20
luglio

Raimondo Todaro: «Milly Carlucci ti dice anche che mutande metterti, invece Maria De Filippi…»

Raimondo Todaro

Raimondo Todaro

Milly Carlucci vuole avere il controllo su tutto, Maria De Filippi ti dà molta più carta bianca“. Dopo una stagione ad Amici, per Raimondo Todaro è il momento di un personalissimo bilancio e paragona il suo attuale impegno con quello di Ballando con le Stelle, lo show di Rai 1 che l’ha reso celebre. Intervistato da Lorella Cuccarini nel programma web Un Caffè Con…, il ballerino e coreografo siciliano ha infatti evidenziato quali, secondo lui, sono le differenze tra le due conduttrici con cui ha lavorato, svelando anche un particolare aneddoto del suo rapporto con la De Filippi.

Milly mi ha cresciuto, non posso non avere un bel ricordo, tutto quello che comunque so fare lo devo a lei, a Ballando, a tutta la famiglia. Mi è dispiaciuto chiaramente perché per me, veramente, è sempre stata come una madre. Quando abbiamo chiuso i rapporti non li abbiamo chiusi benissimo, di questo mi dispiace. Però io sono con la coscienza a postissimo. So che lei sa, e quindi mi basta quello

ha ammesso Todaro nel corso della chiacchierata con la “collega” di Amici, spingendosi al paragone tra Milly e Maria:

Milly, come poi anche Maria alla fine… sono stacanoviste, completamente diverse. Milly alle 8 di mattina vai e c’ha il tacco 12, gli occhiali da sole, il tailleur; Maria sta in tutta, struccata. Cioè, sono gli opposti, però in comune hanno proprio la passione per il lavoro che fanno, cioè loro lo farebbero gratis, secondo me pagherebbero pure per farlo. Si vede proprio. La differenza sostanziale è che Milly è una che vuole avere il controllo su tutto: cioè lei passa in sala parrucco a vedere i capelli di tuttiQuasi quasi ti dice che mutande metterti. E’ fatta così. Maria ti dà molta più carta bianca. Maria non è mai venuta a dirmi fai così, fai colì, mai. Carta bianca totale.

Parole a cui segue una precisazione

“C’è anche da dire che comunque Maria fa tanti programmi contemporaneamente, quindi Maria non potrebbe neanche volendo, mentre Milly si concentra solo su quello.

Carlucci a parte, Todaro ha poi svelato che la De Filippi gli è stata molto vicino nel periodo in cui ha attraversato una crisi con la moglie Francesca Tocca:

Ho cominciato ad apprezzare tanto Maria, ma tanto tanto tanto, nel periodo in cui mi separavo con Francesca, perché un giorno mi arriva una telefonata, un numero che chiaramente non conosco, ed era Maria. Aveva saputo della rottura. Per una settimana mi avrà chiamato tutti i giorni due ore al giorno, perché voleva capire. Mi convocò in ufficio da lei e facemmo una specie di puntata di C’è Posta… io, Francesca e Maria… e io con Maria non avevo mai avuto niente a che fare. Però ho apprezzato tantissimo. Quindi quando poi abbiamo cominciato a lavorare insieme, c’era già un rapporto“.

Dopo aver chiarito che Maria è l’unica persona che mi ha telefonato“, a differenza di altre, il ballerino ha aggiunto:

Lei ha cercato in tutti i modi di risolvere (la situazione con Francesca Tocca, ndDM) e io le dicevo: ‘Maria per risolvere, adesso, bisogna stare un po’ lontani’“.

Non a caso, appena ha deciso di lasciare Ballando con le Stelle, si è messo in contatto telefonico con lei, che poi l’ha inserito nel corpo docenti di Amici.



Articoli che potrebbero interessarti


Silvia Toffanin
BREVEMENTE: ARGOMENTI E OSPITI DEI PRINCIPALI PROGRAMMI DEL 28 FEBBRAIO 2009


Carlucci e Todaro
Todaro replica a Milly Carlucci: «Leggo con molta tristezza il suo post. Avrei voluto incontrarla ma sono positivo al Covid»


Milly Carlucci, Raimondo Todaro
Ballando, Milly Carlucci commenta l’addio di Todaro: «Delusione, prima di decidere sarebbe stato carino vedersi»


Milly Carlucci
Milly Carlucci: «Il mio sogno è avere Maria De Filippi a Ballando con le Stelle». E le manda la posta tramite Carlo Conti

1 Commento dei lettori »

1. R101. ha scritto:

20 luglio 2022 alle 14:12

Mah!
Todaro ha diritto a fare le sue scelte e le sue esperienze.
Però, da quanto dichiara, si capisce che è una persona un po’ fragile.
Vuole sempre essere protetto da qualcuno, quando dovrebbe rendersi conto che si diventa numeri uno solo essendo stakanovisti e non delegando niente a nessuno.
Il controllo finale deve essere il tuo.
Solo in questo modo puoi gestire ed amministrare un progetto che coinvolga più professionalità.
Altrimenti sarai solo un ingranaggio del sistema.
Secondo me lui vorrebbe ricalcare le orme di De Martino.
Ma deve lavorare un po’ di più sul carattere e sulla tenuta mentale.
👍🏻💪🏻



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.