quasi vivente. Ha attaccato il M5S e leccato il culo a Renzi in diretta. Ha spiegato di essere stato cacciato dalla Rai per colpa mia, quando il cacciato fui io e lui slinguò Bottino Craxi, tremante, dissociandosi. Si involò subito dopo verso un contratto principesco con Fininvest di 45 miliardi di lire

Sbeffeggiando il conduttore Rai con un graffiante riferimento letterario, Grillo ha aggiunto: “il denaro non è acqua. La pippite è una malattia dell’animo, descritta con cura dei particolari dal Manzoni con Don Abbondio. Diffusa tra chi è contiguo al Potere e si aspetta sempre un osso lanciato sotto il tavolo“.

Pippo Baudo: Grillo? Sembra la spalla di Casaleggio

A giudicare dal tono aspro della replica, il comico genovese – notoriamente aperto alle critiche – non deve aver gradito le frecciate rivoltegli da Baudo anche sulla sua vita politica. Su La7, infatti, il conduttore aveva detto che Grillo, “quando si addentra nel mondo della politica ne spara qualcuna un po’ sbagliata“, aggiungendo: “mi sembra che sia Beppe la spalla di Casaleggio“. E non è mancato un giudizio sui parlamentari a cinque stelle, che “finora non hanno inciso… ma comunque sono stati importanti“.

Sentenze schiette, quelle emesse da Baudo, cui è seguito un contrattacco altrettanto piccato. Del resto, come si dice: tale padre, tale Grillo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Pippo Baudo, Lucignolo 2.0
LUCIGNOLO 2.0, PIPPO BAUDO REPLICA A BEPPE GRILLO: DOPO L’ATTACCO AI SOCIALISTI FECE SANREMO


Mika al Festival di Sanremo
Fermi tutti! Per Sanremo 2018 spunta l’ipotesi di Mika e Virginia Raffaele con… Pippo Baudo!


Monica Leofreddi
I «trombati» Rai dai Palinsesti 2017/2018


Mara Carfagna e Alessandra Mussolini
Dalla tv alla politica: ecco la lista di chi è passato dalle telecamere alla Camera

2 Commenti dei lettori »

1. aleimpe ha scritto:

25 novembre 2013 alle 13:39

arrivederci a Fantastico 18!!!



2. Marcourli ha scritto:

25 novembre 2013 alle 18:32

“I comici a volte smarronano.”



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.