12
luglio

VANESSA INCONTRADA: VIA DA ZELIG PER COLPA DELLE DONNE CHE CI LAVORANO.

Vanessa Incontrada

L’addio a Zelig sembra averla segnata, creando una sorta di spartiacque tra un prima e un dopo. Il prima fa di Vanessa Incontrada una delle showgirls più capaci del piccolo schermo, tanto spontanea quanto simpatica, genuina nel suo essere una donna in carriera ma con la testa sulle spalle. Il dopo è invece tutt’altra storia, fatta di rimpianti e delusioni, dichiarazioni al veleno e voglia di riscatto. Dopo l’accusa alle veline e in generale al ruolo della donna in tv (leggi qui), ora la bella spagnola ha deciso di vuotare il sacco e rivelare i reali motivi che l’hanno spinta ad abbandonare il programma comico di Canale 5.

Lo fa in un’intervista a Vanity Fair, in cui ammette che “si era rotto qualcosa con le persone con cui lavoravo. L’ambiente è sempre stato maschile – ci lavorano cento uomini e forse una quindicina di donne – e maschilista. Ma la cosa più triste è che proprio delle donne ho un brutto ricordo. E l’accusa più pesante è, infatti, rivolta a loro: “A parte tre o quattro di loro, tra cui la sarta e la mia vocal coach, non hanno mostrato alcuna solidarietà nei miei confronti quando sono diventata mamma. Già durante la gravidanza, mentre tutti mi attaccavano per il peso, non una che mi abbia detto ‘mi spiace’. E poi, quando è nato Isal, le cose sono persino peggiorate”.

La Incontrada confessa di essere stata praticamentre abbandonata da chi invece avrebbe dovuto mostrare maggiore sensibilità: Non c’era la minima comprensione se dicevo che la domenica non potevo andare alle prove, o se arrivavo alle 5 e non alle 4 perché il bambino aveva 38 di febbre. Neanche fossi andata con le amiche a prendere l’aperitivo. Il tempo per mandarmi un messaggio con scritto ‘Convocazione alle due’ ce l’avevano sempre, ma quello per scrivermi ‘Come sta il bimbo?’ in due anni non l’hanno mai trovato”.

Ma quando le viene chiesto cosa la fa stare più male, non ha alcun dubbio su quale sia la risposta: il suo più grande rammarico è quello di aver dato tutto per il lavoro, di non essersi risparmiata neanche quando il bambino era appena nato. E il risultato, ora, la fa vivere con eterni sensi di colpa, soffrire come un cane. Costretta ogni settimana a 800 km di viaggio per dividersi tra la famiglia e il lavoro, ha trovato solo chi non ha saputo supportarla in un periodo in cui, per dovere materno, non doveva certo essere Zelig la priorità.

“Non capivano che un bambino, dopo essere stato nove mesi dentro di te, nei primi anni di vita ha ancora bisogno di quel calore, di quella presenza. Ho chiesto che mi venissero incontro, un aiuto, ma non me l’hanno dato. Allora il mio atteggiamento nei loro confronti è diventato di indifferenza. Ma il dolore è rimasto e me lo porterò sempre dentro, a quarant’anni e anche a cinquanta. Per questo me ne sono andata. Con Zelig è finita quando sono diventata mamma.

Ma non tutto è da buttare. E qui subentra il compagno d’avventura, Claudio Bisio, tenuto all’oscuro di tutta la faccenda (fino a ieri) per evitare di metterlo in una posizione scomoda, tra due fuochi: “Lui va oltre Zelig. A una diffidente come me ha fatto scoprire che, anche in questo ambiente, l’amicizia tra colleghi può esistere. Il nostro è un rapporto unico, ci frequentiamo con le nostre famiglie. Sono innamorata di sua moglie più che di lui”.

E ancora una volta è la tv a dare prova di come la solidarietà nel mondo femminile sia spesso un fattore sconosciuto. Ma è quasi raccapricciante, nel 2011, sapere di una donna in difficoltà sul lavoro per il solo motivo di essere diventata mamma.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


cucciari_hdf
ZELIG 2011: GEPPI CUCCIARI E PAOLA CORTELLESI IN POLE POSITION PER SOSTITUIRE VANESSA INCONTRADA


Checco Zalone interpreta Baciami ancora
ZELIG: STASERA GRAN FINALE CON CHECCO ZALONE E LA SUA “BACIAMI ANCORA”


Zelig, Giovanni Vernia e Claudio Bisio
ZELIG, LA MACCHINA PERFETTA


Zelig - Vanessa Incontrada Claudio Bisio
ZELIG 2010: PROMOSSI ALLA PRIMA, MA IL RISCHIO DEJA VU E’ DIETRO L’ANGOLO

29 Commenti dei lettori »

1. shameboy ha scritto:

12 luglio 2011 alle 16:30

Ma che la sta succedendo?
Con la sfuriata alle veline e questa difficilmente per me la ritroveremo a Mediaset…



2. Davide Maggio ha scritto:

12 luglio 2011 alle 16:38

shameboy: finalmente questa volta l’ha spiegato cosa le e’ successo.



