6
maggio

La Ruota della Fortuna torna a girare su Canale 5 – Ecco come funziona

ruota della fortuna

Gerry Scotti e Samira Lui

E’ stato il primo vero e grande preserale, per come lo intendiamo oggi, della tv italiana. E ora a 35 anni dall’esordio su Canale 5, La Ruota della Fortuna torna a girare. Non più Mike Bongiorno, che quest’anno avrebbe soffiato le 100 candeline, ma Gerry Scotti. Il conduttore, che in realtà succede a Enrico Papi (che aveva rispolverato il gioco per Italia1), è pronto alla sfida di far rivivere un format ancora oggi in onda con successo in mezzo mondo. Vediamo come.

Tornano le iconiche frasi Gira la Ruota e Compro una Vocale e tutti gli elementi fondamentali del game show. Sarà la Ruota, composta da 24 spicchi colorati, a determinare la sorte dei 3 concorrenti di ogni puntata. Dovranno indovinare, in una serie di manche, le frasi nascoste dal tabellone scoprendo, con l’aiuto della valletta Samira Lui, le lettere che le compongono. Al termine di tutti i round il concorrente che avrà ottenuto il montepremi più alto accederà alla ruota finale. Un assaggio del gioco è stato dato sabato a Verissimo (sotto potete vedere i video della singolare partita con Toffanin, Malgioglio e Berti).

La Ruota della Fortuna: il regolamento

Ogni partita de “La Ruota della Fortuna” ha cinque round regolari nei quali i concorrenti potranno richiedere una consonante o comprare una vocale. Alcuni spicchi saranno contrassegnati da un premio in denaro, altri da premi jolly e altri ancora da penalità, come la “Bancarotta”, e il “Passa”. Nel terzo e quarto round ci saranno anche degli spicchi “speciali”, come quello del “mistero” e quello “express”.

Nei cinque round veloci i concorrenti potranno prenotarsi tramite pulsante, senza girare la ruota, e man mano che appariranno le lettere sul tabellone, provare a dare la soluzione. I round veloci saranno a tema: la frase da indovinare potrà essere o su una regione italiana, con i suoi monumenti, bellezze paesaggistiche e particolarità, o su altri temi, riguardanti, ad esempio, la storia, la geografia, etc.

Al termine di tutti i round il concorrente che avrà ottenuto il montepremi più alto accederà alla ruota finale. Se il campione, nei 15 secondi a disposizione, riuscirà ad indovinare la frase misteriosa potrà aggiudicarsi, tra le varie opzioni, il super premio: un’automobile.

Curiosità sul format in Italia

Mike Bongiorno e Paola Barale (Us Mediaset)

Nel 1987 il format debutta in Italia su Odeon Tv, condotto da Augusto Mondelli, in arte “Casti”. Nel 1989, con la conduzione di Mike Bongiorno, il programma fa il suo esordio nella fascia preserale della domenica di Canale 5. Dal 30 settembre 1991 diventa una trasmissione quotidiana, in onda sempre nella fascia preserale di Canale 5 e sarà il primo game a dare la linea al neonato Tg5.

Dal 1996 al 2003 il programma va in onda, condotto sempre da Mike Bongiorno, su Rete4. Nelle sue quattordici edizioni, Mike Bongiorno ha condotto 3.125 puntate de “La Ruota della Fortuna”. Negli anni sono andate in onda anche diverse puntate speciali e gli spin off “La Ruota d’Oro” e “La Ruota Mundial”. Tra i concorrenti anche un giovanissimo Davide Maggio che ha portato a casa oltre 10 milioni di lire.

Al fianco di Mike Bongiorno, nelle varie edizioni, si sono avvicendate: Ylenia Carrisi, Paola Barale, Antonella Elia, Claudia Grego, Miriana Trevisan e Nancy Comelli. Da dicembre 2007 a giugno 2009, il format è poi tornato in onda, su Italia1, con Enrico Papi e la partecipazione di Victoria Silvstedt.

Curiosità sul format nel mondo

È uno dei game show più popolari del mondo. Ideato da Merv Griffin, ha debuttato nel 1975, negli Stati Uniti, su NBC. Da allora è stato trasmesso in circa 60 paesi. Attualmente è in onda in Danimarca, Germania, Grecia, Ungheria, Polonia, Romania, Slovenia, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti.

Nel 1996 il format è stato uno degli sponsor ufficiali dei Giochi Olimpici di Atlanta. Negli Stati Uniti Wheel of Fortune è in onda con la sua 41ª stagione. A maggio 2024 festeggerà le 8.000 puntate. Alla guida, dal 1981, c’è Pat Sajak, il presentatore più longevo del format. Dal 1983, al suo fianco c’è Vanna White.

Nel 2022, il tabellone è stato aggiornato con un singolo schermo a LED con tecnologia LIDAR (Light, Imagin, Detecting and Ranging). La cornice circostante è dotata di due sensori che attivano lo schermo quando la mano sfiora le caselle. Con oltre 4 milioni di iscritti attivi, The Wheel Watchers Club è il primo sistema di coinvolgimento dei telespettatori nella storia della TV, istituito per premiare gli spettatori. Nel 2011, il format ha vinto il suo primo Daytime Emmy Award, come Outstanding Game Show a pari merito con Jeopardy (Rischiatutto).

In Spagna, va in onda su Antena 3, nella fascia meridiana ottenendo oltre il 20% di share.

La partita speciale a Verissimo

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Samira Lui
BOOM! Samira Lui è la nuova valletta de La Ruota della Fortuna


Gerry Scotti
La Ruota della Fortuna torna durante le festività di Natale


Gerry Scotti
Gerry Scotti a DM: «All’inizio pensavo che The Wall fosse un’americanata. Sono felice che La Corrida torni su Rai1 ma io quel linguaggio l’ho superato. Riporterei La Ruota e il Milionario»


Gerry Scotti Money Drop
MONEY DROP: GLI SPECIALI DIROTTATI SUL WEB?

3 Commenti dei lettori »

1. Paolo ha scritto:

6 maggio 2024 alle 12:53

Non sapevo di Davide Maggio concorrente. Ricordavo Matteo Renzi però.

Comunque il conduttore americano, Pat Sajak, lascerà alla fine della stagione in corso. Sarà sostituito da Ryan Seacrest.



2. Faffa77 ha scritto:

6 maggio 2024 alle 12:58

Mi sembra una idea carina riproporre questo programma, però avrei messo un conduttore diverso…



3. Elly Shelly ha scritto:

6 maggio 2024 alle 14:05

Lo studio è grande quanto una cella 4X4. Non è uno sgabuzzino, è un angolo di uno sgabuzzino.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.