3
aprile

MEDIASET ESCE DA ENDEMOL. QUALI SARANNO LE RIPERCUSSIONI SULLE SCELTE EDITORIALI?

Endemol logo

Doveva essere una rivoluzione che avrebbe portato maggiore respiro internazionale all’azienda e invece si è rivelata poco proficua su più di un fronte. A quasi cinque anni da un massiccio investimento, Mediaset sceglie di uscire dal capitale di Endemol di cui ormai possedeva una quota minoritaria. In una nota diramata questa mattina dall’azienda di Cologno Monzese si legge:

Mediaset comunica di aver ceduto sul mercato circa il 6% del debito senior di Endemol, pari alla totalità della quota detenuta dal Gruppo

A rilevare la quota ceduta da Mediaset è stato il fondo Apollo. Radiocor da fonti finanziarie apprende che la transazione ha riguardato una porzione di debito pari a nominali 110 milioni di euro circa ed è avvenuta a un valore di 60-61 centesimi per ogni euro di nominale: di conseguenza, Mediaset ha incassato un valore vicino ai 66 milioni di euro per l’operazione. Con l’acquisizione, Apollo Investment diventa il soggetto più esposto verso Endemol e al momento della conversione dei crediti in capitale sarà primo socio con il 35%.

Secondo il Sole 24 ore alla base di quest’uscita di scena ci sarebbe la consapevolezza di Mediaset di non poter avere un ruolo di peso nella determinazione delle strategie aziendali. Il quotidiano economico rivela, poi, che la presenza in Endemol del numero 1 Marco Bassetti potrebbe essere a rischio.

L’uscita di Mediaset dalla società del Grande Fratello potrebbe comportare grossi cambiamenti strategici ed editoriali per le reti del Biscione. Non si sa ancora se saranno ridiscussi i contratti in essere come si era paventato qualche mese fa ma c’è da scommettere che la multinazionale olandese smetterà di essere la società di produzione ”referente” principale. L’impressione è comunque che Piersilvio Berlusconi e gli altri vertici, per il dopo Endemol, puntino sulla produzione interna di contenuti limitando allo stretto necessario il ricorso a società di produzione esterne non partecipate.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Roberto Cenci
BALLANDO VS BAILA: IL GIUDICE RIMANDA LA DECISIONE A SETTEMBRE. SODDISFAZIONE PER LA CARLUCCI


Milly Carlucci tribunale
MILLY CARLUCCI VS BAILA: OGGI LA PRIMA UDIENZA IN TRIBUNALE. CHI HA RAGIONE?


Poker @ Davide Maggio .it
SULLE RETI MEDIASET SI GIOCHERA’ D’AZZARDO


Gerry Scotti @ Davide Maggio .it
FIFTY FIFTY (50:50) : DALL’ITALIA ALLA GRECIA PASSANDO PER IL GIAPPONE

13 Commenti dei lettori »

1. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

3 aprile 2012 alle 12:06

beh quando mediaset ha acquistato la quota maggioritaria di endemol cosa è cambiato?
mi pare poco e nulla no?
alcuni format addirittura non hanno nemmeno avuto il successo sperato e sono stati chiusi dopo poche puntate.



2. Vincenzo ha scritto:

3 aprile 2012 alle 12:06

Faranno produzioni interne per contenere i costi rispetto a delle produzioni esterne che chiedono maggiori spese? Beh può essere una scelta condivisibile, però ancora non capisco tanto bene questa uscita di Mediaset.



3. pig ha scritto:

3 aprile 2012 alle 12:06

Ecco bravi, tornassero a fare produzioni interne invece di puntare su dei format esteri.Mediaset la sua fortuna l’ha fatta grazie ai geni di autori che lavoravano per Canale 5 negli anni 80 e 90 producendo programmi come Scherzi a parte, la sai l’ultima, il brutto anatroccolo, Ciao darwin, Peter Pan, Paperissima, Bellezze al bagno ect…

Tornassero a puntare sulle produzioni interne e ne guadagnerebbero soltanto



4. Gabriele90 ha scritto:

3 aprile 2012 alle 12:20

Sarebbe ora che le menti si mettessero in funzione ….ci sono tante idee ma non si rischia ….. E sarebbe ora di lanciare nuovi conduttori televisivi



5. asxo ha scritto:

3 aprile 2012 alle 12:27

Dopo la crisi di ascolti e di raccolta pubblicitaria, l’uscita da Endemol spero sia il primo passo verso un cambiamento sostanziale delle strategie aziendali di Mediaset.



6. MisterGrr ha scritto:

3 aprile 2012 alle 12:28

Produzioni interne? Meglio così.



7. Premium1983 ha scritto:

3 aprile 2012 alle 12:44

Usassero bene quei soldi.
Sull’articolo del sole 24 ore si parlava di 72 milioni circa.

Comunque cercherei fossi in loro di comprare diritti cinematografici per la pay e una parte per la champions se trova l’accordo con SKY.



8. Pippo76 ha scritto:

3 aprile 2012 alle 13:04

Esperienza fallimentare nella quale ci hanno rimesso..



9. umi ha scritto:

3 aprile 2012 alle 13:52

Non sono molto informata, mi chiarite un punto?
Questa cessione comporta automaticamente la fine del Grande Fratello su Mediaset? Mediaset non potrà più utilizzare il format dato che era della Endemol? Oppure non c’entra nulla? Perchè avevo letto che il GF13 era già in calendario per gennaio 2013.



10. Mattia Buonocore ha scritto:

3 aprile 2012 alle 13:58

@umi non c’entra, Mediaset potrà continuare ad utilizzare tutti i format Endemol



11. Mattia Buonocore ha scritto:

3 aprile 2012 alle 14:15

@White e invece è cambiato tanto. Per le altre società è stato più difficile produrre a Mediaset così come alcune fasce orarie, come il preserale di Canale 5, sono state “appaltate” in toto ad Endemol.



12. Pippo76 ha scritto:

3 aprile 2012 alle 14:42

Bisogna chiarire un po’ di cose.
Mediaset nel 2007 acquistò il 33% della società di produzione (la Endemol è quella che detiene i diritti di programmi come Grande Fratello o Che tempo che fa), per la somma di 2,7 miliardi, per lo più a debito. Ma nel corso degli anni la società accumulò debiti anzichè guadagni, fino a superare i 2 miliardi.
Oggi Mediaset Espana ha comunicato di aver ceduto la sua quota di debito al fondo Apollo Investment per 66 milioni.
Quindi Mediaset spese 2,7 miliardi per l’acquisto e ne ricava ora 66 milioni (c’è una bella differenza).
—–
Bisognerà vedere quello che accadrà perchè questa operazione o aiuterà il gruppo a ottenere prezzi migliori per i contenuti di Endemol (che ora sarebbe libera di negoziare come gli altri broadcaster) o piuttosto comporterà un aumento dei costi per le minori interazioni con Endemol dalla quale Mediaset è uscita completamente.



13. lele ha scritto:

3 aprile 2012 alle 20:12

era da qualche mese che girava la voce di una probabile vendita delle quote mediaset in endemol e infatti…

mediaset è allo sbando



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.