3. iuventina92 ha scritto:

12 luglio 2011 alle 16:43

e basta lamentarsi…



4. Vincenzoo ha scritto:

12 luglio 2011 alle 16:43

La precedente intervista della Incontrada mi è piaciuta perchè ha dichiarato cose che possono andare anche contro il suo lavoro… in questa ha finalmente spiegato il suo abbandono a Zelig, ed apprezzo che l’abbia fatto in un momento “morto”, nel senso che le sue dichiarazioni non influenzeranno nè il programma, nè (spero) la sua carriera.
Comunque quello che ha dichiarato è abbastanza grave, perchè le conduttrici che l’hanno preceduta (Ventura, Hunziker) non si sono mai lamentate come lei, anzi…



5. shameboy ha scritto:

12 luglio 2011 alle 16:47

Nonostante tutto a me lei piace un casino
Subito a Scherzi a parte, magari con Luca e Paolo



6. Vincenzoo ha scritto:

12 luglio 2011 alle 16:48

@shameboy: io la voglio assolutamente nel nuovo show di Panariello!



7. Fabio Fabbretti ha scritto:

12 luglio 2011 alle 16:49

@Vincenzoo
io credo che una situazione simile sia inaccettabile, a prescindere dalla possibilità o meno di lavorare ancora a Mediaset



8. Vincenzoo ha scritto:

12 luglio 2011 alle 16:54

@Fabio: si infatti, sono pienamente d’accordo con te, ma non credo che questo possa danneggiare il suo rapporto con Mediaset, visto che è accaduto in un solo programma…



9. Domenico Marocchi ha scritto:

12 luglio 2011 alle 16:56

Massima solidarietà alle collaboratrici. Sarà stato difficile lavorare con una che sfuria per un messaggino innocuo tipo “riunione ore 2″ . Ditele che le madri che fanno le operaie nemmeno ricevono l’sms, al mattino alle 8 timbrano e vanno in catena di montaggio. Per tutto il resto una, se vuol far la diva, può sempre smettere di lavorare…e credo che a breve questa sarà la sua sorte.



10. Roberto ha scritto:

12 luglio 2011 alle 17:13

Il racconto è agghiacciante. Il fatto che una persona con qualche chilo in più sia attaccata per una presunta obesità è tristissimo (oltre che insensato).
Però, cari lettori del blog, chi conosce l’ambiente Zelig dietro le quinte sa bene che il rispetto verso le persone è uguale a zero. Quello



11. nanà ha scritto:

12 luglio 2011 alle 17:32

e perché le altre conduttrici sono donne?! Le vedo più cyborg… la cui vita è principalmente incentrata sui successi professionali facendole apparire meno umane (svariate sono le opinioni in questo senso di addetti e non sulle due prime donne citate). La Incontrada molto probabilmente ha un’approccio diverso con la famiglia e con il lavoro, nel quale molto probabilmente non si risparmia (domanda: ma per queste cose non hanno delle clausole nei ricchi contratti che firmano?). Comunque queste cose accadono a tutte quelle che al lavoro e all’ambiente di lavoro ci tengono dando tutte se stesse… salvo poi trovarsi così…. tante spalle voltate, memoria corta circa tutti i meriti e tanta amarezza…. Percui se questo è quello che si sente di dire la Incontrada, lo faccia e lo faccia a voce alta! Almeno lei è completa come artista ma vuoi mettere la sua recitazione con quella della Ventura e la Hunzicker? Quest’ultima poi la mandano avanti a forza perché più della spalla non più fare.



12. johnq ha scritto:

12 luglio 2011 alle 17:50

Secondo me serve un po’ più di umiltà. Questa qui sta sputando nel piatto dove ha appena finito di mangiare. Un piatto che era molto sostanzioso e che per la sua carriera ha significato tantissimo. E si lamenta pure. Ma perchè non va a vedere come vengono trattare le neo mamme nel mondo degli impiegati e degli operai…

Non ha avuto un buon rapporto dietro le quinte, va bene dirlo, ma basta rompere i maroni ogni due per tre. Dietro le quinte dei programmi tv ne capitano di tutti i colori, non è che dev’essere per forza rose e fiori. Non è la prima e non sarà l’ultima. Avanti un’altra.



