22
settembre

DA SPONGEBOB A PARANORMAN: QUANDO L’OMOSESSUALITA’ INVADE I CARTONI

Paranorman

Immaginate una divertente e briosa avventura d’animazione, immaginate una ragazzina bionda e timida – sorella del protagonista – perdutamente innamorata di Mitch, un atleta fisicato dalla testa vuota, e immaginate che la biondina vinca la sua ritrosia e trovi il coraggio di invitarlo al cinema. Fin qui nulla di strano, a parte il fatto che Mitch accetti volentieri l’invito solo a patto di portare con sè il suo ragazzo… E’ quanto avviene in ParaNorman, la pellicola d’animazione prodotta dalla Laika e realizzata con un mix di stopmotion e atmosfere dark, vagamente ispirata al plot de Il sesto senso. L’11 ottobre assisteremo in Italia allo sbarco del primo cartone animato che vanta un “coming out”, la rivelazione improvvisa e spiazzante di Mitch nel film.

Le polemiche in America non sono tardate ad arrivare, aprendo un profondo varco fra gli spettatori usciti dalla sala e divisi fra divertimento e “disgusto”. Mentre alcune mamme si sono dimostrate solidali con la trovata del regista simpatizzando per il personaggio gay di ParaNorman, altre, invece, hanno manifestato la propria perplessità sul contenuto della pellicola. La scelta artistica della casa di produzione si associa alla preoccupazione su altri prodotti del medesimo genere come Spongebob, censurato in Ucraina per nascondere una presunta e pericolosa propaganda sull’omosessualità.

L’amicizia “compromettente” fra la spugnetta tuttofare e la stella marina Patrick, potrebbe generare, secondo i responsabili del network, dubbi e tribolazioni nella mente pura e casta di un minore. Problemi anche per Ribelle- The Brave, il nuovo prodotto targato Pixar già nelle sale italiane che istigherebbe a un pericoloso femminismo in grado di riscattare le remissive eroine Disney del passato. La principessa caparbia e dai capelli di fuoco è disposta, addirittura, a prendere parte ad una gara di tiro con l’arco per vincere la sua mano e decidere di rimanere single e pronta alla conquista del mondo.

Ma non ci sembra di esagerare? E’ sicuramente vero che la mente di un bambino è facilmente stuzzicabile da pensieri e domande scomode stimolate dalla visione di programmi tv o di pellicole cinematografiche, ma non sarebbe meglio cogliere la palla al balzo approfittando di questi contenuti per maturare una sensibilità e un’apertura mentale più ampia e tollerante? Diciamocelo, più che interrogarci sulla probabile sessualità dei Teletubbies, un bambino sarebbe preso dai colori e dalla vivacità delle inquadrature senza quella malizia che rappresenta il primo pensiero dei grandi.

L’omosessualità è una componente vecchia quanto il mondo che fa parte della nostra storia e ci accompagnerà sempre, nel bene e nel male. Perché non approfittarne imparando a combattere quei cliché crudeli e ignoranti inculcati da un’istituzione poco attenta e sensibile alla tematica? Se avessero un maggior margine d’intervento, sicuramente, i bambini avrebbero molto da insegnarci, con la loro schiettezza e innocenza pronte ad abbattere le ritrosie e le paure dei grandi.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Marco Carta
SpongeBob taglia il traguardo delle 200 puntate. Marco Carta canta la sigla – Video


Mattia Briga e Gaia
Miraculous, Mattia Briga vs Gaia: la sfida sulle sigle dei cartoni animati più celebri (video)


Winx Club Wow - World Of Winx
WINX CLUB WOW – WORLD OF WINX: LE FATINE SI DANNO AL TALENT SCONTRANDOSI CON CAMPANELLINO


Holly e Benji
HOLLY E BENJI: UNA NUOVA SERIE IN ARRIVO NEL 2018

15 Commenti dei lettori »

1. ale 96 ha scritto:

22 settembre 2012 alle 18:49

Certe persone davvero non sanno cosa significhi essere odiati anche dai genitori solo perché vogliamo amare!



2. tania ha scritto:

22 settembre 2012 alle 18:57

Era ora!



3. fabioterr ha scritto:

22 settembre 2012 alle 19:19

Che schifo. Almeno i bambini li lasciassero fuori da tutto ciò.



4. tania ha scritto:

22 settembre 2012 alle 19:33

Ovviamente andro’ a vedere il film



5. marcodesantis ha scritto:

22 settembre 2012 alle 19:56

ne vidi il trailer in spagna ed è molto bello…..da vedere….



