20
aprile

Serena Bortone sbotta su Scurati: «Questione di soldi? Ricostruzioni fantasiose e offensive. Il mio sentimento è dissenso»

Serena Bortone - Che Sarà

Serena Bortone - Che Sarà

Dopo una giornata di polemiche, Serena Bortone va in onda con Che Sarà senza Antonio Scurati. Il polverone che ha scatenato opinione pubblica e politica sulla mancata partecipazione dello scrittore nel programma di Rai 3, bloccata dalla Rai, è partito proprio dal disappunto della conduttrice, che in diretta rimarca il suo sentimento che definisce di “dissenso”.

“Ieri sera ho scoperto infatti, del tutto causalmente, che il contratto di Scurati era stato annullato e pur avendo passato tutta la sera a telefonare, mandare messaggi, mandare mail, non sono riuscita ad ottenere alcuna spiegazione. Di conseguenza stamattina per prima cosa ho dovuto chiamare Scurati per dirgli che cosa era accaduto”

sono le parole con cui la Bortone apre la puntata di stasera. Subito affronta il tema della questione economica, avanzata dal Direttore dell’Approfondimento Rai Corsini e ribadita anche dalla Premier Meloni, come ragione della mancata partecipazione di Scurati a Che Sarà; la conduttrice nega con una certa fermezza tale versione:

“Siccome ho letto ricostruzioni fantasiose e offensive, qualche giornale ha scritto addirittura che ci sarebbe stata una questione di soldi, preciso che la reazione di Scurati è stata di regalarmi il testo che aveva scritto per noi, autorizzandomi a leggerlo, cosa che adesso farò”.

Letto il testo del monologo sul 25 aprile dello scrittore, che la stessa Meloni per “scongiurare” la censura ha postato su Facebook, la conduttrice chiosa velenosamente così:

Il sentimento di stasera, di questa settimana, è dissenso.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Bortone legge la replica di Scurati alla Meloni - Che Sarà
Scurati alla Meloni: «Quanto lei afferma è falso. Usa il suo potere per denigrare un privato cittadino. Questa è violenza». La risposta dello scrittore alla Premier letta dalla Bortone a Che Sarà


Antonio Scurati (IG Serena Bortone)
Rai blocca la partecipazione di Antonio Scurati a Che Sarà. L’ira della Bortone, scoppia il caso


Serena Bortone
Serena Bortone: «Sto valutando con avvocato e sindacato come affrontare il provvedimento della Rai»


Marinella Soldi (US Rai)
Rai, la Presidente Soldi si dissocia da Sergio: «Il procedimento contro Serena Bortone non fa giustizia»

9 Commenti dei lettori »

1. Perseo ha scritto:

20 aprile 2024 alle 20:54

La stessa Bortone che si è auto-silenziata con il caso Remigi?



2. Pianeta Urano ha scritto:

20 aprile 2024 alle 22:15

Ora lui gli ha ‘regalato’ il testo… però lei non dice che Scurati doveva prendere ben 1800 euro per vomitare odio contro la Meloni leggendo quello che aveva scritto.
Questa Bortone ce la stiamo sorbendo da anni, su tutte le reti, non riusciamo a liberarcene.



3. Luigi ha scritto:

20 aprile 2024 alle 23:14

La Bortone è solo un “fido” della RAI,almeno fino a questo punto…



4. lordchaotic ha scritto:

20 aprile 2024 alle 23:24

Brava Giorgia, volevi silenziare e invece hai fatto scoppiare un polverone. Solita fessa ahahaha



5. Francesco ha scritto:

21 aprile 2024 alle 11:26

Il 9 non ci farebbe la grazia di prendere anche quest’altra miracolata?
In un Paese serio la Bortone lavorerebbe in Rai soltanto per fare l’inserviente.



6. controcorrente ha scritto:

21 aprile 2024 alle 13:55

come se Feltri o tutti quei giornalisti di Libero che da un anno presenziano nei programmi rai andassero gratis ! che meschina sollevare la questione 1.800 € .. si riconferma per quelo che è: una populista che solleva polveroni ma poi non combina niente di sostanziale



7. Joe Teach ha scritto:

21 aprile 2024 alle 16:39

Un intellettuale letto in tutto il mondo trattato come un personaggetto del GF vip.
Anche questa è l’Italia meloniana…
Un Italia che usa i compensi a chi non gradisce come pretesto per defenestrarlo, mentre i vespini da decenni sono intoccabili, con stipendi milionari.



8. LUCA ha scritto:

21 aprile 2024 alle 22:58

Mi spiace per questo periodo nero della libertà editoriale !!! Ma purtroppo finché certi personaggi ignoranti arroganti continueranno a governarci non vedo vie di uscita!



9. Massimo ha scritto:

22 aprile 2024 alle 14:05

@Luca: da quel che ne so, la Schlein non sta governando ahah



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.