2
settembre

TERESA MANNINO A DM: BASTERANNO I MIEI PARENTI PER RAGGIUNGERE L’OBIETTIVO DI RETE

Teresa Mannino

Dopo tanta gavetta e la notorietà arrivata sul palco di Zelig, amplificata poi da cinema e spot pubblicitari, è arrivata ora la grande occasione per Teresa Mannino. La comica siciliana, da mercoledi 5 settembre in prima serata, sarà al timone di Se Stasera Sono Qui, nuovo “show talk” de La7 con cui la rete vuole rendere più eterogeneo il suo pubblico. Teresa Mannino non poteva non fare un ’salto’ su DM per rivelare la sua ricetta vincente per una battaglia che non la spaventa, quella con l’auditel…

Sei più emozionata o spaventata per il debutto?

Sono più stanca, in questo momento sono distrutta. Non vedo l’ora di iniziare.

Se Stasera sono qui sembra un format particolare, non il solito programma comico…

Non è un programma comico. E’ un programma divertente, dove si riderà ma non c’entra nulla con la comicità. Sarà uno show talk. Ci saranno tante persone che parleranno in modo “showizzato”. Si può dire showizzato? Ci saranno immagini, video, musica, vip e non vip.

Ti vedremo anche cimentarti con il canto e il ballo?

No, io sono stonata, non so ballare o meglio so ballare ma dance anni ‘70 (ride, ndDM). Farò la conduttrice e la comica, quello che so fare o meglio quello che faccio di solito.

La trasmissione ha dieci autori…

Non lo so, non li ho contati ma sono sicuramente tantissimi ed è la prima volta che mi capita e mi viene anche difficile perché di solito sono abituata a scrivermi le cose da sola. In realtà è bellissimo: quando ci sono più persone c’è più creatività, vengono fuori molte cose, e ognuno ti insegna qualcosa di diverso. Siamo tutti di età e di estrazione differente. Finora ci siamo divertiti come i pazzi, adesso vedremo in onda cosa accadrà.

Al Corriere hai dichiarato che vuoi portare gli ”ignoranti a guardare La7”…

Era un po’ una provocazione. Diciamo che mi piacerebbe che guardassero La7 quelle persone che di solito restano ferme su Rai1 o al massimo arrivano su Canale 5. Vorrei far fare loro questo sforzo. Uno, due, tre, quattro, cinque, sei… e sette perché esiste. Io comincio dal sette quelle rare volte che mi sintonizzo davanti alla tv.

Guardi poco la tv, dunque?

Sì ma per impegni. Mi piace da morire ma purtroppo non ho tempo.

Il tuo obiettivo sembra essere quello di uscire dalla nicchia e rivolgerti ad un pubblico più popolare. Gli ospiti della prima puntata, però, sembrano abbastanza ricercati…

Diciamo che l’obiettivo per cui la rete mi ha chiamato è quello. Gli ospiti sono molto popolari: Renzo Arbore ha fatto il 50% sulla Rai, Pif fa le Iene e Morgan è Morgan.

Perché dal venerdì vi siete spostati al mercoledì?

Ha deciso la rete per via della controprogrammazione: contro la prima puntata ci sarebbe stata un’amichevole della Nazionale. Secondo me sono assurdi gli spostamenti. Non avendo come obiettivo quello dell’audience, almeno io, sarei rimasta al venerdì perché così ci eravamo detti. La rete invece, per eccesso d’amore nei confronti della trasmissione, ha preferito il mercoledì in modo da farci partire con il piede giusto. Per me comunque il giorno di messa in onda è indifferente anche perché registriamo di martedì. Anzi il mercoledi mi piace di più perché mi sembra un giorno in cui la gente stia di più a casa. Inoltre andare in onda subito dopo la registrazione ci crea più pepe, non potendo fare montaggio.

Il mercoledì è il giorno che nella scorsa stagione era toccato a Sabina Guzzanti. Lei non ha avuto molta fortuna…

Ogni anno è diverso, il periodo è diverso così come la controprogrammazione. Sono poi discorsi tecnici televisivi, di cui non capisco nulla.

Hai detto che non guardi agli ascolti ma degli obiettivi ci saranno sicuramente: quali sono?

L’obiettivo sarà quello di fare una cosa bella di cui andare fiera e che mi diverta. Se poi vedono in tanti la trasmissione sono ancora più contenta. Comunque parliamo dell’audience de La7, se la vedono i miei parenti in Sicilia abbiamo raggiunto l’audience, l’obiettivo.