6. ale 96 ha scritto:

22 settembre 2012 alle 19:57

Fabioterr schifo fai te parlando così! Vergognati!



7. lauretto90 ha scritto:

22 settembre 2012 alle 20:17

Sicuramente i bimbi sono molto più intelligenti di alcuni adulti… e di alcuni che commentano tanto per commentare…
L’omosessualità nei cartoni è sempre esistita… ma censurata qui in italia… Basti vedere il cartone animato Sakura e molti altri…
Chissà, era ora….



8. fabioterr ha scritto:

22 settembre 2012 alle 20:46

Ma io dico perchè quando qualcuno la pensa diversamente dagli omosessuali deve essere subito attaccato come se avesse ucciso qualcuno. Secondo me inserire l’omosessualità in un cartoon è poco educativo nei confronti dei bambini. Con ciò non voglio aprire una polemica, ma dico solo che quando saranno grandi avranno tutto il tempo per capire come funzionano le cose della vita.



9. tania ha scritto:

22 settembre 2012 alle 20:51

io sono una transessuale e le mie nipoti hanno vissuto il cambiamento in maniera tranquilla e serena e non sto qui a raccontare il resto.Non raccontiamo cose che se non si vivono non possono essere capite del tutto o per niente.



10. Andrew ha scritto:

22 settembre 2012 alle 20:55

Poco educativo? Dai su, non scherziamo!
Sinceramente non vedo nessun problema nel personaggio in questione, d’altronde spesso i genitori dimenticano che loro vedono tutto con una malizia che i bambini ancora non hanno!
E poi… Se in questo cartoon c’è questo ragazzo omosessuale e il bambino dovesse chiedere il “perchè”, è la volta buona che i genitori spieghino che non c’è differenza, così magari nelle prossime generazioni si azzereranno problemi di discriminazione! Insomma, come io il giorno esco con la mia ragazza, lo deve poter fare un uomo con un altro uomo o una donna con un’altra donna!..
Non capisco l’indignazione dei genitori americani……..



11. zvanrn ha scritto:

23 settembre 2012 alle 01:00

CLAP CLAP CLAP :), bell’articolo e bei commenti da tutti (tranne uno :P), sono contento di fare parte di questa “comunità” :D



12. Giuseppe ha scritto:

23 settembre 2012 alle 06:14

Speriamo che produzioni come queste non rimangano eccezioni. Abbiamo bisogno di maggiore civiltà e intelligenza specie per le nuove generazioni che non devono compiere gli errori di chi le ha precedute.



13. Jair ha scritto:

23 settembre 2012 alle 08:11

Rispondo a: “Ma io dico perchè quando qualcuno la pensa diversamente dagli omosessuali deve essere subito attaccato come se avesse ucciso qualcuno. Secondo me inserire l’omosessualità in un cartoon è poco educativo nei confronti dei bambini. Con ciò non voglio aprire una polemica, ma dico solo che quando saranno grandi avranno tutto il tempo per capire come funzionano le cose della vita.”

Beh peccato che già uno a quell’età (parlo per esperienza personale) già sa di essere gay. Poi può metterci tutta l’adolescenza ad accettarlo, magari anche a farsi mille problemi se può essere altro per prima o poi doversi arrendere al fatto che è fatto in quel modo e basta, e iniziare già a vedere l’argomento trattato con serenità, magari sondare anche le risposte dei genitori all’argomento, in maniera leggera, con un cartone animato, può essere rasserenante.
Mi chiedo quanti dei genitori che protestano hanno, senza saperlo, un figlio o una figlia gay che di fronte al loro atteggiamento deciderà di nascondere quello che è per decenni, vivendolo malissimo proprio con le persone più vicine.
E poi tutto sto clamore sull’omosessualità finirebbe se si iniziasse a vivere la cosa con normalità e a guardarsi con nochalance un cartone animato senza farne un caso mediatico con additazioni, lamentele e proteste



14. Nimo ha scritto:

23 settembre 2012 alle 12:18

D’accordo con l’articolo.
Il problema non sono i bambini, ma l’ignoranza, la bigotteria, la grettezza di certi adulti … il problema è che i bambini finiscono con l’apprendere l’omofobia dagli stessi adulti che li circondano, ben vengano quindi cartoni educativi come questo!



15. Alya ha scritto:

23 settembre 2012 alle 12:38

I miei figli dovranno assolutamente vedere ParaNorman. Il rispetto e la solidarietà devono essere appresi fin da piccoli. Non voglio che crescano ignoranti e cattivi come fabioterr.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.