8
agosto

ALEX SCHWAZER IN LACRIME AL TG1 (VIDEO): “HO DISTRUTTO TUTTO” E CONFESSA IL DOPING

Alex Schwazer, Tg1

Alex Schwazer ha perso la sua gara più impegnativa, quella contro se stesso. Ed ora piange, sconfitto e umanamente distrutto. Il podista azzurro, squalificato dalle Olimpiadi di Londra 2012 per doping, ha parlato della sua amara vicenda in un’intervista rilasciata al Tg1 e trasmessa durante l’edizione delle 20. Davanti alle telecamere l’atleta ha spiegato di essersi dopato da solo, e ha ammesso le proprie colpe, senza riuscire a trattenere le lacrime.

“Ho fatto dieci mesi di allenamenti senza niente e avevo una condizione fantastica, in tre settimane di doping ho distrutto tutto. Quando è arrivato il controllo il 30 luglio sapevo che era finita. Ho vinto a Pechino senza doping, perché ero sereno e i miei valori ematici erano perfetti. Dopo tutte le batoste volevo di nuovo essere davanti

ha raccontato Schwazer al Tg1. Il marciatore azzurro ha dichiarato di aver assunto le dosi di Epo autonomamente, documentandosi su Internet, e non ha voluto fare il nome di eventuali complici. Allo stesso tempo ha avvertito che il mondo dello sport dovrebbe “aprire gli occhi” sul doping:

quando una donna fa gli ultimi 100 metri in vasca più forte di un uomo campione olimpico, anche uno che non ha mai seguito lo sport deve metterlo in dubbio” ha detto.

Schwazer ha anche parlato della sua fidanzata, la campionessa Carolina Kostner, che in questi giorni ha vissuto lo shock per la squalifica di Alex. Ed il volto dell’atleta si è rigato di lacrime, come se la tensione e la delusione accumulate non potessero più essere trattenute, nemmeno davanti alle telecamere.

Un momento di rara sincerità mediatica, che certo non cancella l’errore (e l’illecito sportivo) commesso dal nostro atleta, ma che svela senza filtri un dramma autentico, da osservare senza la presunzione degli sputasentenze.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , , ,



Articoli che potrebbero interessarti


tale e quale show
2012, UN ANNO DI SUCCESSI (SECONDA PARTE): TERENCE HILL DIETRO SOLO A BENIGNI E CELENTANO


spice-girls-londra-2012
OLIMPIADI LONDRA 2012: UNA CERIMONIA FINALE CHE NON CONVINCE


Olimpiadi di Londra 2012
OLIMPIADI DI LONDRA 2012: QUALE MEDAGLIA AZZURRA TI HA EMOZIONATO DI PIU’?


SpiceGirls, cerimonia chiusura olimpiadi
OLIMPIADI DI LONDRA 2012: NEL GRAN FINALE SI CELEBRA LA MUSICA BRITANNICA. ATTESE ANCHE LE SPICE GIRLS, IN FORSE ADELE

15 Commenti dei lettori »

1. Giuseppe ha scritto:

8 agosto 2012 alle 07:47

D’accordo, “da osservare senza la presunzione degli sputasentenze”. Però, al di là del dramma personale peraltro autocagionato, sono cose che da troppo tempo danneggiano tutto lo sport e fanno anche passare la voglia di seguirlo anche come semplice spettacolo.

Eventi sportivi come le Olimpiadi sono da sempre sovraccarichi di tensioni derivanti da interessi economici e politici che, addizionati a un malinteso senso della competizione e dell’emulazione, fanno prosperare il ricorso all’illecito. L’aspetto più grave è che tutti lo sanno e lo denunciano ma non cambia niente se non in peggio.

E questo è uno dei motivi principali per cui anche queste Olimpiadi non mi interessano più di tanto. Sai che spettacolo quando “una donna fa gli ultimi 100 metri in vasca più forte di un uomo campione olimpico”.



2. teoz ha scritto:

8 agosto 2012 alle 08:15

la vita se l’è rovinata lui e quindi cavoli suoi… che pianga pure quanto vuole…



3. lele ha scritto:

8 agosto 2012 alle 10:25

Avrebbe potuto evitare il riferimento alla nuotatrice cinese che tra l’altro pare sia risultata negativa ai test
Spero che riesca a ripulirsi dopo questa brutta vicenda.