All’inizio alcune voci ti volevano in preserale. Bufala o progetto effettivamente allo studio?

Mi hanno proposto la prima serata sin dall’inizio. Prima doveva essere una trasmissione comica, fatta da comici, poi piano piano abbiamo ricostruito il progetto con l’ideatore, che è Lucio Wilson, e gli altri autori.

La produzione è la stessa di Zelig…

Io sono là, cresciuta, formata e in agenzia con Zelig.

Lo condurresti?

Sì, se me lo proponessero sarei pronta. Mi piacerebbe molto.

Chi sceglieresti al tuo fianco?

Non saprei, faccio fatica a pensare con chi lo potrei fare. Forse con Vanessa Incontrada.

E pensare che lei aveva tuonato contro le donne di Zelig.

Non stava parlando di me, sono sicura. Siamo amiche.

A proposito di donne, a La7 ti confronterai con Geppi Cucciari.

Siamo cresciute professionalmente insieme, andavamo in giro con la sua macchina, una Golf, alle feste della Salamella, a fare serate, anche sotto la pioggia, abbiamo fatto un po’ di gavetta insieme. Siamo molto unite e ci vogliamo bene, purtroppo a distanza perché siamo tutte e due molto impegnate. Io ho anche una bambina e il poco tempo libero a disposizione lo dedico a lei.

Per una donna è più difficile fare la comica?

Fare ridere è difficile per tutti, una delle cose più difficili in assoluto, su un palco ancora di più che fra amici al bar. Secondo me non c’è differenza tra i sessi.

La comicità femminile da sempre non può fare a meno di affrontare temi come uomini e singletudine. Trovi che recentemente ci sia stata un’evoluzione?

Secondo me i temi sono vari. Geppi parlava di uomini e donne, così come la Littizzetto, un po’ anch’io ma ognuno ha i suoi modi di affrontare il tema. Geppi parlava anche del suo aspetto fisico quando era più rotondetta, la Littizzetto fa satira, io tratto le differenze Nord-Sud e faccio un po’ di satira sociale, la Guzzanti fa satira politica.

Sei una sensibile ai commenti del web o ti lasci scivolare addosso le critiche?

Non mi capita di cercare notizie su di me, uso internet come fonte di informazione.

Quindi giovedì mattina non andrai alla ricerca di commenti sulla trasmissione?

Sicuramente qualcuno mi verrà a dire: “lo sai che hanno detto quegli stronzi?”. E sicuramente mi dispiacerà. Nelle critiche c’è sempre un fondo di verità anche in quelle più stupide e superficiali.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


se stasera sono qui recensione
SE STASERA SONO QUI: BRICOLAGE DI IDEE PROMETTENTE MA PER NULLA ‘IGNORANTE’


Teresa Mannino - Se Stasera Sono Qui
SE STASERA SONO QUI: IL NUOVO SHOW DI TERESA MANNINO DA STASERA SU LA7


Roberto Saviano, Kings of Crime
Roberto Saviano a DM: ecco la differenza fondamentale tra l’intervista di Vespa a Riina su Rai 1 e la mia a Prestieri sul Nove


Ingo Rademacher
Beautiful – Ingo Rademacher (nuovo Thorne) a DM: «La mia prima battuta? Sono tornato e ho fatto una plastica facciale! Farò di lui un vincente»

22 Commenti dei lettori »

1. amazing1972 ha scritto:

2 settembre 2012 alle 14:34

bella intervista. mi fa piacere che cerchino di fare un programma diverso dal solito,in bocca al lupo



2. Marcovaldos ha scritto:

2 settembre 2012 alle 14:55

Sono fiducioso.Al di là dell’Auditel,immagino sarà un bel progetto,e questo è l’importante.
La Mannino poi è irresistibile.Spero molto nell’effetto novità,non vorrei si ripetesse soltanto.



3. Phaeton ha scritto:

2 settembre 2012 alle 15:13

Spero abbia successo… La7 con questo tipo di show leggermente più popolari ha avuto successo, non dimentichiamoci di Fratelli d’Italia quello condotto dalla Pivetti che ebbe veramente un ottimo riscontro!



4. Andrew ha scritto:

2 settembre 2012 alle 16:04

Molto curioso di vedere questo “show”!
Forse a La7 hanno capito che i grandi ascolti non si fanno solo con programmi di approfondimento e satira politica…



5. Pippo76 ha scritto:

2 settembre 2012 alle 17:10

Una novità da seguire con interesse..
Speriamo bene



6. Peppe93 ha scritto:

2 settembre 2012 alle 17:22

La guarderò sicuramente, è troppo simpatica.