13. vicky ha scritto:

12 luglio 2011 alle 18:32

A Vanessa e basta,sei noiosa!!!Eri ingrassata,l’hanno scritto ma qual è il problema?I giornali ti debbono lodare?E chi sei?La Duse.
Adesso con questa lagna vuoi rimediare al danno fatto criticando le veline,fai la vittima pensando di commuovere le donne ma le donne vere sono quelle che si alzano all’alba,sono costrette a lasciare i piccoli all’asilo e si fanno un m…o così fino a sera per due euro e spesso in nero.Sai di aver provocato una spaccatura con Mediaset ma io da spettatrice spero di cuore di vedere ancora a Zelig o anche a scherzi a parte professionisti validi come la grande Cortellesi.E già che ci sono ricordati di essere un pò più umile,se ti chiedono l’autografo in un bar concedilo,tiratela di meno altrimenti cambia mestiere



14. ariel ha scritto:

12 luglio 2011 alle 18:37

Sono davvero dispiaciuta per la Incontrada…povera figlia…per centinaia di migliaia di euro che avra’ avuto come cachet queste sono cose difficili da sopportare…invece a noi povere precarie da 800 euro al mese ci avvisano con gli sms,ci danno mesi di ferie,lavoriamo 2 ore al mese,ci truccano,ci pettinano,ci danno l’autista….posso essere volgare??
Vanessa….MAVAFFANGUL !!!!!

PS:chiedo scusa per la parolaccia,ma leggere queste cose da una persona che guadagna palate di soldi che noi non vedremo nemmeno lavorando 2 vite intere,mi fa girare la scatole!!!
Ringraziate il Signore per la fortuna che avete avuto invece di lamentarvi sempre!



15. Roberto ha scritto:

12 luglio 2011 alle 19:02

Figuriamoci se qualcuno non tirava fuori il luogo comune di “sputare nel piatto in cui si mangia”.
E poi? Non ci sono più le mezze stagioni?
Vanessa Incontrada ha fatto benissimo a lamentarsi. Se i diritti non vengono rispettati nei confronti delle “donne famose” figuriamoci se lo saranno nei confronti di chi non conta nulla.
E poi che esempio è? Siccome ho guadagnato non posso parlare? A che aliquota scatta l’obbligo di omertà? Ci sono gli scaglioni come l’Irpef?



16. ariel ha scritto:

12 luglio 2011 alle 19:19

non credo che l’ abbiano tirata per i capelli alla Signora!
Non credo che la Signora abbia il problema di pagare le bollette a fine mese…non credo che la Signora viva ogni giorno con il terrore di essere licenziata per esubero…a lei basta un programma per guadagnare quanto,parlo per me,non vedrei nemmeno lavorando 24 ore al giorno per sempre!
Credo che bisognerebbe invece ascoltare le due campane, magari e’ l’ennesima v.i.p. insopportabile che si lamentaper ogni sciocchezza!

Il mese scorso ho registrato come concorrente una puntata di Money Drop, e se vi dicessi cosa hanno detto gli autori in mensa di Barbara d’Urso,di quello che ha fatto e quello che fa,del suo modo di essere completamente diverso da quello che si vede in tv,credo rimarreste di ghiaccio!
E non credo che autori del gruppo Endemol (e non solo) si siano inventati tutto!!!
Quindi,caro Roberto,se e’ con me che ce l’avevi,sappi che con tutti i privilegi che hanno queste persone,seppur un’ assistente “non ti manda un sms per sapere come sta tuo figlio”,non e’ la fine del mondo! Iproblemi nella vita sono altri!
Fregatene,cara Incontrada,goditi tuo figlio e i tuoi guadagni…



17. vicky ha scritto:

12 luglio 2011 alle 19:24

Certo che può lamentarsi mica siamo in un regime però fra poco il figlio andrà all’Università e questa ancora la mena perchè l’hanno attaccata sul peso.Simona Ventura era incinta quando conduceva Zelig e non si è mai lamentata,anzi ,anche michelle era mamma e ha lavorato in silenzio,Bisio è papà anche lui zitto.A mio parere questa si è esaltata pensa di essere arrivata o forse pensava di essere insostituibile e stà solo facendo brutte figure con il pubblico arrampicandosi sugli specchi.Ribadisco il concetto.le donne me compresa lavorano il triplo,spesso facciamo una vita di m.aspettiamo la sera per evadere con un pò di tv e siamo costrette ad ascoltare o a leggere certe cose,se qualcuno la conosce ditele se vuol fare cambio con la mia di situazione povera stellina



18. boop ha scritto:

12 luglio 2011 alle 19:30

Due donne, entrambe accanite con la incontrada… credo che siano le tizie che lavorano a zelig?

