10
luglio

CRISTIANO MALGIOGLIO A DM: COCCIANTE A THE VOICE? MEGLIO NICOLA DI BARI. DAI TALENT ESCONO TANTI BRAVI CORISTI!

Cristiano Malgioglio (Venturelli/Getty Images)

Cristiano Malgioglio è un fiume in piena, soprattutto quando parla di sé. E di tv. Al termine di un stagione che lo ha visto partecipe di diversi programmi, come La Vita in diretta e Riusciranno i nostri eroi, il popolare cantautore è tornato a confidarsi sulle pagine di DM. Stavolta, in particolare, lo abbiamo sorpreso mentre si dedicava al suo nuovo passatempo preferito: Twitter. “Da quando mi sono messo su Internet è il delirio, io mi diverto un mondo ma adesso è diventata quasi una malattia. Ora lo rompo…” ci dice sorridendo, tra un cinguettio ironico e l’altro.

Cristiano, sei già in vacanza?

No, niente vacanze. Io mi sposto sempre per lavoro: di recente sono stato in Romania e poi a Cuba per finire il video di una mia canzone dedicata a Cesaria Evora e intitolata Bella figlia, intanto in Brasile è uscito il disco che contiene Tiempo y silencio, un duetto che ho fatto con Maria Nazionale. Adesso mi sto preparando a partire di nuovo per Cuba, dove registrerò due speciali sulla musica latinoamericana. Incontrerò i vecchi cantanti popolari, parlerò della musica di ieri e di oggi per farla conoscere soprattutto ai giovani. Sono molto indaffarato, spero che il progetto vada bene…

Estate, tempo di bilanci: come è andata la stagione tv appena conclusa?

Direi molto bene. Io sono molto affezionato alla Rai, ormai è come se fosse mia madre, e sono sempre felice di lavorare per lei. Ho fatto un cameo in Riusciranno i nostri eroi, il programma di Max Giusti che ha ospitato personaggi solitamente assenti dalla tv. Mi sono molto divertito, anche se sinceramente avrei voluto fare qualcosa di più. Ma io non sono invadente e mi attengo a quello che mi chiedono di fare. In quel contesto, l’idea di tingermi il ciuffo di nero mi ha fatto molto soffrire: quando mi sono guardato allo specchio mi sono messo a gridare, sembravo la buonanima di Noschese che imitava Andreotti (ride, ndDM). Di giorno uscivo col cappello per nascondere il ciuffo e c’è voluto un mese per farlo ritornare biondo. Ma per la Rai questo ed altro.

I palinsesti autunnali 2013 porteranno novità. Cosa ti auguri per la prossima stagione?

Mi piacerebbe condurre un programma musicale e di evasione tutto mio. Ma non ho incontrato nessuno dei vertici Rai, anche se ho una stima profonda per il direttore di Rai1 Giancarlo Leone. Trovo che sia una persona intelligente ed ho apprezzato il fatto che abbia sperimentato alcuni nuovi format. Forse lui è l’unico che in Rai, dove mi sento a casa, mi mette un po’ di soggezione.

Tra i cambiamenti più interessanti ci sono il passaggio di Mara Venier alla domenica e l’arrivo di Paola Perego a La Vita in diretta. Secondo te funzioneranno?

Adoro Mara, lei funziona a qualsiasi ora del giorno e sono certo che farà una grande Domenica In. Del resto quel programma lo ha già condotto ed è stato uno dei suoi successi più clamorosi. Paola Perego, invece, è una presentatrice molto bella e anche brava, si farà sicuramente apprezzare. Mi piace molto perché è elegante e umana, mai aggressiva, puoi parlare benissimo con lei. Non so ancora se mi chiameranno nei loro programmi…

In questi anni ti abbiamo visto in vari talk show come opinionista…

Sì, anche se io non sono un opinionista di professione. Odio parlare di cronaca e politica perché non sono il mio forte, però quando si parla di musica mi spiace ma io mi premio da solo: ne capisco molto e ho il dono di saper selezionare le voci. Infatti mi è piaciuto il ruolo di musicologo che ho ricoperto a Le amiche del sabato. E poi sono un autore di canzoni; ne ho scritte di straordinarie ma anche di brutte.

Allora come mai non ti chiamano in programmi musicali come The Voice o X Factor?

Forse perché sono troppo bravo e troppo diretto, quindi sarei un grande guastafeste. All’inizio ho avuto la fortuna di fare il daytime di X Factor con Simona Ventura e ho intuito qualcosa di buono per Giusy Ferreri. Ma se poi lei si è persa non è colpa mia… La maggior parte dei cantanti che escono oggi dai talent sono solo dei bravi coristi. Tra le poche che mi piacciono ci sono Alessandra Amoroso ed Emma, ma quest’ultima dovrebbe gridare di meno. Anche la voce di Elhaida Dani (vincitrice di The Voice of Italy 2013, ndDM) è bellissima, ma oggi bisogna anche trovare canzoni belle da interpretare…

Allora hai seguito The Voice… Cosa pensi dei giudici?