7. Giuseppe ha scritto:

2 settembre 2012 alle 17:23

“Nelle critiche c’è sempre un fondo di verità anche in quelle più stupide e superficiali”. Non so se, in riferimento ai commenti sui blog, sia da considerarsi un incoraggiamento o un’istigazione. Comunque vedrò e, forse, commenterò.



8. luca88 ha scritto:

2 settembre 2012 alle 19:14

la Mannino è molto simpatica e secondo me farà un buon risultato…ma a proposito di show al femminile quando andrà in onda quello della Hunziker? nell’autunno 2013?



9. MarcellinoPane&Vino ha scritto:

2 settembre 2012 alle 20:33

A me non piace, mi è antipatica. Coi comici è cosi, si va a pelle!

Date più spazio a Valentina Persia!!!!!!



10. Pippo76 ha scritto:

2 settembre 2012 alle 22:57

Si vabbè.. allora dopo Valentina Persia io vorrei rivedere Martufello.
Per dire..



11. Valerio ha scritto:

2 settembre 2012 alle 23:35

@ Andrew: non hai capito nulla se credi che La7 possa rinunciare a informazione e satira politica per qualche punto di share (?) rinunciado alla sua linea editoriale e omologandosi a quelle fetecchie día programmi che sei abituato a guardare beh, a meno che non siano impazziti tutti puoi scordartelo. L’aria è cambiata: certa tv trash è in crisi e comunque c’è bisogno di dare un’alternativa per coloro che non si riconoscono nel modo di fare tv di gran parte di Rai e Mediaset. Siccome anche quelle persone sono consumatori e La7 è una rete conmerciale che vive di pubblicità, non penso stravolgerà il palinsesto per adeguarlo ai bassi standard qualitativi di alcuni competitor. Scordati perciò di vedere persino lì gieffini, liti e gossip su sconosciuti, tette e culi in slow motion e altre berlusconate del genere. Ma non ti basta tutto lo spazio che hanno già? Ma nella tv italiana non si può fare nulla di alternativo senza incappare nelle richieste di normalizzazione? Un tempo venivano dai politici, ora ci si aggiungono anche i fan defilippiani, e della tv finto popolare.



12. Valerio ha scritto:

2 settembre 2012 alle 23:35

@ Andrew: non hai capito nulla se credi che La7 possa rinunciare a informazione e satira politica per qualche punto di share (?) rinunciado alla sua linea editoriale e omologandosi a quelle fetecchie di programmi che sei abituato a guardare beh, a meno che non siano impazziti tutti puoi scordartelo. L’aria è cambiata: certa tv trash è in crisi e comunque c’è bisogno di dare un’alternativa per coloro che non si riconoscono nel modo di fare tv di gran parte di Rai e Mediaset. Siccome anche quelle persone sono consumatori e La7 è una rete conmerciale che vive di pubblicità, non penso stravolgerà il palinsesto per adeguarlo ai bassi standard qualitativi di alcuni competitor. Scordati perciò di vedere persino lì gieffini, liti e gossip su sconosciuti, tette e culi in slow motion e altre berlusconate del genere. Ma non ti basta tutto lo spazio che hanno già? Ma nella tv italiana non si può fare nulla di alternativo senza incappare nelle richieste di normalizzazione? Un tempo venivano dai politici, ora ci si aggiungono anche i fan defilippiani, e della tv finto popolare.



13. Nina ha scritto:

3 settembre 2012 alle 09:10

Fastidiosa, irritante. Adoro il siciliano, il mio dialetto preferito ma lei lo esibisce in maniera esagerata, lo rovina.



14. Nina ha scritto:

3 settembre 2012 alle 09:12

Valerio: e basta!



