28
settembre

TALE E QUALE SHOW 3: ATTILIO FONTANA SPOPOLA E VINCE LA TERZA PUNTATA, SPARENDO DENTRO GIULIANO SANGIORGI

Tale e Quale Show 3 - Attilio Fontana - Giuliano Sangiorgi

Scoppiettante puntata di Tale e quale Show 3 quella andata in onda ieri sera: terza puntata della terza edizione del programma condotto da Carlo Conti, ormai appuntamento imperdibile del venerdì di Rai 1. Serata nella quale i concorrenti si sono distinti per le imitazioni, tutte in qualche modo notevoli, e nella quale – per la prima volta quest’anno – l’imitato si è palesato dopo l’esibizione dell’imitatore.

Tale e quale show 3: Alessandra Amoroso arriva sul palco nella terza puntata

Se la scorsa settimana Gianni Morandi ha chiamato per complimentarsi con Fiordaliso, questa volta è toccato (come avevamo sospettato) ad Alessandra Amoroso giungere in carne e ossa sul palco per sostenere Roberta Lanfranchi, “rea” di averla emulata in un’esibizione che non ha reso giustizia alla sua voce e alla sua bellezza ma che ha rappresentato comunque un bel momento di spettacolo, frenato dai soliti limiti dell’ex signora Insegno, che ormai abbiamo imparato a conoscere.

Tale e Quale Show 3: Attilio Fontana vince la terza puntata imitando Giuliano Sangiorgi

Il vincitore della serata, invece, si è distinto davvero per un’interpretazione straordinaria che ha messo d’accordo giudici e concorrenti in gara: Attilio Fontana, con il suo viso esile e gli occhi chiari inglobati dalla cruda fisicità di Giuliano Sangiorgi, leader dei Negramaro, ha dato prova di una vocalità particolare e di un notevole trasformismo che all’epoca de I Ragazzi italiani ben pochi avrebbero immaginato.

Tale e Quale Show 3: tutte le imitazioni della terza puntata

Un dovuto pensiero al penultimo classificato, uno sportivissimo Amadeus che si è cimentato nell’imitazione di Sandy Marton (o Morton, secondo Christian De Sica) che ha zittito i tre giudici, incapaci di qualsivoglia commento vista la scena insensata che ne è venuta fuori. Un pensiero al caduto per l’ironia e la voglia di giocare: vista la totale mancanza di voce e vista la fisionomia così imponente da non poter essere annullata da nessun trucco, è chiaramente presente nello show al solo scopo di divertirsi e divertire il pubblico che lo guarda.

Notevole la performance di Fiordaliso nei panni di Tina Turner, vulcanica e frizzante come sempre ma forse truccata un pochino troppo, tanto che del leone il risultato finale non aveva solo la criniera ma anche il muso. In tema di trucco eccessivo, da citare anche il Toto Cutugno di Fabrizio Frizzi, somigliante ma molto caricato, che ha però riscosso molti consensi.

Ancora una volta Kaspar Capparoni se l’è cavata egregiamente con il suo Renato Zero, in particolare per le movenze e i balli per niente ruffiani né da macchietta; come lui, anche Riccardo Fogli, che ha dato vita ad uno scanzonato Franco Battiato il cui siparietto resterà nella memoria di molti.

Una buona serata anche per Silvia Salemi che, pur non riuscendo mai a sganciarsi dalla propria vocalità, ieri sera ha dato il suo meglio con Fiorella Mannoia; penalizzata invece dalla versione scelta di Anna Oxa, Chiara Noschese, che a tratti sembrava più Patti Pravo, ma comunque portatrice di una voce molto potente che non tutti conoscevamo. Ultima, in classifica, ma non ultima a nostro giudizio, Clizia Fornasier, che con la sua Olivia Newton John ha portato il pubblico nelle amabili atmosfere di Grease e come sempre ha beccato anche la giusta tonalità.