Brava Vanessa, ultimamente sta rilasciando ottime interviste, sincere soprattutto



19. Roberto ha scritto:

12 luglio 2011 alle 19:53

Boh, come si fa a giudicare? Se è stata male è stata male. La correttezza o i sentimenti mica si comprano. Se “sputano” sulla tua maternità è grave, poi ci sarà anche qualcuna che in base ai soldi che prende sta zitta, ma che tristezza: sembrano discorsi da prima repubblica (e da seconda) contano solo i soldi, conta solo la fetta di torta che ti metti in bocca, poi non esistono principi né valori. Il silenzio si compra, tutti hanno un prezzo, eccetera.



20. vicky ha scritto:

12 luglio 2011 alle 20:54

Il discorso che ho fatto è diverso.La signora è andata via da Zelig di sua volontà o no non lo so e sinceramente poco mi importa perchè è una che non seguo,non mi piace.Probabilmente si era convinta che il programma senza di lei avrebbe perso in ascolti ma non solo non è stato così anzi con la bravissima Cortellesi(per me la più completa artista in Italia)gli ascolti sono aumentati.Ha rosicato pareccchio!!!!Ha fatto quell’infelice uscita sulle veline(che danno fanno?),ha paragonato la nostra TV a quella spagnola(al suo paese nessuno sicuramente se la fila)ha capito di avere sbagliato e ha rilasciato quella patetica intervista atteggiandosi a Cenerentola pensando di far breccia nel cuore delle donne.Gli Italiani non sono mica scemi.Ha diffamato gente che lavora dietro le quinte con impegno e serietà per il programma,guadagnando molto meno di lei ma la signora voleva un sms per il figlio.Magari la sua sarta aveva avuto un figlio,la sua parrucchiera o anche la donna delle pulizie e la divina non le avrà certo calcolate.L’ho già scritto e lo riscrivo:l’ho vista in un bar a Roma,se la tirava alla grande e ha rifiutato a dei ragazzi l’autografo,non voleva essere disturbata.E noi a casa a guardali



21. Franco2 ha scritto:

12 luglio 2011 alle 21:30

Il succo del discorso è: “Non avevo amiche sul set di Zelig”?
Pazienza, ma non è una tragedia e, soprattutto, non è colpa di nessuno.
Per il resto, non penso che chi lavori in tv abbia difficoltà economiche a chiamare una baby-sitter per badare alla piccina mentre è al lavoro.



22. johnq ha scritto:

12 luglio 2011 alle 22:25

Roberto, luogo comune sti caxxi. E’ stata trattata male? Non si trovava bene? Ha tutto il diritto di dirlo. Ma una volta basta e avanza, non che d’ora in poi ogni occasione è buona per criticare il tuo datore di lavoro. Solo questo dico.

“Se i diritti non vengono rispettati nei confronti delle “donne famose” figuriamoci se lo saranno nei confronti di chi non conta nulla.”

Se per te essere famoso è un merito per avere più diritto degli altri di vedersi rispettati i propri diritti mi tengo stretto i miei luoghi comuni.



23. marcko ha scritto:

12 luglio 2011 alle 22:59

ma questa quì in ke mondo vive? i problemi a lavoro li hanno tutti, spesso molto più gravi dei suoi, unica differenza difficilmente si prende un cascè a cinqua zeri come la carissima… e x di più non ci si sta a lamentare ad ‘ogni occasione come fa lei.



24. emy ha scritto:

13 luglio 2011 alle 09:57

purtroppo da donna mi trovo d’accordo con chi è stupito delle sue dichiarazioni.
ok finalmente abbiamo capito il perchè ma comunque non le fa onore.
Capisco la sofferenza per essere accusata di esserre grassa mentre era incinta che non è stato per niente carino, ma purtroppo quando sei famosa fa parte del gioco.
Ma il lamentarsi perchè nessuno le chiedesse come sta suo figlio sinceramente no.
a quante lavoratrici “normali” non viene chiesto e lavorano anche 9 ore al giorno più poi il tempo in macchina per arrivare in ufficio?
vuoi mettere il senso di colpa che devono avere loro? che invece di lasciarlo con le tate a casa devono lasciarlo al nido in mezzo ad “estranei” in un posto che non è casa?
mi spiace ma con questa intervista ha fatto solo la figura della viziata.