15. Andrew ha scritto:

3 settembre 2012 alle 10:42

@ Valerio:
Hai acquistato La7 questa notte? Manco avessi offeso un tuo parente!
Fino a prova contraria, l’auditel della scorsa stagione ha dimostrato come, nonostante programmi ben fatti, il canale non sfondasse, questo anche perchè per 3/4 della programmazione era basato sull’attualità e sull’informazione! Questo tipo di programmazione va bene per un canale all news tipo Tgcom24 o Skytg24, ma non per un canale che aspira a diventare “generalista”!
Tant’è che il nuovo palinsesto sta lì a dimostrarlo: Teresa Mannino con un suo show, Cristina Parodi con un contenitore pomeridiano (come su Rai e Mediaset), e tante altre piccole modifiche!
Poi scusa potresti indicarmi dove io ho detto che il canale debba basarsi solo su gieffini, tette e il resto? Ho solo detto che un programma un pò diverso può solo far bene per ampliare il bacino utenti! La7 è un canale che seguo, ma sinceramente avrei gradito in passato un ampliamento dell’offerta, e quest’anno pare ci sarà! Non capisco la tua equazione: Ampliamento dell’offerta=trash! Si possono fare degli ottimi programmi “leggeri” senza scadere nel trash!
Infine vorrei farti notare che come tu hai detto la7 campa di pubblicità, quindi la favoletta che non cambiano il loro target per non modificare gli investimenti ottenuti è campata per aria, visto che maggiori sono gli ascolti e maggiori sono gli introiti pubblicitari….



16. Nina ha scritto:

3 settembre 2012 alle 10:56

@Andrew: difficile fare un ragionamento del genere con Valeiro, pare pieno di pregiudizi e, purtroppo, vede coloro che liberamente esprimono un parere come dei fans di Canale 5, de filippi ecc. ecc.



17. lele ha scritto:

3 settembre 2012 alle 12:25

assolutamente d’accordo con Nina #13.



18. Paola ha scritto:

3 settembre 2012 alle 19:32

La Mannino è simpatica, è una delle poche comiche che mi fa ridere, al contrario di Geppi..terrificante lo spot del nuovo G Day,lo trovo anche un pó offensivo… Speriamo solo che alla Mannino non venga quell’aria snob di chi fa programmi su La7..
Ps:terribile anche lo spot del nuovo programma della Parodi:”mia figlia miha chiesto:mamma e ora cosa farai?aiuole fare la simpatica ma non ci riesce..da far accapponare la pelle!!



19. Valerio ha scritto:

4 settembre 2012 alle 00:17

[commenti più brevi per favore]



20. Valerio ha scritto:

4 settembre 2012 alle 09:48

@ Andrew: ma chi ti ha detto che con un palinsesto più generalista che in Italia vorrebbe dire omologarsi alle grandi reti proponendo quiz e altre cose già presenti su RaiUno e Canale5, i telespettatori aumenterebbero???? L’unico effetto che si sortirebbe in breve tempo è la fuga di massa dell’attuale pubblico di riferimento della rete che non è in molti casi contiguo ad altre reti se non a RaiTre. L’esperimento di cui parli tu fu già fatto da Cecchi Gori ai tempi di Telemontecarlo e fu del tutto fallimentare in termini di ascolti. Allora la rete era una sorta di Canale5 in piccolo e non faceva notizia. Secondo te, Telecom che da anni ha acquisito la tv puntando fin dalla sua gestione su personalità raffinate ma capaci di calamitare anche grandi numeri di telespettatori (“Le cose che non ho”, “Vieni via con me”) come Fabio Fazio, ora dovrebbe rinunciare a Geppi Cucciari per mettere nel preserale un blando quiz magari condotto dal sosia sfigato di Pino Insegno? Per chi guarda La7 Geppi Cucciari è molto più popolare in senso di vicina di quanto non lo possano mai essere i conduttori di quel genere di trasmissione che si vedono su Canale5 e RaiUno. E poi La7 è già popolare da tempo: dove pensi che abbiano lavorato la Cabello o Chiambretti poi corteggiati da Rai e Mediaset? Allora più di questo che cerchi? Programmi fetecchia sulla falsa riga di “La Vita in diretta” con i criminologi alle quattro del pomeriggio a parlarti di cadaveri? Oppure cosa? Fammi un esempio concreto di cosa auspicheresti trasmettesse La7 perché se cerchi un tipo di tv popolare ma non trash, beh, non è da adesso che ci si sta provando. Ma l’opinione di Teresa Mannino è quella sì viziata da un pregiudizio verso chi guarda La7 (“sono tutti snob”), tipico di chi è cresciuto con il modello Mediaset e pensa che quello sia “popolare”. Per me non è da i
popolare fare una tv che da casa dà l’impressione di avere un pubblico in studio prezzolato, o fare una tv che pensa che nascondendo i problemi sì di tutti i giorni sotto il tappeto per parlare dell’ultimo tradimento della sconosciuta arrivista concorrente di turno del reality della stagione. Così come non è popolare ubriacare i maschietti facendo vedere loro donne praticamente nude transitare per lo studio televisivo al solo scopo di distrarli dalle malefatte del governante-editore. Io non sono diventato proprietario de La7 ma posso dirti perché seguo le notizie che a meno che non sia un parente o un amico di Berlusconi a comprarsela, difficilmente tornerà ad essere quello che era Tmc (per fortuna di chi come me la pensa diversamente da te sul concetto di “popolare” o di “successo”). E se pensi che la Parodi vada lì per fare tipo Venier o D’Urso sbagli perché lei ha spiegato nei suoi promo in onda e in numerose interviste il tipo di programma che ha intenzione di mettere sù. Cercati le interviste su internet e leggile provando ad immaginare se possa minimamente assomigliare alle attuali Pomeriggio 5 o Vita in Diretta. A meno che non stia tirando uno scherzo ai vertici di rete, non penso che si omologherà ai suoi competitor per ascolti. Dopo di che io non ci metto la mano sul fuoco, lei non ha mai lavorato a La7 e non è notoriamente antiberlusconiana (anche se ha dichiarato di esserne rimasta delusa) per cui il giudizio come tutti sul suo essere o meno fuori contesto nel modo di fare tv potrò darlo solo dopo che la trasmissione sarà partita.