Immancabile Cirilli, stavolta nei panni di un bambino dello Zecchino d’oro. Divertito come sempre Carlo Conti che, palesemente fiero del suo programma, sia per gli ascolti che per il ritmo delle puntate, ha in definitiva tutti i motivi per esserlo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Tale e Quale Show 3 - la terza puntata stasera alle 21.10 su Rai1
TALE E QUALE SHOW 3: STASERA LA LANFRANCHI-AMOROSO E FONTANA-GIULIANO SANGIORGI


Provaci Ancora prof 7
Provaci Ancora Prof 7: anticipazioni terza puntata di giovedì 21 settembre 2017


Bake Off Italia 2017
Bake Off Italia 2017: quando la forma oscura la sostanza


Gue Pequeño - Battiti Live Andria 2017
Battiti Live 2017: c’è anche Gue Pequeño nella terza puntata. Ecco la scaletta

8 Commenti dei lettori »

1. Federica ha scritto:

28 settembre 2013 alle 11:57

Un ritrovato Amadeus come non lo si sentiva più dai tempi di radio Dee Jay,credevo avesse perso quella patina di scanzonatura ed invece mi devo ricredere!!!! Di un altro pianeta Attilio Fontana,peccato che ai tempi ,la presenza degli altri 4 Ragazzi Italiani,lo penalizzasse!!!!



2. elena ha scritto:

28 settembre 2013 alle 14:32

divertentissimo amadeus (nun se po’ guarda’), pessimo come sempre fogli, la lanfranchi va bene nei travestimenti fino a quando non canta.



3. Luca ha scritto:

28 settembre 2013 alle 14:47

Ehm scusate ma la Lanfranchi è una bellissima donna, mentre la Amoroso è proprio brutta in viso poverina…quindi la versione di Roberta non ha affatto rovinato la bellezza (non pervenuta) della Amoroso che sembra il grinch ahah



4. Marco89 ha scritto:

28 settembre 2013 alle 15:52

Io non trovo Alessandra così brutta. In ogni caso la Lanfranchi non l’ ha imitata bene, anzi.
Grandissimo Attilio Fontana, difficilissimo compito ma meritata vittoria. Anche Silvia Salemi mi sta sorprendendo nonostante Emma la settimana scorsa non le abbia fatto tirar fuori granchè. La Noschese invece ieri sera ha cantato la Oxa in modo stranissimo, sembrava quasi non avesse i denti.
Frizzi e Fogli invece tra i più scarsi.



5. liberopensiero ha scritto:

28 settembre 2013 alle 16:12

Consiglio vivamente a chi ha scritto il post di controllare vista e udito.Dire che la Lanfranchi non omaggia la bellezza non pervenuta della Amoroso è follia,non avrebbe nemmeno con 50 interventi il viso e le gambe della Lanfranchi!La Amoroso non è Mina,e Roberta se l’è cavata bene.Tra l’altro è l’unica che sa ballare,le altre sono pezzi di legno.La Noschese è sopravalutata,la sua Parisi era pietosa



6. Superpat ha scritto:

29 settembre 2013 alle 00:20

Come si fa a dire che la Lanfranchi, gran bella donna, non esalta la bellezza della Amoroso?! urgono occhiali da vista, quello short la Alessandra se lo sogna!inoltre si trattava di un’imitazione tutt’altro che facile. Non capisco perché gli autori del programma non le facciano fare un interprete che le permetta di mettere in scena le sue doti da ballerina



7. Stefania Stefanelli ha scritto:

29 settembre 2013 alle 10:09

@liberopensiero e Superpat

De gustibus non disputandum est. Personalmente la Amoroso mi piace moltissimo, nonostante il viso tutt’altro che delicato e trovo che il lavoro fatto sulla Lanfranchi (bella donna anche lei, per carità) sia stato insufficiente. Il reparto trucco, che altrove ha calcato anche troppo la mano e in certi casi ha fatto lavori straordinari, per esempio con Attilio Fontana che con un viso così delicato si è trasformato nel ben più rude Sangiorgi, oltre a mettere le lenti colorate non ha fatto altro sulla Lanfranchi. La bocca della Amoroso, che magari a voi non piace ma a me per esempio sì, è un suo tratto distintivo che non è stato proprio sottolineato. Quindi la sua “bellezza”, o se vogliamo restare più neutrali dai giudizi “fisionomia” non c’era per niente nell’imitatrice.



8. liberopensiero ha scritto:

29 settembre 2013 alle 11:55

Ok Stefania,ma il problema sono anche le critiche a mio avviso ingiuste alle doti artistiche.Non è una gara canora (anche in quelle non conta solo l’estensione)e la Lanfranchi è una show girl ottima nel musical.Invece sarà un mio problema ma anche in radio non distinguo Emma dalla Amoroso,Loredana Errore o Bianca Atzei,tutte uguali.E allora torno alle “vecchie”Oxa,Bertè,Giuni Russo,Mannoia e Mina,tutte diverse,tutte a modo loro grandi.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.