21
giugno

PALINSESTI RAI 2013/14 – COLOMBO E TOBAGI TUONANO: POTENZIAMENTO DEL SERVIZIO PUBBLICO? SOLO AUSPICI

Benedetta Tobagi

A leggere il comunicato Rai che parlava di innovazione e di maggior peso dato all’arte e alla cultura nei nuovi palinsesti per l’autunno 2013 (clicca qui per maggiori info), qualche perplessità c’era venuta. Possibile che, nel giro di pochi giorni, la programmazione di Rai1, Rai 2 e Rai3 sia stata stravolta al punto tale da sposare i nuovi desiderata aziendali? Stando alle dichiarazioni dei consiglieri d’amministrazione Rai Gherardo Colombo e Benedetta Tobagi, che hanno votato contro l’approvazione dei palinsesti, no. I due, in una nota congiunta, dichiarano:

Potenziamento del servizio pubblico? Solo auspici, per il momento. Palinsesti in cerca d’autore e d’identità. Questa mattina (ieri, ndDM), i palinsesti autunnali sono stati approvati con una delibera che includeva una lunga serie di indicazioni da implementare successivamente. Cultura, Costituzione, integrazione, e tanti altri temi di servizio pubblico, per ora sono soltanto auspici ancora da implementare, in particolare sulle reti generaliste. Perché ora, nei palinsesti autunnali presentati, sono molto carenti. E anche per questo abbiamo votato contro. Dopo quasi un anno in Rai, le dichiarazioni di buone intenzioni non bastano più. Specialmente perché un vero, serio dibattito sulle criticità editoriali dell’azienda ancora non s’è visto.

I consiglieri continuano l’affondo lamentando persino una scarsa coerenza sul fronte delle mere intenzioni:

Le tanto attese linee guida editoriali non sono mai state discusse e articolate. Così, nel documento approvato oggi (ieri NdDM), troviamo indicazioni ben poco coerenti tra loro, per esempio sul tema sensibile dell’immagine della donna: da una parte, “orientare la programmazione alla diffusione di una nuova e diversa rappresentazione della donna” e dall’altra, a poche righe di distanza, “sviluppare format adeguati a promuovere la bellezza e il talento femminile nel solco della storia del costume italiano”. Le risorse umane e finanziarie di cui potrà disporre la programmazione culturale restano ancora da definire.

Anche i canali specializzati sarebbero stati trascurati:

l palinsesto dei canali specializzati, poi, è sistematicamente trascurato. Le segnalazioni di un grande uomo di televisione come Carlo Freccero (una risorsa che non è per niente valorizzata, purtroppo) circa sovrapposizioni e duplicazioni problematiche nella programmazione dei canali tematici, restano ignorate. Abbiamo perplessità quando ci annunciano che Rai affida il compito di ottimizzare i palinsesti alle stesse persone che hanno prodotto i palinsesti da innovare.

Di conseguenza il famigerato comunicato aziendale, che elogia i nuovi palinsesti, sarebbe – per i due consiglieri – pubblicità ingannevole:

Il comunicato aziendale sull’approvazione del palinsesto peraltro confonde le intenzioni con le realizzazioni, quel che si vorrebbe ci fosse con quel che c’è, ed evita qualsiasi riferimento al contenuto del dibattito che ha portato al nostro voto contrario, ed espone il lettore ad una interpretazione erronea dello stato delle cose. Pubblicità ingannevole?”

Posizioni nette e dure, quelle dei consiglieri d’amministrazione, che per essere sposate o contestate necessitano della presentazione dei palinsesti (lunedì 24 a Milano e martedì 25 a Roma) grazie alla quale potremo saperne di più. A proposito: visto che il dado era tratto, Tobagi e Colombo non potevano aspettare prima di sollevare le loro (sacrosante) proteste evitando così di dare una cattiva immagine agli inserzionisti?



Articoli che potrebbero interessarti


Palinsesti Rai dirigenti
Palinsesti Rai 2017/2018: la presentazione in diretta su DM. Orfeo: “Il contratto di Fazio è vantaggioso”


Flavio Insinna - Affari tuoi
CDA RAI, AL VAGLIO I PALINSESTI INVERNALI: AFFARI TUOI CHIUDE A MARZO. SU POLITICS SI DECIDE DOPO IL REFERENDUM


Carlo Conti
CARLO CONTI A DM: DOPO SANREMO NON ESCLUDO IL RITORNO ALL’EREDITA’. IN ARRIVO NATALE E QUALE (VIDEO)


Mediaset-Palinsesti
PALINSESTI 2016/2017, RAI E MEDIASET ‘PATTEGGIANO’: IL BISCIONE SPOSTA L’EVENTO AL 4 LUGLIO

2 Commenti dei lettori »

1. Ettore ha scritto:

21 giugno 2013 alle 13:33

Come volevasi dimostrare.



2. pollon87 ha scritto:

21 giugno 2013 alle 14:18

Gherardo Colombo è consigliere RAI per il PD solo perchè è il classico giornalista servo della sinistra e Benedetta Tobagi semplicemente usa il cognome dell’illustre padre per fare carriera: tutto qui… ergo, qualsiasi cosa dicano, c’è questo vizio di base: non che gli altri consiglieri siano “puri e neutri”, ma da Colombo e Tobagi di solito ci si aspetta di più (e come sempre deludono di più) rispetto ai Verro di turno.

Detto questo, che motivo avevano Colombo e Tobagi di danneggiare l’immagine della RAI davanti agli inserzionisti, per di più dicendo cavolate assurde sulla propaganda di sinistra sul ruolo della donna in tv… infatti vorrei sapere dove sono le volgarità contro “il corpo delle donne” in tv, se non nelle loro fantasie: evidentemente la propaganda viene prima di tutto!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.