6
luglio

Raffaella Carrà: 10 momenti cult (video)

Raffaella Carrà, Maradona

Per una volta, l’aggettivo “iconico” lo si può usare per davvero. Perché tale è stato il percorso artistico e professionale di Raffaella Carrà, un’assoluta primadonna dello spettacolo che ha segnato un’epoca. E che, attraverso il piccolo schermo, era diventata – per l’appunto – un’icona nazional-popolare. Tra episodi memorabili o insoliti, tra gaffe ed situazioni cult accadute nei suoi show, ecco alcuni dei momenti più curiosi della carriera della compianta regina della tv.

Il Tuca Tuca con Alberto Sordi

Tra i momenti cult, divenuti ormai storia della tv, il Tuca Tuca che Raffella Carrà e Alberto Sordi ballarono assieme “Canzonissima”, programma condotto su Rai1 dalla stessa showgirl nel 1970. Le movenze scherzosamente maliziose di quel ballo abbatterono i muri di un certo perbenismo fissandosi poi nell’immaginario comune.

Il “miracolo” di Raffaella Carrà

Oltre ad una ampia popolarità, qualcuno arrivò addirittura ad attribuire alla showgirl dei poteri taumaturgici. Storico l’episodio consumatosi nel febbraio 1984 a “Pronto Raffaella“, quando la madre di una bambina affetta da difficoltà di parola telefonò in studio per testimoniare che la stessa Carrà fosse riuscita a far parlare la piccola. “Sei riuscita a farle dire: Ti amo, ti amo Raffaella” affermò la donna, facendo emozionare la conduttrice. L’episodio valse a Raffaella alcune parodie proprio sulle sue improbabili capacità miracolose.

L’intervista a Madre Teresa

Ma “Pronto Raffaella”, nell’aprile del 1984, fu anche il programma in cui Raffaella Carrà intervistò Madre Teresa di Calcutta, in quei giorni di passaggio a Roma. Nel singolare e storico incontro televisivo, la conduttrice traduceva simultaneamente le affermazioni della religiosa, che su Rai1 si era espresse contro l’aborto e in favore della pace.

Lo sfogo personale a Domenica In

Nel 1987, quando conduceva Domenica In, Raffaella si concesse in diretta una del tutto inconsueta “parentesi personale” per sfogarsi in diretta su una vicenda che la riguardava. “E’ una vergogna che su un settimanale vengano riportate notizie sulla mia vita privata inaccettabili” esclamò la conduttrice, parlando di notizie “totalmente e indegnamente false” in riferimento ad alcuni gossip che in quel periodo accusavano Raffaella di trascurare la madre, ricoverata in gravi condizioni in un ospedale di Forlì. “Non vi permetto di scherzare con mia madre, perché mia madre non me la toccherete mai! Basta” esclamò Raffaella visibilmente agitata e scossa.

L’allarme bomba in diretta

Come scordare poi, l’allarme bomba a “Ricomincio da due” – durante la puntata dell’11 novembre 1990 – a seguito di tre telefonate da parte di sedicenti gruppi armati rivoluzionari che segnalarono la presenza di un ordigno negli studi della Dear. Durante la diretta, Raffaella continuava ad annunciare gli sponsor del programma, mentre il pubblico veniva fatto sfollare d’urgenza. La trasmissione fu poi interrotta, per riprendere svariati minuti più tardi con le parole della stessa Raffaella:

Ci era stata segnalata la presenza di un ordigno nel nostro centro di produzione. Le forze dell’ordine ci hanno tranquillizzato, possiamo proseguire con il nostro programma

spiegò la showgirl.

Lo scherzo telefonico di un bambino a Raffaella

Dagli archivi televisivi riemerge poi, a ricordo della Raffa nazionale, lo scherzo telefonico che un bambino fece alla presentatrice nel 1992 a “Pronto Raffaella? – La parola ai bambini”, fingendo un malore. “Sto svenendo, sto morendo” disse il ragazzino in vena di burle ansimando e lasciando lì per lì interdetta la showgirl che lo ascoltava alla cornetta.

Raffaella Carrà e Roberto Benigni

Resterà nella storia del piccolo schermo nostrano anche lo sketch avvenuto a “Fantastico” (anno 1991) tra Raffaella Carrà e Roberto Benigni. L’attore toscano tentò di alzare l’abito rosso della conduttrice con fare birbantesco. “Fammela vedere un secondo, un attimo!” esclamò Benigni scherzando con la showgirl. Poi, tra l’imbarazzo e i sorrisi di quest’ultima, l’attore avrebbe pronunciato un monologo sui vari nomi dell’organo genitale femminile – “La topa, la sorca, la patonza…” – cogliendo poi l’occasione per passare alla satira politica.

Maradona e Raffaella Carrà

Nelle otto edizioni di “Carramba”, uno degli ospiti di attesi fu senza dubbio Diego Armando Maradona, che per Raffaella Carrà aveva una vera e propria predilezione. Il calciatore la apprezzava a tal punto da aver passato una notte in prigione – nel 1979, quando aveva 18 anni -  dopo aver cercato di forzare il cordone delle forze dell’ordine per assistere a un suo evento a Buenos Aires. A Carramba, nel 1998, l’atleta (definito da Raffaella “il più grande genio della storia del calcio di tutti i tempi”) incontrò i suoi ex compagni di squadra del Napoli 11 anni dopo lo scudetto conquistato con loro. In quell’occasione il Pibe palleggiò in studio con la Carrà.

Britney Spears e Madonna ospiti a Carramba

Ma “Carramba” di Raffaella Carrà fu anche uno dei pochi show in Italia in grado di avere ospiti internazionali di richiamo. Oltre al già citato Pibe de oro, la showgirl e conduttrice ospitò Britney Spears nel 1999 (la cantante era agli esordi e sul balco di Carramba cantò Baby one more time per un suo giovane fan italiano) e Madonna, nel dicembre dell’anno 2000.

La gaffe sulle donne in Iran e su Bob Dylan morto

Nel 2016, quando era giudice a The Voice su Rai1, Raffaella si lasciò scappare una gaffe riferendosi alla condizione della donna in Iran. Dopo l’esibizione di Kimia Ghorbani, una giovane scappata da Teheran per realizzare il sogno di cantare, la Carrà affermò che le donne in Iran “non possono neanche studiare, guidare la macchina, non possono nulla”, dimenticando che però che negli ultimi anni la situazione iraniana fosse cambiata e migliorata rispetto ad altri paesi del mondo arabo. Un errore del quale la stessa Raffa si scusò poi con l’interessata. “Ho detto il contrario di quello che in realtà sapevo, che sia l’età?” aveva scherzato la showgirl alla consegna del tapiro d’oro di Striscia la Notizia proprio per quella gaffe.

In un’altra occasione, sempre a The Voice nel 2016, Raffaella affermò: “Oggi sono 35 anni che è morto Bob Dylan”. Ma uno dei concorrenti del talent show giustamente la corresse: “Ma Bob Dylan è vivo!”. La Raffa nazionale aveva confuso il musicista statunitense con Bob Marley, del quale ricorreva invece l’anniversario della scomparsa.



Articoli che potrebbero interessarti


Celentano Carrà - Carramba
Dedicato a Raffaella Carrà, l’omaggio di Celentano stasera dopo il Tg1


Raffaella Carrà
«Carràmba! Che sorpresa» torna in prime time su Rai1 al martedì


raffaella-carra-carramba-che-sorpresa
Carramba, Rai1 aveva dimenticato Raffaella Carrà


Damiano tale e quale spagnolo
Il Tale e Quale Show spagnolo omaggia Raffaella Carrà – Video

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.