21. Valerio ha scritto:

4 settembre 2012 alle 09:53

@ Andrew: Se però tu credi che La7 rinunci a tutte le trasmissioni che la renderebbero a tuo parere una “all news” (che è ben altra cosa) allora rimarrai illuso e deluso perché Omnibus e tutte le rubriche satellite (ora sotto diretta gestione del TgLa7) e i programmi di approfondimento come i talk show politici non andranno certo in pensione perché sono l’ossatura dell’emittente da anni e perché evidentemente rendono e servono alla democrazia del paese altrimenti non avrebbe senso produrne. Inoltre stiamo per entrare in un periodo di intensa campagna elettorale che traghetterà il paese alle elezioni del 2013 per cui gli spazi dedicati all’attualità saranno semmai rafforzati anziché indeboliti. E poi La7 ti ripeto non è una all news, trasmette serie tv (non solo “Sex and the City”) e film – anche se i diritti costano e se vuoi trasmettere film che mantengano gli standard di rete in prima serata non è cosa facile – nonché dirette sportive esclusive come il torneo sei nazioni di rugby, il basket, la superbike e talvolta persino incontri di calcio. Ci sono trasmissioni dedicate all’hi-tech, alla moda, ai viaggi, alla cucina, al giardinaggio, trasmissioni per tutti i gusti. E per te sarebbe una all news? Secondo me tu La7 manco la vedi per definirla così. La tua è sembrata una pura provocazione di chi vorrebbe i canali tutti uguali. Io invece sono contento che a La7 il racconto della politica e della società rivesta un ruolo importante perché la politica è quella cosa che incide più di ogni altra nel bene e nel male nel nostro modo di vivere, nelle nostre libertà, nelle nostre preoccupazioni.
Ps: mi scuso se il commento è troppo lungo per i criteri di questo sito ma per argomentare decentemente un punto di vista e non passare per l’antipatico di turno non potevo fare altrimenti.



22. Andrew ha scritto:

4 settembre 2012 alle 10:44

@Valerio
Veramente io non so se parliamo la stessa lingua!
Io mica ho detto che devono cancellare TUTTI i programmi ora in onda e mettere solo show e quiz! Anzi… Il palinsesto nuovo a grandi linee è perfetto con lo stile di La7!
Dimmi dove io avrei scritto che devono eliminare Geppi e mettere un quiz! Non mi azzarderei mai, soprattutto considerando che trovo Gday uno dei programmi più interessanti ora in onda su quella rete, tant’è che se mi è possibile lo seguo!
Inoltre non ho neanche detto che devono eliminare l’informazione, visto che anche su questo campo si deve ammettere che la7 ha fatto un ottimo lavoro! Ad esempio la mattina mi trovo spessissimo sintonizzato su La7 per seguire i programmi di approfondimento!
Detto questo, però, la rete vive di ascolti come tutte e quindi stai sicuro che ampliare l’offerta con relativo apertura ad altre fasce non può che far piacere ai vertici! Tu mi dici che non si vuole omologare ad altri programmi pomeridiani, ma fino a prova contraria di qualcosa la Parodi il pomeriggio dovrà pur parlare, e ho come la sensazione che se il programma non sfonda per come è stato pensato, arriverà a trattare comunque alcuni temi, anche se forse in maniera più “educata”!
Detto questo, sinceramente a me da molto fastidio questo snobbismo da parte degli spettatori La7-Rai3 (che tu sostieni essere gli stessi) e infatti i dati di ascolto stanno lì a confermarlo!…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.