25. Giovanni ha scritto:

13 luglio 2011 alle 11:20

Premetto che Vanessa Incontrada la trovo pure brava, meglio di tante altre che girano in tv, ma le sue lamentele non si possono sentire. Chi lavora in tv è privilegiato, sennò addirittura miracolato, non credo che la Incontrada avesse problemi a chiamare una baby sitter o a portarsi il pargolo dietro le quinte di Zelig. Chi lavora in tv guadagna un sacco di soldi non può pretendere di fare il lavoro come l’impiegato che timbra il cartellino. La situazione delle mamme italiane è difficile, ma la Incontrada non mi sembra che sia nella situazione delle operaie o delle precarie, quelle si che si devono lamentare.
Poi basta con questa storia che l’attaccavano perchè era ingrassata, certo lei ha puntato tanti anni sulla bellezza, ma forse l’attaccavano perchè è rimasta incinta del suo ex cognato, mi ricordo che i giornali rosa non erano teneri con lei.
Ultimamente Vanessa Incontrada è un po inacidita, prima si scaglia contro le veline poi contro Zelig, forse il problema è che non riesce più a ricollocarsi in tv? Beh pazienza la tv non da mica il posto fisso, può fare altro e di sicuro non finirà sotto un ponte!



26. vicky ha scritto:

13 luglio 2011 alle 13:12

Pienamente d’accordo con voi e preciso che non lavoro a Zelig ma faccio tutto quello che arriva per campare:baby sitter,cameriera,donna delle pulizie e quando sono fortunata riesco a fare la maestra d’asilo cheè effettivamrnte il mio ruolo.Ma zitta e buona senza lamentarmi speranzosa in tempi migliori.Ciao precari,lavoratori in genere e mamme disperate a voi il mio abbraccio anche a quelli che pensano siano luoghi comuni,chiamateli come volete ma è la realtà



27. Roberto ha scritto:

13 luglio 2011 alle 16:25

Sinceramente continuo a registrare un’aggressività e un disprezzo molto forti.
Vanessa Incontrada (tra le righe) dice delle cose molto interessanti: che l’ambiente Zelig è sia maschile che maschilista, in cui chi viene messo sotto tiro non riceve nessun gesto di solidarietà per paura (ovviamente) di ritorsioni e questo è un retroscena importante per chi ha sempre pensato a quel mondo come un’allegra banda i cui tutti si divertono e guadagnano cifre esorbitanti.
Capisco il punto di vista di chi fatica ad arrivare alla fine del mese, ma allora, seguendo il ragionamento, anche Michelle Hunziker non doveva lamentarsi dello stalking, doveva ringraziare il cielo di essere ricca e popolare, invece di stare sempre lì a parlare del maniaco che la perseguitava.
Soprattutto, chi fatica ad arrivare alla fine del mese, non è che migliora la sua condizione tappando la bocca a Vanessa Incontrada.



28. nanà ha scritto:

13 luglio 2011 alle 16:39

mah … a me pare che stiate esagerando; certo che ogni lavoro ha i suoi pro ed i suoi contro ed allora? Solo per il semplice fatto che lei lavori in tv ed al cinema non deve dire certe cose? Le hanno fatto un’intervista e lei ha risposto come si sentiva di rispondere e giù tutti a ridire. Ma i mali di questo paese mica li ha fatti lei e mica si deve sentire in colpa se ha risposto con sincerità. Si dovrebbero vergognare ben altri personaggi (ma qui il discorso è lungo). Non conosco il suo passato e non conosco lei ma ti credo che si è inacidita, dalla storia col suo compagno ai chili in più gliene hanno dette di tutte i colori e c’è chi sopporta meglio (e chi ne combina di peggiori) e chi meno e con questo? Lei i sassi dalle scarpe non se li può togliere, in quanto personaggio pubblico, qualcun’altro si?Ma fatemi il piacere! E’ proprio vero.. in questo mondo, come quello tutto paillettes e lustrini, la sincerità non paga.



29. vicky ha scritto:

14 luglio 2011 alle 18:46

e noi in tutta sincerità abbiamo risposto ed esposto



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.