18
novembre

MASTERPIECE: IL TALENT SULLA SCRITTURA POCO LETTERARIO E MOLTO (CASO) UMANO

Masterpiece, Rai3

Partenza Sturm und Drang. In scena, un ex galeotto, un’anoressica, un onanista compulsivo e un aspirante suicida. Ma anche un giovanotto dal passato burrascoso. La prima puntata di Masterpiece, il nuovo talent show sulla scrittura, ci ha lasciato una buona impressione ma anche una perplessità: possibile che per diventare romanzieri si debba per forza essere casi umani? O, ancora peggio, il romanziere caso umano è l’unico ‘modello letterario’ televisivamente appetibile? Su Rai3, infatti, i partecipanti alle audizioni del primo talent letterario si sono fatti conoscere più per le loro vicissitudini personali borderline che per il loro “capolavoro nel cassetto”, sottoposto all’attenzione dei giudici Andrea De Carlo, Giancarlo De Cataldo e Taiye Selasi.

A loro – e solo a loro – il compito di stabilire se il dattiloscritto presentato meritasse o meno di proseguire la gara. Davanti alla giuria, gli aspiranti scrittori hanno letto poche righe della loro opera, secondo una logica molto televisiva e poco letteraria. Di solito, infatti, un romanzo va metabolizzato, assaporato pagina dopo pagina, sezionato, ma in tv il tempo è d’oro ed anche l’abilità scrittoria diventa una questione di empatia. Quasi un dettaglio. Di conseguenza, il pubblico ha conosciuto soprattutto la personalità dei partecipanti, assai meno la loro scrittura. Un aspetto deludente, questo, per un programma che ha l’ambizione di scovare un nuovo talento per la letteratura. In palio, una pubblicazione da ben 100mila copie.

Di congiuntivi, lessico e sintassi non si parla, forse non contano più in un bestseller. A Masterpiece, piuttosto, è il caso umano a fare da perno all’intera narrazione, diventando uno spunto di (psico)analisi e di discussione tra i giudici. A tal proposito, abbiamo trovato azzeccata la scelta di inserire in commissione l’intrigante Taiyne Selasi, accanto ad un professorale Giancarlo De Cataldo e ad un Andrea De Carlo spesso presuntuoso, come se recitasse una parte. L’avete visto mentre stracciava le lettere scritte dai concorrenti? Pareva la copia di Joe Bastianich col suo sprezzante lancio del piatto. Marginale, invece, la presenza di Massimo Coppola, coach relegato al ruolo di comparsa. Buoni la regia e il montaggio.

Pur con i limiti di cui sopra, il programma è riuscito a portare in tv un argomento di nicchia con una formula interessante. Ma attenzione: il rischio di svilire il tutto e di ingabbiare il concorrente in uno stereotipo è dietro l’angolo. Nel prosieguo del programma prevarrà l’aspetto culturale o avrà la meglio la componente dello show? La questione diventerà dirimente nel febbraio 2014, per seconda fase del programma, quando è previsto un approdo in prima serata.

Intanto Lilith De Rosa ha vinto la prima puntata, prescelto per il suo stile forgiato da una giovinezza difficile. La sua è “una lingua strana, confusa, jazzata” dicono i giudici. La madre voleva che nascesse femmina, dunque gli diede quel nome. “Dai diamanti non nasce niente dal letame nascono i fior” chiosa De Cataldo, promuovendolo. Citazione inflazionata: ti aspetteresti qualcosa di più.

Ora dovranno essere selezionati gli altri finalisti. Operazione non facile: a Masterpiece cerchi un caso letterario e ti ritrovi con un caso umano. Che caso!



Articoli che potrebbero interessarti


Masterpiece giurati
MASTERPIECE: IL PRIMO TALENT LETTERARIO DELLA TV DA DOMANI IN SECONDA SERATA SU RAI3


massimo coppola
RAI, NUOVE NOMINE: MASSIMO COPPOLA SI AGGIUNGE AGLI EX MTV CHIAMATI DA CAMPO DALL’ORTO. ARRIVANO ANCHE CANETTA E LOSTIA


Nikola Savic
MASTERPIECE: NIKOLA SAVIC E’ IL VINCITORE


oscar la grande bellezza pagelle
LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (24/02-2/03/2014). PROMOSSI SORRENTINO E IL CAST DI BRACCIALETTI ROSSI, BOCCIATI FAZIO E LA CANCELLAZIONE DI MAI DIRE GF

1 Commento dei lettori »

1. a ha scritto:

19 novembre 2013 alle 17:49

a mio parere, la miglior recensione di questo programma



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.