4. Davide Maggio ha scritto:

8 agosto 2012 alle 10:28

A me piuttosto ha fatto effetto rivedere la prima intervista rilasciata al Tg1 dopo la vittoria a Pechino. Provata a dare un’occhiata. Sembra che dica le stesse cose. Mah.



5. matteo quaglia ha scritto:

8 agosto 2012 alle 10:49

mi sa tanto poi che qualcuno il doping se lo fa anche da altre parti ho letto su tuttosport quello che vuole fare il codacons su questo caso , dire che stanno buttando al vento la loro credibilita’ e’ poco



6. ariel ha scritto:

8 agosto 2012 alle 11:17

Oddio…ha la voce uguale a quella di Reagan, la bambina protagonosta del film “L’Esorcista”, quando viene posseduta dal demonio!!



7. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

8 agosto 2012 alle 11:54

ok ciao



8. simonevarese ha scritto:

8 agosto 2012 alle 12:04

“Io mancio sano, mancio Kinder Pinguì…”
Scherzi a parte, io davvero mi chiedo cosa li spinga ad un simile comportamento: sai che ci sono i controlli e vieni sgamato… E poi sinceramente, che soddisfazione provi a vincere barando? Boh, forse però è facile parlarne dal di fuori…
Però dopo questa sua dichiarazione tutto ciò risulta ancora più incomprensibile: “Ho fatto dieci mesi di allenamenti senza niente e avevo una condizione fantastica, in tre settimane di doping ho distrutto tutto.”. Se avevi una condizione fantastica, perché cavolo l’hai fatto? S’è rovinato, ora la gente non lo ricorderà certo per l’oro di Pechino, quanto per il doping di Londra…



9. ales79 ha scritto:

8 agosto 2012 alle 14:30

d’accordo il diritto di opinione ma credo che nessuno possa giudicare senza sapere come si sta in una posizione come la sua…!
I cinesi meritano tutto il rispetto del mondo ma alzi la mano chi non ha pensato che quella fosse dopata dai!!!!!



10. libus ha scritto:

8 agosto 2012 alle 17:36

il video è stato rimosso dall’utente e non si vede



11. Francesco ha scritto:

8 agosto 2012 alle 20:02

Non mi piacciono i linciaggi e men che mai quando le persone non sono delinquenti e possono commettere un errore in un momento di fragilità ed umilmente chiedono scusa.Chi è così perfetto da non avere mai sbagliato nella sua vita per poter permettersi tutti quegli insulti che si sono letti in Twitter?



12. Andrea ha scritto:

9 agosto 2012 alle 10:11

Ha sbagliato e ne pagherà le conseguenze, qualsiasi accanimento mi pare abbastanza inutile.
Sulla cinese (e tantissimissimi altri, eh) boh, sarò cinico, ma credo che nel mondo dello sport ci sia più impegno nel trovare droghe “invisibili” piuttosto che nel trovare controlli più affidabili.



13. silvia ha scritto:

10 agosto 2012 alle 10:31

Sbatti il fatto in prima pagina, m’è venuto da pensare…è veramente spiacevole come impianto



14. nino.tv ha scritto:

10 agosto 2012 alle 13:17

lacrime di coccodrillo??? e a pechino… purtoppo mi viene da dubitare!!!



15. ma... ha scritto:

10 agosto 2012 alle 19:52

Ho letto i post di corsa ma mi pare che nessuno abbia messo il dubbio che possa non avere fatto tutto da solo…
Che forse si sia fatto beccare per mettere fine ad una pratica che lui non condivideva… Avrebbe potuto rinunciare al controllo, poteva non farsi trovare a casa e saltarlo in modo legale.
Voi pensate che atleti del suo calibro possano disporre come meglio credono di loro stessi all’insaputa dei medici, allenatori, preparatori, dietoligi ecc. che compongono lo staff?
Il vero schifo, nello sport, è che siano SEMPRE solo gli atleti ad affondare!
Riflettete gente, riflettete.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.