Tra i giudici, l’unica che salvo è la mia amica Raffaella Carrà. Noemi non è stata una grande giudice, mi ricordo ancora quando la strapazzavo a X Factor. Pelù invece era sopra le righe, mentre Cocciante era troppo calmo. Se al suo posto avessero messo Nicola Di Bari o Tony Dallara sarebbe stato meglio (ride). Però trovo che The Voice sia un talent show straordinario ed io spererei di poter fare il giudice: ti immagini cosa potrebbe venire fuori con me e Raffaella Carrà?

Accennavi prima alle tue esperienze con Simona Ventura. Ti manca lavorare con lei?

Io sogno sempre un ritorno di Simona Ventura in Rai, perché a me manca molto. Non credo sia ’sacrificata’ su Sky, lei fa sempre delle grandi scelte, per me è sempre una numero uno anche se dovesse lavorare a ‘tele Maruzzella’, ad esempio. Quando la vedevo all’Isola dei Famosi o X Factor pensavo subito: “mamma via, vorrei essere Simona Ventura”. Ha una grande forza, è un animale da palcoscenico.

Non ti piacerebbe rimetterti in gioco artisticamente partecipando a Tale e quale show?

No, non lo farei mai perché quello lo devono fare solo i grandi imitatori. Io non sono capace a imitare, e anzi sono gli altri che imitano me. Pensa che una volta mi hanno chiesto di fare Ballando con le stelle ho detto: accetto solo se mi date Joaquin Cortes… (ride). Piuttosto mi piacerebbe fare un programma di cucina, ma con menù senza grassi e fai da te, non con le ricette succose della Clerici. Lo chiamerei “La cucina sana della Malgi”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Cristiano Malgioglio
CRISTIANO MALGIOGLIO A DM: NON HO COPIATO MIA CUGINA LADY GAGA, SEMMAI LEI HA COPIATO ME. TROPPO BUONISTI I GIUDICI DI TALE E QUALE SHOW


Cristiano Malgioglio intervista
CRISTIANO MALGIOGLIO A DM: MIA MADRE DALL’ALDILA’ MI HA DETTO DI LASCIARE L’ISOLA. SCANU E’ UN MONTATO


GFVip 2017 - Cecilia, Aida e Jeremias
Grande Fratello Vip 2017, giorno 34. Malgioglio ce l’ha con il gruppo: «Io ne manderei via sette» – Foto


Aida Yespica
Grande Fratello Vip 2017, giorno 30. Aida ancora contro Jeremias: «La tua è maleducazione» – Foto

6 Commenti dei lettori »

1. Mickey ha scritto:

10 luglio 2013 alle 13:59

In effetti far uscire in Brasile (in cui si parla portoghese) un duetto di due cantanti italiani che cantano in spagnolo è una mossa molto astuta.



2. mugnezz ha scritto:

10 luglio 2013 alle 14:04

Magliglio chiiiii ???



3. Marco89 ha scritto:

10 luglio 2013 alle 16:08

Non è vero che escono solo coristi. Noemi non è una corista, come può dire una cosa del genere. Poi dice che le uniche salve sono Alessandra ed Emma, e non Giusy che per esempio aveva scelto, cos’ ha scelto una corista? è molto incoerente e cambia idea molto frequentemente. Sicuramente in un talent non ci starebbe male, alimenterebbe discussioni, ma forse è troppo.
Io dei suoi testi apprezzo ” Ancora ancora” di Mina…le altre mi lasciano indifferente… ha scritto anche Gelato al cioccolato eh…
Poi ne deve capire veramente tanto di tv se parla di sperimentazione riguardo i nuovi format di Leone..la sperimentazione è altro, è stato creare un talent come X factor in Rai nel 2008. Cosa c’ era di sperimentale nella trasmissione di Frizzi o della Carlucci? Lasciamo perdere. Se si accontenta di fare il musicologo dalla Landi che neanche lo ascolta perchè impegnata a leggere il gobbo, son contento per lui, che se si mette può anche risultare simpatico.



4. teoz ha scritto:

10 luglio 2013 alle 18:16

“Forse perché sono troppo bravo e troppo diretto…” la sua modestia è inversamente proporziona alla sua bravura… è simbolo della pochezza e dell’esaltazione del proprio io… un uomo medio, esaltato dalla tv solo perchè a stento in essa c’è qualcosa di meglio… detto ciò mi ritiro



5. marcko ha scritto:

10 luglio 2013 alle 18:35

io ce lo vedrei benissimo in un programma amarcord come spalla di paolo limiti



6. giglio ha scritto:

15 luglio 2013 alle 16:30

E’ ora che vada in pensione non lo vedrei un bravo giudice vcisto la sua incoerenza e superbia, ma chi crede d’essere?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.